Creato da biking il 14/01/2009

BikingBlog

Il Blog del Biking

 

 

..anche 'sta volta č andata!

Post n°46 pubblicato il 19 Novembre 2009 da biking
 
Foto di biking

Oggi sono contento e soddisfatto.
Avevo un appuntamento per una importante visita medica di controllo.
Al di là del fatto, se permettete di non poco conto, che sembra ch'io sia ancora piuttosto sano, tutto è filato liscio.
Questa mattina, al risveglio, fuori dalla finestra una calda nebbiolina garantiva quantomeno assenza di pioggia.
E allora inforco la bici per arrivare in ospedale in perfetto orario all'appuntamento per la visita.
Salito in reparto, una infermiera mi accoglie e mi ritira l'impegnativa.
Tempo 3 minuti 3 mi chiamano nello studio per la visita che dura nemmeno una decina di minuti.
Esco dallo studio e aspetto altri 3 minuti 3 per avere gli esiti della visita.
Tutto nella norma.
Quasi tutto.
Infatti, secondo me, non è nella norma che una visita medica in una sturttura pubbilca sia così ben pianificata e realizzata.
Solo due anni fa, per la stessa visita, ho rischiato di farmela addosso (vescica piena è condizione per poter fare quella visita) aspettando che lo specialista smaltisse il ritardo accumulato.
Solo poco meno di un mese fa per prenotare due visite ho dovuto fare 3 code 3! ...e poi lo chiamano C.U.P. Centro Unico Prenotazione!

Cosa è successo oggi?
Oggi si saran sbagliati...

un saluto

 
 
 

Laboratorio di cucina.

Post n°45 pubblicato il 17 Novembre 2009 da biking
 
Foto di biking

Domenica scorsa avevamo in agenda una giornata speciale: laboratorio culinario - farina e derivati.
Noi del G.A.S. del mio paese, abbiamo acquistato una decina di chili di varie qualità di farina e ci troveremo per dedicare la mattina alla produzione di gnocchi freschi e biscotti a basso impatto ambientale per poi consumare in diretta quello che è stato auto-prodotto.
Le patate sono arrivate dal campo del contadino di cui ho raccontato in qualche post addietro: biologiche e filiera corta.
La farina è arrivata dal progetto "Spiga & Madia" (se cercate su google potete approfondire): coltivazione locale di grano (se non ricordo male addirittura una tipologia autoctona della brianza), farina prodotta da un mulino locale, prezzo equo e solidale col produttore, filiera cortissima.
Ci siamo trovati quasi tutti quanti nella casa di una delle famiglie del gruppo perchè dispongono di un forno a legna spettacolare.
Sotto la super-visione di Antonella, cuoca provetta, degna figlia di madre-sicula-dalle-ottime-tradizioni-culinarie, tutti quanti ci siamo dedicati ad una fase di produzione.
Quindi mentre ci stavamo sfamando in compagnia e allegria, venivano infornati i biscotti che poi ci siamo portati a casa.
Diversi gli obiettivi raggiunti con questo laboratorio:
1-formazione, chi non aveva già le capacità, ha imparato non solamente a cucinare ma addirittura a produrre degli ottimi cibi partendo da semplici materie prime;
2-divertimento, gioia e voglia di stare insieme ci hanno fatto passare una divertente domenica;
3-convivialità, abbiamo condiviso con più famiglie le nostre singole esperienze;
4-socializzazione, abbiamo serrato ancor più i nuovi legami di amicizia nati in questi mesi, abbiamo conosciuto nuove persone;
5-futuro, presenti 3 bimbi piccolissimi che avranno l'opportunità di crescere con la consapevolezza di essere parte di un gruppo solidale, una specie di famiglia allargata;
5-sopravvivenza, in vista dei tempi grigi dovuti alla crisi, almeno un piatto di gnocchi ora sapremo produrcelo (in quest'ottica prossimamente laboratorio-mugnaio e poi ancora prima laboratorio-contadino)

...peccato però che ci siamo persi la grande festa in paese con la "Cursa de li Asnit" in piazza!!!

un saluto

 
 
 

Informarsi oggi.

Post n°44 pubblicato il 11 Novembre 2009 da biking
 
Foto di biking

Io, già da un bel pò, ho deciso di non ascoltare più le notizie dei tele/radio-giornali e di non leggere più i quotidiani.
In realtà, la televisione proprio non la accendo più e in radio scelgo solo alcune stazioni.
La prima secondo me è una droga anestetizzante per il cervello, la seconda può esserlo a seconda della stazione.
I quotidiani oggi sono uno strumento assolutamente obsoleto, lento, scomdo.
Tutti sono comunque morbidi con la fazione simpatizzante, assolutamente parziali, strumento di potere.

Io voglio uno strumento che mi permetta di avere informazioni non opinioni; quelle me le voglio formare io, venendo a conoscenza dei fatti, punto e stop.
Voglio tornare a crearmi IO la MIA opinione sulle cose e non ascoltare le opinioni degli ALTRI.
Non voglio delegare la mia opinione a nessuno.
Tu organo di informazione mi fai arrivare le notizie, io decido se un determinato fatto è bene o male.

Voi come la pensate?
Come vi informate?
Quali canali informativi utilizzate ?

 
 
 

Padri.

Post n°43 pubblicato il 01 Novembre 2009 da biking
 
Foto di biking

Oggi sono riuscito a fermarmi su me stesso per qualche momento e ho realizzato un fatto che mi ha lasciato stupito e anche un poco stordito. Mi è sembrato un fatto assurdo ma è così, le cose stanno proprio così e non ci avevo pensato prima. O forse a suo tempo l'avevo pure notato ma poi me lo son scordato, 'sto fatto. Oggi mi si è riaffacciato alla mente e oggi che sono padre, questo fatto come dicevo poco fa, mi ha stupito alquanto. Tra poco più di un mese tornerà una data particolarmente triste per la mia famiglia: il giorno in cui il cuore di mio papà smise di battere. Ebbene sono rimasto di sasso al pensiero che, oramai, sono di più gli anni di questa mia vita che ho trascorso senza mio papà piuttosto che gli anni che ho vissuto con lui.

Pà! sarai contento di tuo figlio? io mi impegno.
Visto che bella nipotina c'hai?!
Manchi, sai? Si lo sai.
Grazie, sempre.

 
 
 

Agricoltura Bio.

Post n°42 pubblicato il 28 Ottobre 2009 da biking
 
Foto di biking

Ritorno sul tema G.A.S.
Qualche giorno fa il nostro-neo-nato-gruppo quasi al completo ha effettuato una allegra gita fuoriporta.
Erano presenti anche i nuovi germogli (passatemi il termine, visto il titolo del post), i pargoli nati in questo emozionante 2009: ben tre neonati o quasi, uno più bello dell'altra in un circolo senza fine che porta il livello al sublime tendente all'infinito (ne siamo proprio innamorati eh?).
Torno alla gita.
In realtà si è trattata di una visita all'azienda agricola di un personaggio molto interessante.
Tanto per incominciare, appena arrivati sotto casa del suddetto personaggio (Giuseppe), i pargoli, all'unanimità, hanno votato una mozione: giro di tetta collettivo!
Quindi tutte quante le mamme hanno trovato comodo asilo nel furgone del Ru, han tirato su le serrande della latteria e giù a poppare: glu-glu-glu cincin! glu-glu-glu evviva! glu-glu-glu alla-tua!...ecc.ecc...
Nel frattempo Giuseppe è sceso in strada e abbiamo iniziato a parlare.
Camicia e pantaloni di canapa, gilet di cotone, sandalo (rigorosamente senza calze... e faceva fresichino veh!), capello bianco-ex-biondo lungo, viso pulito e colorito, sorriso e occhi schietti.
Oggetto del nostro interessamento e ovviamente della visita è stata la sua azienda agricola.
Avviata oramai nel lontano 1991, produce ortaggi e frutti con metodi rigorosamente biologici.
Già fornitore di svariati gruppi di acquisto della zona, con buona probabilità diventerà anche il fornitore di riferimento del nostro gruppo per quel che riguarda frutta ma soprattutto verdura di stagione.
Giuseppe ora vive grazie al suo campo che dista poco più di un chilometro dalla sua casa in centro al paese.
Finita la poppata comunitaria, l'allegra compagnia del baccello si è rimessa in moto e ha raggiunto appunto il campo.
Dopo uno sterrato di circa mezzo chilometro abbiamo varcato una siepe che circonda il campo; vedremo poi che la siepe è molto importante.
Appesi qua e là lungo la siepe dei piccoli insoliti cartelli che leggendone il contenuto invitano gentilmente coloro i quali sono portatori di certi oggetti metallici con una o più canne, grilletto e pallottole a girare alla larga in quanto non sono i benvenuti.
Poi capiremo il perchè: oltre a ovvie ragioni etico-filosofiche ci sono anche ragioni pratico-utilitaristiche.
Qui ci attendevano il socio-prossimo-futuro-genero di Giuseppe, la figlia che da qualche anno lavora con lui e un lavorante-amico.
Ci ha presentato e illustrato quello che fa.
Un tempo nel campo vi era una numerosa piantagione di gelsi che fornivano il nutrimento ai famosi bachi che producevano la ormai mitica seta della pianura lombarda.
Oggi ne è rimasto solo uno e questo da il nome alla sua azienda.
Il campo in realtà è composto da 3 lotti di terreno.
Tutti sono circondati da una alta siepe. Questa è molto importante in quanto svolge più funzioni.
Oltre che linea di confine con i vicini rappresenta una naturale barriera nei confronti delle sostanze utilizzate nelle coltivazioni confinanti.
Inoltre offre cibo per insetti e uccelli che qui trovano habitat e rifugio, durante il giorno e la notte.
Insetti e uccelli collaborano con il contadino nel tenere il campo libero da indesiderati parassiti causa di malattie pericolose per le coltivazioni.
Sono quindi fattore che garantisce la biodiversità della coltivazione.
Quindi si spiega perchè i cacciatori sono invitati a tenersi a distanza, un pò perchè sinceramente sono un tantino antipatici per quel loro desiderio di uccidere per sport, un pò perchè a Giuseppe gli uccelli che nella siepe si rifugiano sono suoi diretti e stretti collaboratori riconoscenti.
Infatti in cambio dei servizi resi, questi trovano nutrimento nelle bacche che le diverse siepi forniscono in abbondanza.
Anch'esso circondato dalle siepi, altro importante elemento di biodiversità è rappresentato dallo stagno.
Qui rane e insetti proliferano e contribuiscono a rendere il campo fertile.
In questo periodo sono in maturazione cavoli, cavolo nero, cavolfiori, insalata rossa, broccoli, broccoletti, fagiolini, finocchi, erbacce ... ERBACCE?!?!?
Signorsì, erbacce, erba grama, gramigna.
Però Giuseppe ci fa notare una cosa: il nobile ortaggio di turno è ben più sviluppato e predominante rispetto alla mala-erba che gli stà attorno, come mai?
E' la natura che lo permette, se il nobile ortaggio ha le condizioni ideali per svilupparsi questo avrà la forza per sovrastare e ben sopportare la mala-erba.
La lotta contro le erbacce con diserbanti e quant'altro è una guerra persa in partenza.
Le energie, il tempo, i soldi spesi nel diserbo Giuseppe le investe nelle attività che garantiscono un naturale sviluppo della coltivazione principale.
Quindi grazie a questi presupposti la chimica nel campo di Giuseppe è bandita; per concimare qui si utilizza letame, cacca-santa e compost vegetale derivato dagli scarti delle produzioni anche quelle del campo stesso.
Il risultato di queste pratiche sono evidenti anche a noi profani topi di città e di ufficio.
Giuseppe ci invita a raccogliere della terra dal suo campo, lì dove in questo momento stanno crescendo dei cavolfiori.
Ci chiniamo e dobbiamo strappare un tenace strato di erba prima di arrivare alla nuda terra che, raccolta nella mano, risulta al tatto e appare alla vista una terra grassa, scura, morbida, profumata.
Giuseppe ci invita quindi a raccogliere della terra dal campo del vicino (coltivazione non bio), dove sono state appena raccolte le pannocchie del granoturco.
Il terreno è nudo, ricoperto solo (almeno quelle son rimaste) dagli scarti mezzi secchi del granoturco, la terra è più leggera, praticamente inodore, chiara, secca e polverosa, in una parola: povera.
Sinceramente l'unico fattore che mi ha fatto storcere non poco il naso è un gran bell'elettrodotto che passa proprio vicino-vicino al campo: quale sarà il grado di inquinamento elettromagnetico nel campo di Giuseppe?
A parte questo fattore, i prodotti che crescono nell'azienda di Giuseppe sembrano quindi più contenti, più vivi, più sani, più allegri, più consapevoli.
Mangiandone ci nutriremo di tutte queste qualità e non solo, ci nutriremo anche della grande passione del contadino che li ha curati.
Quello che ho visto e sentito da quest'uomo questo è: orgoglio, passione, gioia.
E ora posso sperare anche io in una svolta.
Sapete che lavoro faceva Giuseppe fino a venti anni fa? L'informatico.
Posso sperare anche io in una svolta.
Grazie Giuseppe.

Un saluto.

 
 
 
Successivi »
 

MANAH MANAH

Vi dice nulla? Non ricordate più?
Non perdetevelo...

 

 

REFERENDUM 2009

Cocente delusione per ennesimo referendum fallito!!!
Sempre più convinto che all'italiano basta garantire la partita di calcio e il grande fratello per farlo contento.

Come si diceva una volta "Francia o Spagna purchè se magna!"

referendumelettorale

 

INCIPIT

questo blog ha partecipato al gioco letterario ‘incipit’ promosso da Writer

http://blog.libero.it/AltreLatitudini/

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom