Creato da Praj il 30/11/2005
Riflessioni, meditazioni... la via dell'accettazione come percorso interiore alla scoperta dell'Essenza - ovvero l'originale spiritualità non duale di Claudio Prajnaram

Area personale

 

Ultime visite al Blog

hellah1PrajsofiastrealubopoLUCE55YOGIsensibilealcuorelacey_munropasquale.pato7street.hassleimpulsiva_mente_fmelissa38mclarallende56linovenapgmma
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultimi commenti




 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

 

Disclaimer:

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001.
Le immagini pubblicate e i video tutte tratti da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Questo vale anche per alcuni brevi estratti di testo presi da alcune pubblicazioni, di cui però è sempre citata la fonte.
Qualora il loro utilizzo violasse i diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog che provvederà alla loro immediata rimozione.

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 

 

GRIGIO MARE

Post n°2641 pubblicato il 19 Dicembre 2014 da Praj
 

Luce all'orizzonte in un grigio mare invernale.
Sciabordio di onde
il solo ritmo che copre il silenzio.



 (Sturla - Ge - 18/12/2014)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SEI SEMPRE QUEL CHE SEI

Post n°2640 pubblicato il 18 Dicembre 2014 da Praj
 

Molti dicono: vorrei essere autentico... quando sarò me stesso ... non ero me stesso... Chi è allora quel qualcuno che ha fatto, che fa o che farà... se non sei tu? Il punto è che sei sempre autentico, anche quando menti: il quel momento sei un autentico mentitore. Il resto è astrazione, immaginazione, irrealtà. Si è dunque sempre autentici rispetto a ciò che facciamo nel momente presente. Probabilmente non lo siamo spesso, ma solo rispetto al nostro potenziale, a quello crediamo d'essere.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I 10 COMANDAMENTI DI BENIGNI

Post n°2639 pubblicato il 17 Dicembre 2014 da Praj
 

 


Ribadendo che "de gustibus non est disputandum", confesso che a me piace ascoltare Benigni nelle sue performance e che, nonostante usi un linguaggio e riferimenti culturali diversi da quello da cui io ho attinto, nello spirito mi trovo sostanzialmente in sintonia con la sua Visione dell'uomo, della vita e dei suoi valori e su Dio.
La seconda serata sui "Dieci comandamenti" me l'ha riconfermato.
Per me è un grande, come artista e sotto molti aspetti.
Mi sento di poterlo definire anche un maestro... di vita.
Naturalmente mi riferisco al benigni più maturo, quello di oggi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LIBERI DAGLI OPPOSTI

Post n°2637 pubblicato il 12 Dicembre 2014 da Praj
 

... la filosofia dell’advaita (la non dualità) va ancora oltre: ammette l’illusorietà dell’universo manifesto, ivi compreso l’individuo umano, e questo è il suo aspetto trascendente, ma nello stesso tempo non vieta all’individuo illusorio di continuare il gioco. Il cercatore, diventato un saggio, continua a giocare a nascondino, a giocare al gioco del bene che si oppone al male, del successo opposto al fallimento, sapendo perfettamente che è un gioco. Sa che l’universo, benché illusorio come un’ombra, appare solo perché sorretto dall’assoluto immanente. Ciò significa che l’aspetto trascendente della manifestazione (la sua illusorietà) va assieme all’aspetto immanente e che l’illusorietà è l’aspetto oggettuale soggetto assoluto. L’universo manifesto è ovviamente un’illusione, ma questa illusione non sarebbe apparsa senza la base dell’assoluto immanifesto. La manifestazione è presente, ma la sua presenza è immagini appaiono sullo schermo, ma non avrebbero potuto apparire in assenza di schermo.
È così che il saggio illuminato si è liberato dalla schiavitù degli opposti.
(Ramesh Balsekar)


