Through TheWrongDoor

frammenti di kaos

Creato da piccolabarret il 06/06/2007

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Ultime visite al Blog

piccolabarretpiccolabarrettlieon7stellina.confusakaleniamritaby82lorenzob79valentina.ferraromanta660fabiomichele1989bang.hclallapiervaly_changazzettinoeugubinolucenzo2010
 
Citazioni nei Blog Amici: 25
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Chissą come stanno trascorrendo i tuoi giorni da mamma..
Inviato da: amritaby82
il 11/12/2014 alle 23:06
 
Allora bella bimba... un pupo una pupa? La neve?
Inviato da: ceithre
il 13/01/2013 alle 19:04
 
mi vorrei mettere subito a ricamare bavaglini... tempestati...
Inviato da: ceithre
il 31/10/2012 alle 11:06
 
nascerą a dicembre...mi piacerebbe tanto ci fosse la...
Inviato da: piccolabarret
il 24/10/2012 alle 20:44
 
E' nato?
Inviato da: amritaby82
il 09/10/2012 alle 20:55
 
 

hit counter

 

 

 

.la dimensione della grandezza.

Post n°471 pubblicato il 30 Maggio 2012 da piccolabarret

Il mio campo di girasoli è in un vaso e la collina è uno sputo di giardino con qualche viola qua e là e una "villa" di 60 mq. Il mio labrador nero, Syd, è un meticcio di dieci chili scarsi che mi gira intorno. E Tu sarai si e no 3 cm. E' tutto in miniatura, come te, ma non manca niente del sogno che avevo.


Prima di andare a letto esco in giardino e aspiro le ultime sere di maggio come farei con una buona sigaretta. Guardo il cielo e, se le stelle bucano il buio, ne cerco disposte in linea retta.

Immagino di fare questa cosa con te. Spero di mostrarti che la vita e' fatta anche di queste fantasie, come la musica che pizzica corde che non conosciamo. Chet Baker. Almost blue

 
 
 

.

Post n°470 pubblicato il 17 Marzo 2012 da piccolabarret

Non scrivo. Ho la libertà di chi guarda dal finestrino.

 
 
 
 
 

_

Post n°468 pubblicato il 03 Agosto 2011 da piccolabarret

Non erano all'altezza dell'impresa che intendevano compiere. Due velleitari pieni di buchi emotivi. Si erano annusati ben bene nell'arco di poche ore. Convinti di riempire ogni buco con la sola forza del pensiero. Il germe della distruzione albergava già in quella esaltazione. Due timidi asfaltati di rivalse che si palleggiano una sola mitomania, quella della loro unione.

 
 
 

Stravinsky per i colori

Post n°467 pubblicato il 23 Luglio 2011 da piccolabarret

Avevano deciso che un giorno sarebbero andati a Parigi insieme, i nostri due p i r a t i – occhiali da sole e facce allegre da gita sulla banchina della Gare de Lyon.

***************

2. Scrivere di questo viaggio. quelle cose che le foto non catturano_come la normalità dei bambini fatti di metro e fisarmonica. La Torre vicinissima e illuminata che la puoi toccare e anche catturare [ma non le parole che mi hai detto]. E' lì che ho capito che era tutto vero. Il Cafè Le Temeraire coi suoi arcani maggiori e la gonna di quella tizia stranissima e la Gare de Lyon subito dopo a rincorrerci di parole. la pioggia di quel giorno e i fantasmi del passato. E poi che abbiamo riso tantissimo. Qui ci penso. A Parigi, a quelle strade, alle cose che non ci sono sulle guide, qui, mentre esco dal lavoro e vengo a casa e ti trovo sorridente e pieno di calce che lavori a casa nostra. Qui c'è un muro bianco. e nessuno di noi sa disegnare ma è bellissimo provarci.

 
 
 

Bisogna sempre essere un po' improbabili.

Post n°466 pubblicato il 23 Luglio 2011 da piccolabarret

Quante cose si imparano da un pavimento sbagliato? almeno tante quante in 10 mesi di terapia. E poi succede senza troppi fronzoli, quasi un'intuizione.

Le mattonelle di gres porcellanato[rettificate]correvano dritte davanti a lei. Le pareti, al contrario, si inclinavano, entrambe brandendo ogni libertà dalla logica comune. Al centro di questo paesaggio liquido e bianco c'è una scatola di piastrelle rotte. sono bordeaux. sopra c'è seduta una bambina. Il pavimento dritto sotto ai suoi piedi sembra già incollato bene, ultimo guizzo di speranza di mandare tutto all'aria. pesce esausto che si arrende all'amo. Resta scalza e vorrebbe dondolare. Capisce dalle sue parole che è una cosa che le serviva. Potrebbe ridere, o piangere, disperarsi, rompere ogni cosa, urlare. Ma ha ragione lui, non c'è niente da correggere. E' successo quello che aspettava. Sarà dalle linee diritte che vedrà ogi mattina, che ricomincierà. Da suo figlio che gattonerà seguendo un percorso che si interrompe sbilenco. Dagli amici che si chiederanno chissà perchè quella scelta diritta coi muri storti. Loro rideranno. E' una pavimento-terapia, risponderanno. nessuno capirà. Ma noi in una casa perfetta proprio non ci potevamo andare a vivere.

 
 
 

_

Post n°464 pubblicato il 09 Giugno 2011 da piccolabarret

Molto vento ormai. che si porta via le spirali di grappa di un vicinissimo passato. Pensi di non avere mai troppi anni da dover far sembrare indiscreta una domanda sulla tua età. [La mia cucina viola è in consegna e la mia casa è già piccola per un vicissimo futuro]. Studio. metto mattoni sul mio piano B che prende forma. ne ricordo ogni granello, ogni sapore acido, ogni macchia. Fotografo un'immagine. Che non lo si sa mai quando si è felici. E magari questo è uno di quei momenti-granello che poi ritornerà.

 
 
 

_

Post n°463 pubblicato il 06 Maggio 2011 da piccolabarret

Mi stringo dentro il letto. Chiudo gli occhi.
Lo sai che non ti appartengo, che non ti apparterrò mai, che non apparterrò mai a nessuno.
E nemmeno tu, si, mi appartieni.

 
 
 

"Perchč scrivi solo cose tristi?" Perchč quando son felice esco.

Post n°462 pubblicato il 19 Aprile 2011 da piccolabarret

Alle tane si ritorna. Gli odori sono gli stessi e le pareti di pietra umida sono comunque ostinatamente accoglienti. Guardo le mie mani e sulla pelle c'è l'estate. Fa freddo. La mia vita è oltre un'invisibile linea di tempo_immaginata_[chi arriva dopo si prende tutto].

Beffardo trovarsi qui_

Spero che un giorno smetterai di fare confusione
Tra il dolore ed il piacere,
la paura ed il bisogno di ferire
son certa che un giorno chiameremo tutto questo
col nome giusto
e ritrovata serenità.

_sulla sedia di chi regge il vuoto.

 
 
 

_

Post n°461 pubblicato il 25 Dicembre 2010 da piccolabarret

E’ Natale da fine ottobre. Le lucette si accendono sempre prima, mentre le persone sono sempre più intermittenti.
Io vorrei un dicembre a luci spente e con le persone accese.

 
 
 
Successivi »