emergenzambiente

tematiche ambientali regione abruzzo

 

FUORI IL PETROLIO DALL'ABRUZZO

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

STOPO CONSUMO DEL TERRITORIO

Stop al Consumo di Territorio


 

logo sito denuclearizzato

 

AREA PERSONALE

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: emergenzambiente
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 54
Prov: PE
 

INCENERITORI

Inceneritori:La legge di Lavoisier applicata ai rifiuti: La legge di Lavoisier (o di costanza delle masse nelle reazioni chimiche) ci dice che “la quantità di materia totale di un sistema chiuso rimane costante”. Il che significa che è possibile trasformare le sostanze, ma non annullare la loro massa. Dalla combustione di una tonnellata di rifiuti bruciata si ottengono complessivamente circa due tonnellate di sostanze: - una tonnellata di fumi - 280kg/300kg di ceneri solide, cancerogene, da smaltire in discariche speciali - 30 kg di ceneri volanti (estremamente tossiche) - 650 kg di acqua sporca (da depurare) - 25 kg di gesso Nel processo di incenerimento, ai rifiuti da bruciare occorre infatti aggiungere calce viva e una rilevante quantità di acqua. Nulla si crea, nulla si distrugge, e tutto si trasforma, viene insegnato in seconda media, eppure, in modo bipartisan, i nostri politici sono ancora suggestionati dal “mito prometeico”.
 

HERMANN DALY

Hermann Daly, uno dei fondatori dell' economia ecologica fornisce la seguente ricetta per una economia sostenibile (notare bene che parla di "economia" e non "sviluppo")

1-Sfruttare le risorse rinnovabili ad un ritmo che non superi la capacità di rigenerazione dell' ecosistema.
2-Limitare l'uso di tutte le risorse, in modo da produrre un livello di rifiuti che possano essere assorbiti dall'ecosistema
3-Sfruttare le risorse non rinnovabili ad un ritmo che, per quanto possibile, non superi il ritmo di introduzione di sostituti rinnovabili

 

 

NON È UNA TESTATA GIORNALISTICA

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. Le foto presenti sul blog sono dei rispettivi autori, nel caso violino i diritti d'autore saranno rimosse in seguito a pronta comunicazione.
 

 

« Prevedere non è così dif...25 aprile, liberiamoci d... »

La nostra vita

Post n°153 pubblicato il 21 Aprile 2009 da emergenzambiente
 
Foto di emergenzambiente

clicca immagine e attenti alla crepa

 

L'Abruzzo di questi giorni è saturo di storie che mai avremmo voluto sentire; si sa la vita delle persone e quindi la tua, l'afferri- in questa folle corsa dell'oggi perpetuo, senza i domani-, quando lo strazio irrompe nelle nostre case attraverso i mas media, oppure perchè un tuo fratello, un amico un..., non correrà più con te.

Se gridi fermiamoci, sei uno iettatore, un signor no, un disfattista, un untore.

Noi sappiamo che i disastri ecologici e quelli geologici hanno una stessa matricie :

AVIDITÀ, INCURIA, DISUMANITÀ, IGNORANZA

La vita corre davanti a te per un dove sempre più sconosciuto; per una Italia fatalista già di per se che grida Silvio salvaci tu, il più è fatto.                                                                 2000 anni fa, ci fu chi disse : la verità, vi renderà liberi .

Noi ci crediamo e la cerchiamo in quei rari attimi tra un salto ad ostacoli, un ingiuria e un :  ma chi te lo fa fare

CHIETI, città che il terremoto dell'Aquila ha solo sfiorato, ma per i suoi nuovi  palazzi dell'A.T.E.R. forse è bastata quella semplice e ruvida carezza per allertare un geologo scrupoloso, che preferisce il ruolo scomodo di sentinella, piuttosto del comodo silenzio:

ESPOSTO

Alla cortese attenzione di

Procura della Repubblica presso il Tribunale di CHIETI  

Via Bertrando Spaventa, 4, 66100 CHIETI (CH)

Raccomanda AR anticipata da FAX ed E-mail

procura.chieti@giustizia.it  Fax 0871 - 4238301 / 4238361 

 

Io sottoscritto Francesco Stoppa residente in ..........

espongo

quanto di seguito riportato affinché l' Autorità competente, valutati i fatti, prenda i provvedimenti e le iniziative che riterrà opportune.

A seguito degli eventi sismici verificatisi in Abruzzo e in particolare della scossa del 6 aprile 2009, in qualità di Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università ho avuto modo di seguire l’andamento del fenomeno e di fare una ricognizione speditiva e di massima dei danni in provincia dell’Aquila, di Pescara e di Chieti. Da tale ricognizione si evince che alcuni edifici di Chieti hanno fornito una risposta sismica che può essere considerata anomalamente negativa rispetto all’andamento generale. L’Intensità media a Chieti è stata pari al 5-6 grado della scala mcs, mentre in tali edifici il danno è stato tra il 6 e il 7 grado di tale scala. Ciò può essere dovuto a varie cause locali e specifiche anche concomitanti tra loro di cui alcune potrebbero essere riferite ad inadeguatezza tecnico –strutturale degli edifici o abnormità. Inoltre trovandosi Chieti in seconda categoria si suppone che eventuali lavori di ripristino o consolidamento degli edifici siano certificati per tale categoria allorché questi vengano effettuati. 

La peggior risposta sismica a Chieti è stata osservata in un gruppo di edifici dell’ATER situati in via Amiterno e in via Pescara. In particolare almeno una delle palazzine di via Amiterno presenta danni a una o più travi del I piano e quindi tale danno sarebbe “strutturale” per definizione e richiede un attenta analisi per individuare possibili conseguenze sulla statica dell’edificio e la sua risposta sismica futura ad eventi tellurici anche più ampi dell’attuale cosi come previsto dalla collocazione del Comune di Chieti in seconda categoria e dalle carte di pericolosità dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e dalla pregressa storia sismica di Chieti (2 eventi storici conosciuti tra il 7 e l’8 grado MCS nel 1882 e 1706). Si può per ora solo ipotizzare che tale danno “strutturale” possa essere dovuto a una o più delle cause sottoelencate: cedimento fondale dovuto ad eccessivo carico-sollecitazione e/o scarsa resistenza al taglio del terreno di fondazione e/o inadeguatezza della fondazione; o, più probabilmente, vulnerabilità dell’edificio dovuto a: qualità scadente del manufatto e/o dei materiali utilizzati, variazioni rispetto al calcolo strutturale originale senza che l’edificio sia stato riadeguato (es. aggiunta di altri piani o carichi), edificio non particolarmente o malamente rinforzato per ciò che riguarda la sua capacità di resistenza a sforzi di taglio; altre vulnerabilità da definite etc. I testimoni residenti riferiscono di danni estesi fino all’ultimo piano dell’edificio/i.

Si è osservato anche che alcuni pilastri in cemento armato del pianterreno sono “ingrossati” mediante giustapposizione d’opera muraria che ovviamente si è comportati in maniera “differenziale” durante la sollecitazione sismica cosi come pure le temponature e i rivestimenti che sono risultati distaccati, lesionati e crollanti. Si osservano ad oggi interventi repentini di “ripristino” (effettuati quindi dopo il danneggiamento) con conseguente copertura e altrazione del danno visibile. Per maggior completezza si allega localizzazione approssimativa degli edifici danneggiati (indicati da frecce rosse) e foto di alcuni dettagli dei danni qui sopra descritti.

Con osservanza

Prof. Francesco Stoppa

20/04/2009

Professore Ordinario di Vulcanologia.

Ex membro Commissione Nazionale Grandi Rischi. 

 



 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: emergenzambiente
Data di creazione: 05/04/2008
 

REGIONALI 2014 RICHIESTE AI CANDIDATI

2014 richieste ai candidati 

 

IN ABRUZZO SCOPPIAMO DI ENERGIA

TRIVELLE IN VISTA -DOSSIER 2013-

DOSSIER WWF MILIONI DI REGALI

SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK!

Twitter: @AmbienteAbruzzo

Facebook: Emergenza Ambiente Abruzzo

 

CARTINA PETROLIO AGGIORNATA AL 2011

 

FUORI IL PETROLIO DALL'ABRUZZO

PETROLIO CHI DECIDE COSA

Lo schema delle autorità competenti può essere riassunto così: -La Direzione Generale dell’Energia e delle Risorse Minerarie è la massima autorità nel campo energetico nazionale nell’attribuire i titoli minerari. Nel suo ambito opera l’Ufficio Nazionale per gli Idrocarburi e Geotermia (UNMIG), con tre uffici periferici a Roma, Bologna e Napoli, al quale è demandato il compito del rilascio dei permessi, delle concessioni e il controllo delle attività produttive. -Il Comitato Tecnico per gli Idrocarburi e la Geotermia è il principale organo consultivo del Ministero dell’Industria in materia. E’ nominato per decreto dal Ministro dell’Industria e dura in carica per tre anni. Il Comitato esprime un parere, peraltro non vincolante, sull’assegnazione dei titoli minerari richiesti in concorrenza, e valuta le varie situazioni su cui è chiamato a pronunciarsi, quali la variazione dei programmi di lavoro, l’unificazione degli stessi fra titoli adiacenti interessati alla stessa tematica, l’assegnazione di concessioni di coltivazione alla società o gruppo che ha scoperto il giacimento ecc. Le riunioni del comitato avvengono a intervalli trimestrali. -Il Ministero dell’Ambiente, attraverso la Direzione Generale della Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) è l’istituto preposto a fornire la valutazione dell’impatto ambientale di ogni singolo progetto industriale e quindi anche di quello relativo al settore degli idrocarburi. Si avvale anche del parere della Sovrintendenza ai Beni Culturali e Ambientali, competenti territorialmente. Alcune competenze specifiche sono demandate direttamente alle Regioni interessate e attraverso deleghe, a Provincia e Comuni.
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ficomormauromarsiliiamandaclark82emilytorn82Geol_F.Ciabattonigiuseppina.finiziod722lucrezias.lsFiorentinoAlessiop.spadavecchiad.speraddioavvocatosquadronebernezzese1987ashley19monica.calofedericag90
 

A ME GLI OCCHI

Il linguista Noam Chomsky ha elaborato la lista delle “10 Strategie della Manipolazione” attraverso i mass media.
1 - La strategia della distrazione. L’elemento principale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel distogliere l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dai cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche utilizzando la tecnica del diluvio o dell’inondazione di distrazioni continue e di informazioni insignificanti.
Tenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza dargli tempo per pensare, sempre di ritorno verso la fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).
2 - Creare il problema e poi offrire la soluzione. Questo metodo è anche chiamato “problema - reazione - soluzione”. Si crea un problema, una “situazione” che produrrà una determinata reazione nel pubblico in modo che sia questa la ragione delle misure che si desiderano far accettare.
3 - La strategia della gradualità. Per far accettare una misura inaccettabile, basta applicarla gradualmente, col contagocce, per un po’ di anni consecutivi.
4 - La strategia del differire. Un altro modo per far accettare una decisione impopolare è quella di presentarla come “dolorosa e necessaria” guadagnando in quel momento il consenso della gente per un’applicazione futura. E’ più facile accettare un sacrificio futuro di quello immediato.
5 - Rivolgersi alla gente come a dei bambini. La maggior parte della pubblicità diretta al grande pubblico usa discorsi, argomenti, personaggi e una intonazione particolarmente infantile, spesso con voce flebile, come se lo spettatore fosse una creatura di pochi anni o un deficiente.
6 - Usare l’aspetto emozionale molto più della riflessione. Sfruttare l'emotività è una tecnica classica per provocare un corto circuito dell'analisi razionale e, infine, del senso critico dell'individuo. Inoltre, l'uso del tono emotivo permette di aprire la porta verso l’inconscio per impiantare o iniettare idee, desideri, paure e timori, compulsioni, o per indurre comportamenti….
7 - Mantenere la gente nell’ignoranza e nella mediocrità. “La qualità dell’educazione data alle classi sociali inferiori deve essere la più povera e mediocre possibile, in modo che la distanza creata dall’ignoranza tra le classi inferiori e le classi superiori sia e rimanga impossibile da colmare da parte delle inferiori" (vedi “Armi silenziose per guerre tranquille”).

8 - Stimolare il pubblico ad essere favorevole alla mediocrità. Spingere il pubblico a ritenere che sia di moda essere stupidi, volgari e ignoranti...

9 - Rafforzare il senso di colpa. Far credere all’individuo di essere esclusivamente lui il responsabile della proprie disgrazie a causa di insufficiente intelligenza, capacità o sforzo. In tal modo, anziché ribellarsi contro il sistema economico, l’individuo si auto svaluta

10 - Conoscere la gente meglio di quanto essa si conosca. Negli ultimi 50 anni, i rapidi progressi della scienza hanno creato un crescente divario tra le conoscenze della gente e quelle di cui dispongono e che utilizzano le élites dominanti. Il sistema è riuscito a conoscere l’individuo comune molto meglio di quanto egli conosca sé stesso. Ciò comporta che, nella maggior parte dei casi, il sistema esercita un più ampio controllo ed un maggior potere sulla gente, ben maggiore di quello che la gente esercita su sé stessa.

Noam Chomsky
Fonte: www.visionesalternativas.com.mx