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

OLTRE IL DUALISMO

Post n°2636 pubblicato il 11 Dicembre 2014 da Praj
 

Dalla voglia di felicità e dal rifiuto dell'infelicità, prima o poi, ci si dovrebbe emancipare, per accogliere quel che si è e vi è, smettendo di avanzare pretese sulla vita data. Non andrebbe dunque cercata la felicità ed evitata la infelicità, se si vuole fluire in quella che è la via di mezzo sempre presente: l'accettazione del ciò che è, così com'è. Sembra una triste rinuncia, una scelta di passività, mentre in realtà è una conquista incomparabile, una realizzazione essenziale e trasformatrice, il cui unico e caro prezzo è una fiducia da offrire, senza se e senza ma, al mistero della Vita.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PIUTTOSTO CHE FINGERE

Post n°2635 pubblicato il 10 Dicembre 2014 da Praj
 

E' meglio incavolarsi e sfogarsi al momento
che logorarsi fingendo un buon sentimento...



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SEGUACI IMMATURI

Post n°2634 pubblicato il 09 Dicembre 2014 da Praj
 

 

Tanto più abbiamo bisogno di capi che ci comandino, di pastori (religiosi, politici o opinionisti) che ci guidino, tanto più dimostriamo di essere pecore, dei poveri seguaci, incapaci di autodeterminazione e collaborazione reciproca. Implicitamente, quindi, riconosciamo la nostra immaturità evolutiva, cosa che poi qualcuno ovviamente sfrutta, alimentando frustrazione e rabbia o rassegnazione beota o interesse conservatore.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

GESTIRE LE PASSIONI

Post n°2633 pubblicato il 08 Dicembre 2014 da Praj
 

 

La passione è un fuoco che brucia, scalda il cuore, finchè non diventa ossessione. Diversamente può anche diventare malattia. E' un'energia potente che può essere sia costruttiva che distruttiva. Quindi va gestita con cura, per non farsi travolgere dalla sua potenza. Quando è posseduta e domata diventa una forza benefica, creativa al nostro servizio.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

UNITA' ASTRATTA

Post n°2632 pubblicato il 07 Dicembre 2014 da Praj
 

 

Sapere di essere uno con il tutto, per quanto lo si senta empaticamente, resta pur sempre una dimensione intangibile che accade solo nella coscienza (spirituale). Nella realtà psicofisica della tua ordinaria esperienza umana ti sarà comunque impossibile non sentirti in qualche modo separato. E' nell'ordine delle cose che così sia. Accettalo, non fingendo un'unità astratta, teorica, che non corrisponde a ciò che vivi e pensi normalmente.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

COM'E' POSSIBILE?

Post n°2631 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da Praj
 

Com'è possibile che, dal politico alla gente comune, le persone non conoscano mai chi frequentano, non sappiano mai con chi hanno a che fare... e lo scoprano, sorprendendosi, solo quando questi commettono reati, resi poi noti dai media? Distratti, menefreghisti od omertosi?




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NON BARARE

Post n°2630 pubblicato il 06 Dicembre 2014 da Praj
 

Guardiamoci molto bene dal barare con noi stessi, perchè se anche riusciamo ad incantare gli altri, stiamo perdendo la partita essenziale con la nostra stessa vita.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NITIDA VISIONE

Post n°2629 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da Praj
 

Per osservare i particolari dobbiamo avvicinarci all'oggetto da visionare, ma per vedere l'insieme è meglio allontanare il nostro punto d'osservazione.
Occorre dunque una una sorta di metodo 'scientifico' per vedere con più chiarezza, sia che s'indaghi dentro o fuori di noi, per osservare le cose neutralmente, onde evitare che le nostre aspettative, nutrite da paure o desiderio, deformino la visione. Questo metodo è uno degli aspetti fondamentali della meditazione.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA PUZZA DEL PESCE

Post n°2628 pubblicato il 04 Dicembre 2014 da Praj
 

Truffe, imbrogli, corruzione... Si dice che il pesce puzzi dalla testa, e certamento ciò è vero, ma a vedere molti servizi giornalistici e inchieste di denuncia - tipo le Iene, Report ed altri programmi - è sconcertante constatare come anche il corpo intermedio e la coda non è che emanino un gran bel odore (sic!). C'ho famiglia, devo campare, fanno quasi tutti così, ecc... dicono i 'furbi' giustificandosi quando sono beccati con le mani nel sacco dell'imbroglio o della ruberia o malaffare. Il guaio è che forse molti di costoro poi possono essere tra gli indignati dal sistema corrotto, e mostrano la faccia dura contro la 'testa' puzzolente, facendo finta di non sentire il loro piccolo tanfo.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

AMICO E NEMICO

Post n°2627 pubblicato il 04 Dicembre 2014 da Praj
 

Forse è preferibile conoscere bene un nemico piuttosto che male un amico: perchè il rischio di delusione è più basso. Allora meno tradimenti desterebbero sorpresa in coloro che s'illudevano riguardo a relazioni credute valide.
Le categorie di 'amico e nemico' sono spesso condizionate dalla gratificazione o difesa che l'ego usa per la salvaguardia o affermazione di se stesso.
Finchè questa attitudine discriminatoria sarà in atto si continuerà a proiettare sull'altro l'etichetta di 'amico o nemico', indipendentemente dal fatto che ciò sia vero o meno. Per cui sembra confermarsi l'affermazione psicologico-spirituale che dice: amico è colui che ti unge l'ego e il nemico colui che lo ferisce. Salvo i rapporti veramente consapevoli e veri.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

VELO DEFORMANTE

Post n°2626 pubblicato il 03 Dicembre 2014 da Praj
 

Anche se lo stato di coscienza risvegliata potrebbe essere la cosa semplice e facile da realizzare adesso, incredibilmente la mente la rende la più difficile. Lo fa calando un velo deformante che trasfigura l'eterno ciò che è, sempre davanti e dentro noi, facendoci credere che questa caricatura grottesca del reale sia il vero.


(L'immagine è del pittore Michael Cheval)


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SENZA PAZIENZA...

Post n°2625 pubblicato il 02 Dicembre 2014 da Praj
 

Senza pazienza non c'è conoscenza.
Senza l'amore non c'è che dolore.
Senza allegria la gioia va via.
...

(L'immagine è del pittore Michael Cheval)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PIU' VICINO NON PUO' ESSERE

Post n°2624 pubblicato il 01 Dicembre 2014 da Praj
 

Ho dato l'addio alla palude delle colpe
dei meriti e dei peccati
cercando l'innocenza senza tempo.
Ora, vestito di celeste e grigia esperienza
riesco anche a leggere e sentire
i sacri e taciuti messaggi del cuore
dei viandanti assetati di luce.
E voglio dir loro che la pura Sorgente è vicina
che più vicina non può Essere.




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TE L'AVEVO DETTO!

Post n°2623 pubblicato il 30 Novembre 2014 da Praj
 

Anche se molte volte sei costretto a tener dentro di te un 'te l'avevo detto...' a qualcuno, al riguardo di molte illusioni e credenze, sbandierate inopinatamente in vari campi, sai comunque che il lasciare che le cose vengano comprese con i tempi di maturazione di ognuno, resta pur sempre la miglior opzione per un positivo approccio alla crescita ed esperienza personale.
Non di meno quella tentazione di dire ' te l'avevo detto...' è sempre forte e incombente, anche se va lasciata andare per 'disturbare' il processo evolutivo di chi è in crisi e sta crogiolandosi nelle sue difficoltà di orientamento.


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA VOCE DEL MISTERO

Post n°2622 pubblicato il 29 Novembre 2014 da Praj
 

C'è chi ascolta solo l'urlo,
mentre ad altri bastano parole,
per pochi e rari uomini
serve il semplice sussurro.
Però solo chi coglie
il messaggio dal silenzio
può sentirsi benedetto
e saper di avere udito
la voce sapiente del mistero.

 


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LETTERA MORTA

Post n°2621 pubblicato il 28 Novembre 2014 da Praj
 

Concettualizzandolo troppo... lo spirito diventa lettera. Morta.



 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »