La voce di un uomo

The voice of a man

 

SOCIETAS

Se la nostra società
assolve e incoraggia la
mancanza di virtù e i falsi
valori della vita, noi
dobbiamo rifare la società
in modo che felicità e
virtù coincidano.

Tsunesaburo Makiguchi

 

RAGIONE

Chiunque pretenda di pronunciare una verità nel campo pragmatico  dei rapporti morali, politici e sociali, in virtù di questa pretesa dice una falsità

Theodor Geiger

 

ART. 21 COST

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell'autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l'indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell'autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all'autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s'intende revocato e privo di ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

Se non erro veniva da Il Fatto Quotidiano
Inviato da: zalo88
il 20/10/2009 alle 19:01
 
Scusa ma dove le recuperi queste info?NO AL COMUNISMO
Inviato da: Paolo
il 17/10/2009 alle 00:51
 
Comunque, in libro veritas (sì sì sarà sbagliato è una...
Inviato da: zalo88
il 12/10/2009 alle 12:34
 
Ok ok..in ogni caso il senso di quanto detto sulla...
Inviato da: zalo88
il 12/10/2009 alle 12:26
 
No, sono elementi logicamente separati... Se tu agisci in...
Inviato da: Fede
il 11/10/2009 alle 15:18
 
 

 

« Lodo alfano parte 2Lo Stato di Guerra »

Il Governo saluta le università: A NOI!

Post n°22 pubblicato il 08 Ottobre 2008 da zalo88

Ecco un'altra e-mail dell'università. Leggo e diffondo

Dopo aver analizzato e discusso il testo della legge n. 133 esprimiamo tutta la nostra preoccupazione per il futuro dell'Università. L'intento di questa lettera è quello di sensibilizzare e informare gli studenti in merito alla difficile situazione che stiamo attraversando.

Consideriamo tali provvedimenti inaccettabili innanzitutto per una questione di metodo, in quanto il decreto introduce una riforma dell'Università italiana di vasta portata e dagli esiti incerti eludendo un indispensabile confronto in Parlamento, nel Paese e con gli Atenei; nel merito, poiché esplicitano una politica che ritiene l'Università strategicamente non rilevante ai fini dello sviluppo della nazione.

La legge prevede tagli indiscriminati dei finanziamenti senza contemplare criteri di valutazione che permettano di differenziare gli Atenei virtuosi da quelli che gestiscono male le risorse. Queste misure invece di evitare gli sperperi, aggravano ulteriormente le difficoltà già presenti nella gestione economica delle Università italiane, ampiamente e storicamente sottofinanziate rispetto ai paesi europei.

La riduzione drastica delle assunzioni nei prossimi tre anni comporterà una notevole diminuzione del personale docente negli atenei, con pesanti ricadute su didattica e ricerca. Questo provvedimento rende ancora più incerto il futuro di chi tra gli attuali studenti e dottorandi ha deciso o deciderà di intraprendere la carriera universitaria nel nostro paese.

Ci preoccupa molto la possibilità prevista dal decreto di trasformare le Università in Fondazioni di diritto privato, non essendo ancora chiare le ripercussioni di questa scelta sia sul governo che sul sistema di finanziamento degli atenei.

Nel contesto di questo provvedimento giudichiamo grave la volontà dell'attuale Ministro Gelmini di abbandonare la strada della valutazione, affossando il progetto dell'ANVUR (l'Agenzia Nazionale per la Valutazione delle Università e della Ricerca) previsto nella Finanziaria 2006 e mai realizzato.

Mentre nel resto d'Europa la valutazione è uno degli strumenti che assicurano la qualità della didattica e permettono una maggiore efficienza nella gestione delle risorse, l'attuale Governo italiano ha deciso di fare un passo indietro.

Di fronte ad una classe politica che non intende investire nel sistema universitario condannandolo al declino, la spinta per un cambiamento deve partire da noi studenti.

Non è sufficiente opporsi ai tagli, ma occorre pretendere una ripartizione dei finanziamenti alle Università che tenga conto della qualità della didattica e della ricerca, della gestione economica, dei servizi agli studenti e delle politiche di internazionalizzazione.

Come si sa, da molti anni l'istruzione italiana, in confronto a quella generale europea, fa letteralmente schifo (e scusate il termine). Si salvano solo la scuola elementare e alcune università che occupano discrete posizioni nell'elenco delle migliori università d'Europa e del mondo (tra queste troviamo La Sapienza di Roma e la Statale di Milano). Il nostro buon Governo cosa fa? Rade al suolo la scuola elementare e le università. Ora...non sto a parlare della scuola elementare perché c'è veramente da piangere (e sfido chiunque a dirmi di no motivando la sua risposta) e perché non è questa la sede..ma perché i tagli alle università vengono fatti indiscriminatamente senza nessun criterio? Si inneggia tanto alla meritocrazia, alla lotta ai fannulloni...però poi si va a colpire tutti, senza distinguere se sono fannulloni o meno, meritevoli o meno. Ci sono università che hanno una fama pessima ed università che hanno un notevole prestigio, anche internazionale, eppure la "riforma" colpisce entrambe le categorie allo stesso modo.

Insomma, siamo chiari, l'obiettivo non è certo quello di colpire i fannulloni o di risanare le casse dello Stato (visto e considerato che gli stipendi dei parlamentari son sempre gli stessi, che continuiamo dal 2004 a pagare 300 000€ al giorno di multa all'Unione Europea per vederci Rete 4, svendiamo Alitalia, ecc.), ma quello di rendere più ignoranti i cittadini. La formula è semplice: cittadini più ignoranti = cittadini più facili da controllare. Una persona più ignorante è anche più credulona ed è quindi più facile convincerla a votare per me e convincerla che ciò che io faccio è giusto.
Ciò che più dovrebbe tenere a bada il potere in un paese democratico è proprio il popolo. Più è acculturato ed informato più un governo deve stare attento a far le scelte giuste; più è ignorante e burino più un governo può convincerlo che il suo operato è perfetto (specialmente se poi controlla gran parte dei mezzi d'informazione).

Si potrà obbiettare dicendo: "ci son pur sempre le scuole private". Obbiezione respinta. 1) La scuola privata ha dei costi che non tutti i cittadini possono sostenere. 2) La scuola privata è controllabile dal potere (la scelta d'assunzione di un professore in una scuola privata è diversa da quella di una scuola pubblica. Mi spiego meglio con un esempio: non troverete mai in una scuola cattolica un professore che manifesta idee di laicità. Quindi scuola privata spesso significa negazione del pluralismo delle idee degli insegnanti. Il che, si badi, non significa che non debbano esserci scuole private, ma che anche la scuola pubblica debba poter offrire un'istruzione decente affinché non tutti i cittadini acculturati siano generati da scuole che perseguono un certo tipo di "valori").

Ducisi in fundo...ecco un'altra manovra del Re ehm scusate cavaliere & company per meglio controllare le menti di noi plebei e indurle a votare dalla loro parte.

Tra un po' faremo lezione nei giardini, con l'Aristotele di turno che ci narrerà delle imprese di Silvio Magno.

Dunque salutiamo queste nuove università: Viva Silvio! A NOI!

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/PhoenixSpace/trackback.php?msg=5607218

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: zalo88
Data di creazione: 19/08/2008
 

HATE THEM!

Informazione gratuita, attuali parlamentari indagati e/o pregiudicati al link

 

CORAGGIO

La spada sarà inutile nelle mani di qualcuno che non si sforza di lottare

Nichiren Daishonin

                                                                                   

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: zalo88
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 26
Prov: MI
 

FREE BLOGGER

Free Blogger

 

NO AMMAZZA BLOG

 

SENTENZA N. 24 2004 DELLA CORTE COSTITUZIONALE

[...]

La CORTE COSTITUZIONALE

dichiara l'illegittimità costituzionale dell'art. 1, comma 2, della legge 20 giugno 2003, n 140 (disposizione per l'attuazione dell'art. 68 della Costituzione nonché in materia di processi penali nei confronti delle più alte cariche dello Stato);

dichiara ai sensi dell'art. 27 della legge 11 marzo 1953, n. 87, l'illegittimità costituzionale dell'art. 1, commi 1 e 3, della predetta legge n. 140 del 2003.

Così è deciso in Roma nella sede della Corte Costituzionale, Palazzo della Consulta, il 13 gennaio 2004.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tarallone1konan318ben.danielesamiracavinimissmicia00paololucapascaliOLLENOM71eleda.aclallacbrdany.monystudiobasilepanuccipiergiorgiominettilmuzzazalo88ULTIMAFILA52
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 2
 
 

RINGRAZIAMENTI_1

.

.

Il tempo è passato e non possono ringraziarsi uno ad uno tutti coloro che dovrebbero ringraziarsi. Quindi il grazie generale va alla Rete, alla Stampa, a tutti coloro che si battono per la Verità!