Creato da ceraunavolta89 il 09/04/2006

C'era una volta...

Se uno pensa una cosa e poi non la scrive, dove vanno i pensieri?

 

 

[Almeno credo]

Post n°1246 pubblicato il 18 Gennaio 2009 da ceraunavolta89

 
 
 

Credo che adesso mi devi far sentir le mani
-chè a quelle [credo].

 

 
 
 

[A]ncora un altro #persempre.

Post n°1245 pubblicato il 11 Gennaio 2009 da ceraunavolta89

 

 

Troppe volte mi sono sentita dire che non abbiamo lo stesso sangue, lo stesso dna. E' una cosa che mi manda in bestia perchè *tuseimiofratello* e questo nessuno potrà mai cambiarlo. Anche se non abbiamo lo stesso padre, anche se non abbiamo lo stesso cognome. Anche se tu hai i capelli biondi e gli occhi azzurri e io...io no!
Sei già impresso sul cuore ma da ora in poi resterai tatuato sulla mia pelle [persempre] e tutti potranno vedere quanto siamo *fratelli.di.sangue*. E non me ne frega niente se qualcuno dice che [misonorovinatailpolso], per me non è così.

[A] perchè siamo una squadra e come in ogni squadra quando si perde, si perde [insieme].

Perchè quando io dico che siamo [A]micheperlapelle, lo dico sul serio -lopensosulserio, visto?

Me lo sono tatuata [sul cuore] questo -maledetto- [A]ddio perchè non volevo rischiare di dimenticarmelo ancora [#comesempre].

Me lo sono tatuata [sul cuore] questo [A]more perchè io so che esiste -quello [senza peccato] e so anche che non è soltanto una -stupida- scusa per vendere biglietti di San Valentino.
-chè l'[A]more non dura (solo) tre anni e io farò di tutto per dimostrarlo -di tutto, giuro. Anche se non ne sono capace, anche se tutto mi scivola dalle mani, anche se faccio un errore dopo l'altro e inciampo continuamente, anche se non sono (più) sicura di niente [neanche che la terra sia rotonda e che il cuore stia sulla sinistra], anche se non lo merito [nossignori, non lo merito e silenzio, lasciatemelo dire!], anche se mi manca il fiato [sì, solito attacco di panico serale quando mi manchi], anche se dico di amarti e un secondo dopo dico tutt'altro.

E' che io sto diventando tutto quello che non avrei mai voluto essere.
Come si fa a tornare indietro? Siamo ancora in tempo?

 
 
 

...and a happy new year.

Post n°1244 pubblicato il 05 Gennaio 2009 da ceraunavolta89

"Solitamente verso la fine dell’anno si fanno tutte quelle cose che io odio fare,
come riflettere sugli errori fatti e sperare nel futuro, sempre, incessantemente.
Io sono qua, adesso, e l’unica cosa che mi viene da pensare è: cazzo, non lo so."
 

Ho sempre desiderato avere un [capitolo chiuso]
invece io ho lasciato per strada un sacco di capitoli ancora più che aperti.
Non ho mai trovato il [coraggio] di chiudere niente -io.
Anche perchè alla fine ho sempre pensato che
è più buono il profumo delle persone quando ritornano.

So benissimo che non tutti ritornano, mi ricordo alla perfezione come è iniziato l'anno
per me e per noi
ma adesso scusate se voglio lasciare l'immagine lì, senza guardarla.

Ieri sera ho fatto fatica ad addormentarmi, come immaginavo
perchè non c'era il tuo corpo attaccato al mio
perchè non c'erano le vostre risate di sottofondo
nè l'idea che al mio risveglio avremmo fatto colazione tutti insieme [a parte pist :P]

E allora mi sono messa a ripensare a tutte le risate insieme,
al capodanno passato a leggere barzellette sporche, a ballare, ad aspettare messaggi [che non arriveranno mai], a fumare, bere [neanche troppo], ridereridereridere, alla cena FANTASTICA con pasta al salmone AFFUMICATO [!!!] e antipasti [chè l'anno scorso sono venuti meglio] anche se quest'anno avevamo la salsa rosa fatta in casa [lol]. E poi mi è venuto da pensare anche a quel tizio che avrà passato il capodanno al gabinetto per quella salsa rosa scaduta!!!
Mi sono messa a ripensare ad Alassio, al fritto misto+mare+vinobianco+noi.
Al pasticcino con la fragola che mi ha *regalato Pist perchè io mangio per due -.-"
Alle risate in camera (s)parlando di pantacollantgrigiotopo ecceteraeccetera, ai discorsi seri dai quali sono scappata immediatamente!
Alle partite a poker, merda [sdoing!] 21, hotel, sceneit [sopratutto sceneit, fanculo pist e le locandineeee!!!!].
Mi sono messa a ripensare a Jackess, a Sex and the city e a 21, [Film più visti nell'arco delle vacanza XD], ai nostri fantastici pranzi alle quattro del pomeriggio e alle cene quando capitava.
E poi abbiamo deciso di uscire a cena fuori per festeggiare l'ultima sera e ci hanno messo in due tavoli separati [A-aaa, ma PD!] e vabeh, noi ci siamo divertite lo stesso a sparar cazzate e fare foto deficienti con i grissini e a giocare con una candela [rossa]. E poi ho anche ascoltato la voce della Marta che dice cose senza senso e la sua risata mi è scoppiata nell'orecchio e allora è stato come averla lì con noi.

Ho ripensato a tutto questo in meno di cinque minuti e poi credo di essere riuscita ad addormentarmi, senza tutta quella fatica che sentivo inizialmente.
Solo ripensado alla [pace] che c'era in quella casa,
senza pensieri troppo pesanti,
senza preoccupazioni inutili.
Soltanto con la voglia di divertirsi con i propri [A]mici.
 


 

Buon Anno, mondo.
Ma sopratutto buon anno a te, che sei dall'altra parte dell'oceano,
ma sempre sotto lo stesso [nostro] cielo.

 
 
 

Love Sex American Express - No stress!!!!!

Post n°1243 pubblicato il 28 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

Ho iniziato la giornata pensando ___basta, da oggi voglio solo casino, musica e delirio__
poi ho guardato la data sull'angolo destro del pc
e mi sono chiesta se è giusto tenere la musica a palla 
se è giusto smetterla di [pensare] alle conseguenze di qualsiasi cosaazionepensiero.

Alla fine non sono venuta a portarti quella coperta.
Alla fine questa [giornata] è iniziata male.
Alla fine ho capito perchè mia mamma stamattina è [così].
Alla fine quella dodicesima casellina rossa è arrivata.
E ha portato con sè tutto quello che doveva portare.

Non so cosa si dice in questi casi.

Caos [dentro e fuori].

 
 
 

Con un nodo scorsoio chè se solo ci provo si stringe e ci muoio.

Post n°1242 pubblicato il 27 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

C'è la neve nei miei ricordi. C'è sempre la neve. 
E mi diventa bianco il cervello se non la smetto di ricordare.
Tanto qui sotto nulla è peccato.

[Tratto dal film "Manuale D'Amore 2, Capitoli successivi"]
 

[foto: ceraunavolta89]
 

Alla fine ho preso il cuore e l'ho portato a guardare il sole tramontare. L'ho portato sulla neve, alla fine. Solo io e lui, in mezzo a tutto quel bianco. Sono arrivata in ritardo [come al mio solito], quindi il cielo era già rosa, un po' azzurro, arancione. Va beh comunque l'ho portato lì perchè aveva bisogno di stare un po' al freddo [per una ragione plausibile], perchè ultimamente si scalda fin troppo facilmente e alla fine resta solo [polvere]. Chè il mio problema è di avere l'innamoramento facile, ma poco duraturo.
Volevo prendermi un po' di tempo per me [noi]. Ho pensato -stupidamente- che la neve fosse un po' il tuo [tuo e non solo tuo, infondo -vostro] modo di star(ci) vicini. Sì, è che ho pensato che la neve scende dall'alto, perciò ho voluto starci seduta in mezzo, per stare seduta (un po' più) vicino a te [voi].
Solo che alla fine i sentimenti, l'amore, la chimica hanno preso il sopravvento [come sempre] e ho ritrovato quella confusione che mi rimbalza nella testa ultimamente [da diciannove anni a questa parte-più o meno]. Li ho ritrovatì lì appoggiati sulla neve, come quei due sacchetti rosa e quella bottiglia di vino. Ho sorriso [un po'] ma poi ho sentito il gelo passarmi attraverso i vestiti fino ad entrare dentro le ossa -forse anche nel sangue- e allora non ho sorriso più.
Non capisco come si possa pensare che il destino ci comandi. Dannazione, sono io che comando, non può essere lui. Non può. Eppure... Basta una canzone, un luogo impensabile, una giornata come questa per farmi credere tutto il contrario.
Cazzo, le coincidenze non esistono, non esistono [io lo so]. E' il destino che è un fottuto bastardo [capriccioso]. E' il destino che ci prende per il culo, che ha voglia di divertirsi -un po' come te.
Ma io mi sono stancata [stancata!] di tutto questo tira-e-molla-lasciami-prendimi-amami-nonposso-tiprego-no-basta-lasciamostare-tiprego-addio-cazzo-sonoinnamoratadite-nonlocapisci?-ahnomierosolo[sbagliata].
Ho bisogno di uno psicologo -uno bravo.
Chè dovresti sparire ora -per sempre. Ma poi ti verrei a cercare -dovunque.
Chè non si può [non si può] continuare così.
Devo prendere una gomma e cancellare tutti gli eccessi di [non] amore.
Devo prepararmi al peggio. Devo smetterla di ripetere sempre gli stessi errori. Di pensare che tutto sia [innocente] [ingenuo] [puro] [un gioco]. Chè i sentimenti sono come quella bufera di neve e se ti ci ritrovi in mezzo non ti [ritrovi] più. Come il mare in tempesta. Oceanomare. Poi è un casino [un casino] -è gia un casino- tornare a galla. Devi trovare qualcuno [qualcosa] a cui aggrapparti ma chi c'è? Chi c'è che prenderebbe questo [mio] cuore tra le mani e lo scongelerebbe? Nessuno ha dei guanti tanto [caldi] per poterlo fare -nessuno [quasi nessuno, sì]. Nessuno vorrebbe prendersi la [responsabilità], nessuno ci perderebbe tutto il suo tempo,
nessuno avrebbe voglia di farsi male [per me] [con me].
E' tutto un -oddio,lavitafaschifo-quaggiù. E lì com'è invece? C'è la neve lassù?
Forse dovrei portarti una coperta, starai congelando sotto quella lastra di marmo, no?

Oggi pensavo a quante cose [importanti] ho perso per strada. Migliori amici, fotografie, pennarelli, chiavi di casa, quaderni, cd, libri, persone che amo.
E non m'era mai successo di pensare che fosse per causa mia. Ho sempre pensato fosse colpa del tempo, del disordine, della [vita]. Invece no, adesso mi rendo contro che è solo colpa mia. Sì [stavolta] dico stavolta è e sarà solo colpa [mia]. Della mia testa, del mio cuore, dei miei occhi, delle mie mani, delle mie labbra, dei miei capelli [rossi]. Mia.
 

"Questo è il libro di quelli che non dovrebbero soffrire per una separazione [che hanno provocato loro stessi] e che soffrono comunque, di un dolore reso ancora più irreparabile della consapevolezza di esserne gli unici responsabili.
Perchè l'amore non è solo soffrire o far soffrire. Può essere anche entrambe le cose"

[Tratto dal libro "L'amore dura tre anni", F. Beigbeder]

 
 
 

Post N° 1240

Post n°1240 pubblicato il 25 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

La mia camera sembra un campo di battaglia. Ci sono libri sparsi ovunque, scontrini, [nastrini colorati], dvd, vestiti, sacchetti. Il letto non è ancora fatto, la musica è al massimo volume -e per stasera ho scelto qualcosa di nuovo, perchè non ce la faccio ad attaccarmi ai ricordi -ho bisogno di liberare la mente.

Anche il mio cuore sembra un campo di battaglia. Il terreno è un po' scivoloso. Io sto seduta con il culo saldo a terra così non mi faccio male -più di quanto me ne abbia già fatto tu. Sì, appunto, qua io credevo di averti sbattuto la porta in faccia, invece quella che l'ha presa in pieno sono (solo) io. E forte, anche! Ho ancora una cicatrice sul cuore con sopra il tuo nome, in maiuscolo. Non so se è tatuato o se col tempo andrà via -io spero vivamente di sì perchè sei come aria in vena e non mi fai [per niente] bene -come credevo avresti potuto farmi (un giorno).
Credevo, poi, che gran parolone [di merda]. Credere mi fa schifo, non ha senso. Credere a cosa? Che tornerai? A cosa? Credere che qualcosa sarà chiaro un giorno?

Per non parlare della testa.
Dio, mi sembra di vederla in trasparenza. Piena di nozioni importanti e di stronzate appoggiate sul pavimento, attaccate alle pareti. Io non riesco a distinguere la differenza tra le due, non riesco, non ho voglia. Solo l'idea di rimettermi lì a spulciare i ricordi mi fa venire la nausea. Solo l'idea che mancano [tre giorni -tre], cazzo.

Beh, alla fine, in sostanza oggi è Natale, mi pare, giusto?
Oggi è Natale e a me sembra un giorno come un altro [infondo], peccato lo aspettavo da un po'.
Oggi è Natale e la mia camera è [ancora] un disastro.
[Io] sono ancora -sempre- un disastro.
Stronzate attaccate su ogni parete,
qualche barattolo di miele in giro ma infondo [nient'altro].

*Aish u a merry christmas!!!

 
 
 

Come aria in vena sei.

Post n°1239 pubblicato il 22 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

Quando le emozioni le senti arrivare tutte di colpo
è meglio lasciarle scivolare un attimo via.
Chè affrontarle tutte insieme è solo un casino.

E' come ricevere una porta in faccia [l'ennesima] - una vera stavolta
di quelle che lasciano il segno,
di quelle che ci metti sopra il ghiaccio e arrivi a sentire la guancia pulsare
e ti chiedi se passerà [mai]
e nello stesso momento in cui te lo stai chiedendo lo sai già [sì, passerà] -presto.

Ma poi ti guardi allo specchio
e vedi la guancia rossa e gonfia
e vedi il trucco che cola
e ti chiedi perchè ti fa male in mezzo al petto
[là dove sta il cuore -al centro]

-boh, forse è perchè mi sto rendendo conto che
chiedo amore come a chiedere di buttarsi nel cesso.
E non ho ancora capito dove sta la differenza tra la [chimica] e l'[Amore].

-forse perchè sto imparando a lasciar correre un pensiero per volta
ma non sempre ci riesco.
[ho ancora -troppo- allenamento da fare]

-o forse perchè l'anniversario della tua morte si avvicina
perchè ci sono ancora troppe paure incastrate infondo all'anima.

-troppi segreti da mantenere.
-troppi ricordi da cancellare.
-troppe persone perse per strada.
-troppi addii.
-troppe -fottute- bugie.

-troppe speranze.

lo sai qual'è il fottuto problema?
chè io e te abbiamo un sacco di cose in comune e neanche lo sappiamo.
Il problema, qui, è che tu di me non hai capito proprio un cazzo.

C'è che sei un fottuto bastardo, proprio come dicevo [io].

C'è che avrei voglia di sbatterti quella porta in faccia ancora e ancora e ancora.

[Rock che esplode nelle cuffie]

 
 
 

[Quasi] adatti a dare il giusto peso ai sentimenti.

Post n°1238 pubblicato il 19 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

Ho un assegno da riscuotere e questo mi fa sentire un po' più grande -quasi adulta
ma infondo mi rendo conto che da un anno a questa parte non è cambiato nulla  -dentro.
Ho sempre gli stessi desideri [più o meno] repressi infondo al cuore, che mi toccano in continazione quelle corde fin troppo sensibili [quelle collegate allo stomaco e a tutto il resto del corpo] -chè se tremano [con la persona sbagliata] è la fine.
Ho sempre il solito bisogno di *amore anche se so di averlo a portata di mano continuamente,
è lì -lo so- ma io non posso farci niente.
Sempre le stesse paure, gli stessi rimpianti, gli stessi sogni di sempre.

Forse l'unica cosa che sta cambiando è il mio modo di vedere le cose -il mondo.
Forse è vero, un assegno non cambia nulla ma è tutto quello che ci sta dietro che cambia. Il *bisogno di prendersi le proprie responsabilità, di cercare la felicità senza dover sbattere la porta in faccia a nessuno. Il *bisogno di non avere segreti da nascondere, sguardi da evitare.

Tante volte mi chiedo [cosa ci faccio qui?] e la risposta è sempre la stessa: io 
soprav[vivo], cerco di imparare qualsiasi cosa dalle persone che mi circondano [gesti, pensieri, parole], cerco di fare passi lunghi e ben distesi, sempre in avanti [mai più indietro], cerco di costruirmi un presente, chè di solide basi ce ne sono ben poche nella mia vita. Cerco di fare la cosa giusta, di usare le parole giuste. Cerco di ricordarmi di spremere il dentifricio dalla coda e di chiudere il tappo al bagnoschiuma dopo la doccia. Cerco di non perdere il pullman la mattina e di arrivare in orario a lavoro. 

Io cercocercocerco.
Cerco di fare un po' troppe cose [in effetti]
e davvero poche mi riescono bene.
Ma quelle che mi riescono mi rendono un po' [orgogliosa]
tanto da farmi tornare a casa a piedi, con il vento sulla faccia,
e il rock che mi scoppia nelle orecchie [senza che me ne accorgo].

E' quello il momento più bello della giornata,
quello in cui mi sento un po' orgogliosa di [me]
quello in cui non mi pento di aver scelto questa strada
perchè alla fine *è quella giusta* (forse).

Io cercocercocerco.
Ma infondo, in questi ultimi anni è cambiato ben poco [dentro]
E io resto sempre *io, con un assegno da riscuotere.
 


 

Ho imparato a riconoscere i pazienti dall'odore che hanno.
Non più dalla linea del viso ma dall'odore della pelle, chè quello non cambia [mai].

 
 
 

Post N° 1237

Post n°1237 pubblicato il 10 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

"Non c'è nulla di positivo in questa ricchezza di sentimenti. Questa è un'orgia, mamma.
Un'orgia di sentimenti. In cui non si comprende chi ha la meglio,
in cui non si può prevedere se [alla fine] vincerà la morte o la vita, l'amore o il dolore.
E' un caos infinito
,
collegato da tanti piccoli anelli che si incastrano fra loro
e si infilano nel mio collo trascinandomi in luoghi sempre diversi,
in stati d'animo sempre più esasperati.
Io sono una persona disturbata nel profondo del midollo.
Io non so trattenere gli istinti, io mi faccio corrompere dalle ossessioni,
dalle passioni
più violente. Secondo te perchè succede?
E' forse perchè ho una fottuta paura di rimanere monca della parte più bella di me? Di Thomas."

[Tratto dal libro [Me]lissa P.]

 
 
 

Under my skin.

Post n°1236 pubblicato il 08 Dicembre 2008 da ceraunavolta89


 

La lascio appoggiata (un attimo) qui
la giornata di ieri
perchè non voglio dimenticarla -mai.

Non voglio dimenticare
i profumi
nè le emozioni.

E' che a volte davvero me lo dimentico
cosa siamo capaci di fare [insieme].

 
 
 

Sometimes you just have to walk away.

Post n°1235 pubblicato il 06 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

 

 

Vago tra la possibilità che il tuo cuore sia spaccato a metà -un po' come il mio
e la probabilità che, invece, se la stia ridendo di gusto.
Ogni tanto ri-penso a quel paio d'occhi [troppo] scuri -sì, come i miei-
e quel che ci vedo dentro non so proprio cosa sia.

Ma il punto è che tutto questo non ha nessuna importanza.
Chè ci sono cose ben più importanti a cui [non] pensare, (adesso).
Chè ci sono *macchie che non si possono cancellare -proprio no.
Se ne stanno lì e si può levarle via solo con una lunga, lunghissima cura
chiamata in uno strano modo che solo i dottori conoscono -io non so bene (scientificamente) come funzioni.
So solo che i capelli cadono, si vomita sangue e si perdono le forze,
boh, dicono cosi,
dicono che c'è bisogno che qualcuno -poi- si prenda cura di te,
e tutto questo soltanto nell'attesa di un'altra -l'ennesima- fine.

Io non sono preparata a tutto questo.
Non sono preparata nemmeno all'idea
di prendermi cura di te
e di tutto il resto.

Non sono preparata a questo Natale [senza di te]
a questo anniversario da [non] festeggiare.
Non sono per niente preparata
e non voglio fare un'altra valigia
solo per metterci dentro
lacrime, rimpianti e ricordi.

Cazzo, è già passato (quasi) un anno.

 
 
 

Oggi è il compleanno di quella che io chiamo *la mia persona.

Post n°1234 pubblicato il 04 Dicembre 2008 da ceraunavolta89

"Lei è schiva, silenziosa, con ferite antiche.
Devi amarla con attenzione, può diventare fredda e dura come un rospo di gesso,
può chiudersi in se stessa come una chiocciola offesa. "


[C'era una volta l'amore ma ho dovuto ammazzarlo, Efraim Medina Reyes]
 

Tu sei tutto *questo, è (un po') vero
ma sta di fatto che sei anche *la mia persona
[la linea nella sabbia quando vado -troppo- lontano]
e sta poi di fatto che
Io lo so che odi il giorno del tuo compleanno,
ma -nel mio piccolo- (molto piccolo)
spero di riuscire a farti *sorridere
-almeno un po'-
-almeno oggi-

Buon compleanno, Bi.

[io ti voglio davvero un bene *prezioso] 


 

Poggia i piedi qua,
dove li poggio io.

 
 
 

Anime annebbiate.

Post n°1233 pubblicato il 30 Novembre 2008 da ceraunavolta89

E' la musica che è difficile, questa è la verità,
è la musica che è difficile da trovare,
per dirselo,
lì così vicini,
la musica e i gesti,
per sciogliere la pena,
quando proprio non c'è più nulla da fare,
la musica giusta perchè sia una danza,
in qualche modo,
e non uno strappo
quell'andarsene,
quello scivolare via,
verso la vita e lontano dalla vita,
strano pendolo dell'anima,
salvifico e assassino,
a saperlo danzare farebbe meno male,
e per questo gli amanti -tutti
cercano quella musica, in quel momento
dentro le parole,
sulla polvere dei gesti,
e sanno che,
ad averne il coraggio,
solo il silenzio lo sarebbe, musica,
esatta musica,
un largo silenzio amoroso,
radura del commiato
e stanco lago che infine
cola nel palmo di una piccola melodia,
imparata da sempre,
da cantare sotto voce.
- Addio, Elisewin.
Una melodia da nulla.
- Addio, Thomas.

[Tratto da "Oceano Mare", A. Baricco]

 
 
 

In bilico su un sottile steccato.

Post n°1232 pubblicato il 30 Novembre 2008 da ceraunavolta89

Uno si mette a scrivere
perchè non ha detto a sua madre quanto l'amava e la detestava,
perchè non ha nè arte nè parte,
perchè con i numeri non ci sa fare,
perchè (non) vuole fare il medico nè l'avvocato,
perchè è incazzato,
perchè odia la gente e vuole insultarla.

Uno si mette a scrivere
perchè una ragazza (carina) gli ha detto che le piacevano gli scrittori,
perchè ha bisogno di un alibi per non lavorare,
perchè lo fa sentire superiore,
perchè non ha voce,
perchè non ha senso del ritmo,
perchè pensa di avere qualcosa da dire.

Uno si mette a scrivere
perchè non ha fegato, 
perchè ha i denti storti e non può sorridere come vorrebbe
perchè scrivere lo fa sentire importante,
perchè ha paura di andare alla deriva senza far nulla,
perchè non può bere ogni sera,
perchè non ci sono emozioni ma insulti.

Uno si mette a scrivere
perchè ama una donna e lei è la fidanzata del gallo del quartiere.
perchè non è niente di niente,
perchè non vale un cazzo,
perchè se esce di casa lo fanno a pezzi,
perchè sua madre urla tutto il tempo,
perchè non ci sono illusioni nè luce alla fine del tunnel,
perchè non ha il coraggio di saltare,
perchè non ha padre,
perchè rimane impantanato tra un intenzione e l'altra,
perchè c'era una volta l'amore ma ho dovuro ammazzarlo.

Il bello è che scrivere non serve a nulla di ciò che uno vuole. Scrivere è un limite, un dolore, un difetto in più. Il bello è che dopo averlo fatto stai malissimo. Niente è cambiato, tutto rimane al suo posto.
Il bello è che scrivi e continui a sognare la moglie del vicino.
Il brutto è che desideri (ancora) un amore indimenticabile.
Il brutto è che scrivere serve a tutto quello che tu non vuoi.

[Tratto da "C'era una volta l'amore ma ho dovuto ammazzarlo", Efraim Medina Reyes]
 


 

Io una volta ero quella che i post li *sfornava come biscotti.
Ora forse non ho più niente (di interessante) da dire.

 
 
 

Post N° 1231

Post n°1231 pubblicato il 27 Novembre 2008 da ceraunavolta89

Sara ha la stessa suoneria da (quattro) anni
e sta annegando.
[come Nicole]

Nient'altro.

 
 
 

Piano B.

Post n°1230 pubblicato il 22 Novembre 2008 da ceraunavolta89


 
 

La storia di una certa ragazza mi fa ancora male, non trovo quello che cerco e quello che cerco ormai non può più essere lei, lei mi ha mandato a vedere se il gallo aveva fatto l'uovo e quando sono tornato e le ho detto di sì mi ha mandato a quel paese e mi ha detto di non farmi più vedere. Per un pò ci ho provato, ma sai bene che quando l'amore si spegne è più freddo della morte. Il problema è che le due parti in causa non si spengono contemporaneamente e quando sei la parte ancora accesa preferiresti essere morto.

[C'era una volta l'amore ma ho dovuto ammazzarlo, E.M. Reyes]

 
 
 

Da quando tu non mi respiri addosso io sento molto più freddo.

Post n°1229 pubblicato il 14 Novembre 2008 da ceraunavolta89

Mangio una mela e bevo del vino (quello che c'è)
perchè -sostanzialmente- ho voglia di sangria.

Assaporo fino all'estremo i ricordi (quelli caldi)
perchè -evidentemente- ho bisogno di amore.

Stringo forte i pugni (fino a farli diventare bianchi)
perchè non posso permettermi di perdere
altra sabbia dalle mani.

-altre persone
-altri amori

Leggo le pagine di un libro (quelle leggere)
cercando di vivere altre vite.

-altri problemi
-altre storie
-altri amori

Parlo con le *amiche
e mi dicono che la mia vita sembra un telefilm
tipo Dawson's Creek
tipo Grey's Anatomy

e io dico:
-un telefilm meno incasinato no, eh?

 
 
 

Ho ancora la forza che serve a camminare (?)

Post n°1228 pubblicato il 13 Novembre 2008 da ceraunavolta89

Stavo pensando che -certe volte- certe cose è meglio non scarabocchiarle
nero su bianco -da nessuna parte.
Certi gesti.parole.sguardi -a volte- necessitano d'aria (anche loro).

Sì, forse certe *ferite è meglio lasciarle scivolare via -da sè.

Chè se la smettessi di pensare.scrivere.sognare forse 
passerebbe anche tutto questo silenzio.
O almeno, non peserebbe così tanto sul cuore.

Cuore.cuore.cuore
Mi sa che il mio cuore non si può -proprio- aggiustare.
Caso disperato, il mio.

Stavo pensando che si occhei,
sono una bambina capricciosa
ma questa (*tua) bambina capricciosa
ha preso la patente
ed è una *specializzanda, ora.

E le mani...a me non tremano(più).
Chè le mani...tremano solo nei libri -che parlano d'amore- no?
 


 

Perchè alla fine no, io le cose le devo scrivere per forza.
Per non dimenticarmele -mai.

E' proprio questo il punto -mi sa.

Stanno lì le *cose (gesti.parole.sguardi)
scarabocchiate su una moleskine rossa.
Stanno lì le *cose (ferite)
stampate a fuoco sul cuore
solo che non basta una gomma per cancellarle via
tutte
non basta smetterla di pensare.scrivere.sognare
per cancellare via
i ricordi -te.

pi.esse. ma come si fa a conciliare tutto?
e com'è che prima avevo fin troppo tempo libero
e adesso ne ho fin troppo [poco]?
-vita, si chiama *vita questa -o almeno una sottospecie.

 
 
 

Post N° 1227

Post n°1227 pubblicato il 09 Novembre 2008 da ceraunavolta89

La verità è che l'uomo dei miei sogni
non ha scarpe: è un principe a piedi nudi.

[...]

Tu lo sai come ci si sente
quando le persone ti dicono che ti amano
e poi capita che a volte
non ti guardano più nemmeno in faccia?
E' come quando hai dei genitori
che non ti vogliono
e non ti hanno mai voluto... no?
E' un po' la stessa cosa.

 
 
 

E non ho più le parole che muovano il sole.

Post n°1226 pubblicato il 08 Novembre 2008 da ceraunavolta89

 

 

C'è bisogno di *qualcosa che vada per il verso giusto.

C'è bisogno di respirare una goccia -almeno una goccia- di aria pulita
senza macchie (sui polmoni)
senza lunghe attese -troppo lunghe.

E senza paura di [non] farcela.

Sono un fiume in piena di vorrei
e mi mancano i miei sette anni
quando la mia migliore amica non era bionda
ma aveva la pelle nera e si chiamava *Laila.

C'è bisogno di nuovi ricordi
e nuove emozioni.

C'è bisogno di vittorie.
-chè non si può sempre perdere!
 

 
 
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ceraunavolta89
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 27
Prov: VA
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

MUSIC=LIFE



 

"Tutte le canzoni finiscono.
Ma questo è un motivo per non godersi la musica?"
 
 

 

[MY].MUSIC

CLICK.ME.

READ [ME].

ODI ET AMO.

Odio: Odio alzare la voce, sentirmi egoista e litigare, ma lo faccio spesso.  Odio le bugie, quelle dette sotto voce e quelle urlate. Odio quelli che credono di potersi permettere di avere pre-giudizi. -quelli arroganti. Odio l'indifferenza, le prese in giro e gli addii. Odio il silenzio-solo quello straziante. Odio le promesse non mantenute. Odio i capelli biondi ma amo le mie amiche bionde. Odio il caffè in tutte le sue forme e ancora di più odio il fatto di odiare il caffè. -bisogna fare qualcosa!(proviamo con il latte!)

Amo: Amo le facce buffe che fanno i bambini. Amo le sensazioni che mi lasciano addosso i [tele]film e la mia musica. Amo l'inchiostro stampato sotto la pelle. Amo i [vestiti da sera], quelli che mi fanno un po' più bella. Amo mangiare [gelato alla fragola] e i [tramonti] al chiaro di [luna]. Amo la dolcezza dei [tuoi] baci sotto la [neve]. Amo le [margherite gialle] e ne vorrei mille, nè una più nè una meno. Amo il mio fratellino che perde i denti e i miei [due] nipoti.

 

PAULO COELHO.

Se un giorno qualcuno avesse deciso di raccontare la sua storia, gli avrebbe chiesto di cominciarla come una favola, con le parole: C'era una volta...

[Undici minuti]

"Per il guerriero della luce non esiste amore impossibile.
Egli non si lascia intimidire dal silenzio, dall’indifferenza, o dal rifiuto. Sa che, dietro la maschera di ghiaccio che usano gli uomini, c’è un cuore di fuoco.
Perciò il guerriero rischia più degli altri, ricerca incessantemente l’amore di qualcuno
, ancorché ciò significhi udire spesso la parola “no”, tornare a casa sconfitto, sentirsi rifiutato nel corpo e nell’anima.
Un guerriero non si lascia spaventare quando insegue ciò di cui ha bisogno. Senza amore, egli non è nulla."
 
[Il manuale del guerriero della luce]

''Nessuno deve chiedersi mai:
 - Perchè sono infelice? -
In questa domanda alligna il virus della [distruzione.di.tutto].
Se ce la poniamo,
è perchè  vorremmo scoprire cosa ci rende [felici].
E se ciò che ci rende felici è [diverso] da quanto stiamo vivendo..
le soluzioni sono due
o [cambiamo.radicalmente]
oppure ci sentiremmo [ancora.più.infelici].''
 
[Lo Zahir]
 

[SEMPRE.E.PER.SEMPRE]


 
Quest'anno ho desiderato l'Amore.
Di immergere me stessa in [qualcun.altro]
e risvegliare un cuore
a lungo timoroso di sentire.
Il mio desiderio è stato esaudito. 
E se questo significa tragedia...
allora datemi la tragedia.
Perchè non lo darei indietro per nulla al mondo.

 

[IO.SOLE.TU.LUNA]

"Loro due erano
la [luna] in Giove
e il [sole] in Venere,
allineati nel cielo"

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Butturfly66ceraunavolta89frisillinasuperceviemilytorn82renatoquaranta33ElogioDellOmbrapantaleoefrancavirgi.greeneyesDiego75dgllibra.82annamaria.augelliAss.Verbadressner7Procace_Opulenta
 

ULTIMI COMMENTI

*A* STA PER *AMORE*

A innamorarsi son capaci tutti.
Ma Amare è un'altra cosa.
 
Non credeva più nell'amore finche non ha trovato lei...
 

[Ho camminato al
freddo

ma il mio
cuore mi ha scaldata]

Tell me all you need and I will try. I'm going to love you more than anyone.

Posso tenerti con me per sempre?

"Non importa quanto io urli o quanto tu stia in silenzio.
Io ti ascolto"


 
"Perchè una volta ogni tanto può capitare che le persone ti sorprendano.
Una volta ogni tanto le persone possono anche toglierti il fiato. "


 
 
[Anche se non ne sono
poi tanto capace]

Se dovrò cambiare, cambierò.
Non posso pensare alla mia vita senza di lui.
 

 

BEAUTIFUL AGONY.

Ho sentito le tue labbra
prendere forma sulle mie.
Ho sentito le tue mani calde
sciogliere il mio cuore.
Ho sentito il tuo respiro
sul mio collo e ho capito
di esser viva.

Io, solo per te, 
voglio essere [
troia.e.sposa]

 

Se è davvero così,
se ti senti [tra parentesi],
permettimi allora
di infilarmici dentro,
e che tutto il mondo
ne rimanga fuori,
che sia solo l'esponente
al di fuori della parentesi
e [ci moltiplichi] al suo interno.

Finchè avrò fiato
io soffierò via le tue nuvole.

[Perchè  sei tu che cancelli il buio]

"Ora sei tu la mia [Famiglia]. L'unica cosa [vera] che ho.
Non voglio perderti [
mai]."

Quando saremo due
non avremo metà
saremo un due che non si può dividere con niente.

 

SCORCI DI POESIA.

E' come se tutto implodesse, di notte.

I sospiri, gli sguardi.

Le mani che si accarezzano.

I corpi che si sfiorano.

Anche a chilometri di distanza.

Sei dentro di me.

***

Lascio scivolare le dita sul cuscino.

Sento il tuo respiro.

Non dire mai “Ti Amo”
se davvero non è quelo che hai dentro.

Non dire mai “ciao”
se ciò che intendi dire è “addio”.

 

SILENCE.

Un sospiro che diventa Neve...

Tutto un gran rumore foderato di silenzio...

*E mi attacco alle *stelle* altrimenti si cade.
E poi alzo il volume di questo silenzio che fa stare Bene.*

 

L'ALTRA METÀ DELL'AMORE.

Io mi farò una capanna di giunchi al tuo cancello e con l'anima entrerò nella tua casa, comporrò madrigali al condannato Amore e te li canterò ad alta voce tutte le notti. Esalterò il tuo nome alle rieccheggianti colline finchè non risuonerà in tutto l'aere un grido solo. 
[ L'altra metà dell'amore - Lost And Delirious ]

 

ME [LISSA].

Mia madre mi diceva che le libellule devono essere uccise e dimenticate.

Perchè sbatti così tanto bella libellula con la punta delle ali rossa?
Ferma su quel muro bianco col tuo corpo nero
sembri una parola su una pagina scritta male.
Perchè gonfi le tue ali ad ogni battito di respiro?
Non capisci che ogni volta che fiondi i tuoi occhioni verdi dentro i suoi  tu mi stai strappando un pezzo di vita, di aria?
Se mi togli il respiro lui non potrà più amarlo, non potrà più odorlarlo.

[Melissa P. L'odore del tuo respiro]

Una principessa così bella
che anche i sogni vogliono rubarla...

Una piccola principessa

[Melissa P. 100 colpi di spazzola]