Community
 
salcapi1978
   
 
Creato da salcapi1978 il 31/03/2008

Il giorno in più

di quanti giorni o anni sarà composta la nostra vita? non ci è dato saperlo. e allora ogni mattina in cui il sole sorge possiamo considerarlo il nostro giorno in più, ogni sorriso che riceveremo o doneremo sarà un sorriso in più e con questa filosofia potremo tutti sentirci un po' più ricchi (interiormente). regala un *sorriso in più* che renda i giorni *più* speciali.

 

riflettiamoci su

Post n°70 pubblicato il 24 Marzo 2009 da salcapi1978

ormai da mesi non ci sentiamo ripetere altro: precarietà, crisi e lavoro che è sempre più incerto.diciamo che molto di questo "dire" vuole necessariamente spaventare più del dovuto, e ricordiamo che alle aziende per certi versi fare cassa integrazione è più una scelta di convenienza che una necessità, ma su questo potremmo parlare per ore.io però con questo post voglio andare contro corrente. spero lo leggerete in molti perchè vorrei davvero che ci si fermasse a riflettere e ci si ricordasse che per quanto possa esserci crisi, non è certamente una soluzione quella di farsi schiavizzare per paura.sono una lavoratrice, e i soldi non bastano mai pur avendo ridotto le uscite all'osso. non sono una che ama lo shopping, non ho vizi particolarmente costosi (amo leggere ma aspetto sempre le versioni super economiche e comunque le acquisto "quando posso"). non sono una riccona. anche io come molti vivo con un semplice stipendio e nemmeno tanto consistente.
ma dato che ho inziato a lavorare piuttosto giovane e con grande amore e impegno mi sono gettata a capofitto nelle mansioni che mi venivano date.
a distanza di anni mi sto rendendo conto che è un'errore dare tutto di se stessi a persone che comunque non saranno mai contente, non ti diranno mai un brava e trarranno benefici dal tuo lavoro magari anche sogghignando sotto sotto pensando a qunto tu sia fessa.e allora, pur sapendo che mi pioveranno addosso molte critiche, vi invito a leggere un'articolo che riporto qui sotto e a riflettere.una piccola riflessione:  è vero che c'è la crisi, ed è vero che il lavoro a tutti noi serve per arrivare a fine mese o almeno più avanti possibile nel mese,ma ricordiamoci che gli imprenditori, le aziende, GRAZIE AL LAVORO DEI DIPENDENTI a fine anno si dividono gli utili, reinvestono e vanno avanti. quindi non perdiamo di vista il fatto che un'azienda senza lavoratori non va da nessuna parte. e che per lavorare è giusto trovarsi in condizioni quanto meno accettabili e intelligenti. un lavoratore non è solo un numero di matricola.

Stress da lavoro

La parola “Stress” seconda la definizione data da Hans Selye nel 1936, si riferisce ad un’alterazione dello stato di equilibrio dell’organismo indotto da vari tipi di stimoli interni o provenienti dall’ambiente esterno.
A questi stimoli, fa seguito la cosiddetta “Sindrome generale di adattamento”, che consiste nell’insieme delle risposte che permettono di adattarsi alle condizioni stressanti, in particolare attraverso l’attivazione del sistema nervoso simpatico, con liberazione di alcuni ormoni tra i quali l’adrenalina, responsabile dell’aumento della pressione arteriosa, del battito cardiaco, dell’attenzione.
Lo stress entro certi limiti può essere una risorsa, che ci permette di affrontare situazioni di “emergenza” con più energie, ma quando si protrae troppo a lungo nel tempo, può causare dei disturbi, sino ad arrivare a vere e proprie malattie.
Lo stress cronico da luogo a sintomi fisici e psichici.
I sintomi fisici più comuni sono: mal di testa, ipertensione, tachicardia, extrasistole,aumento della sudorazione, disturbi gastro-intestinali, aumento o perdita di peso, dolori muscolari, stanchezza.
Tra i sintomi psichici si ricordano: insonnia, ansia, depressione, irritabilità, insoddisfazione, diminuzione della concentrazione e della memoria.
Il lavoro nelle società attuale può essere una fonte molto importante di stress, come è stato riconosciuto anche dalla Direzione Generale per l’occupazione e gli affari sociali della Commissione dell’Unione Europea.
Da studi condotti su 147 milioni di lavoratori europei è emerso che il 45% svolge lavori monotoni, il 44% non può usufruire della rotazione dei compiti e il 50% è addetto a compiti ripetitivi.
Tra i principali fattori di stress in ambito lavorativo compaiono:

  • Quantità di lavoro assegnata eccessiva o insufficiente.
  • Tempo insufficiente per portare a termine il proprio lavoro in modo soddisfacente sia per gli altri che per sé stessi.
  • Mancanza di una chiara descrizione del lavoro da svolgere o della linea gerarchica.
  • Mancanza di riconoscimento o ricompensa per una buona prestazione professionale.
  • Impossibilità di esprimere lamentele.
  • Responsabilità gravose non accompagnate da un grado di autorità o di potere decisionale adeguati.
  • Superiori, colleghi o subordinati non disponibili a collaborare o a fornire sostegno.
  • Mancanza di controllo o di giusta fierezza per il prodotto finito del proprio lavoro.
  • Precarietà del posto di lavoro, incertezza della posizione occupata.
  • Essere oggetto di pregiudizi riguardo all’età, al sesso, alla razza, all’appartenenza etnica o religiosa.
  • Essere oggetto di violenza, minacce o vessazioni.
  • Condizioni di lavoro spiacevoli o lavoro fisico pericoloso.
  • Impossibilità di esprimere effettivamente talenti o capacità personali.
  • Possibilità che un piccolo errore o una disattenzione momentanea possano avere conseguenze gravi o persino disastrose.
  • Qualunque combinazione dei fattori summenzionati.

Poichè i danni provocati dallo stress sono in continuo aumento e comportano gravi problemi sociali ed economici (è stato calcolato che in Europa i costi legati allo stress ammontino a circa 20 miliardi di euro l’anno), è necessario intervenire su vari aspetti quali l’orario di lavoro, i luoghi di lavoro, il contenuto e la quantità di lavoro, i ruoli e l’ambiente sociale.
Si possono ottenere già buoni risultati adottando alcune misure, ad esempio:

  • lasciare al lavoratore tempo sufficiente perché possa svolgere il proprio lavoro in modo soddisfacente;
  • fornire al lavoratore una descrizione chiara del lavoro da svolgere;
  • ricompensare il lavoratore per una buona prestazione di lavoro;
  • prevedere modalità attraverso le quali il lavoratore possa esprimere le proprie lamentele e far sì che esse vengano prese in considerazione seriamente e tempestivamente;
  • armonizzare il grado di responsabilità e il grado di autorità del lavoratore;
  • esplicitare gli obiettivi e i valori dell’organizzazione del lavoro e adeguarli il più possibile agli obiettivi e valori personali del lavoratore;
  • favorire il controllo del lavoratore sul prodotto finale del proprio lavoro e stimolare il giusto orgoglio per il risultato ottenuto;
  • promuovere la tolleranza, la sicurezza e la giustizia sul posto di lavoro;
  • eliminare i fattori di nocività di tipo fisico;
  • individuare fallimenti e successi delle azioni passate e future di promozione della salute sul lavoro, le relative cause e conseguenze;
  • imparare a evitare i fallimenti e a favorire i successi, proponendosi il graduale miglioramento dell’ambiente di lavoro e della salute.

FONTE: http://www.malattieprofessionali.eu/stresslavoro.php

 
 
 

salcapi is here!!!!!

Post n°69 pubblicato il 25 Dicembre 2008 da salcapi1978

fermi fermi fermi!!! cosa sono tutti questi brindisi e festeggiamenti????

ah ... state festeggiando il Natale dite ....

no perchè a me pareva fossero i festeggiamenti perchè da ormai 5 mesi non pubblico più un post nel blog ...

allora mettiamola così se state festeggiando per Natale allora mi unisco ai vostri festeggiamenti e vi faccio molti auguri, se invece festeggiavate la mia assenza ... beh mi dispiace , io sono sempre qui

 
 
 

ecco perchè tenere aperto in agosto non è una buona idea

Post n°68 pubblicato il 29 Luglio 2008 da salcapi1978
 

chiunque di voi svolga un'attività come dipendente si sarà sentito  (almeno una volta nella vita) dire : NIENTE FERIE ESTIVE SI VEDRA' PIU' AVANTI. e questo può accadere quando si è iniziato a lavorare da poco e quindi non c'è stato ancora modo di far maturare le ferie, quando si fanno lavori che nella stagione estiva hanno il proprio clou, o quando semplicemente si hanno dei superiori che per qualche strana ragione non hanno intenzione di chiudere per un periodo.

dopo uno studio effettuato nel corso di 9 lunghi anni passati dietro una scrivania per tutta l'estate mentre in città regna il vuoto più totale e per sentire qualcuno l'unico modo è chiamare le aziende e lasciarsi allietare dalle segreterie telefoniche che in estate hanno un tono al quanto scocciato quando ti rispondo "siamo chiusi" quasi a voler dire: "ma cosa chiami a fare in questo periodo???? siamo tutti al mare", ho deciso oggi di rendere un servizio alla società ed indicarvi perchè lavorare ad agosto è una idea sbagliata:

1) ci sono i condizionatori d'aria ma se le aziende e gli uffici chiudono inquiniamo anche meno risparmiando energia

2) lavorando può succedere che si creino dei guasti (quando una cosa si deve rompere si rompe, non può evitare di farlo solo perchè è estate) e ciò significa aver bisogno di qualcuno che la ripari. e non troverete nessuno disponibile (amenochè non chiamiate la ditta in cui lavoro io) e dovrete anche sorbirvi le ire del capo che fregandosene del fatto che le ferie sono sacrosante inveirà contro il mondo intero che se ne sta in panciolle al mare mentre lui *resta qui*. vi consiglio di evitare di fargli notare che l'ha deciso deliberatamente, servirebbe solo a rendervi ancora più dure le ore lavorative e non avreste mai la soddisfazione di fargli ammettere che è colpa sua.

3) qualora in caso di bisogno decideste di avvalervi della possibilità che ho indicato sopra ovvero: "chiamare la ditta in cui lavoro io" sappiate che posso tranquillamente darvi il recapito ma vi risponderò io e vi assicuro che in questo periodo non sono molto ben disposta ad intraprendere conversazioni gentili e a lasciarmi andare ad allegri convenevoli anche perchè la vostra chiamata diventerebbe un messaggio che io dovrei lasciare al mio titolare il quale per ogni messaggio che trova sulla scrivania fa scenate d'isteria dicendo che la sua scrivania è strapiena. e io di conseguenza me la prenderò con voi che avete deciso di chiamare provocandomi un'ulteriore stress.

4) lavorare in agosto provoca un disagio sociale in quanto chi si trova a lavorare e arriva a casa la sera stressato e depresso, accendendo la tv non riceverà altro che notizie sul traffico dei vacanzieri, orari in cui è meglio evitare di prendere il sole, tipo di alimentazione da seguire in estate, servizi offerti dagli stabilimenti balneari, creme abbronzanti-rassodanti-snellenti ecc... e mentre fa zapping manderà degli accidenti a chi stabilisce le scalette delle trasmissioni e delle pubblicità e potrebbero in effetti *cogliere* ....

5) anche nel mondo web in agosto è un vero e proprio deserto perchè ovviamente la maggior parte delle persone sono in ferie e quelle che non lo sono lo sono appena state e vedendovi aggirarvi per l'etere la domanda che più di frequente vi sentirete porre è: " e tu dove sei stato??" e sapete bene che usare espressioni scurrili equivale ad essere bannati cosa che vi farebbe ancora di più ... adirare.

credo che 5 motivazioni possano già essere sufficienti per farvi prendere coscienza di quanto sia nocivo lavorare in agosto senza contare poi settembre quando tutti torneranno rilassati e disponbili mentre voi sarete sempre più stanchi e ingrugniti e vi sentirete anche dire: "suvvia non può essere così tesa, ci sono appena state le ferie!!!!" e anche in questo caso, l'uso di armi è punito penalmente.

meditate gente, meditate.

 
 
 

sento cose che voi umani non potete nemmeno immaginare

Post n°67 pubblicato il 17 Luglio 2008 da salcapi1978
 

collega: no no qui non capisco quello che mi hanno scritto nella conferma. adesso chiamo

(fa il numero)

ma porca miseria non riesco a chiamare!!!

(e butta giù il telefono)
(riprova)

ma porca miseria!!!!!!!

(e ributta giù il telefono)

salcapi: (piuttosto incazzata)  ma cosa succede??????

collega: non riesco a chiamare *****

salcapi: in che senso?????

collega: faccio il numero e mi dice occupato

O_O (magari aspettare due minuti e riprovare senza tanto casino no?????)

 
 
 

giochino per voi ;D

Post n°66 pubblicato il 04 Luglio 2008 da salcapi1978
 

ringrazio la mia amica rattoluna ;D

 
 
 

cerco di rendermi utile

Post n°65 pubblicato il 02 Luglio 2008 da salcapi1978
 

buongiorno mondo blog e buon mese di luglio (anche se è iniziato ieri)  ieri dopo innumerevoli peripezie sono riuscita ad accedere alla mia e-mail (libero ha unificato tutti i servizi sostenendo che con un'unico accesso si può consultare tutto ... beh diciamo che io non riuscivo ad accedere a niente ma lasciamo stare )

ho quindi trovato una mail in cui mi veniva fatta una segnalazione che credo sia giusto riportare qui (ho comunque aggiunto in un box a lato il banner) si tratta di:

Casino _nline: NO dipendenza! 

credo sia un messaggio che valga la pena di diffondere.

 
 
 

dove andremo a finire???

Post n°64 pubblicato il 17 Giugno 2008 da salcapi1978
 

NEWS

17/6/2008 - LA NOVITA' DAL GIAPPONE

Arriva "Ema", la robottina sexy

«E' adorabile e può agire come una vera fidanzatina»

TOKYO
Un robot femmina tutta curve che ancheggia, si muove sinuosa ed è persino capace di baciare. Si chiama "Ema" , è alta 38 centimetri ed è l''ultima novità che arriva dal Giappone.
Realizzata da Sega Toys, sarà in vendita da settembre a 175 dollari, circa 114 euro.

Secondo quanto riporta l'agenzia Reuters "Ema" usa i suoi sensori a infrarossi e l''energia delle sue pile per avvicinarsi ai visi delle persone ed entrare in quella che i costruttori chiamano "modalità amore".

«Forti, duri e pronti a combattere sono alcune delle espressioni spesso associate ai robot, ma vogliamo sfatare questo mito e abbiamo creato un robot affettuoso e interattivo», ha detto Minako Sakanoue, portavoce di Sega Toys.

«E'' adorabile e anche se non è un essere umano, può agire come una vera fidanzatina».

"Ema" - acronimo che sta per Eternal Maiden Actualization - canta, balla e distribuisce biglietti da visita. Sega spera di venderne 10.000 esemplari già dal primo anno.

Il Giappone, terra natale di quasi la metà degli 800.000 robot industriali adoperati nel mondo, stima che il mercato di intelligenza artificiale varrà 10 miliardi di dollari entro un decennio.


 
 
 

se il buongiorno si vede dal mattino .... e per di più è lunedì!!

Post n°63 pubblicato il 16 Giugno 2008 da salcapi1978
 

collega al telefono con un consulente

collega: " non l'ho più sentita. come procede quella pratica di cui abbiamo parlato??"
              " ah ho capito. ma mi mandi una copia di tutto altrimenti io qui non ho nulla"

collega dopo aver chiuso la chiamata

collega: "io non capisco più niente con tutti questi fogli. tutti mandano fogli su fogli e io ho tutto qui. adesso butto via tutto e basta "

salcapi:

 
 
 

Annuncio dal Texas, fine del mondo arriverà il 12 giugno

Post n°62 pubblicato il 11 Giugno 2008 da salcapi1978
 

strano ma vero. fonte.

Il mondo è condannato a morire e, stando a quanto annunciato da un certo Yisrayl Hawkins, cittadino americano residente nel Texas, la fine arriverà il 12 giugno 2008. La vita sul nostro pianeta verrà spazzata via da un olocausto nucleare ma, precisa il profeta, c'è un modo per salvarsi. Basta infatti trasferirsi in Texas, praticare la poligamia e accettare di cambiare il proprio nome in Hawkins.

Yisrayl si considera un emissario del Signore e come tale ritiene di avere la capacità di salvare tutti coloro che gli affideranno la proprie anime: in realtà è sufficiente cedere le proprie ricchezze e offrirgli notti di sesso gratuito. Avete capito bene, condizione indispensabile per salvarsi dall'olocausto è andare a letto con Yisrayl. Ovviamente gli uomini sono dispensati da tale dovere. Per loro si richiede la meno impegnativa adorazione.
Ci sarebbe da pensare che in pochi possano cascare in una tale trappola eppure Yisrayl sembra esser riuscito a portare a sé tantissime persone, e non a caso dovrà presto rispondere, davanti alla giustizia terrena, di bigamia: "E' accusato di avere due dozzine di mogli". Lui tuttavia si difende, fiducioso che le accuse nei suoi confronti andranno a cadere con la scomparsa dell'umanità, dicendo di non aver "mai plagiato la mente di nessuno".
Yisrayl ha persino realizzato un sito internet tramite il quale i potenziali fedeli possono mettersi in contatto con lui.

 
 
 

non ce la posso fare

eccomi qui. reduce da una pausa pranzo a dir poco infuocata  eh si perchè oggi sono uscita dal lavoro alle 12 per fare le seguenti cose:

1) andare in posta a spedire una raccomandata per una pratica che ci è arrivata ieri e scade dopo domani
2) poi di corsissima inbanca per prelevare l'importo necessario per un saldo 

3) infine (sempre alla velocità della luce) a consegnare il saldo dovuto a domicilio

analisi del punto1:
arrivo in posta e trovo *solo* 3 persone davanti. arriva il mio turno e per l'acquisto dei francobolli avevo già preparato io il modulo, c'era solo da apporre il timbro.
la raccomandata viene fatta senza problemi e per i francobolli non c'erano quelli già adesivi. va beh, poco male, in ufficio c'è sempre il cane, mi darà una mano lui al leccaggio

analisi del punto 2:
mi era stato detto che in banca mi dovevo solo rivolgere ad uno sportello NON DI CASSA e avrei fatto tutto velocemente.
arrivo allo sportello e tanto per cominciare, mentre io aspettavo il mio turno una gentile ragazza si insinua tranquillamente cercando di passarmi davanti. stavo già meditando su quale insulto fosse meglio propinargli quando l'impiegato allo sportello (che mi aveva vista) le dice: signora un momento che c'è la ragazza. quindi: la soddisfazione è stata enorme perchè addirittura qualcuno mi ha preso le parti e poi anche la lieve distinzione tra il signora rivolto a lei e il signorina rivolto a me non ha guastato per nulla.
e quindi arriva il mio turno, mi compila un modulino e cosa mi dice: bene tutto a posto vai pure alla cassa e ti daranno tutto.
mi volto e c'erano 2  casse aperte con circa 20 persone ciascuna.
non trascrivo i miei pensieri. ma mi sono messa in fila.

analisi del punto 3:
dopo la bellezza di 50 minuti di coda in banca riesco finalmente ad uscirne (viva) e mi dirigo verso l'ultima tappa del tour-lavorativo.
arrivo alle 12.45 e mi sento dire: ero appena andato in casa perchè mi ero stufato di aspettare.
(vacci-tu-in-banca-e-poi-dimmi-se-ti-stufi-di-aspettare-50-minuti-con-2-solo-sportelli-aperti-su-5-e-dopo-una-mattina-di-lavoro-senza-tregua)

mi dirigo verso casa dove mi aspettavano muratori e idraulico per chiedere alcune cose sui lavori in corso.
mangio qualcosa al volo, torno su 10 minuti e torno qui al lavoro.

l'intenzione sarebbe .... ma purtroppo la realtà è ....


 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: salcapi1978
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 35
Prov: EE
 

CONTACTS

I MIEI LINK PREFERITI

ULTIMI COMMENTI

giuro è tutto vero!!!! :)
Inviato da: salcapi1978
il 17/07/2008 alle 17:47
 
ahahahah...buona serata ;)
Inviato da: rattoluna
il 17/07/2008 alle 17:32
 
;D
Inviato da: Bauessina
il 16/07/2008 alle 10:02
 
Prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr :-PPPP
Inviato da: Acqua.Frizzante
il 16/07/2008 alle 09:20
 
;D
Inviato da: Bauessina
il 04/07/2008 alle 16:33
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

joe_cityboyfassinottinorbert1979fiormatmarGioia8600dagmar.geiselmannarsenio.78stacippadiPRoby_77rattolunapaparino2010FayawayBauessinaALE_ALE4Giggia0
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

SIAMO QUI:

Il giorno in più

 

TROVIAMO I BAMBINI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

NO TROLL

 

IMPORTANTE.

Creative Commons License.

anche se non ritengo il mio blog così particolare e bello da suscitare copiature, tengo lo stesso a specificare che quanto da me scritto è coperto da license creative commons.

Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

L’autore dichiara di non essere responsabile per i commenti inseriti dai lettori. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze, non sono da attribuirsi all’autore, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica poiché viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62/2001. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro utilizzo violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del blog (salcapi1978@libero.it) che provvederà alla loro pronta rimozione.per quanto riguarda invece i pensieri scritti: per quelli che rappresentano una citazione viene chiaramente indicata la fonte. per gli altri sono pensieri personali dell'autore che NON ne autorizzata la copia.

  

 

LA VECCHIA SIGNORA DEL MIO CUORE

è ricordiamoci che il calcio è uno sport non una guerra.

 
 

CEL'HAI IL CERTIFICATO????

 

BLOG-ANGEL

 

REGALA UN SORRISO. NON COSTA NULLA.

contribuisci anche tu a donare un sorriso. clicca qui per saperne di più.