Creato da Solo_Vita il 10/08/2006

Angelo Ribelle

La Via Che Conduce All'Inferno E' Lastricata Di Buone Intenzioni? Piacere, Io Sono Il Pavimentatore...

 

 

« NebbiaSalsedine »

Piombo ed Oro

Post n°203 pubblicato il 09 Aprile 2012 da Solo_Vita

Che cos'è il dolore?

Provo a riflettere mentre, faccia al vento, mi faccio schiaffeggiare da una pungente brezza di mezzo aprile: sottile, tagliente, bifronte come Giano.
Una carezza a metà, giusto l'idea di potersi illudere, prima di avvertire l'epidermide che brucia, screpolata da un tocco indelicato. Prima di realizzare che fa ancora freddo, ma non per questo si è pronti ad indietreggiare.

La domanda però rimane.

Sterilizzandolo della paura cosa rimane, cos'è il dolore?

E' forse una corsa in moto con le parole che rimangono impigliate per sempre dentro ad un casco?
Una radiografia con una macchia scura?
Un sogno al quale hanno spezzato le ali come foglie secche?

Il cielo nero sopra di me non sembra offrire risposta alcuna.
Impossibile ricorrere agli astri, impensabile il ricorso a divinità che spesso sembrano negare un'auspicabile benevolenza, folle contare sul calcolo probabilistico.

Ci sono solo l'uomo, il mistero, il freddo che scuote le ossa e la mente che prova a decollare disperata da una pista troppo corta. -Ce la posso fare, ce la posso fare-.

Cos'è che attanaglia le viscere, mette in tensione la muscolatura involontaria, accelera i battiti, rende impossibile il sonno?

Cosa può sortire effetti così devastanti sull'animo umano?
Cosa può influenzare pulsioni, pensieri, slanci, determinare imprese?

Cosa se non la vita stessa nella sua più alta ed intensa manifestazione potrebbe tanto? Quale combustibile più nobile e disperato dell'attaccamento all'esistere, del lasciare una piccola orma nel deserto dell'eternità, potrebbe determinare un tremore tanto forte nell'animo umano?

Dolore e vita, vita e dolore.

Probabilmente separare l'uno dall'altro sarebbe la più grande opera di Alchimista, assieme al tramutare il piombo in oro.
Per cosa concludere poi?
Forse davvero meglio il promiscuo, faticoso esistere. Con le ferite che bruciano e la gioia che talvolta scoppia improvvisa nell'anima.

Buona fortuna.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

INFERNO, CANTO V, VV. 127-138

Noi leggiavamo un giorno per diletto

di Lanciallotto, come amor lo strinse:

soli eravamo e sanza alcun sospetto.

Per più fïate li occhi ci sospinse

quella lettura, e scolorocci il viso;

ma solo un punto fu quel che ci vinse.

Quando leggemmo il disiato riso

esser baciato da cotanto amante,

questi, che mai da me non fia diviso,

la bocca mi baciò tutto tremante.

Galeotto fu il libro e chi lo scrisse:

quel giorno più non vi leggemmo avante.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Solo_Vitacjeannine0000de_cacastagna.scavicuorediselvaggiasem_pli_ceetere_afrancesca632max_6_66DJ_PonhzipupellapampamrosacleliaDonna81tsogno.magiaautumninrom0
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom