Creato da stella433 il 07/03/2008
OLTRE LA MENTE... IL CUORE

PRIMA PUBBLICAZIONE

 
- LE PAROLE DEL CUORE
- puoi acquistarlo da qui-clicca-
 

i miei link preferiti

 
 
MI TROVI ANCHE QUI
 SCRIVERE.INFO
http://www.paolomoschini.it


E NON DIMENTICARE..
AIL=ASSOCIAZIONE ITALIANA
LEUCEMIE E LINFOMI
DAI IL TUO CONTRIBUTO
NEL CERCARE DI
SCONFIGGERE QUESTO MALE
O PER LO MENO INFORMATI!
E TU,FUTURA MAMMA,
DONA IL CORDONE OMBELLICALE,
POTREBBE SALVARE MOLTE  VITE!
 

Ariel's Graphic

 

Ultime visite al Blog

 
capricorno690cara.callastellarossa69sdivakattivadinatuffanelliciaobettinaLewis_RPaolaFontana77coccolinoamoroso4maxi1947demo959occhineri2005ladyamira1ciaobettina0marselo1975
 

FACEBOOK

 
 
 

mare nostrum..abbiamone cura!

 



 

non solo parole..

 


La poesia è il salvagente a cui mi
aggrappo quando tutto sembra svanire...

Quando il mio cuore gronda per lo strazio
delle parole che feriscono,

dei silenzi che trascinano verso il precipizio...
Quando sono diventato così impenetrabile..
che neanche l'aria riesce a passare.
Kahlil Gibran



 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

quanti siamo?

 



counter
 

VIDEO

 
 

DONNE

 

DONNE IN ART

 
 

 

 

VOLERE.. L'IMPOSSIBILE..

Post n°180 pubblicato il 22 Aprile 2009 da stella433
Foto di stella433

Vorrei...
riavvolgere la tela della vita
cucendo orli dove son sgualciti
rimescolare tele con colori
pittando i veli grigi coi turchini

Vorrei avere ancora il tuo sorriso
per vincer la tristezza che ho sul viso
contare ancora sulla tua presenza
nei giorni in cui non posso farne senza

Vorrei
arrotolare tutto il cielo con un soffio
racchiuderlo nel palmo della mano
rubando la tua stella dall'immenso
tenerla accanto a me sul mio cuscino
per estirpare dentro quella luce
l'essenza tua con tutta la mia forza
sentirne il tuo respiro dentro al mio
addormentarsi dentro a quell'addio
tu
che resti per l'eterno figlio mio...

scritto da stella433


 

 
 
 

QUANDO TUTTO PAR PRECIPITARE..

Post n°179 pubblicato il 22 Aprile 2009 da stella433
 
Foto di stella433


ANDATA E ...RITORNO

Ora vai...
se devi andare...
rammenda quel
tuo cuor che s'è scucito
Qui ...
ritroverai lanterne accese al tuo ritorno
e il tuo tempo per sorridere vedrà la luce
avrai altre lacrime ancora d'asciugare si...
ma occhi in cui guardare

Ma ora vai
se devi andare...
cammina coi tuoi piedi in ogni direzione
in ogni stazione

Vedrai altri treni passare
da una vita all'altra
e forse
un giorno ritroverai la forza di
salire per lasciarti dondolare
seguendo il movimento col tuo petto

Forse tornerai con l'odore acre di fumo dentro al naso
fuliggine che lascia indelebile la traccia all'anima
ma poi...
sarai a casa
dove l'eco dei perché sarà svanito
dove il dolore sarà
coperta ormai sgualcita
gettate lì ...
ai piedi del letto
Ci saranno altre stelle nella notte fonda
che brilleranno per te
con te... riveleranno all'universo la tua esistenza
sarà la forza tua
la tua rivincita

All'alba sarà la luce dell'aurora a risvegliarti il cuore
non più bozzolo appeso a testa in giù
da notturna falena diverrai
bellissima farfalla
e allora
allargherai le ali
senza più timori
senza più tormenti
e volerai leggera
sicura...
oltre i confini dell'orizzonte
disegnando il cielo
con i colori immensi della tua fantasia...

scritto da stella433


 

 

 
 
 

PREMIO ONLINE LAURENTUM 2009

Post n°178 pubblicato il 26 Marzo 2009 da stella433
 
Foto di stella433


E' stato avviato da qualche giorno il concorso online PREMIO LAURENTUM 2009 , chi vuole partecipare l'iscrizione è libera e chi avrà la bontà di leggere la mia poesia "OMBRE" e votarla,potrà farlo direttamente da qui:

http://www.premiolaurentum.eu/Concorso/Poesia.aspx?IDPoesia=2153

Grazie a tutti!

 
 
 

PROSSIMAMENTE- PRIMA PUBBLICAZIONE

Post n°177 pubblicato il 16 Marzo 2009 da stella433
 
Foto di stella433

RECENZIONE  VINCENZO MANCUSO

Sono vere e proprie parole del cuore a costruire
la densa scrittura dell'autrice, alla sua prima prova ufficiale.
Una silloge, la sua, che colloca il lettore al centro di un universo condiviso in ogni sua gioia ed ombra, rivelando uno stato d’animo tormentato alla ricerca di una quiete che sembra stemperarsi solo al ricordo di un tempo passato.
E’ una poesia che dilaga di struggente malinconia rifocillandosi a tratti
nell’incedere cauto e dolce della contemplazione
del cielo nella speranza di un segno.
Sono la notte, il cielo e i volti dei cari non più -di vita terrena- ad ispirare la stesura di quest’opera, custodita in un primo tempo fra gli scritti personali della poetrice.
Poesia ch’è frutto di un travaglio, della mescolanza di una dolenza mai sopita e delle piccole gioie quotidiane, riconquistate attraverso un lento e duro lavoro interiore.


LE PAROLE DEL CUORE

se vuoi puoi ordinare il libro direttamente da :

 http://www.negoziofree.com/nuovipoeti

oppure contattami, sarò felice di darti ogni chiarimento !
------------------------------------------------------------------------------
E PER LA SERIE..CI SONO ANCH'IO ..

UN' ULTIMA NOVITA' :
ESCE PROSSIMAMENTE

 IL NUOVO LIBRO
"UNA PICCOLA POESIA " VOL 2
RACCOLTA POETICA CORALE
EDIZIONI KIMERIK
ANTOLOGIA A CURA DI LUCREZIA MAGGI



 
 
 

"SIAMO DONNE..MA NON SOLO L'8 MARZO !"

Post n°176 pubblicato il 08 Marzo 2009 da stella433
 
Tag: donne

MIMOSA


NOI DONNE

Noi Donne che generiamo in amore
che ripieghiamo nelle mani
lenzuola di giorni per altri
Siamo noi con l'anime grandi
fanciulle mogli amanti madri raccolte
dentro a cesti di lacrime nascoste
tra conserve di sorrisi
inebrianti di profumi a circondare
le nostre stanchezze
sapore d'acqua di rose sulla pelle in amore
caldo velluto su cui appoggiare i visi
e rigenerar la forza
Donne fresche frizzanti
come un ruscello sgorgato dalla roccia
all'alba dei giorni
torrente in piena nelle fatiche degli anni
che mutan le rughe
Siamo Donne
fatte di carta assorbente per lenire le pene
grilli saltanti tra le lancette del tempo che vola
da un tram e le pentole al fuoco
Donne fatte di grida e angherie e di successi sbiaditi
donne indifese aggrappate al falso buonismo
del furbo di turno
donne in attesa di un'umile gesto dettato dal cuore
per man dell'ignoto che t'offre una rosa
cosparsa di spine
Siamo Solo Donne che piangono ridono e stirano
corrono in mezzo alla folla con borse ricolme d'amore
speranze e di sogni da vendere al mercato al miglior offerente
a prezzo scontato per chi davvero di donne..
ne ha capito il senso!

scritto da stella433

 

 


 
 
 

TRA CAREZZE E VIOLE

Post n°175 pubblicato il 06 Marzo 2009 da stella433

VIOLE

TRA CAREZZE E VIOLE

 

Ho intrecciato ghirlande di fiori
sulla bocca dei ricordi per chiuderne l'eco
ma il lamento era tale da far trasalire
anche il sordo in fondo alla valle

Non c'è pace nell'anima oggi
non più
e piange anche il cuore
cosparso da piccole lame taglienti
che penetrano giù fino al fondo
incidendo anche l'ultimo appiglio di carne ancor viva
ch'emerge pulsante facendosi spazio tra lacrime nere
che sgorgano lì tra le vene e la carne

...Son lividi eventi
che lasciano lungo la strada
quei massi di pietre che crollano addosso
che noi non sappiamo spostare
se pur poi proceder dobbiamo
seppur leccando ferite...

Così
col pianto soffocato spezzato giù in gola
raccolta la forza dalle gambe alla chioma
ho racchiuso i ricordi in un cesto di carezze e di viole
l'ho appeso tra le albe e i tramonti
tra i silenzi e le ore
nei battiti del cuore
tra sogni e poesia e ne ho fatto tesoro
e quando nel vento del nord ho trovato il tuo profumo
ho inebriato la mente con l'essenza di te
nell'attesa ...
d'intrattenere la tua anima alle dita

scritto da stella433

 
 
 

DAL CUORE OLTRE LA MENTE...

Post n°174 pubblicato il 24 Febbraio 2009 da stella433
 

LUNA
OMBRE...


Sulle spoglie roccie
nel chiaror della luna
tremulano l'ombre dei fantasmi della notte
come pesanti fardelli ripiegati sulla carne
premono sul cuore

togliendo il fiato

Notte silenziosa e cupa
 per l'anima stanotte
sulla sabbia scura
s'ode solo il passo incerto del domani

farsi spazio tra conchiglie morte

Tra gli echi di sirene lontane
s'alza un vento fioco
mentre
i miei occhi impauriti
riflettono l'onde lente
quasi rapprese dentro la risacca

Dorme il mare e tutto intorno tace

solo un lamento lieve accarezza l'anima

mentre l'ombra tua s'accascia al  fianco mio
a rimirar la luna
..
scritto da stella433













 
 
 

Post N° 173

Post n°173 pubblicato il 15 Gennaio 2009 da stella433



ALL'ALBA DI UN NUOVO GIORNO


Son giorni pesanti i miei giorni
par sian macigni che passano addosso
calcando l'essenza fin sotto le zolle
lasciando alla lingua l'amaro sapore
che sa di acre stagioni trascorse a pensare
che tu non mi siedi più accanto da tempo
che a nulla è valso il tormento
di quando con gli occhi sul cuore
e le braccia tue tese che mute chiedevan l'amore
fingendo giornate fatte di sole tra crude pareti
piegavi la carne tua stanca
tacendo il dolore immerso in mille sorrisi
per non far tremare le anime nostre
che già s'eran fatte di carta velina
guardando i tuoi occhi e il tuo corpo
che statico passava le ore pensando a un'incerto domani
Son giorni quei giorni che consuman la vita
che scavano dentro lasciando ferite
Ma aspetto che torni quel pezzo d'azzurro
che tinga i miei giorni come un carosello
L'attesa è infinita
ma non segna fatica sul viso mio stanco
E attendo.. attendo i tuoi passi fin dentro al cortile
e la mano scherzosa che mi cinga la vita
 ..Son sveglia o son desta mi chiedo impaurita..
non sò ..neppur io
ma in fondo ci credo fa bene al mio cuore
 e attendo che torni quell'alba infinita
e quando svegliandomi dall'incubo che mi consuma
t'avrò tra le braccia ancora una volta
pregandoti ancora di non anda via
ti terrò tra i miei giorni e per tutta la vita mia

scritto da stella433





 
 
 

Post N° 172

Post n°172 pubblicato il 13 Gennaio 2009 da stella433


VITTIME E CARNEFICI

Racchiusa nel fragile guscio
la vita tentenna
Adagiati tra cuscini di seta
noi miseri corpi fluttuanti
inganniamo la mente forgiando
apparenti emozioni
cullandoci dentro all'eccesso
incuranti dei problemi del mondo
Noi
che padroni del tempo non siamo
incoscienti del male recato alla terra
rinneghiamo i valori degli avi
Ostentiamo lussurie per gli altri
ci vestiamo di maschere in cera
confondendo il vero col falso
per la gloria che dura un momento
Ma verrà il tempo dei tempi
quando il cielo cadrà sulla terra
e gli uccelli saranno già in volo
ed il sole cederà quei suoi raggi
al volere di mille potenti
Noi solo allora
cercheremo la zolla più fonda
aggrappandoci dentro ad un sogno
torneremo all'amore di un tempo
bagneremo gli occhi all'aurora
ricercando il colore del cielo
gioiremo per un vano sorriso
accennato dal bimbo assetato
di quell'acqua che non ha più il suo colore
di quel bene che nulla ci costa
ma che pur non sappiamo donare
Noi
peccatori battendoci il petto
rimpiangendo il passato
scopriremo l'inutile avuto
apprezzando la sola carezza del cielo
ma guardando con gli occhi del cuore
questo mondo che addosso ci crolla

scritto da stella433








 
 
 

Post N° 171

Post n°171 pubblicato il 13 Gennaio 2009 da stella433


TRA IL CIELO E LA TERRA


Tu ..
come voce suadente
che intorpidisce la mente
come forti armonie che scuotono l'anima
tu che soffiavi gioiose carezze sul cuore
disperdendo le nuvole in cielo
Tu..
lieve brezza che culla i pensieri
ora sei l'angelo che nutre la carne
il fiume che irrora le vene
la luce che penetra l'ombra
sei quell' impalpabile sogno
che dolce mi viene a trovare
nell'inverno ormai freddo
nell'aurora più mite
con il sole d'agosto che accende la terra
tra i meandri più ignoti hai messo radici
sei tra i fiori del prato
tra la pelle e le ossa
tra le lacrime di pioggia dei giorni in tempesta
tra il cielo e la terra
Ora,
tutto mi parla di te..
perchè tu sei
e vivrai per sempre dentro di me
Figlio mio...

scritto da stella433













 
 
 

UNA MANO VERSO IL CIELO...

Post n°170 pubblicato il 06 Gennaio 2009 da stella433




Vita


Vita che cammini silente al
fianco mio
che di me hai fatto scempio fendendomi l'anima
poggia la mano tua
sul corpo stanco
ascolta il ritmo stonato ormai privo
d'armonia
cancella dalle mie vene lo scorrere dei giorni
dell'assenza sua

muta il tempo
assapora ancor con me
l'attimo in cui ero viva

pulsa ancor il mio sangue al cuore
e ridammi la sua vita...
scritto da stella433


 
 
 

Post N° 169

Post n°169 pubblicato il 28 Dicembre 2008 da stella433

IL DOLORE DEI GIORNI

Sibilo di vento
tremito di foglia appesa a un filo
Lancinante acceso
dolore nei giorni

e tra la fitta nebbia
le mie lacrime
in quel gorgo
di immagini

si perdono
Al niente mi appoggiai
con mani spettrali

dentro a stanza chiusa
a cercar la tua presenza
Con l'anima in
pena

viaggio e torno sempre lì
nella curva dei tuoi occhi
che fa il
giro del mio cuore

e afferrando dolci pensieri
a trovar quell'ombra
provo

nell'incessante bisogno di riaverti accanto

scritto da stella433


 
 
 

Eros Ramazzotti - Dove si nascondono gli angeli?

Post n°168 pubblicato il 21 Dicembre 2008 da stella433



Dove si nascondono gli angeli


Ci sono momenti
in cui penso che
l'innocenza non c'è più

Non so abituarmi
a questa realtà
non sopporto le immagini
di violenza e crudeltà

Ora lo so
alibi più non ha
la guerra inutile tra due civiltà
anche pregare sembra ormai un'eresia
in questo tempo di ordinaria follia

Dove si nascondono gli angeli
quando a terra cadono gli uomini
vittime innocenti e colpevoli
di una falsa verità
in un tempo che più pace non ha

Ci sono momenti
in cui mi chiedo perchè
l'indifferenza è normalità
che più lacrime non dà

Ora lo so
io non ci credo più
alle promesse dei mercanti nel tempio
e anche un'idea è un'utopia
in questo tempo di ordinaria follia

Dove si nascondono gli angeli
quando a terra cadono gli uomini
non ci sono più cieli limpidi
io non so se guarirà
questo tempo che più pace non ha

E anche per te
che crescerai
proteggerò la vita e i sogni che hai
tutto quanto cambierei

Non ci sono più cieli limpidi
ma qualcosa c'è
oltre queste nuvole.......








 
 
 

Post N° 167

Post n°167 pubblicato il 15 Dicembre 2008 da stella433

I RICORDI DEL CUORE

Ricordi il mare...
si riversava dentro ad anfratti scolpendo gli
scogli

spumose l'onde dissetavan la sabbia infuocata dal sole
e nelle
notti d'agosto di onda in onda la luna complice

vegliava gl'innamorati sempre
più abbracciati a sospiri e sogni

Ricordi il mare...
a volte calmo altre
in tempesta

ricopriva la banchigia coi suoi spruzzi
spumeggianti

tracciando di salsedine marciapiedi e case
e noi gioiosi come
due bambini

asciungandoci il viso
fissavamo le immagini alla
mente...

Oh Mare
distesa d'infinito
misterioso e sinuoso
acqua
gorgogliante del color del cobalto

scrigno di segreti e di mille tesori

di parole agitate dal vento sbattute sopra le roccie
di gocce salate
riversate sul cuore frantumato

come cocci di conchiglie preda dell'onda sulla
riva

in balia della sorte
tra il profumo dei tanti tramonti ...
Mare
...

sinfonia di note
trascinate su barche
veleggianti sull'onda senza
più una meta

persa ad ogni sguardo gettato all'infinito
E rivedo il mare
con gli occhi dei ricordi

mentre dai flutti
ripesco la mia vita al volo

impigliandone il senso alle reti di lampare
abbandonate dentro quegli
abissi

ad aspettar la vita che riemerga dal fondo
ritrovando
l'onda

per tornare a volare con l'ali di un gabbiano
verso il rosso
all'orizzonte

Ricordo il mare con il dolce suono delle tue parole
con i
suoi riflessi ed i miei ricordi

chiusi dentro agl'occhi
fino a fare
male...


scritto da stella433


 
 
 

Post N° 166

Post n°166 pubblicato il 04 Dicembre 2008 da stella433

Come Fenice

Cammina lesta pur di non pensare
a quel che il suo destino le ha riservato

e inciampando nei torpori della mente
coglie ogni ricordo del
momento
Da labbra secche stridono parole
arsa la gola ingoia la sua
rabbia
E treman le mani sopra quel bel viso
coprendo ciò che gli occhi
han reso vivo
l'orrore del dolore le han regalato
le rughe d'ogni suo
passato
Come un gabbiano in cerca del suo cibo
vagando sui sentieri
della vita
gettando sguardi tra la gente assente
viaggia alla ricerca
dell'esser suo perduto
Ha pianto dagli occhi lacrime del
cuore
spargendo sulla terra il suo dolore
disseminando ai piedi di una
quercia
l'essenza sua e della sua tristezza
Rinascerà all'alba di un
nuovo giorno
Sarà fenice tra profumi e mirra
di nuove le ali saran per
volar ancora
e bagnerà i suoi piedi in altri lidi
scorticherà la pelle sua
come serpente
spogliandosi di quella carne sua
debole e
impotente
appagherà il suo corpo con il miele
ritroverà la forza dentro ad
un sorriso
appeso all'oro del mattino e tra le ombre ...

scritto da stella433




 
 
 
Successivi »