Creato da: massimo.maneggio il 21/11/2008
spazio autonomo di un giornalista senza sponsor...
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultime visite al Blog

christie_malrylafarmaciadepocastreet.hassleclasse.stilePerturbabilemassimo.maneggiodeteriora_sequorpiterx0il_pablostudiolapianaedilalicesalvatore.rota1975fugadallanimapsicologiaforensecassetta2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I miei link preferiti

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

 

Hamilton trionfa al gp Ungheria

Post n°1144 pubblicato il 24 Luglio 2016 da massimo.maneggio
 

LA MERCEDES DI HAMILTON VINCE IL GP DI UNGHERIA DAVANTI A ROSBERG E RICCIARDO

 

La Mercedes di Lewis Hamilton ha conquistato la vittoria nel Gp di Ungheria. Il pilota Inglese con la quinta vittoria stagionale, alla pari delle cinque vittorie ottenute sul tracciato, è diventato il nuovo leader della classifica mondiale. Una vittoria maturata davanti al compagno di scuderia Nico Rosberg, e A Daniel Ricciardo su Red Bull, giunto al traguardo con un distacco di 27” dal vincitore. Dopo aver superato il compagno di squadra Rosberg nelle fasi iniziali di gara, Hamilton, ha condotto la gara dall’inizio alla fine, doppiando il resto del gruppo, ad eccezione, di Rosberg, Ricciardo, Vettel, Verstappen, e Raikkonen. Una prova di forza quella Mercedes, che dall’inizio del campionato, si è aggiudicata la vittoria in dieci Gp su 11 disputati, a dimostrazione, di una vettura performante nelle diverse condizioni tecniche e climatiche dei vari tracciati. Il Gp di Ungheria ha confermato i miglioramenti della Red Bull, a podio con Ricciardo  - dopo aver lottato nella prima parte di gara con le Mercedes - e con Verstappen al quinto posto dopo un’avvincente duello con la Ferrari di Raikkonen. Le rosse di Maranello sono giunte al traguardo, in quarta posizione con Vettel, e in sesta posizione con Raikkonen. Pur restando lontana dalle prestazioni della Mercedes, la Ferrari, ha dimostrato di poter competere alla pari con le Red Bull che negli ultimi Gp, avevano dimostrato un passo gara nettamente superiore a quello  messo in pista dalla scuderia di Maranello. Entrambi i piloti, Raikkonen e Vettel, hanno lottato rispettivamente per la terza e quinta posizione, con il Finlandese, giunto al quinto posto dopo la partenza in quattordicesima posizione. Il Gp di Ungheria ha rimescolato le carte della classifica generale, con i piloti Mercedes che si sono scambiati il vertice della classifica, e con una Ferrari, finalmente, in lotta per le posizioni di vertice, in attesa della prima vittoria stagionale che potrebbe concretizzarsi già nel prossimo Gp di Hockenheim in programma nel prossimo weekend.

I commenti dei protagonisti.

Hamilton: “Sapere di avere qui una vittoria in più del mitico Schumacher è incredibile. Non ci sarei riuscito senza il lavoro del team. Non è stato un Gp semplice. Sono partito bene, poi la strategia di gara è stata perfetta”.

Rosberg: “La gara è stata decisa dalla partenza. Io non sono scattato male, ma peggio di Lewis e Daniel. Ho dovuto alzare il piede, poi ho ripassato subito Daniel. Ma la gara l’ho persa li”.

Ricciardo: “Sono soddisfatto del podio. In partenza eravamo vicini alle Mercedes, poi il loro passo è aumentato e la mia lotta è stata solo con Vettel”.

Vettel: “Ero più veloce della Red Bull e le mie gomme erano più fresche, ma superare in questo circuito è difficile. Possiamo essere contenti, ma dobbiamo crescere ancora. Le Mercedes avevano un degrado migliore. La differenza sul giro non è così grande, ma giro dopo giro la differenza si accumula”.

Raikkonen: “Ci sono stati spostamenti anomali da parte di Verstappen, ad un certo punto ho dovuto mollare altrimenti l’avrei colpito. La macchina era ok”.

Arrivabene: “"Io l’ho sempre detto, questa è una squadra che ha grinta, questa è una squadra molto forte. Peccato esserci trovati in quella posizione con Vettel e credo che oggi Raikkonen ha dimostrato alla grande di aver meritato la conferma".

Il weekend di Budapest.

Nelle qualifiche del sabato - dominate dalla pioggia - ancora una volta le Mercedes davanti a tutti. In seconda fila si sono piazzate le Red Bull di Ricciardo e Verstappen, mentre le Ferrari hanno conquistato solamente la quinta posizione con Vettel, e la quattordicesima posizione con Raikkonen a causa di una cattiva gestione di strategia. In crescita la McLaren di Alonso, con lo Spagnolo che ha conquistato la settima posizione, e l’ottava casella con il compagno di scuderia Button.

Griglia di partenza.

1 N. Rosberg 1’19”965 2 L. Hamilton

3 D. Ricciardo 4 M. Verstappen

5 S. Vettel 1’20”874 6 C. Sainz

7 F. Alonso 8 J. Button

9 N. Hulkberg 10 V. Bottas

11 R. Grosjean 12 D. Kvyat

13 S. Perez 14 K. Raikkonen 1’25”435

15 E. Gutierrez 16 F. Nasr

17 J. Palmer 18 F. Massa

19 K. Magnussen 20 M. Ericsson

21 P. Wherlein 22 R. Haryanto

In gara.

1° giro Hamilton in prima posizione dopo il sorpasso ai Danni di Rosberg. Ricciardo mantiene la terza posizione dopo l’attacco di Vettel.

5° giro: 1 Hamilton, 2 Rosberg, 3 Verstappen, 4 Ricciardo, 5 Vettel, 6 Alonso, 7 Sainz, 8 Bottas, 9 Hulknberg, 9 Grosjean, 10 Raikkonen.

8° giro Mercedes in fuga con oltre 3” di vantaggio sulle Red Bull.

10° giro la Ferrari di Raikkonen in rimonta. Il Finlandese è in nona posizione.

15° giro pit stop per la Ferrari di Vettel che monta gomme gialle.

16° giro pit stop per Ricciardo.

17° giro pit stop per Hamilton e Verstappen, quest’ultimo rientrato in pista dietro la Ferrari di Raikkonen.

18° giro pit stop per Rosberg. Posizioni invariate con Hamilton che ritorna al comando della gara.

20° giro: 1 Hamilton, 2 Rosberg, 3 Ricciardo, 4 Vettel, 5 Raikkonen, 6 Verstappen, 7 Perez, 8 Palmer, 9 Magnussen, 10 Alonso.

25° giro Raikkonen in lotta con Verstappen.

30° giro pit stop per Raikkonen che monta gomme rosse.

31° giro Ricciardo riduce a 3” il gap dalle Mercedes.

33° giro pit stop anticipato per la Red Bull di Ricciardo.

38° giro Vettel gira sugli stessi tempi di Hamilton e Rosberg.

42° giro pit stop per Hamilton e Vettel.

45° giro: 1 Hamilton, 2 Rosberg, 3 Ricciardo, 4 Raikkonen, 5 Vettel, 6 Verstappen, 7 Alonso, 8 Sainz, 9 Bottas, 10 Kvyat.

47° giro Rosberg si porta a 2” da Hamilton.

50° giro Ferrari in rimonta con Vettel che guadagna decimi su Ricciardo.

54° giro veloce di Raikkonen.

57° giro contatto tra Raikkonen e Verstappen durante un tentativo di sorpasso da parte del Finlandese. Ala anteriore danneggiata per la Ferrari, ma dai box suggeriscono di continuare.

58° giro doppia lotta Ferrari-Red Bull: Ricciardo-Vettel per il podio e Verstappen-Raikkonen per la quinta posizione.

62° giro Raikkonen sempre più vicino a Verstappen nonostante l’ala danneggiata.

64° giro Vettel ad 1” da Ricciardo.

70° giro Hamilton trionfa davanti a Rosberg e Ricciardo. Ferrari giù dal podio con Vettel in quarta posizione, e Raikkonen in sesta.

Ordine d’arrivo: 1 Hamilton 1:40’30”115, 2 Rosberg, 3 Ricciardo, 4 Vettel, 5 Verstappen, 6 Raikkonen, 7 Alonso +1 giro, 8 Sainz +1 giro, 9 Bottas +1 giro, 10 Hulknberg +1 giro, 11 Perez +1 giro, 12 Palmer +1 giro, 13 Gutierrez +1 giro, 14 Grosjean +1 giro, 15 Magnussen +1 giro, 16 Kvyat +1 giro, 17 Nasr +1 giro, 18 Massa +1 giro, 19 Wehrlein +2 giri, 20 Ericsson +2 giri, 21 Haryanto +2 giri. Out Button.

La classifica.

1 Hamilton 192 punti, 2 Rosberg 186, 3 Ricciardo 115, 4 Kimi Raikkonen 114, 5 Vettel 110, 6 Verstappen 100, 7 Bottas 56, 8 Perez 47, 9 Massa 38, 10 Sainz 30, 11 Grosjean, 12 Hulknberg 27, 13 Alonso 24, 14 Kvyat 23, 15 Button 13, 16 Magnussen 6, Wrhrlein1, Vandorne 1.

Prossimo Gp 31 luglio GP di Germania – Hockenheim.

scritto da Massimiliano Aquino

 

 

 

 

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Io sto con De Raho

Post n°1143 pubblicato il 24 Luglio 2016 da massimo.maneggio


 IL SENATORE FRANCESCO MOLINARI ADERISCE ALL’INIZIATIVA “ IO STO CON DE RAHO”. LUNEDI PARTECIPERA’ ALLA MANIFESTAZIONE DI REGGIO CALABRIA. << È GIUNTO IL MOMENTO DI DECIDERE DA CHE PARTE STARE. IO HO SCELTO, GIA' DA TEMPO DI STARE DALLA PARTE DELLA GIUSTIZIA, ANCHE ATTRAVERSO IL RUOLO ISTITUZIONALE CHE RICOPRO E CON FATTI CONCRETI"

 

Anche all'indomani dell’operazione “ Reghion”, ho ribadito una  posizione ben precisa e chiara : massimo sostegno all’azione portata avanti dal procuratore Federico Cafiero De Raho, per come  riportato da alcune testate  regionali e  nazionali. Da cittadino calabrese ho risposto “presente” all’appello di altri cittadini. L’adesione alla manifestazione "IO STO CON DE RAHO", che si svolgera’ lunedì pomeriggio  nella citta’ dello Stretto,  rappresenta la mia volonta' di metterci la faccia concretamente, offrendo il mio contributo anche attraverso il ruolo istituzionale  che ricopro. Una volonta’, ritengo, chiara già da tempo, come dimostra la battaglia che sto conducendo da anni, per l’approvazione della Legge Lazzati nella sua stesura originaria. Una Legge che rappresenta l’unico strumento legislativo in grado di arginare il rischio di influenza mafiosa, nel corso della campagna elettorale, ed in particolare,  nella fase cruciale della formazione del consenso. E’ giunto il momento di decidere da che parte stare, senza se e senza ma. Non si può più fare finta che la collussione  e le connivenze politico- mafiose siano frutto della fantasia.  Non lo si poteva dire prima e oggi, alla luce dei riscontri  giunti dalle indagini da cui sono scaturiti gli arresti eseguiti nell’ambito delle operazioni “Reghion”, “Mammasantissima”, “ Alchimia” e “Frontiera” non si hanno più scuse. La Calabria e’ una terra ostaggio del  malaffare e imbrigliata nelle maglie delle infiltrazioni mafiose nelle Istituzioni, quelle stesse proiezioni  dello Stato che devono essere le prime a scendere in campo per liberarsi da una cappa che impedisce il pieno sviluppo  della regione. E allora, dai calabresi e, soprattutto dalla politica,  ci si aspetta un colpo di reni, un sussulto di dignita’, in primis operando una  pulizia al proprio interno, realizzando le concrete condizioni per campagne elettorali pulite e all’insegna della legalita’  e poi, scegliendo di stare dalla parte giusta, ovvero, lo Stato, la legalita’ e dunque, dalla parte degli operatori  della giustizia onesti e coraggiosi. E’ questa la parte dalla quale io ho scelto di stare. A sostegno del Dott.Federico Cafiero De Raho e della importante attivita’ di pulizia che sta attuando sul nostro territorio.

 La Calabria ne ha bisogno !!!

 

Avv. Francesco Molinari

Senatore IdV

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Italia-Russia, spettacolo volley a Cosenza

Post n°1142 pubblicato il 21 Luglio 2016 da massimo.maneggio
 
Tag: volley

  • comunicato stampa

ITALIA  RUSSIA al Palaferraro uno spettacolo indimenticabile

Oltre mille spettatori  hanno assistito all’incontro internazionale

IMG-20160720-WA0000Era da molto tempo che le tribune del palaferraro non presentavano un colpo d’occhio meraviglioso come quello di ieri sera. Un’organizzazione impeccabile costruita da tutti i componenti della Volley Cosenza, dalla dirigenza, ai tecnici, ai collaboratori fino alle atlete delle varie categorie. Un plauso va anche alla esperienza e disponibilità di Pino Fuoco, gestore dell’impianto, che ha contribuito al successo dell’evento. La serata è iniziata con un’amichevole tra atlete militanti nel campionato regionale di serie C che hanno “riscaldato” il parquet e molto apprezzata dal pubblico presente. Dopo il riscaldamento delle ragazze delle nazionali prejuniores di Italia e Russia, una grande emozione ha invaso il palaferraro al suono degli inni nazionali prima del fischio d’inizio. Le ragazze dell’under 14 della Volley Cosenza hanno fatto da portabandiere comportandosi in modo impeccabile.  Da sottolineare il  parterre eccezionale per l’evento. Presenti tecnici  e giocatori di serie A, B e C; il presidente del Comitato Regionale della FIPAV  Carmelo Sestito; i selezionatori regionali delle formazioni giovanili; Simonetta Valle, tecnico federale e pioniera del volley femminile;Mario Calabresepresidente del Comitato Provinciale della FIPAV; l’assessore comunale Rosaria Succurro,  delegazioni di società di pallavolo femminile e maschile. In particolare numerosa e qualificata è stata la partecipazione della gemellata Volley San Lucido con atlete, tecnici ed il presidente Giuseppe D’Ambrosio. Speaker dell’evento il giornalista Franco Lorenzo. Il grande afflusso di pubblico che ha costretto l’apertura al pubblico anche della tribuna B del palaferraroin occasione di questa amichevole internazionale di pallavolo femminile prejuniores testimonia la “fame” di sport dei cosentini e soprattutto dello sport che conta. Si è sentito una grande tifo molto apprezzato dallo staff tecnico e dalle
distintegiocatrici italiane. In tribuna anche una pattuglia di tifosi russi, composta da uomini e donne che lavorano a Cosenza o che hanno messo su famiglia con italiani. All’esterno del palazzetto sono andati a ruba “cullurialli”, dolce tipico cosentino. Lo store della Volley Cosenza per l’occasione ha stampato una t-shirt  con le scritte “Italia vs Russia” con il logo della società brettia sul davanti e la scritta “nazionali prejuniores – Cosenza 19-07-2016” sul retro. Una maglietta piaciuta a tutti i vertici della Fipav per non parlare dello staff tecnico russo che a fine partita ne ha chiesto qualche unità. Un banchetto illustrativo della WS55 card Wison della Volley Cosenza ha completato l’allestimento dell’ingresso della tribuna A. La partita è stata piena di spunti tecnici. Ha avuto la meglio la Russia per 3 a 0  ribaltandocosì il risultato di Camigliatello Silano dove l’Italia aveva sua volta dominato per 3 a 0. Un ribaltamento di valori in campo nei due incontri dovuto principalmente alla scarsa vena delle azzurre ed in particolare di alcune  giocatrici leader come il n. 9 Asia Bonelli e il n. 8 FatimKone, che in Sila avevano invece fatto la differenza. Da una parte le azzurre sono scese in campo convinte ancora italia russiauna volta di fare un sol boccone delle avversarie, mentre dall’altra parte le russe hanno disputato una prestazione impeccabile sapientemente posizionate  in campo dal coach Alexander Karikov. Devastante è stato il muro laterale russo in virtù  della notevole altezza delle centrali e dei suoi martelli. Ad un certo punto anche il tecnico azzurro Marco Mencarelli è apparso rassegnato, sostituendo in toto le ragazzi titolari, non raggiungendo però il risultato sperato. E come anche a Camigliatello per divertire gli appassionati di pallavolo, le due nazionali hanno deciso di giocare un quarto set, questo vinto delle azzurre. La parte più bella della serata però è venuta a fine gara quando tantissime ragazze e bambine sono scese in campo per  foto di gruppo e individuali con le campionesse italiane e russe. L’oscar della simpatia della serata va però all’allenatore della Russia Karikov che è salito sulla tribuna facendosi fotografare con un “drappello” di signore cosentine. Poi a tarda sera tutti a cenare ed a festeggiare insieme con le firme per ricordo sulle bandiere.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Psr Calabria, c'è il protocollo d'intesa

Post n°1141 pubblicato il 18 Luglio 2016 da massimo.maneggio

Rende, 18 luglio 2016

 comunicato stampa

LE BCC A SOSTEGNO DEGLI INTERVENTI REGIONALI IN AGRICOLTURA

Firmato il protocollo d’intesa per agevolare l’applicazione del PSR 2014/2020 della Regione Calabria

 

La Regione Calabria e la Federazione Calabrese delle BCC e hanno firmato un protocollo d’intesa per facilitare, mediante il credito ordinario, l’applicazione degli interventi legislativi regionali con particolare riferimento al Programma di Sviluppo Rurale 2014/2020.

La convenzione prevede l’attivazione di facilitazioni per l’accesso al credito e sostegno allo sviluppo agricolo, agro-industriale, agro-turistico e agro-alimentare soprattutto delle aziende di piccole e medie dimensioni.

“Le Banche di Credito Cooperativo calabresi – ha detto il presidente di Federcalabria, Nicola Paldino – mettono a disposizione delle aziende agricole un primo plafond di 30 milioni di euro, assicurando tempi celeri per esitare le domande di finanziamento da parte delle imprese assegnatarie dei fondi secondo i bandi emanati dal PSR”

“Il testo della convenzione è semplice e asciutto - ha commentato il direttore generale della Federazione delle BCC, Pasquale Giustiniani -  non ci sono orpelli burocratici, proprio perché abbiamo voluto esprimere con chiarezza la massima disponibilità delle BCC al pieno rilancio dell’agricoltura calabrese”.

“Prima di iniziare l’impegno politico – ha commentato il consigliere regionale con delega all’agricoltura, Mauro D’Acri – ero impegnato direttamente in una BCC e so quanto queste banche siano vicine al settore agricolo, che è uno dei pochi ancora capaci di significativi risultati non solo in Calabria ma nell’Italia intera. Sono pienamente consapevole di quanto sia importante per un imprenditore agricolo poter contare su tempi rapidi e certi. Ridurre i tempi di concessione del credito è uno degli obiettivi che ci siamo dati; l’altro è quello delle risorse, che stiamo già rendendo disponibili con i primi bandi del PSR”.

 

Il presidente della Giunta Regionale, on. Mario Oliverio, ha ricordato la genesi delle Casse Rurali e il loro ruolo storico al fianco degli agricoltori calabresi. “Sappiamo che il sistema del Credito Cooperativo è vicino alle istanze e ai bisogni del territorio – ha detto il Governatore – Nel recente passato abbiamo avuto enormi difficoltà nell’impiego delle risorse europee, anche a causa di una stretta creditizia che, con procedure farraginose, non apportava fluidità alla filiera. Ora, dopo un probante lavoro preparatorio, abbiamo cominciato ad emanare i primi bandi sul PSR per il sostegno ai giovani che vogliono avviare nuovi insediamenti in agricoltura. I primi bandi garantiranno investimenti complessivi per 280 milioni di euro, ma saranno solo il primo passo verso l’applicazione completa del PSR e dei finanziamenti previsti nel POR. I nostro obiettivi, a tal riguardo, sono quelli di esemplificare l’accesso alle risorse in modo da renderle pienamente disponibili.  Da questo punto di vista, l’apporto del sistema bancario può essere determinante per sburocratizzare i passaggi ed erogare le risorse a sportello secondo ben determinati requisiti tecnici”. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mongrassano operativa

Post n°1140 pubblicato il 16 Luglio 2016 da massimo.maneggio

Comunicato stampa Mongrassano
Mongrassano 15 luglio 2016

In data odierna, presso il municipio di Mongrassano, si è svolto un incontro tra l'amministrazione comunale, il responsabile dell'ufficio tecnico comunale e i tecnici dell'autorità di bacino regionale: l'ing. Salvatore Siviglia e l'ing. Sergio Leonetti. Durante l'incontro si è discusso dei problemi relativi al dissesto idrogeologico. I movimenti franosi e le aree interessate da dissesti rappresentano ancora oggi una minaccia concreta nonostante siano state realizzate strategiche opere di consolidamento in diversi punti del territorio. Al fine di scongiurare definitivamente e in maniera strutturale questi pericoli si è concordato di dare seguito, in tempi brevi, a progettualità per il 
risanamento delle aree maggiormente compromesse. Grande soddisfazione del sindaco Mariani per la riunione congiunta con i rappresentanti dell'ABR che rappresenta il miglior viatico per programmare e concordare gli interventi di mitigazione delle frane. Mariani, inoltre, plaude per il dinamismo dimostrato, ancora una volta, da parte dell'autorità di bacino.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Accordo politico a Bisignano

Post n°1139 pubblicato il 15 Luglio 2016 da massimo.maneggio

--- comunicato stampa ----

 

Il Partito Democratico, il Movimento Popolare per Bisignano, Bisignano in Movimento e Il Megafono, rendono noto di aver raggiunto una unione di intenti per un percorso comune in vista delle prossime elezioni amministrative.
Tale intesa nasce dall’esigenza di garantire alla nostra città un progetto lungimirante che sia in grado di segnare una netta discontinuità con il passato politico amministrativo. Riteniamo, infatti, che mai come adesso la nostra comunità stia vivendo un periodo caratterizzato da una grave crisi dal punto di vista politico, sociale ed economico, causata in larga parte dalle scelte amministrative perpetuate in questi anni. 
La volontà di lavorare insieme per Bisignano nasce da una visione della nostra città in cui vengano garantiti i servizi essenziali (oggi gravemente carenti), in cui il territorio venga tutelato e salvaguardato attraverso un’attenta programmazione, in cui le attività produttive, incentivate dalla politica, siano in grado di garantire lavoro e sviluppo, in cui le nostre eccellenze siano valorizzate e possano diventare il fulcro della rinascita economica sociale e culturale.
pdCrediamo, inoltre, che uno sforzo straordinario debba essere profuso per il Santuario della Riforma affinché possa tornare ad essere il cuore pulsante della nostra comunità.
Le tante risorse presenti sul nostro territorio, ancora totalmente inespresse, necessitano di un forte impulso che deve arrivare da un progetto politico coraggioso ed innovativo che abbia come cardini: il buon governo del territorio, il cambiamento della classe dirigente, la più ampia convergenza delle forze sane che hanno a cuore il rilancio della nostra città.
Mov popRiteniamo che questa sia l’unica alternativa possibile per cambiare in meglio la nostra città. A differenza del passato non intendiamo perdere tempo e vogliamo cominciare un percorso che possa far avvicinare tutte quelle persone che non si sentono rappresentate dai soliti schemi e dai soliti balletti della politica cittadina.
La nostra speranza è quella che la società civile, le altre forze politiche che si rivedono in questa visione e tutti coloro che vogliono impegnarsi per la nostra città, possano contribuire a questo ambizioso progetto.
“IL FUTURO DELLA NOSTRA COMUNITA’ PASSA ATTRAVERSO L’IMPEGNO, LA RESPONSABILITA’ ED IL CORAGGIO DI CAMBIARE DI OGNUNO DI NOI”.
Bisignano, 14 Luglio 2016

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Lettera al Primo Ministro Matteo Renzi

Post n°1138 pubblicato il 14 Luglio 2016 da massimo.maneggio

                         

     

      Le vittime  dell’incidente ferroviario tra Andria e Corato tingono di sangue  i verdi e secolari uliveti delle Puglie. Si inabissano, in  un groviglio di lamiere di un vagone, le speranze di  quanti  nel viaggio coltivavano  il sogno  di rendere migliore la terra del Sud. Non pensavano di incontrare la morte, su un binario unico. Il dramma di Andria  si somma  in un  tempo nel quale il Sud continua a bruciare. Troppe volte la cronaca ci rende protagonisti  di disgrazie che vorremmo farne a meno. Essa, ( si dice per dovere) riporta articoli strazianti  di lamenti di madri e figli spersi nella  cocente terra  dei Padri che hanno fatto il callo  a  non avere niente. La gente ( lo sai ) qui è abituata a  vivere con poco, ma non  dimentica di pagare  le tasse prima di recitare le preghiere alla sera.  Poi, il dramma lo scontro delle locomotive, sotto il sole a mezzogiorno. Le lacrime si consumano nel dolore dei familiari  marcando  visi  incavati nel lampo del tragico momento. Si fa strada un misto di rabbia e impotenza, in tutti noi, che non  trova rassegnazione per una morte assurda. La composta umanità e solidarietà della Comunità pugliese prevale tra tanto, intenso dolore. La ragione, quella  umana, quasi sempre  cerca un movente, una causa, una colpa. Cosicché la res pubblica prova a lenire, prontamente, i dolori  originati nella fitta storia  di atti mancati per il Sud. Attoniti partecipiamo, ancora oggi, a vite spezzate dalle ferraglie di un binario che dritto porta le anime nell’infinito. Questa terra, naturalmente bella, che oggi piange in ginocchio i suoi figli spera che la  luce dell’alba del nuovo giorno  incoraggerà Lei sig. Presidente e gli uomini del suo governo a pensare, veramente, come fare per contribuire a renderla ancora più bella.      

             Rosalbino Turco, Bisignano (cs), già Consigliere Provincia di Cosenza   

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il successo dei Tetris

Post n°1137 pubblicato il 13 Luglio 2016 da massimo.maneggio



COMUNICATO STAMPA N. 47 del 12/7/2016

 

L’ENIGMA DEI TETRIS “SULLA STRADA” DEL SUCCESSO

ROKA PRODUZIONI - etichetta discografica di Tarsia –  ha presentato lo scorso 10 luglio, a Corigliano, L’Enigma, il primo album dei TETRIS, la band musicale calabrese, di cui a settembre scorso è uscito in tutti i Digital Store il primo Ep con 4 brani inediti.

L’Enigma contiene 11 brani (7 inediti e 4 già presentati in EP). La tracklist è così composta: Distanze, In Africa con te, In due, Mi svelerò, Me lo dice anche Freud, Su di giri, Palco, Cambio style, Battibecco, L'enigma, Sulla strada. L’acquisto dell’album è possibile nei negozi convenzionati, sul sito www.rokaproduzioni.com e a breve anche sui Digital Store.

La serata, organizzata da Roka Produzioni di Tarsia, e dalla Associazione Culturale Musikart,  realizzata grazie all’apporto dei partner e sponsor dell’evento, patrocinata dal Comune di Corigliano Calabro, è stata aperta dall’esibizione di due giovani artisti calabresi prodotti dall’etichetta Roka, Antonio Algieri e Carlo Falco. Subito dopo, i saluti di Alessandra Capalbo, Assessore al Turismo, Sport, Spettacoli e Grandi Eventi del Comune di Corigliano Calabro, che ha mostrato il suo vivo apprezzamento e vicinanza al progetto dei Tetris, band Coriglianese. Il Responsabile di Roka Produzioni, Roberto Cannizzaro, ha invece puntato su un appello volto a sensibilizzare le istituzioni pubbliche e i comuni cittadini nell’investire sui progetti artistici, musicali e culturali.

TETRIS nascono nel 2012 a Corigliano Calabro in provincia di Cosenza; la band è composta da 6 giovani artisti, con diverse anime musicali ma uniti da un'unica passione: la  Musica. La band è così composta: Mari Romagnoli (voce), Cosimo Falcone (chitarra acustica ed elettrica), Gilberto Esposito (chitarra elettrica), Gianfranco Varani (batteria), Gerardo Scigliano (basso), Francesco Bontempo (fonico)Il nome TETRIS racchiude il significato profondo che i componenti  hanno voluto attribuire a questo progetto, avendo colto le varie sfaccettature musicali al loro interno, sono comunque riusciti ad incastrarsi proprio come le figure del TETRIS.

Si ringraziano tutti i partner e gli sponsor dell’evento.

 

   

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Portogallo sul tetto d'Europa

Post n°1136 pubblicato il 12 Luglio 2016 da massimo.maneggio
 

  • di Massimiliano Aquino

Il post trionfo porta sempre ad alcune analisi: dopo 12 anni il Portogallo torna a far trionfare una non favorita, prende il suo primo torneo internazionale e "regala" a Cristiano Ronaldo un altro pallone d'oro. Coraggioso Santos nel puntare su una squadra attesa da un perenne esame di maturità, che vince un europeo con 6 pareggi su 7 gare nei tempi regolamentari e con l'unico centravanti in rosa schierato a 20 minuti dalla fine.

Questo il commento live

Sono terminati con la vittoria del Portogallo di Cristiano Ronaldo, i campionati Europei di Francia 2016. Vittoria, maturata in finale al di la di ogni pronostico. Da una parte, la Francia di Didier Deschamps, una squadra, capace di eliminare in semifinale, i campioni del mondo della Germania, dall’altra, il Portogallo del ct. Fernando Sandos - soprannominato l’ingegnere di Dio -che è riuscito a risollevare le sorti della Nazionale Portoghese, dopo la debacle nel girone eliminatorio. Il bilancio del Portogallo infatti, dice tre pareggi nel girone F di qualificazione,e ottavi di finale raggiunti solamente grazie al ripescaggio come migliore terza, il tutto, in un girone costituito da Austria, Islanda, Portogallo, e Ungheria. I transalpini, invece, nel girone A con Albania, Romania, e Svizzera. La Francia si è presentati agli ottavi di finale, con un bilancio di 7 punti, ovvero, con due vittorie e un pareggio. Il Portogallo al contrario, non ha mai ottenuto una vittoria nel girone eliminatorio, chiudendo di fatto, al terzo con 3 punti. Si qualificano entrambe per gli ottavi di finale, con gli undici di Deschamps che hanno battuto l’Irlanda per 2 reti a 1, mentre il Portogallo, a fatica, ha battuto la Croazia per 1 rete a 0 nel finale del secondo tempo supplementare con il gol di Quaresma. Nei quarti di finale, la Francia si è imposta sulla“matricola” Islanda,con il risultato di 5 reti a 2. Il Portogallo di Cristiano Ronaldo, dopo aver chiuso i tempi supplementari sul risultato di parità 1 a 1, ha avuto la meglio sulla Polonia solamente ai calci di rigore con il punteggio di 5 reti a 3. Squadre in semifinale. La Francia, con una partita spettacolare, ha vinto l’attesissimo match contro i campioni del mondo della Germania, con il risultato di 2 reti a 0. Dall’altra parte del tabellone, il Portogallo, ha battuto il Galles di GarethBale per 2 reti a 0, dopo una partita dominata dai Gallesi. In finale, sono giunte due squadre nettamente contrapposte.

La Francia, tecnica e organizzataè scesa in campo con Lloris, Sagna, Umtiti, Koscielny, Evra, Pogba, Matuidi, Sissoko (6’ sts. Martial), Griezmann, Payet (13 st.Coman), Olivier Giroud (34’ st.Gignac).

Il Portogallo forte della solidità difensiva, in campo con Rui Patricio, Cedric, Fonte, Pepe, Guerreiro, William Carvalho, Nani, Renato Sanches (34’ st. Eder), Silva (22’ st. Moutinho), Joao Mario, e Cristiano Ronaldo (24’ pt. Quaresma) uscito anzitempo in lacrime per un’entrata durissima di Payet.

Nella finale Disputata allo Stade de France - come da copione - gli undici di Deshamps, hanno dominato a lunghi tratti l’andamento del match, con il capocannoniere degli Europei, Griezmann (6 volte a segno) che si è reso pericoloso in area avversaria in diverse occasioni. L’infortunio accorso a Cristiano Ronaldo dopo appena ventiquattro minuti di gioco, sembrava il preludio della vittoria dei padroni di casa, al contrarioinvece, i 20.000 Portoghesi presenti allo Stade de France in lacrimequando CR7 è uscito dal campo per infortunio, hanno pianto di gioia al termine della partita. Il Portogallo è uscito fuori alla distanza, calando l’asso a ridosso dell’ennesima sfida ai calci di rigore. Nel corso di questi campionati Europei , infatti, il Portogallo ha vinto tre volte oltre i novanta minuti di gioco - compresa la finale contro la Francia -, a dimostrazione, della tenuta fisica - nonché mentale - dei giocatori di Sandos. Nonostante la Francia avesse motivazioni e qualità tecniche superiori al Portogallo, il gol che ha deciso la finale di Euro France 2016, è stato quello di Eder, attaccante Portoghese del Lille, che dal limite dell’area di rigore, ha trovato il gol nell’angolino basso.Senza Cristiano Ronaldo, infortunatosi nei primi minuti di gioco in seguito ad uno scontro con Payet, i Lusitani, hanno conquistato il primo trofeo della loro storia, gettando le basi, per i mondiali di Russia nel 2018. Alla Francia non è rimasto altro, che il rammarico di aver sottovalutato l’avversario. La Francia a secco di trofei da sedici anni, era sicura di vincere l'Europeo. A testimoniarlo, il pullman già pronto con la scritta “CHAMPION’S D’EUROPE” che avrebbe dovuto sfilare tra i tifosi per festeggiare la vittoria. A salire sul pullman per le strade di Lisbona, sono stati invece, i giocatori del Portogallo accolti da decine di migliaia di tifosi in festa. Al termine della finale Francia-Portogallo, l’immagine più bella di questo torneo, l’immagine di un bambino Portoghese che abbraccia un bambino Francese in lacrime dopo la sconfitta, un esempio, da assumere ben oltre i confini del calcio…

 

I commenti dei protagonisti.

Fernando Santos: “Sapevamo di avere talento, ma anche di dover lottare. Questa è senza dubbio la vittoria del popolo portoghese”.

Cristiano Ronaldo: “È uno dei momenti più felici della mia carriera.Questi giocatori, questo ct. e questo staff, meritano tutti la vittoria dell'Europeo. Abbiamo fatto la storia della nostra nazione. Siamo i primi a vincere un torneo importante, ma tutta la nazione se l'è meritato".

Pepe: “Abbiamo dato sangue, sudore e lacrime per vincere.Sono già stato campione d'Europa con il club, è vero, ma il massimo per un giocatore è vincere con la sua Nazionale, per il suo Paese. È una sensazione indescrivibile, sono molto orgoglioso di quello che siamo riusciti a fare".

Eder il protagonista della finalissima ringrazia il compagno di squadra Ronaldo: “Quando sono entrato in campo mi ha abbracciato e mi ha detto che avrei segnato il gol della vittoria”.

 

Deschamps: “Abbiamo buttato una buona occasione per diventare campioni d’Europa”.

Griezmann: “Abbiamo buttato una buona occasione per diventare campioni d’Europa”.

Lloris, il portiere e capitano francese, non nasconde la delusione lanciando però uno sguardo positivo verso il futuro: “per noi è stata un’esperienza positiva anche se siamo molto dispiaciuti”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tonno Callipo in A1 e B1

Post n°1135 pubblicato il 12 Luglio 2016 da massimo.maneggio
 
Tag: volley

Allargata, competitiva, nuova, sconosciuta, scoppiettante. E’ la nuova Serie B unica di pallavolo maschile che vedrà ai nastri di partenza anche la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia. La società giallorossa ha deciso di acquisire il titolo della neopromossa, dal campionato regionale di Serie C, Olimpia Bagnara e di partecipare a quella che sarà la terza serie nazionale. Il presidente Pippo Callipo, insieme ai suoi dirigenti, ringrazia la disponibilità e la cordialità della società bagnarese che per ragioni di opportunità, principalmente legate a difficoltà di carattere logistico nell’affrontare un campionato come quello di B1, non ha proseguito nel proprio cammino sportivo dopo la promozione. La Volley Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia sarà orgogliosa di rappresentare anche gli amici bagnaresi e tutta la società dell’Olimpia Bagnara nel prossimo campionato di B1.

 

Quella della società giallorossa è stata una scelta ponderata in base anche al fatto di poter valorizzare al meglio le risorse di capitale umano e tecnico presenti nel proprio settore giovanile. Così il presidente Pippo Callipo sulla scelta di partecipare al campionato nazionale di Serie B1.

In queste settimane sono state due – ha affermato il patron giallorosso – le scelte fondamentali che abbiamo ponderato. Partecipare al campionato di Superlega presentando l’apposita istanza, ed essere al via anche nel campionato di Serie B dopo aver acquisito il titolo sportivo del Bagnara. Questa scelta è stata intrapresa poiché i nostri giovani, dopo il nostro ritorno nella massima serie, avrebbero dovuto quasi sempre sedere in panchina. Stiamo cercando di costruire una squadra competitiva che possa ben figurare nel campionato di Superlega e difficilmente avremmo potuto dare spazio ai nostri ragazzi del settore giovanile. In questo modo diamo loro la possibilità di respirare l’aria e il profumo della pallavolo giocata e avranno la possibilità di giocare e crescere sotto tutti i punti di vista in un campionato che si preannuncia difficile e competitivo“.

- comunicato stampa

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »