SUBOTAIBLOG

il TIR marciava e noi quasi dentro di lui,ma non era questo il giorno,nè il momento,nè il luogo

 

GENTE CON LE PALLE

MAFIOCRAZIA


________________
UN PO' DI PAZIENZA

just have a little patience



_________________________

ORIANA FALLACI


 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: subotai0
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 55
Prov: RN
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

CONAN IL BARBARO

LA PERFEZIONE C'è....

immagine

nessuno saprà mai se eravamo uomini buoni o

cattivi e perchè abbiamo combattuto..

immagine

immagine



La pace è legata alla canna del fucile..

quello che importa è solo che pochi si batterono contro molti..

immagine

KLIMT

 

TERMOPILI

 
immagine


“O xein’,angellein Lakedaimoniois oti tede keimetha tois keinon remasi peithomenoi


Va’ e riferisci agli spartani ,o straniero che passi,
che obbedienti al loro comando noi qui giacciamo
 

CHI SIAMO..DA DOVE VENIAMO...QUANTO CI RESTA..

Deckar ce l'ha fatta..
immagine
e non ditemi che lui è più bravo di me...solo più fortunato,ha fascino lo ammetto,ma non a tutti capita di trovare un replicante femmina sui 23 con gambe da sogno e il viso di un angelo dai boccoli neri..per giunta affetto da solitudine e perdita di identità..Vai Decker sei il nostro eroe ..sii felice almeno tu..se puoi
chi era il vero poeta???
 
immagine
immagine
...e pare una cosa a noi
venuta da cielo in terra
a miracol mostrare...
 

È TEMPO DI MORIRE


io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi..

navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione..

e ho visto i raggi "B" balenare nel buio vicino alle porte di tannhauser..

e ora tutti questi momenti andranno perduti nel tempo,come lacrime nella pioggia..

è tempo di morire.immagine

immagine

bussando alle
porte del paradiso



_________________________

I 3 GIORNI DEL CONDOR



film del 1975 nel quale il tema delle guerre per il petrolio è affrontato con lucida premonizione.

_____________________

CULT DI LUC BESSON

immagine

__________________________

immagine

immagine

___________________________

immagine

 

 

IL CAPO DEL GOVERNO SI MACCHIO' DI DELITTI CHE....

Post n°255 pubblicato il 28 Marzo 2010 da subotai0
 
Tag: DENUNCE

«Il capo del Governo si macchiò ripetutamente durante la sua carriera di delitti che, al cospetto di un popolo onesto, gli avrebbero meritato la condanna, la vergogna e la privazione di ogni autorità di governo. Perché il popolo tollerò e addirittura applaudì questi crimini? Una parte per insensibilità morale, una parte per astuzia, una parte per interesse e tornaconto personale. La maggioranza si rendeva naturalmente conto delle sue attività criminali, ma preferiva dare il suo voto al forte piuttosto che al giusto. Purtroppo il popolo italiano, se deve scegliere tra il dovere e il tornaconto, pur conoscendo quale sarebbe il suo dovere, sceglie sempre il tornaconto.
Così un uomo mediocre, grossolano, di eloquenza volgare ma di facile effetto, è un perfetto esemplare dei suoi contemporanei. Presso un popolo onesto, sarebbe stato tutt'al più il leader di un partito di modesto seguito, un personaggio un po' ridicolo per le sue maniere, i suoi atteggiamenti, le sue manie di grandezza, offensivo per il buon senso della gente e causa del suo stile enfatico e impudico. In Italia è diventato il capo del governo. Ed è difficile trovare un più completo esempio italiano.
Ammiratore della forza, venale, corruttibile e corrotto, cattolico senza credere in Dio, presuntuoso, vanitoso, fintamente bonario, buon padre di famiglia ma con numerose amanti, si serve di coloro che disprezza, si circonda di disonesti, di bugiardi, di inetti, di profittatori; mimo abile, e tale da fare effetto su un pubblico volgare, ma, come ogni mimo, senza un proprio carattere, si immagina sempre di essere il personaggio che vuole rappresentare
».

Elsa Morante, Opere, vol. I, Mondadori (Meridiani), Milano 1988, L-LII

 
 
 

tronchetti provera presenta il calendario pirelli

Post n°254 pubblicato il 20 Novembre 2009 da subotai0
 


NEL VIDEO BEPPE GRILLO SU TRONCHETTI
DOPO LO SPOLPAMENTO DELLA TELECOM,LE STOCK OPTION DA 219 MILIONI DI DOLLARI,I LICENZIAMENTI,LO SPIONAGGIO DI TAVAROLI E VIA FATICANDO  SI DEVE PUR RIPOSARE...

 
 
 

Bernardini De Pace,l'avvocato dei vip,sospesa.

Post n°253 pubblicato il 21 Marzo 2009 da subotai0

Anche gli avvocati qualche volta pagano anche se un caso,per quanto famoso,non fa la regola.Solo a Roma ci sono tanti avvocati quanto nell'intera Francia e chi in Italia non ha qualche brutta storiaccia da raccontare a proposito di una categoria che è autorizzata a mentire dalla legge e che è ampiamente rappresentata in Parlamento.Il sistema giustizia non funziona e c'è chi ha tutto l'interesse al permanere di questa situazione.Molti massacrati da divorzi esosi si saranno fregati le mani per l'infortunio occorso alla nota matrimonialista e per una volta si potranno scaldare al fuoco della vendetta magari per una sentenza che li ha costretti a lasciare la casa e  a continuare a pagare il mutuo per finire poi a consumare i pasti alla mensa della Caritas.Chi di spada ferisce.....

LEGGI L'ARTICOLO DELLA REPUBBLICA

 
 
 

MELISSA:COSì TUTTI SON CAPACI..

Post n°252 pubblicato il 21 Marzo 2009 da subotai0

La scrittrice porno soft più famosa d'Italia è ai ferri corti con un editore che senza il suo consenso ha pubblicato un brogliaccio-anteprima del suo celebre romanzo senza autorizzazione.Finirà in Tribunale.Melissa è esplosa e si è arricchita trovando il coraggio di pubblicare una storia con i dettagli della sua iniziazione sessuale da giovanissima con l'aggiunta probabilmente di varie trovate di fantasia che ammiccano ai tabù più diffusi nella sottocultura maschile da bar.Che Catania sia la Mecca del sesso per adolescenti non era infatti noto ai frequentatori del genere ma la finzione letteraria può aiutare.Comunque ha fatto centro.La letteratura italiana forse non tramanderà ai posteri le sue imprese con troppo entusiuasmo ma la categoria dei paperoni furbacchioni certo ha registrato all'epoca una simpatica new entry.Certo che se tutti gli italiani decidessero di scrivere il proprio diario delle esperienze erotiche vissute dalla quasi infanzia all'adolescenza,raccontando tutto ma proprio tutto,se ne vedrebbero delle belle,altro che 100 colpi di spazzola.E' il coraggio che manca ai più non certo il materiale,tra confessionali e sagrestie,cantine buie e festicciole tra amici.Di di questo a Melissa si deve certamente dare atto,non sarà Matilde Serao ma di fegato ne ha da vendere.

 
 
 

Patate:lo spot che fa girare i coglioni

Post n°251 pubblicato il 04 Marzo 2009 da subotai0


Un maledetto tormentone irrita da tempo i telespettatori.Complice la campagna di investimenti realizzata per incrementare il consumo del prodotto.La risposta che sgorga spontanea dal cuore è:-Ma perchè quella patata non te la ficchi nel culo???-E dire che lo scopo è benefico e solidale poichè di tratta delle patate della Tanzania la cui vendita forse darà qualche beneficio ai poveri coltivatori africani vessati da storici mali ben lontani dall'essere risolti.In realtà il segreto del successo dello spot è proprio la sua fastidiosa banalità e più una cosa ti fa girare le balle e più te la ricordi come diceva McLuhan nel suo celebre saggio sulla comunicazione subliminale.Vorrà dire che d'ora in poi per fare un pò di bene ci adatteremo anche a questo strazio pluriquotidiano,oppure cambiamo canale.

 
 
 

capodanno di merda

Post n°250 pubblicato il 01 Gennaio 2009 da subotai0
 


Capodanno è sempre stata una festa di merda ma quest'anno poi...Un morto e 380 feriti in giro per l'Italia e una ragazza stuprata dal branco a Roma...poi dice che Bologna è maglia nera per l'ordine pubblico,mah..a me  è andata meglio,ho lavorato solo  9 ore e  mezza per una paga da barbone perchè il boss aveva bisogno di soldi e li ha presi dove poteva...ho dovuto tenere a bada per due ore un tavolo di cocainomani infelici,arroganti e ubriachi  e di tabagisti/e compulsivi/e da carenza cronica di sesso che volevano farsi i cazzi loro e mettevano di mezzo me ....almeno gli ho rotto le palle  e spero di everli fatti incazzare con le loro mogli sfatte dalla testa piena di corna ..ma  il coraggio di saltarmi addosso non l'hanno avuto..tutta gente "bene" naturalmente,ma va..poi ho cambiato posto e mi sono messo in mezzo ai ragazzi sul palco,agitati,ubriachi ma più genuini,non si stava troppo male...stavo per picchiare un russo fuori di testa ma ho resistito,meglio così,è ora di smettere con questo fottuto lavoro...alla fine,al mattino un raggio di sole,un'amica mi fa gli auguri e un pò di tenerezze...il lato buono in ogni caso è che ho evitato l'imbarazzo della mia ex che si sbronza come una cucuzza in questa occasione e comincia a sballare e a fare la deficente.Problema risolto alla radice.L'anno prossimo se sono ancora vivo vado a Cuba alla faccia di tutti i....

 
 
 

D'ALEMA:ERA GIUSTO AVERE UNA BANCA

Post n°249 pubblicato il 07 Dicembre 2008 da subotai0
 


Da crozza il migliore dei postcomunisti rivendica la giustezza dell'obbiettivo strategico.Una grande banca controllata dalle COOP serve alla causa della sinistra e della democrazia.Siamo d'accordo,il problema è che per raggiungere l'obbiettivo siamo scesci a patti con il peggio dei" poteri forti" della prima repubblica Berlusconi compreso passando per Fiorani,Ricucci e compagnia.E non abbiamo disdegnato di ricorrere agli stessi metodi trasversali e non trasparenti.E alla fine ci siamo anche fatti beccare con il "sorcio in bocca"  per il più classsico degli errori da dilettanti:parlare al telefono in libertà.
Una disfatta.

 
 
 

PISANU ALL'ANTIMAFIA:TRAVAGLIO NON CI STA

Post n°248 pubblicato il 11 Novembre 2008 da subotai0
 


NELLA FOTO L'EX MINISTRO PISANU

L'ARTICOLO DI MARCO TRAVAGLIO
"Buongiorno a tutti.

Finalmente, si fa per dire, riparte la commissione parlamentare
antimafia. Voi sapete che è dall'inizio degli anni Sessanta che il
Parlamento italiano si costituisce in commissione bicamerale antimafia
per combattere la mafia, soprattutto nei suoi rapporti tra mafia e
politica.

C'è una contraddizione: la politica che combatte i rapporti tra mafia e
politica è come dire la mafia che combatte i rapporti fra mafia e
politica.
E
infatti non li ha, almeno negli ultimi quindici anni, mai combattuti;
da quando, cioè, non c'è più un'opposizione forte a chi sta al governo
ma ci sono, sulle questioni che contano, finte divisioni fra
maggioranza e opposizione e poi una sostanziale unanimità. Infatti,
come sappiamo, negli ultimi quindici anni tutte le normative serie in
materia di lotta alla criminalità organizzata sono quelle che erano
contenute nel papello di Totò Riina. Sono state abolite le carceri
nelle isole con l'isolamento del 41bis serio, Pianosa e Asinara; sono
stati di fatto aboliti i pentiti, nel senso che nell'anno 2000 destra e
sinistra insieme hanno messo mano alla riforma che aveva voluto Falcone
all'inizio degli anni Novanta e hanno deciso di togliere tutti i
benefici che rendevano conveniente, per un mafioso, schierarsi dalla
parte dello Stato tradendo la mafia. Per cui i mafiosi hanno capito
l'antifona, quelli che avevano qualche intenzione di pentirsi se la
sono fatta passare, quelli che si erano già pentiti si sono pentiti di
essersi pentiti e hanno ritrattato.
In più sono state ridotte di
molto le scorte ai magistrati e ai testimoni antimafia. E' stato
svuotato dall'interno il 41bis per cui quando il cosiddetto ministro
Alfano racconta che non è mai stato così efficace sa benissimo - spero
per lui - di raccontare favole perché lo sanno tutti che il 41bis è
diventato una specie di barzelletta da quando è stato stabilizzato per
legge.
Quando voi sentite il presidente del Senato Schifani dire:
"noi nella legislatura del governo Berlusconi II abbiamo stabilizzato
un provvedimento che prima era provvisorio e veniva attuato dal
ministro della Giustizia di sei mesi in sei mesi, abbiamo stabilizzato
per sempre il 41bis", spero che anche lui - ma credo che lo sappia -
sia conscio di raccontare favole. Perché il 41bis quando era
provvisorio era molto più efficace che oggi quando è diventato legge
definitiva. Per quale motivo?
Per un motivo molto semplice: quando
un provvedimento viene rinnovato di sei mesi in sei mesi i tempi
burocratici necessari per il mafioso recluso per chiedere la revoca
dell'isolamento, sono talmente lunghi che di solito la risposta alla
sua domanda non arriva in tempo in sei mesi, quindi quando gli
rispondono c'è già stato un nuovo provvedimento semestrale, contro il
quale deve di nuovo ricorrere.
I ricorsi, quindi, contro il 41bis
non venivano quasi mai accolti perché non si faceva in tempo.
Praticamente il 41bis durava molto a lungo ed era molto difficile
revocarlo. Ora che è diventato un provvedimento che vale per sempre,
preso una volta vale per sempre - o almeno fino a che non ce ne sono i
presupposti - i ricorsi sono molto facili perché anche se durano 7-8
mesi ne basta uno perché la persona possa vincerlo, allora si va alla
discrezionalità del magistrato singolo il quale ogni volta che riceve
il ricorso deve valutare se la persona sia ancora socialmente
pericolosa, collegata con l'organizzazione mafiosa. E come fai a
saperlo? Come fai a sapere se una persona è potenzialmente pericolosa?
Come fai a sapere se ha ancora legami dopo anni che è in carcere? Lo
puoi presumere ma se non lo puoi dimostrare, spesso puoi concedere la
revoca del 41bis senza alcun rischio e senza alcuna formale
irregolarità.
Quindi molti detenuti mafiosi, anche stragisti, che
stavano al 41bis hanno ottenuto, in buona o cattiva fede dei magistrati
di sorveglianza, il trattamento carcerario normale.

Quindi adesso incontrano quando gli pare avvocati, parenti eccetera.
Non raccontiamoci balle: le commissioni antimafia sono un paravento per
far finta che lo Stato ancora combatte la mafia. Non sono più le
commissioni antimafia degli anni Sessanta e Settanta che addirittura
anticipavano il lavoro della magistratura.

La magistratura negli anni Sessanta e Settanta, soprattutto in Sicilia
e a Roma in Cassazione, era quella magistratura che proclamava la non
esistenza della mafia oppure scambiava la mafia per un'accozzaglia di
bande che, scompostamente e senza alcun vertice, agivano per i campi.

La commissione antimafia, molto più avanzata di quella magistratura, già faceva i nomi e i cognomi dei personaggi.

Salvo Lima era citato decine di volte nelle relazioni di minoranza
della commissione antimafia come referente della mafia ben prima che
venisse assassinato e ben prima che nel processo Andreotti e nel
processo sull'assassinio Lima i magistrati poi stabilissero nero su
bianco che Lima era un noto mafioso.

Negli ultimi anni la commissione antimafia è diventata un ente inutile,
anzi dannoso, proprio perché ha diffuso la sensazione che il Parlamento
continuasse a occuparsi dei rapporti fra mafia e politica, mentre non
ha mai avuto il coraggio di mettere le mani sul caso Dell'Utri.

Non ha mai avuto il coraggio di mettere le mani sul caso Berlusconi.
Non ha mai avuto il coraggio di mettere le mani sul caso Andreotti,
nemmeno dopo che la magistratura aveva già squadernato, sotto gli occhi
dei commissari e del Parlamento, le carte necessarie e indispensabili
per poter tirare almeno le conclusioni politiche di quei rapporti ormai
accertati.

Io ricordo che, con Elio Veltri, scrivemmo il libro "L'odore dei soldi"
nel 2001 con gli editori riuniti proprio perché Veltri faceva parte
della commissione antimafia.

Venne da me e mi disse: "abbiamo fatto arrivare dal Tribunale di
Palermo le carte del processo Dell'Utri, le perizie sui finanziamenti
ambigui della Fininvest negli Settanta e Ottanta,

i rapporti sui finanziamenti delle varie finanziarie del gruppo Berlusconi.

Quando io ho chiesto di discuterne in commissione, eravamo alla fine
della legislatura del centrosinistra, mi hanno tutti guardato come un
matto e abbiamo votato.

Ho votato da solo per parlare del caso Dell'Utri - Berlusconi in
commissione antimafia e tutti mi hanno votato contro, compresi persone
oneste della sinistra come Beppe Lumia dei DS e Giovanni Russo Spena di
Rifondazione".

Allora facemmo il libro.

Ora perché vi racconto tutto questo? Perché si sta reinsediando la commissione parlamentare antimafia.

Se voi andate sul sito della Camera, andate nella finestra che riguarda
le commissioni, andate nelle commissioni bicamerali e trovate
"Commissione parlamentare d'inchiesta sul fenomeno di mafia e sulle
altre associazioni criminali anche straniere".

Poi trovate la legge istitutiva, è una legge nuova ogni volta, rispetto a quella vecchia.

Di solito ricopiata, questa volta - sono anche spiritosi - hanno voluto
scrivere che questa commissione antimafia indagherà anche sui rapporti
tra mafia e politica con particolare riferimento al periodo delle
stragi del '92-'93. Quindi mandanti occulti, trattative fra Stato e
mafia eccetera. Speriamo che sia vero. Alla voce presidente,
vicepresidenti e segretari c'è il bianco, perché non hanno ancora
designato il presidente.

Ci sono invece i cinquanta componenti, venticinque deputati e venticinque senatori.

Buona notizia: non ci sono pregiudicati. Ve lo dico perché nella scorsa
legislatura ce n'erano due: Vito Alfredo e Paolo Cirino Pomicino.
Questa volta hanno pensato di non metterceli.

In compenso abbiamo dei personaggi che forse, valutate voi, non sono proprio il non plus ultra per la commissione antimafia.

Soprattutto il presidente: pare il che il favorito alla presidenza dell'antimafia sia Beppe Pisanu.

Premetto che Beppe Pisanu è persona estremamente seria ed è uno dei
migliori, o dei meno peggio a seconda della visuale, di Forza Italia.
Ma più per demerito degli altri che non per merito suo!

Voi sapete che Pisanu è completamente uscito dall'orbita di Berlusconi: nessuno ne parla più.

L'avete mai più visto in televisione, l'avete mai più sentito nominare?

Eppure era il ministro dell'Interno durante le elezioni del 2006.
Secondo alcuni, Enrico Deaglio, è il ministro dell'Interno che si
oppone ai tentativi golpistici di broglio ventilati dal Cavaliere e per
questo è protagonista di una rissa memorabile a Palazzo Grazioli.

Da allora - noi non sappiamo se è vero, Deaglio con alcuni indizi l'ha
sostenuto nella sua inchiesta sui presunti brogli nel 2006 - sta di
fatto che Pisanu non ha più avuto alcun incarico di prestigio ed è
stato posato, anche se è rimasto in Forza Italia.

Adesso pare che, proprio per questo suo ruolo non più fidato per
Berlusconi, stia diventando una figura di garanzia che piace anche
all'opposizione per fare il presidente dell'antimafia.

Purtroppo, però, Pisanu non è un pivellino appena uscito dalle Università.

E' un signore nato a Sassari nel 1937.

H
a un anno in meno di Berlusconi, ne ha 71. Laureato in scienze
agrarie, era nella DC - nella sinistra DC - amicissimo di Cossiga.

E' stato nella segreteria di Zaccagnini, capo della segreteria di Zaccagnini negli anni del compromesso storico.

Poi è stato sottosegretario al Tesoro e alla Difesa nei governi Forlani, Fanfani, Spadolini, Goria e Craxi.

Nel 1994 era vice capogruppo di Forza Italia alla Camera e nel 1996 è
stato nominato capogruppo quando hanno cacciato Vittorio Dotti perché
era fidanzato di Stefania Ariosto, che aveva il grave torto di avere
parlato di Previti.

Nel 2001 ministro per la verifica del programma nel governo Berlusconi
II e poi ministro dell'Interno dopo che Scajola ebbe la splendida idea
di definire "rompicoglioni, avido" il povero Marco Biagi dopo
l'assassinio.

Insomma, è in Parlamento da dieci legislature.

Questa è la sua undicesima.

Perché dico che forse non è l'uomo giusto al posto giusto? Perché nel 1983 era sottosegretario al Tesoro nel governo Fanfani V.

Cosa successe? Il caso Ambrosiano.

Andiamo con ordine: Pisanu è sottosegretario al Tesoro e il Tesoro ha
il dovere di sorveglianza, insieme alla Banca D'Italia, sulle banche,
soprattutto sull'Ambrosiano che era un'enorme banca.

Bene, lui, che avrebbe dovuto vigilare come sottosegretario al Tesoro,
in realtà era amicissimo di Roberto Calvi, il bancarottiere, e di tutti
gli uomini che gli avevano dato una mano a fare bancarotta, a
cominciare da Flavio Carboni.

Flavio Carboni non era coinvolto tanto negli aspetti finanziari del
caso Ambrosiano quanto piuttosto nella fuga di Calvi in Svizzera e poi
in Inghilterra, tant'è che è stato addirittura imputato per l'omicidio
Calvi, assolto in primo grado ma adesso credo ci sarà il processo di
appello.

Insieme a Licio Gelli, ad esponenti della banda della Magliana, un bel giro.

Pisanu ci andava in barca, in Sardegna con Flavio Carboni, e sulla
barca - che si chiamava la "Punto Rosso", 22 metri - c'era anche un
omino: il nostro presidente del Consiglio attuale, Berlusconi.

Sempre sulla barca, in Costa Smeralda.

A un certo punto condannano Calvi per reati valutari, lo mettono in libertà provvisoria.

Va anche Calvi in barca, dopo essere stato condannato in primo grado,
arrestato e messo in libertà provvisoria, va in barca pure lui con
Pisanu e il resto della compagnia.

Poi nel 1982 arrestano Carboni per la fuga di Calvi, che poi è stato
trovato impiccato sotto il ponte dei Frati Neri di Londra; Carboni
viene arrestato e Pisanu viene interrogato sulle sue frequentazioni con
Carboni e risponde al magistrato Pierluigi Dell'Osso: "incontravo
Carboni perché era un interlocutore valido per le forze politiche
richiamantisi all'ispirazione cattolica".

Carboni era un'anima pia: parlavano di teologia, probabilmente, in barca nei giorni del crack Ambrosiano.

Carboni, aggiunge Pisanu riuscendo a rimanere serio, "mi disse che
Berlusconi aveva interesse a espandere Canale5 in Sardegna, tal che lo
stesso Carboni si stava interessando per rilevare, a tal fine, la più
importante rete televisiva sarda, Videolina, e mi disse di essere in
affari col signor Berlusconi anche a riguardo di un grosso progetto
edilizio denominato "Olbia 2"".

Era quando Berlusconi e Carboni volevano rovesciare una colata di cemento sulla costa Smeralda.

Questo pio sodalizio si estende poi al Banco Ambrosiano perché, come vi
ho detto, il sottosegretario al Tesoro, anziché vigilare su quello che
stava facendo Calvi, già condannato per reati valutari, incontra Calvi
quattro volte, in quei giorni.

Subito dopo viene chiamato a rispondere alla Camera da
un'interrogazione parlamentare delle opposizioni che, allarmate per il
crack dell'Ambrosiano, del quale già si parla anche se non è stato
ancora ufficializzato, chiedono notizie al governo, al sottosegretario
al Tesoro.

Pisanu, l'8 giugno del 1982, risponde alla Camera. Già all'epoca c'era
un enorme buco, c'era il buco del banco Andino, affiliato al Banco
Ambrosiano, che stava rischiando di trascinare anche l'Ambrosiano nel
crack.

Ma Pisanu rassicura: niente paura: è tutto sotto controllo, nessun
allarme. Dice: "le indagini condotte all'estero sull'Ambrosiano non
hanno dato alcun esito".

Non tanti giorni dopo, un giorno dopo, il 9 giugno Pisanu va di nuovo a cena con Flavio Carboni.

Un altro giorno dopo, il 10 giugno, Calvi scappa dall'Italia per finire, come sappiamo, sotto il Ponte dei Frati Neri, appeso.

Nove giorni dopo l'uscita di Pisanu in Parlamento - tutto sotto
controllo, nessun problema per l'Ambrosiano - il governo suo, Fanfani,
mette l'Ambrosiano in insolvenza.

Lo dichiara insolvente e manda sul lastrico migliaia di risparmiatori, che perdono tutto quello che avevano.

Poi, sia l'Ambrosiano, sia l'Andino fanno la loro regolare bancarotta.

La commissione P2, presieduta da Tina Anselmi, convoca Pisanu perché
Angelo Rizzoli, editore, all'epoca proprietario del Corriere della
Sera, P2, poi coinvolto in un crack, anche lui arrestato, racconta: "a
proposito del Banco Andino, Calvi disse a me e a Tassandin - l'uomo
della P2 al vertice del Corriere della Sera - che il discorso
dell'onorevole Pisanu in Parlamento l'aveva fatto fare lui - Calvi.
Qualcuno mi aveva detto che per quel discorso Pisanu aveva preso 800
milioni da Flavio Carboni".

Quest'accusa, che poi verrà riesumata anche dal portaborse di Calvi,
Pellicani, non ha mai trovato conferma, quindi possiamo ritenerla falsa
o non provata.

Ma il problema è politico: Pisanu è il signore che ha messo la faccia,
è andato in Parlamento a dire che il Banco Ambrosiano era una
meraviglia mentre era alla vigilia del crack.

Il tutto a causa dei suoi conflitti di interessi, cioè dei suoi rapporti con Carboni, con Calvi e con Berlusconi.

In commissione P2 si scatenano le opposizioni: i più accesi sono
Teodori, dei Radicali, e Tremaglia, del Movimento Sociale, che ne
dicono di tutti i colori di Pisanu.

Se volete trovate in "Se li conosci li eviti", la biografia di quei
giorni terrificanti, tant'è che urlano "dimissioni, dimissioni,
dimissioni!" e alla fine, il 21 gennaio del 1983, Pisanu si dimette da
sottosegretario al Tesoro.

Poi rientrerà in un altro governo e verrà riciclato da Forza Italia, perché sapete che in Italia non si butta via niente!

Lo ritroviamo, Pisanu - ve lo racconto di nuovo il suo possibile ruolo
di presidente della commissione antimafia - nel 2004, 10 gennaio, in
una telefonata.

Non è lui al telefono: al telefono ci sono Berlusconi, presidente del
Consiglio, e Cuffaro, all'epoca governatore della Sicilia per il
centrodestra.

Cuffaro, sapete, era preoccupato perché c'era un'indagine per
favoreggiamento alla mafia da parte della Procura di Palermo,
Berlusconi lo rassicura e gli dice: "io ho saputo qui, la ragione
perché ti telefono, il ministro dell'Interno mi ha parlato e mi ha
detto che tutta la... è sotto controllo, è tutto sotto controllo".

Chi era ministro degli Interni in quel periodo? Pisanu.

A che titolo Pisanu sapeva notizie o controllava notizie su un'indagine
segreta della magistratura a Palermo, un'indagine di mafia che
coinvolgeva anche il governatore?

E a che titolo informava Berlusconi di queste eventuali notizie segrete di cui aveva saputo?

E a che titolo Berlusconi informava Cuffaro?

C'è, per caso, un reato di favoreggiamento in questo comportamento? Lo
domando perché Cuffaro è stato condannato per avere avvertito dei
mafiosi su notizie riservate su indagini in corso.

Se fosse vero quello che dice Berlusconi al telefono, forse ci sarebbe
qualcosa di illecito anche nel comportamento di un ministro
dell'Interno che si procura notizie su un'indagine segreta, che le
rivela al presidente del Consiglio, che le rivela all'interessato, cioè
all'indagato, cioè a Totò Cuffaro.

Perché non sono stati chiamati a risponderne penalmente? Perché in quel
periodo la procura di Palermo adottava una linea morbida nei confronti
dei politici.

Pisanu fu sentito come testimone, Berlusconi non fu nemmeno sentito.

La procura, presieduta da Piero Grasso, chiese e ottenne la distruzione
di quei nastri, anziché mandarli al Parlamento per ottenere
l'autorizzazione a utilizzarli per valutare eventuali reati da parte di
Berlusconi e Pisanu.

Tutti da dimostrare, naturalmente, ma la telefonata è quanto mai
inquietante, soprattutto perché Cuffaro non si è mai saputo da chi
sapesse le notizie riservate che poi passava ai mafiosi.

Qui abbiamo un piccolo indizio: "il ministro dell'Interno mi ha
parlato, e mi ha detto che tutta la... è tutto sotto controllo, tutto
sotto controllo".

Perché dico questo? Perché è evidente che una commissione parlamentare
antimafia seria, che volesse occuparsi dei rapporti mafia-politica,
potrebbe per esempio cominciare dal caso Cuffaro.

E nel caso Cuffaro domandarsi se c'erano deviazioni istituzionali.

E magari convocare Berlusconi e Pisanu.

Ma se il presidente dell'antimafia fosse Pisanu, potrebbe convocare se
stesso? Si, dovrebbe guardarsi allo specchio e farsi le domande e darsi
le risposte.

Passate parola!

Ps. La scorsa settimana ho citato l'ex onorevole Publio Fiori a proposito della Loggia P2.

Fiori mi prega di precisare che il suo nome figurava, sì, nelle liste
ritrovate nel 1981 negli uffici di Gelli a Castiglion Fibocchi.

Ma poi una sentenza definitiva del Tribunale di Roma (come pure
l'Avvocatura Generale dello Stato) hanno stabilito che la presenza del
suo nome nelle liste non dimostra la sua adesione alla Loggia.

Il suo nome, insomma, potrebbe essere stato inserito abusivamente negli elenchi." Marco Travaglio



 





I

 
 
 

GELLI CONDUTTORE TV:LA DESTRA TREMA...

Post n°247 pubblicato il 01 Novembre 2008 da subotai0
 


Gelli a destra nella foto.

Odeon lo manda in onda per raccontare l'Italia secondo la P2 e tutti si aspettano clamorose rivelazioni dall'uomo che dopo una condanna a 12 anni di carcere e accuse gravissime di eversione si proclama creditore di Berlusconi per il suo "progetto di rinascita democratica" che a quanto pare si è realizzato fino all'ultimo dettaglio.IL Venerabile ha già creato non poco imbarazzo quando ha ribadito che Berlusconi era socio della P2 e tutti ricordano come per averlo negato davanti ai giudici il Cavaliere è stato riconosciuto colpevole di falsa testimonianza per poi essere amnistiato.La prima puntata ospiterà Andreatti,prescritto fino all'80 per mafia,e Dell'utri condannato per associazione mafiosa.Le polemiche non mancheranno e difficilmente i guru della comunicazione la potranno  definire come un'operazione intelligente per  conquistare immagine e popolarità. Dopo l'errore clamoroso del decreto Gelmini  si prtepara un'altra sicura  debacle per il PDL anche se minore per importanza.Siamo tutti in attesa della prima puntata.Veltroni ringrazia.

 
 
 

MARONI LEGGE GOMORRA E MANDA I SOLDATI,ERA ORA

Post n°246 pubblicato il 04 Ottobre 2008 da subotai0
 
Tag: GOMORRA


nella foto la moglie del boss Schiavone-Sandokan arrestata dopo il blitz
Anche il ministro degli interni ha letto Gomorra,il libro di Saviano, evidentemente e dopo la strage di Castelvolturno ha mandato 400 poliziotti e 500 militari a presidiare il territorio per consentire alle forze di polizia già presenti di dedicarsi alle attività investigative.E i primi risultati si vedono con gli arresti di tre killers anche se il boss è ancora latitante.Siamo in forte ritardo ma meglio che niente e purtroppo a sinistra si registra un'altra occasione perduta quando era al governo per risolvere un'emergenza storica.Peccato.Perchè tutti sanno che per battere la Camorra occorrono 4 cose.
1-Un super-commissario dotato di pieni poteri  come lo fu Dalla Chiesa con le BR.
2-Una legislazione di emergenza adeguata.
3-Interventi sociali e sull'occupazione in grado di garantire un reddito agli uomini adulti dai 18 ai 65.Fosse anche scavare buche e poi riempirle.
4-Una battaglia culturale come quella di Mao con il librettorosso per conquistare i giovani e la gente ai valori della legalità.
Senza questi interventi tutti gli sforzi sono generosi e belli ma destinati a fallire.

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: subotai0
Data di creazione: 15/03/2005
 

SCAMBIO LINKS

GUERNICA

immagine

immagine


il lavoro CHE USURA...

immagine

immagine
immagine
ecstasy of gold


FALCONE E BORSELLINO

 

ESPERIMENTI

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cococostrpennisigkatia.pidavide.fedestrong_passionnnever73m21856peperojo78fabiocastagna0micra20100umarkhoodpsicologiaforenseelenaninbal_zacod1s
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

LA SPIA CHE VENNE DAL FREDDO.

immagine
-Che cosa credi che siano le spie?Santi,martiri,preti?Sono una squallida processione di idioti vanesi e di traditori,di omosessuali,sadici,ubriaconi,di gente che gioca agli indiani e ai cowboys per rallegrare una vita squallida…..
…..Hanno bisogno di lui perché la gran massa ebete che tu ammiri possa dormire tranquilla ogni notte. Hanno bisogno di lui per la sicurezza della miserabile gente qualsiasi,come te e come me.


Tratto da “La spia che venne dal freddo” di John Le Carrè
Nella foto Richard Burton nei panni di Alec Leamas
 

QUELLI CHE...

Quelli che cantano dentro nei dischi perche' ci hanno i figli da mantenere, oh yes!
Quelli che da tre anni fanno un lavoro d'equipe convinti d'essere stati assunti da un'altra ditta, oh yes!
Quelli che fanno un mestiere come un altro.
Quelli che accendono un cero alla Madonna perche' hanno il nipote che sta morendo, oh yes!
Quelli che di mestiere ti spengono il cero, oh yes!
Quelli che Mussolini e' dentro di noi, oh yes!
Quelli che votano a destra perche' Almirante sparla bene, oh yes!
Quelli che votano a destra perche' hanno paura dei ladri, oh yes!
Quelli che votano scheda bianca per non sporcare, oh yes!
Quelli che non si sono mai occupati di politica, oh yes!
Quelli che vomitano, oh yes!
Quelli che tengono al re.
Quelli che tengono al Milan, oh yes!
Quelli che non tengono il vino, oh yes!
Quelli che non ci risultano, oh yes!
Quelli che credono che Gesu' Bambino sia Babbo Natale da giovane, oh yes!
Quelli che la notte di Natale scappano con l'amante dopo aver rubato il panettone ai bambini, oh yes!
Intesi come figli, oh yes!
Quelli che fanno l'amore in piedi convinti di essere in un pied-a-ter, oh yes!
Quelli, quelli che sono dentro nella merda fin qui, oh yes! Oh yes!
Quelli che con una bella dormita passa tutto, anche il cancro, oh yes!
Quelli che, quelli che non possono crederci neanche adesso che la terra e' rotonda, oh yes!
Quelli che non vogliono tornare dalla Russia e continuano a fingersi dispersi, oh yes!
Quelli che non hanno mai avuto un incidente mortale, oh yes!
Quelli che non vogliono arruolarsi nelle SS.
Quelli che ti spiegano le tue idee senza fartele capire, oh yes!
Quelli che dicono "la mia serva", oh yes! Oh yes!
Quelli che organizzano la marcia per la guerra, oh yes!
Quelli che organizzano tutto, oh yes!
Quelli che perdono la guerra... per un pelo, oh yes! Oh yes!
Quelli che ti vogliono portare a mangiare le rane, oh yes!
Quelli che sono soltanto le due di notte, oh yes!
Quelli che hanno un sistema per perdere alla roulette, oh yes!
Quelli che non hanno mai avuto un incidente mortale, oh yes!
Quelli che non ci sentiamo, oh yes!
Quelli diversi dagli altri, oh yes!
Quelli che puttana miseria, oh yes!
Quelli che quando perde l'Inter o il Milan dicono che in fondo e' una partita di calcio e poi vanno a casa e picchiano i figli, oh yes!
Quelli che dicono che i soldi non sono tutto nella vita, oh yes!
Quelli che qui e' tutto un casino, oh yes!
Quelli che per principio non per i soldi, oh yes! Oh yes!
Quelli che l'ha detto il telegiornale, oh yes!
Quelli che lo statu quo che nella misura in cui che nell'ottica, oh yes!
Quelli che non hanno una missione da compiere, oh yes!
Quelli che sono onesti fino a un certo punto, oh yes!
Quelli che fanno un mestiere come un altro.
Quelli che aspettando il tram e ridendo e scherzando, oh yes!
Quelli che aspettano la fidanzata per darsi un contegno, oh yes!
Quelli che la mafia non ci risulta, oh yes!
Quelli che ci hanno paura delle cambiali, oh yes!
Quelli che lavoriamo tutti per Agnelli, oh yes!
Quelli che tirano la prima pietra, ma che anche la seconda,la terza, la quarta e dopu? E dopu se sa no...
Quelli che alla mattina alle sei freschi come una rosa si svegliano per vedere l'alba che e' gia' passata.
Quelli che assomigliano a mio figlio, oh yes!
Quelli che non si divertono mai neanche quando ridono, oh yes!
Quelli che a teatro vanno nelle ultime file per non disturbare, oh yes!
Quelli, quelli di Roma.
Quelli che non c'erano.
Quelli che hanno cominciato a lavorare da piccoli, non hanno ancora finito e non sanno che cavolo fanno, oh yes!
Quelli li'


 

EZECHIELE 25-17

immagine
Ezechiele 25:17

"Il cammino dell'uomo timorato e' minacciato da ogni parte dalle iniquita' degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carita' e della buona volonta' conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre perche' egli e' in verita' il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti. E la mia giustizia calera' sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno, su coloro che proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome e' quello del Signore quando faro' calare la mia vendetta sopra di te..."
 

ODIO..

odio i fuoghi d'artificio
immagine
mi ricordano un vecchio film in bianco e nero con una storia strana e la scritta
-CALABUIC -che lampeggia sul paese..sono come i luna park d'inverno dove i bimbi piccoli hanno le dita gelate e i loro babbi non riescono a scaldargliele...sono come le palline di carta a Carnevale e le stelle filanti che la mamma ti infilava in tasca dei pantaloni corti,in piedi, sul pavimento nero della palestra,insieme al fazzoletto..come le feste di compleanno o quelle in casa da ragazzino con il giradischi,le sedie contro i muri e la più carina che tiene il muso perchè il tipo che le piace e che è anche il più stronzo di tutti, non è venuto..odio i fuochi d'artificio....
immagine
omaggio a Madonna
immagine
immagine
 

PULP FICTION

immagine 

immagine