Creato da nina.monamour il 11/06/2010
 

Il Diavolo in Corpo

Di tutto e di piu'.....

 

 

Fredda come una lapide..

Post n°8310 pubblicato il 17 Febbraio 2018 da nina.monamour

 

 

Godetevi le persone care finché avete la possibilitè di farlo, perché poi la vita diventa fredda come il marmo di una lapide.
Il mio messaggio è rivolto a chi ha ancora la fortuna di poter fare due chiacchiere con la propria madre, col proprio padre o con un fratello (e nonostante tutto spesso non si rende conto dell'enorme fortuna che ha sotto il naso ogni giorno)..

Il mio messaggio è rivolto a chi ha ancora la possibilità di un abbraccio




o di una parola di conforto, sfruttate tutte le possibilità in vostro possesso, perché davanti a quel muro pieno di rimpianti non c'è pietà per chi resta e ogni frase non detta diventa un macigno che non smetterà mai di pesare sulla vostra vita.


 
 
 

Spes ultima dea..

Post n°8309 pubblicato il 17 Febbraio 2018 da nina.monamour





La spranza è l'ultima a morire..

Quante volte abbiamo sentito o ripetuto questo detto popolare?

La sua origine non è ben nota, sappiamo che i nostri antenati latini solevano affermare che "la speranza è l'ultima dea". Ed è forse da qui che l'aforisma odierno prende spunto.

I latini usavano la frase "Spes ultima dea" per significare che la speranza è l'ultima dea che siede al capezzale del morente, con riferimento al mito greco della dea Speranza che resta tra gli uomini a consolarli, anche quando tutti gli altri dèi abbandonano la terra per l'Olimpo. Viene ripresa da Foscolo nei Sepolcri, "Anche la speme, ultima dea, fugge i sepolcri".

Secondo altre fonti, l'aforisma fa riferimento al mito greco del vaso di Pandora, esso, secondo la mitologia, contiene tutti i mali del mondo. Venne donato da Zeus a Pandora, con la precisa indicazione che non doveva essere aperto. Pandora, però, a causa della sua smodata curiosità, disubbidì alle indicazioni del padre degli dei dell'Olimpo. Liberò, così, tutti i mali del mondo.

Sul fondo del vaso rimase soltanto la speranza (Elpis), che non fece in tempo ad uscire prima che il vaso venisse richiuso. Dopo l'apertura del vaso il mondo divenne un luogo desolato ed inospitale finché Pandora lo aprì nuovamente per far uscire anche l'ultima, la speranza, che sarà anche poi l'ultima a lasciare gli uomini.

I cugini francesi d'oltralpe rendono l'aforisma come "on vive que avec l'espoir" (più o meno "non si vive se non con la speranza") o "L'espoir fait vivre" ("la speranza fa vivere"): forse rendono meglio il senso "speranzoso" dell'aforisma.

 

 


 
 
 

Humor inglese di cattivo gusto?

Post n°8308 pubblicato il 16 Febbraio 2018 da nina.monamour

 

 

Riservati, educati e con uno strano humor... Non sanno mangiare, guidano dal lato “sbagliato”, amano stare in coda etc...etc..

Dici Inghilerra ed ecco piovere stereotipi, tazze da té, fish and chips, giornate grigie...

La prima cosa da scoprire in una nuova Nazione è la gente che ci vive! Parlando in generale, gli inglesi son noti per essere rispettosi, educati e “politically correct”. Se c’è una cosa su cui tutti sono d’accordo è l’educazione degli inglesi! Sono gentili con i turisti e le folle, ma se provi a saltare una coda... allora si che diventano nemici a vita.

Nonostante questo c’è una bella differenza tra la popolazione del Nord e del Sud. I londinesi, infatti, sono ben noti per essere più dinamici e troppo impegnati a correre per fermarsi a interagire con gli altri, mentre in altre parti dell’isola lo stile di vita è più rilassato.

L'Inghilterra è rinomata per il servizio di trasporti pubblici, la famosa London Underground con l’iconico simbolo rosso e blu e i rinomati bus rossi a due piani, che viaggiano giorno e notte per il centro e le periferie della Capitale, sono simboli riconosciuti da tutti. Londra è orgogliosa dei propri trasporti pubblici. Se ti metti alla guida invece, ricordati di tenere la sinistra e abituati a vedere l’autista sedere sulla destra!




Una piccola “dritta”, se hai tra i 16-25 anni di età vale la pena investire in una Young Person Railcard. Pagando solo £26 all’anno, puoi infatti risparmiare fino al 34% sui viaggi in treno in tutto il Paese, un’ottima idea se viaggi parecchio in treno.

Gli inglesi sono rinomati per la riservatezza, in genere non fanno domande sulla vita privata degli altri. Argomenti come il peso, la professione, le relazioni e l’età, normalmente vengono evitati se non c’è confidenza. In genere per rompere il ghiaccio si inizia, come in Italia, dalle condizioni meteo per non sbagliare!



Se la prima immagine che ti viene in mente è la pioggia, non te ne facciamo una colpa! Il più famoso stereotipo sull’Inghilterra, però, talvolta può essere esagerato. Normalmente la temperature è media, nè troppo calda nè troppo fredda, in genere umido in autunno e primavera e abbastanza freddo in inverno. Una cosa davvero corretta riguardo questo stereotipo è certa: il meteo in Uk è completamente imprevedibile: può essere soleggiato e nevicare anche durante lo stesso giorno.

Un’immagine comune sulle abitudini culinarie degli inglesi è legata all’English Breakfast, colazione a base di salsicce e fagioli, e al fish and chips, in realtà non ci si sbaglia! Ciò nonostante l'Inghilterra offre un mix di tradizioni culinarie, legate alle innumerevoli culture che ospita. Ecco perchè puoi trovare ristoranti indiani, francesi, italiani, cinesi o libanesi e tanti altri. L’Inghilterra è anche la madrepatria dei sandwich come li conosciamo oggi, grazie al Conte di Sandwich.



Per quanto riguarda i drink, gli inglesi sono orgogliosi del loro Tè (di solito accompagnato con latte e zucchero) e della birra scura! L’alcool, infatti, insieme al sidro è una peculiarità; in estate, il Pimms è molto usato ai barbeque.

L'Inghilterra è anche nota per l'humour inglese, in genere tendente al sarcastico, cconoscono bene i propri difetti, per questo li usano per fare delle commedie. Può essere considerato di cattivo gusto, ma ha prodotto alcuni dei migliori umoristi al mondo. Buoni esempi nell’ambito dei media sono Monty Python, Fawlty Towers, Keeping up Appearances e Blackadder.

Anche il cabaret è popolare in questa Nazione con show live anche nel cuore di Londra, come quelli offerti al Comedy Club di Leice Square che ospita alcuni dei migliori talenti!


 
 
 

Produttrice si suicida dopo il caso Weinstein..

Post n°8307 pubblicato il 15 Febbraio 2018 da nina.monamour

 

 

Il caso Weinstein si macchia di un drammatico episodio, Jill Messick, produttrice di Hollywood ed ex agente di Rose McGowan (una delle alfiere del movimento contro Weinstein) si è suicidata. L’attrice l’aveva accusata di averla spinta, a suo tempo, a tacere delle molestie subite dal produttore. Adesso la famiglia di Jill Messick accusa Harvey Weinstein, Rose McGowan e la stampa di averla spinta a compiere questo estremo e tragico gesto.

Adesso, nel grave caso Weinstein abbiamo anche una morte. Jill Messick, produttrice cinematografica 50enne, ha perso la sua guerra contro la depressione e ha deciso di togliersi la vita. Il suo nome era saltato fuori nella bufera che mise in luce le molestie sessuali di Harvey Weinstein. Tra le principali vittime dell’importante produttore cinematografico c’era anche Rose McGowan, un nome importante, non più solo per la carriera cinematografica di successo.

Jill Messick è stata infatti agente dell’attrice, nella tempesta che è scaturita dalle accuse di molestie nei confronti di Harvey Weinstein, la donna suicida è stata accusata da Rose McGowan di averla invitata a non denunciare nulla e a tacere.

 

caso weinstein

 

I parenti di Jill Messick, però, non ci stanno ed accusano la stampa, Harvey e Weinstein e Rose Mcgowan di averla spinta al suicidio. Secondo loro, Jill è stata la prima ad alzarsi in piedi per proteggere Rose e lei ha mai utilizzato la parola stupro nella loro conversazione. Nonostante ciò, secondo i parenti, Jill riconobbe che Harvey avesse fatto qualcosa di sconveniente, se non illegale.

Andò quindi immediatamente dai suoi capi per raccontare quanto accaduto. “I successivi accordi tra Rose e Harvey vennero negoziati senza che lei ne sapesse niente. Lei seppe solo che la questione era chiusa e Rose continuava a fare film per lui. Non ha mai conosciuto altri dettagli sino a poco tempo fa, quando è stata Rose a renderli pubblici”.

Il vedere il proprio nome scritto sopra i giornali riguardo il caso Weinstein, avrebbe innescato un devastante effetto su Jill Messick. La donna ha tuttavia scelto di non difendersi, e di tacere dinanzi alle frasi diffamatorie di Rose McGowan. Questo per paura di nuocere alle altre donne che si erano fatte avanti per far sapere la verità.


 
 
 

E' una mia scelta...

Post n°8306 pubblicato il 14 Febbraio 2018 da nina.monamour

 

 

L’amore è un sentimento universale ma San Valentino no, San Valentino è un martire troppo cristiano per incarnare il simbolo dell’amore globale e così, per il secondo anno di fila, oggi in Pakistan non si festeggia.

Lo hanno deciso le toghe dell’Alta Corte di Islamabad. Era il 13 febbraio di due anni fa quando il giudice Shaukat Siddiqui ha messo fine al dibattuto incendiario sulla presunta immoralità della festa degli innamorati con il suo verdetto: “Nessun evento si terrà a livello ufficiale e in qualsiasi luogo pubblico”.

Così è deciso e così sarà anche quest’anno. E l’autorità che regola le telecomunicazioni Pakistane prende nota e avverte l’intero circuito mediatico che le prescrizioni sono ancora in vigore. Né la carta stampata, né la televisione o la radio potranno fare propaganda anti-islamica oggi.

Sì perché è proprio di questo che si sta parlando, d’altronde è nato tutto dal ricorso di un cittadino pakistano che si era rivolto alla Suprema Corte sostenendo che la festa degli innamorati andrebbe “contro gli insegnamenti dell’Islam”. Sull’argomento si era espresso anche il presidente Mamnoon Hussain affermando che il giorno di San Valentino non ha alcun legame con la nostra cultura e dovrebbe essere evitato.

Cos’altro avrebbero potuto fare i giudici di Islamabad?

 


Padre Nasir Williams, direttore della Commissione per le comunicazioni sociali della diocesi di Islamabad-Rawalpindi, ha spiegato ad AsiaNews che il bando è l’ultimo esempio di ignoranza. Nel nostro Paese la libertà di pensiero è già limitata. Il ban è stato salutato con entusiasmo dal partito talebano “Jamiat Ulema-e-Islam” e dalle frange più conservatrici della popolazione che da sempre osteggiano la ricorrenza e chi la difende.

Nel 2015 l'attivista SabeenMahmud era a Karachi, a bordo dell’auto che l’avrebbe condotta a casa, quando è stata freddata da un fanatico proprio per aver criticato pubblicamente i tentativi di censura della festività. Ma non tutti si arrendono ai divieti e alla paura, e le ragioni sono diverse.

 



Per commercianti di fiori e gadget è questione di business, per i giovani è un grido di libertà. “Io festeggerò comunque”, ha confidato alla Reuters un studente di ventuno anni.. “È una mia scelta”.

 

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

klaus1967paolacinzia.bsergio360miciozomnina.monamouravvbiafabiomalboNonnoRenzo0eric.triganceprolocoserdianarudy51_2016tanmikVince198carloreomeo0
 
Citazioni nei Blog Amici: 177
 
 

BUON ANNO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

             

 

 

 

 

 

 

         

 

 

 

 

           

 

AREA PERSONALE

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28        
 
 

 Immagine precedente  Immagine successiva  Pagina indice

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20