Blog
Un blog creato da ciemmetre il 10/01/2007

le parole son pietre

fanno male, pazienza!

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

bimbayokoREGINA.LEONESSAFanny_Wilmotpantaleoefrancaseveral1channelfycarloreomeo0estremalatitudinepa.ro.lescrittocolpevolevasileantoniociemmetreto_revivesciarconazzi
 

ULTIMI COMMENTI

La mia scelta oggi Ť:focaccia con la mortadella in...
Inviato da: REGINA.LEONESSA
il 14/02/2017 alle 13:33
 
Ť tutto padano!
Inviato da: channelfy
il 16/12/2015 alle 20:06
 
CIAO CIEMMETRE, COMPLIMENTI PER IL POST. UNA SERENA...
Inviato da: aldo.giornoa64
il 14/12/2015 alle 22:39
 
Grazie, erano note che mi sollevavavo dalla flemma notturna...
Inviato da: ciemmetre
il 09/12/2015 alle 21:12
 
canzone
Inviato da: several1
il 09/12/2015 alle 11:12
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Messaggi del 01/07/2012

afa estiva

Post n°463 pubblicato il 01 Luglio 2012 da ciemmetre

img

Gli danno nomi, ermenegildo, caronte, satanasso che sia, ma sostanzialmente è sempre la stessa cosa, un cazzutissimo, stracazzutissimo caldo umidiccio e attaccaticcio che nulla ha a che vedere col caldo africano. è un caldo puzzolente e polveroso che s'attacca alla pelle e all'anima delli mortacci sua, un caldo che di naturale ha una sua parvenza mentre i condizionatori sono voce all'attivo delle aziende erogatrici d'energia. penso ai giorni di febbraio ridacchiando. sintesi dell'incontentezza umana. un freddo polare con dodici gradi sotto, e la bora che urlava tutta la sua gioia d'esistere. un sabato come questo in una città attonita da tutta quella furia, bestemmiavo il bestemmiabile su di un dio che spesso dimenticava lo scopo del suo agire. il freddo penetrava tra pareti e giubbotti, e un pensiero coglieva la mia mente coerente.....il caldo, tornasse il caldo. il caldo è tornato, eccome, ma mai un un po' di coerenza nelle cose. per cui ridacchio, sudo e penso a quei giorni di febbraio. la bora arrivò a 170 km/h e fece paura