Creato da carlottavaldes il 01/02/2008

le con d'iréne

scatti a pensieri a scatto escato-labili

 

 

SONO TORNATA CON ARTERISCO

Post n°48 pubblicato il 29 Settembre 2009 da carlottavaldes

Ho creato un minisocialnetwork di artalternativa a face(book). Un piccolo luogo di fakeface. Si chiama arterisco. Venite?

 
 
 

BERLIN

Post n°47 pubblicato il 02 Agosto 2009 da carlottavaldes
Foto di carlottavaldes

dal 30 luglio a settembre vivrò qui, a BERLIN.
Guardo messaggi e mail, intanto respiro ispirazioni (per ele: sul sito ho caricato la mosrtra che hai "bucato", rossa!!!!!! the next: 12 settembre!!!!)

 

 
 
 

MaRRy[miTh]MaD

Post n°46 pubblicato il 19 Luglio 2009 da carlottavaldes

MarrY[MitH]Mad è un viaggio simbolico e surreale intorno ad un matrimonio tra un uomo asino e la figlia di un uomo unicorno. Figure mitiche e mitologiche richiamano la natura snaturata: la madre delluomo asino è donnapavone simbolo di bellezza e di lussuria che ha generato il più disprezzato e meno considerato uomoanimale , l'asino. Dall'unione tra la sposa e l'uomoasino, dopo l'accoppiamento in cui le due figure si confondono e si fecondano, viene concepito l'ibrido, il transgenico: un piccolo nano con le orecchie da somaro e un unicorno in fronte che cresce e si trasforma.

 
 
 

telepathic love video ### why is she vanishing?

Post n°45 pubblicato il 18 Luglio 2009 da carlottavaldes



tELEpAtic LoVE è espressione progettuale del contenitore visivo intitolato DISSACREARE ed è una finzione azione sull'illusione d'amore. Sulla sua apparizione, sull'attesa della carne e della passione, tra il conflitto della distanza e della incomprensione. Convergono radici cinematografiche, il surrealismo felliniano, così come uno dei manifesti della Nouvelle Vague, ad accompagnare un sentiero di incontri scontri, conflitti e passioni carnali. C'è l'uomo con la pistola, c'è la graziosa ragazza, c'è lo sguardo fotografico che intreccia linguaggi. Fino all'ultima panchina/respiro.

 
 
 

BathERFly ##### La venere dEI RiFIuti

Post n°44 pubblicato il 18 Luglio 2009 da carlottavaldes


Riflessione o parodia di un'omologa di Venere di Milo contemporanea che, anzichè da una conchiglia, nasce da una turca. Laddove noi gettiamo i nostri rifiuti organici, anche le cose più lievi possono trovare vita. Come una farfalla. E' il ciclo-riciclo della contemprenea-età. Il video ripercorre un itinerario visivo che da un lato tende all'annullamento-stilizzazione delle immagini, dall'altro vuole esprimere un rapporto col passato, come se si trattassero di pellicole scarnificate, usurate dal tempo.
 
 
 

The New SUmmER FAcE

Post n°43 pubblicato il 04 Luglio 2009 da carlottavaldes

www.francescanitamodotti.com

Adesso vivo qui.

 

 

 

 
 
 

MUT(AZIONI=

Post n°42 pubblicato il 14 Settembre 2008 da carlottavaldes

Avevo bisogno di cancellare l'errore.
L'errore incarnato. L'errore trattenuto tra i gangli della sterpaglia fallata degli strati d'epidermide.
L'errore delle sinapsi involute, tra le mille note storte e sovrapposte, che risuonavano come tromboni negli stessi condotti uditivi dove erano scivolate per mesi, per anni, per pleniluni, quelle parole di sale, di sole, parole sole, come litanie soffuse. Come rimpianti per santi.
Avevo sognato i prodromi della mia trasformazione.

C'era Lei, tra l'ingresso e la stanza da letto. Un'ombra di pece seduta d'ombra, tra le ombre del sogno mattino. Lei mi guardava. Anzi, Lei mi rimproverava.
Chissà se era lo stesso sguardo che mi teneva tra le braccia, alla fonte battesimale: non mi pare; mi vedeva con amore, allora.

Adesso, invece, intuivo nel suo viso i tratti scuri del rimprovero in tridimensione, della distanza, dell'olocausto: avevo attentato ai comandamenti.
Avevo attentato al Comandamento.

Poi Angelina, con la sua ingombrante e religiosissima corpulenza, sparì alle prime luci del mattino e il suo volto - da fantasma che era appena stato - ritornò il santino di sempre, quello della bisnonna madrina, altera che nemmeno mi ricordo, e chissàdio dovve l'ho messo quel santino ingiallito.

Mi ripetei. Avevo bisogno di cancellare l'errore.
Di modificare il mio corpo permanentemente.
Di violare la pelle d'avorio, di marmo, di calce, inalterabile fino a quel momento, così come avevo già fatto, con strumenti inopportuni quella domenica di febbraio.

Niente era definito. Tutto era vago. Sapevo solo che avevo bisogno di due ali d'angelo da indossare per sempre con me. Come me...

E fu così - nell'intento di modificarmi e di seguire il monito soprannaturale dal retrogusto di sognopresagio - che incontrai il mio tredicesimo errore.

 
 
 

SE

Post n°41 pubblicato il 31 Agosto 2008 da carlottavaldes

se qualche volta mi leggi da anonimo, io non torno più qui, se qualche volta ti rimetti il casco e vuoi giocare ilLOUsoriamente a VIOLA stella stella, cercami in www.francescanitamodotti.com. E' lì che torno. E ritorno.

 
 
 

Post N° 40

Post n°40 pubblicato il 09 Aprile 2008 da carlottavaldes

Per oggi vorrei che restasse

beautiful boyz di cocorosie
il mio odore ambrato
il disincanto dei codici
i tenenbaum
la pioggia sui mattoni
gli specchi coi loro contorni
il cubo nero
questa notte assetata

colonna sonora: goldfrapp

 
 
 

(LOU)bellula

Post n°38 pubblicato il 08 Aprile 2008 da carlottavaldes

Ruotavo giorni senza senso
e
ti ho trovato
intorno
ad un errore essenza
del tuo accento
la voce morbida sotto le lenzuola
sale a chiocciola
di note
a scale.
 

 
 
 

Post N° 37

Post n°37 pubblicato il 11 Marzo 2008 da carlottavaldes

 

Ieri mi hai detto "passerei tutte le primavere sui tuoi lombi"
mentre io pensavo
distratta al mio sorriso che inghiotte tutti gli imbrunire
traversa
opposta
inversa
e a quelle treoquattrostelle che sgorgavano ignare da cosce complici.
Ti ho mentito. Lo farò ancora.
Ma ho assaggiato le tue spalle
come salire
d'un fiato la notte.

 
 
 

moi

Post n°36 pubblicato il 11 Marzo 2008 da carlottavaldes

 
 
 

Post N° 35

Post n°35 pubblicato il 11 Marzo 2008 da carlottavaldes

 
 
 

Post N° 34

Post n°34 pubblicato il 11 Marzo 2008 da carlottavaldes

 
 
 

Post N° 33

Post n°33 pubblicato il 11 Marzo 2008 da carlottavaldes

 
 
 

UN PENSIERO GENTILE, dissi.

Post n°32 pubblicato il 07 Marzo 2008 da carlottavaldes

“Il ragazzo dagli occhi di biglia è un demone a s-forma di piccolo lord, ma non ho voglia di leggerlo”.

Questo pensiero mi tenne, o mi trattenne; assaporai il tatto e l’olfatto del libricino modesto, carta zigrinata opaca, grafica fastidiosa. D’altronde, io, sotto i polpastrelli cercavo le nuvole.

Non mi ricordo affatto di come le parole si trasformarono in numeri. I nostri.

Qualche decina, forse un centinaio di ore dopo, ci incontrammo.

Lo intravidi dalla vetrina.

Il ragazzo dagli occhi di biglia mi aspettava ricurvo sul bicchiere di doppio whiskey, uncinato al bancone del locale, con una videocassetta stretta tra le mani.

Aprii la porta ed entrai nel sussulto del contraccuore, dove si sdoganava amore di plastilina al gusto vetriolo.

Dispose  tutte le sue carte sul tavolo: schizofrenia giovanile, ego ipertrofico, ambiguità narcostupefacente, overdose di affetti tossici, berlino-stefania-bristol e la meditazione, una bozza di romanzo erotico nel cassetto, la poetessa alcolista, sono vegano e seguo l’antroposofia.

Raramente mi annoiai tanto.

Intanto misuravo la sua pelle e cercavo il baricentro dell’odore nelle dita lente delle mani, o tra i riflessi incustoditi dei capelli.

Non sapevo.

Non sapevo che dopo qualche giorno, e per diversi anni, lo avrei contratto.

Contagiata di buio.

                                   Di buio e di poesia.  

 
 
 

FOOD

Post n°31 pubblicato il 07 Marzo 2008 da carlottavaldes

Mi cibo

 

di rime crude il pasto

arte assassina ti

ho cercato per le strade ogni gesto delle mani

accecata in disattenzioni

                        dolcezze a basso costo

attirata a illusioni senza tempo

            per tutti i figli che non ho composto

                                               nel suo viso immobile

                        (perché non sei venuto a prendermi a prenderti

                                                                                  cura di me)      

la statica stesura

            di sconfitta incompiuta

pesa più

                        questa vita sospesa

                                               del giudizio di mio padre

                                   figlio di ogni dio.                     

 
 
 

LOUntano da casa

Post n°30 pubblicato il 07 Marzo 2008 da carlottavaldes

 Stancano i ricordi
scompongono frammenti
La testa     stordita
a trafiggere            rumori.

E tu che sei un po' più di niente,
portami la savana - il suo silenzio circolare -
un diradarsi di battiti di ciglia
per quietare notti senza angeli,
girotondi ad uscita obbligata
come quell'uomo teso ad accogliere treni
tra le sue braccia,
quasi fossero stelle sfiduciate
                    senza fissa dimora
che non trovo mai
e ancora
e mai
l'eco di una casa.

Vivo come d'acquario
e, ad ogni risveglio,
sento
tremare
il sangue
un terremoto
ancestrale.

 
 
 

VENE URBANE

Post n°29 pubblicato il 07 Marzo 2008 da carlottavaldes

Progetto artistico e fotografico
Nuova avventura di cafca ventura.
La pelle della città, il derma dell'asfalto.
Ritrarre vene urbane, che disvelano l'anima della metropoli,
per reinterpretarle attraverso il segno/residuo.
Nuovi rifiuti contemporanei per ricerca d'avanguardia precaria.

 
 
 

FOTO 123

Post n°28 pubblicato il 07 Marzo 2008 da carlottavaldes

Mancano le tue forme di madreperla

                     (dicevi)

   agli incontri sottili formato mani

caotico equilibrio di sensi a pelle

parentesi indaco silenzi d’avorio parole a colpi d’onda

per lingue ancestrali a ritmi divini

(siamo il nulla che si fonde
a disvelare la creta
delle costellazioni)

poi    incidevi     piano

un amore primitivo  sul fianco della notte

con la cura

               di un aguzzino

che

ti

voglio

riempire            ancora  .ed ora

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

esternoluceharryhellerTripInSideAruki_TobuknowskiFifi_Lapincafcapressrongwrongreadytostaysparus_rmfrankblack1976charingcrossroad_84specialkkkkartduoLirenasGasAlife
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom