Creato da due.di.coppe il 08/02/2011

due di coppe

quando la briscola è bastoni, col due di coppe ci fai poco.

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

 

Bisogna avere un caos

Post n°21 pubblicato il 02 Settembre 2011 da due.di.coppe

Bisogna avere un caos dentro di se
per generare una stella
danzante.
Friedrich Nietzsche

Non so cosa sarà la stella danzante che dovrà nascere.
Non so quando nascerà.
Osservo e aspetto, e intanto vivo al meglio mi posso permettere.
Il caos non mi si addice.
Ma, ora, ho solo quello.

ddc

 
 
 

Giornata di ferie

Post n°20 pubblicato il 29 Luglio 2011 da due.di.coppe

 

Mi piace sta cosa: seduto su una panchina di un parco nel pieno centro della mia città ad osservare la gent che passa, dopo esser finalmente riuscito a far funzionare il collegamento wifi gratuito gentilmente messo a disposizione dal mio comune.
E così, tra uno sguardo e l'altro, scrivo qui. (che adesso ci devo star attento a come lo scrivo!)
Il centro è pieno di gente, pieno di turisti, e mi vengono in mente le parole del Liga:

Tutte queste luci
tutte queste voci
tutti questi amici
tu dove sei!?


E un po' questa cosa mi fa paura.
Vero è che un po' di stabilità la sto raggiungendo, ma è anche altrettanto vero che questo stato è drogato da quel mio non voler guardare a domani e vivere giorno per giorno.
Si sa, si fa quel che si può, e quando non hai molto su cui reggerti, usi quello alla meno peggio.
E chi dice sia sbagliato: io di certo, in questo momento, non posso certo che affermare che questo, se non giusto, è quanto meno l'unico percorso possibile.
I grandi discorsi filosofici, quelli di ampio respiro, quelli delle strategia e delle visioni al momento non fanno per me.
Al momento bado solo a non farmi troppo male, a vivere a orecchio, senza ricette che qualcun'altro ha prescritto.
Perchè, detto tutto fino in fondo, sono ben stufo di questa situazione, di questo mio stato di continua e difficile attesa.
Ma tant'è, esserne stufo e solo l'inizio: poi devi anche darti da fare per uscirne fuori.
E devi uscire.
E magari sta anche succedendo, piano piano....
....e intanto domani non è più oggi!

ddc

Quante volte sei passata
quante volte passerai
e ogni volta è un colpo sordo all’anima
Quante volte sei mancata
quante volte mancherai
un colpo al cerchio ed un colpo all’anima


 

 

 
 
 

Indecisioni

Post n°19 pubblicato il 25 Luglio 2011 da due.di.coppe

Non so cosa fare.
Non ho idee.
Ho forse di idee ne ho.
Ma mi manca la ...forza/voglia/detrminazione per metterle in atto.
E così vivo alla giornata, in attesa di arrivare al termine di questo periodo malato che mi ha così tanto provando, e che mi sta a tutt'ora logorando.
Non so decidere, o forse non ho voglia di decidere.
Qualunque sia la direzione, ho l'impressione che lo sforzo necessario sia superiore alle mie possibilità attuali.
E questa cosa non va bene: l'apatia generalizzata non porta a niente di buono, in nessun campo.
E questo lo so bene.
Al momento sto quindi limitando i danni, facendo melina a centrocampo cercando di mantenere il risultato, che non può certo dirsi favorevole, buono, auspicato, ma potrebbe sempre peggiorare.
Lo potrebbe fare se tutti gli argini crollassero contemporaneamente.
E allora sarebbe peggio, molto peggio.
Ma non è ancora successo, magari una fiches per un altro giro di ruota mi è rimasta.
Prima di giocarla devo valutare bene.
E intanto valuto!
ddc

 
 
 

Sospensione

Post n°18 pubblicato il 19 Luglio 2011 da due.di.coppe

Oggi mi sento così: sospeso.
E mi sento così perchè mi par di volerlo io.
Niente pressioni, niente domande sul futuro, niente pensieri su cosa potrà accadere fra un giorno, una settimana, un mese.
E ho sospeso anche il giudizio: se sospensione doveva essere, sospensione completa sia!
Le domande stancano l'anima, sopratutto quelle a cui non si riesce a dar risposta, sopratutto quelle che una risposta non ce l'hanno.
E la mia anima e stanca di domande senza risposta, quindi non me ne pongo.
Mi limito a temporeggiare, a passeggiare in questa vita senza particolari pretese, senza particolari aspettative, che poi tanto, qualcosa succede.
Perchè dopo succede sempre qualcosa.
Magari non è quello che ci si aspettava, o quello che si desiderava, ma qualcosa succede sempre.
Ieri sera, parlando con un'amica dicevo che non vedo la luce in fondo al tunnell, ma sto camminando, piano piano, ma sto camminando, e prima o poi luce sarà.
Ho letto che i grandi dolori non sono altro che il preludio ad una nuova rinascita, analogamente a quanto succede con una malattia: lo stare male è il preludio alla guarigione, ovvero allo stare meglio.
Io sono claudicante, ma penso di che il peggio sia passato:
E spero che il meglio debba ancora venire.
Non penso di aver sofferto più di altri.
Penso che ci siano persone in situazioni ben peggiori della mia.
Ma tant'è, alla fine, tu fai sempre e solo i conti con te stesso. E ti puoi raccontare quello che vuoi, ma i conti non ti vengono risparmiati.
E probabilmente non sono ancora arrivato al momento di tirare una riga alla fine della colonna di numeri.
Forse mancano ancora "un paio di ordinazioni" da agiungere prima di poter "tirar 'na riga" e fare il totale.
Ma anche su questo sospendo il giudizio.
Non ho bisogno di un "parto indotto": devo attendere il "parto naturale"!

ddc

 
 
 

Sentire

Post n°17 pubblicato il 15 Luglio 2011 da due.di.coppe

A volte senti che devi fare qualcosa.
Qualcosa che, razionalmente ritieni non determinante, anzi, forse inutile.
Ma non fare questa cosa ti agita, ti da un senso di incompiutezza, e il pensiero continua a frullarti per la testa, non ti da nessuna tregua.
Anzi, acuisce una situazione di tensione già di per se alta.
E tu procedi, procedi facendo finta di niente, dicendoti che tanto non serve a nulla, non porterà da nessuna parte, non sarà determinante, forse addirittura controproducente.
E alla fine ti arrendi e decidi che lo devi, anzi no, vuoi fare.
E allora lo fai.
E quando l'hai fatto ti accorgi che, non è cambiato nulla, la situazione rimane pressapoco come prima e con i tuoi desideri ti ci puoi ben...asciugare le mani.
Ma intanto lo hai fatto, e così quel tarlo se n'è andato.
E i tarli dell'anima son veramente pericolosi e dolorosi.

ddc

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

anmicupramarittimawhite.pawnDebol_Mentedaunfioreleielealtreonly4wordsdelta790Angelo_Custode7unamamma1biagiovenAllison_MBlollino950toniaurzoCristallinaOKgiuliafichera0
 

ULTIMI COMMENTI

perchč nella vita nn scrivi libri?!?! sarai il tuo primo...
Inviato da: lollino950
il 13/06/2012 alle 16:49
 
sono piccolo č vero.. ma ti capisco!!!!!
Inviato da: lollino950
il 13/06/2012 alle 16:49
 
FANTASTICHE QUESTE FRASI!!
Inviato da: lollino950
il 13/06/2012 alle 16:48
 
DAVVERO!!
Inviato da: lollino950
il 13/06/2012 alle 16:47
 
scrivi davvero da dio!!
Inviato da: lollino950
il 13/06/2012 alle 16:47
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom