Creato da oronzoemarginati il 13/04/2011
Come ti erudisco il pupo - Blog in onore di Luigi Lucatelli

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

remo750WIDE_REDdoublellekremuziotyta88strong_passionophelia.and.othersfabio_dadaMariboevaDanynoisemanzillo72xxxxxx1dglollizzagunamamma1vinciguerra_maurizio
 

Ultimi commenti

Ciao raggione, che na vorta te facevano vede...
Inviato da: oronzoemarginati
il 28/08/2011 alle 00:41
 
Io invece ripenso a mi padre che ciagnede a mori'....
Inviato da: anonimo.sabino
il 27/08/2011 alle 09:14
 
Mi ci vorrebbero un pò di panini anche per me!
Inviato da: chiaracarboni90
il 04/07/2011 alle 10:24
 
E si, è propprio brutto!
Inviato da: oronzoemarginati
il 08/06/2011 alle 16:11
 
senza me sa, cià proprio raggione
Inviato da: cinciagio
il 10/05/2011 alle 16:14
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Er terremoto a RomaEr conijo e la resistenza »

Terresina ha comprato l’abbacchio.

Post n°8 pubblicato il 22 Aprile 2011 da oronzoemarginati
 
Foto di oronzoemarginati

Apro er frigorifero e vedo st’incarto pieno de robba rossa. A me me fa mpressione. Er pupo dice perché se deve ammazzà quella povera creatura ch’era tanto caruccia. E che je voi dì? La tradizzione ce dice che dovemo magnà l’abbacchio a Pasqua, come ce dice puro d’annà fori porta er primo maggio co ‘na cofana de fave fresche e de pecorino. Come l’anno scorso che semo annati a fa’ er picnicche sull’erba appena arivati ai castelli. Trovamo un angoletto indove tirà fori er tavolinetto piegabile e le seggioline. Er pupo comincia a tirà pallonate addosso all’arberi e er sor Filippo se butta a terra pe fa la pennica prima der pranzo. Fa finta de gnente ma s’è portato un fiasco de rosso che nisconne dietro la panza pe’ nun fasse vede.

Terresina comincia ad apparecchià co li piatti de plastica, le posate de plastica e li bicchieri de plastica. Puro le bottije so’ de plastica, e l’acqua ed er vino laddentro sanno de plastica. Tira fori le fettuccine ar sugo e riempie tre piatti. Er sor Filippo vole magnà nella concolina.

Poi mejo che nu ve racconto gnente, che co ‘na pallonata cor pallone de plastica er pupo fa ‘n casino andando a prende ‘n pieno la concolina che s’arivolta addosso alle fave che diventano ar sugo, come puro er pecorino che arimbarza per tera e sariempie de zozzeria.

Meno male che c’erano rimaste 4 buste piene de fave, e ce le semo state a smozzicà tutto er pommeriggio. So l’inconvenienti della campagna.

Però st’abbacchio me fa pena, puro si è bbono tutto brodettato. Vado a comprà quattro cinque buste de fave che nun se sa mai.

Bona Pasqua attutti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog