Creato da: syd_curtis il 11/10/2010
dance dance dance to the radio

In loop

 

Christian Loeffler
Young Alaska


 

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Sempre!:-)
Inviato da: syd_curtis
il 27/09/2014 alle 10:27
 
Viva J viva viva!
Inviato da: LaDonnaCamel
il 26/09/2014 alle 09:17
 
Figurati, grazie a te per la visita e il messaggio.
Inviato da: syd_curtis
il 26/08/2014 alle 17:59
 
Cantante e canzone mi erano sconosciute e ti ringrazio per...
Inviato da: vittorio.35
il 26/08/2014 alle 13:09
 
Grazie :-*
Inviato da: LaDonnaCamel
il 16/08/2014 alle 00:21
 
 

Ultime visite al Blog

LaDonnaCamelqueztalsyd_curtisDIAMANTE.ARCOBALENOluckyone7raso_terramarcotrumpetVerainvisibiletrillice4upensierisulblogLord_Of_ShadowsDJ_Ponhzivulnerabile14alessio.sala
 

Sul mio comodino

 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 
 

 

 
« Fine before you came - OrmaiFine before you came mee... »

Management del dolore post-operatorio - Auff!!

Post n°199 pubblicato il 09 Marzo 2012 da syd_curtis
 


Norman, amico mio, siamo così piccoli
che quando cadiamo non ci sente nessuno.



Bisogna tenerseli stretti gruppi come questi, altroché. Il management del dolore post-operatorio (il nome è strepitosamente suggestivo) è un fulmine nel cielo smorto dell'indie-rock nostrano. La ricetta è semplice, in fondo, un substrato classico, pompato, metronomico, qualche innesto elettronico a pennello, voce che spesso è più parlato che altro, e cose da dire, intelligenti q.b., nei testi. Pure tutto ciò, se suonato con la convinzione giusta, spacca tantissimo.

Non c'è un solo brano non necessario in questo esordio sulla lunga distanza dei quattro ragazzotti abruzzesi, dalla hit pornobisogno, che pesca nella volgarità del presente italico, a auff!! con quei versi fichissimi che aprono a metà il cancro del poetume cantautorale contemporaneo (cos'ha di speciale baudelaire, ho un amico se ci parli per un po' non ha nulla da invidiare a edgar allan poe; e anche tu bukowksi dimmi la verità di quella birra non ne hai bevuta la metà; distruggerò gli endecasillabi del madrigale con un terribile hiroshima provinciale); dalla chirurgia plastica come forma di apatia di Marylin Monroe, al fracasso proto-punk di Norman, dispersi in un mare di incertezza, sino allo sberleffo di Macedonia, che sarà pure in odore di qualunquismo, ma dio bono quanto condivisibile e liberatorio (che cosa me ne frega di come è nata la terra, miliardi di euro per una domanda, ci avrebbe mangiato tutto il Rwanda).
Uno degli album più belli di questo scorcio di 2012, tout court, e senza sovrastrutture idiote, stile I Cani, tanto per intenderci.


Quando sei caduta, lo dico su serio
Ho visto una stella esprimere un desiderio


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: