Creato da: verbena.odorosa il 10/11/2009
riflessioni su argomento a piacere

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

crowe3imperatricesissi60angelopetissifarinel3rusinengiorgiobrignounamamma1sheila.pilpapiro0italianapa_2010cavtemplrosariomarco.valle55barbara890MariBelle2006aledanilinda
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« INFLUENZA DCAMPO DEI FIORI »

RICCHEZZA

Post n°6 pubblicato il 25 Novembre 2009 da verbena.odorosa

 Ieri chiacchieravo con un amico bevendo una tisana e all'improvviso ho provato una sensazione strana: mi sono sentita una privilegiata, una ricca, membro invidiato di una ristretta e fortunata elite.  Sensazione per me insolita, considerato che sono disoccupata, che qualsiasi standard per la misura del benessere mi collocherebbe al di sotto della soglia di povertà e che ormai non guardo neanche più le vetrine dei negozi perché mi sembra inutile.

Eppure il mio amico - che vive a Parigi, ha un ottimo lavoro in una grande compagnia, ha comprato casa, viaggia per lavoro in tutto il mondo -  mi raccontava che vuole mollare tutto e andarsene in Brasile. Perché lì si lavora meno e ci si può godere la spiaggia il pomeriggio, perché è un posto dove c'è sempre il sole, dove gli hanno offerto un lavoro part time (completamente diverso da quello che fa ora) e potrebbe avere ritmi di vita più umani. Perchè la vita è breve, e lui non vuole passarla a lavorare tutto il giorno e tornare a casa così stanco che non ha neanche la voglia di uscire la sera.

é lì che mi sono sentita una privilegiata, perché è vero che non mi posso comprare una borsa nuova o andare a cena al ristorante, e che posso fare un fine settimana fuori solo raramente e solo con voli iper scontati che partono alle cinque di mattina, dormendo in ostello e prenotando con sei mesi  di anticipo, e che non posso fare un regalo bello come vorrei a mio nipote al suo compleanno, però posso fare delle cose meravigliose che per molti sono un sogno proibito. Come uscire alle undici di martedì per andare a visitare un museo, o passare la mattina in libreria a bere caffè, o andare a correre nel parco quando non c'è nessuno, o mettermi a fare una partita di poker on line alle otto di mattina. Non posso comprare un mega regalo a mio nipote, ma posso andare a prenderelo al scuola e passare il pomeriggio con lui a fare i biscotti e guardare un cartone animato. Non posso andare al ristorante, ma ho tutto il tempo di cercare la ricetta dei ravioli di zucca su internet e provare a farli in casa. è vero che non posso comprarmi una borsa o un paio di pantaloni nuovi, ma mi sono accorta che in realtà una borsa e dei pantaloni nuovi non mi servono davvero.  

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog