Community
 
LivinginFor...
   
 
Creato da LivinginFortaleza il 16/12/2009

Fortaleza Report

Giorno dopo giorno da Fortaleza

 

 

« Mission impossiblePennellate cearensi »

Giocattoli in via d'estinzione

Post n°679 pubblicato il 30 Maggio 2012 da LivinginFortaleza
 

collezione Macao Goes. Memorial da Cultura Cearense, Fortaleza

Mi hanno sempre incantato fin da quando, le prime volte, li ho intravisti, fra cianfrusaglie ed altre mercanzie, accatastati l'uno sull'altro,  messi in fila o raccolti dentro ceste. Li puoi incontrare facilmente, nel centro di Fortaleza, esposti sui marciapiedi sopra un telo lanciato lì da qualche venditore ambulante. O nei negozi di  souvenirs, ferramenta ed articoli per la casa, fra zampe di capra trasformate in bottiglie e bicchieri, grattuggie per il cocco, morsi per cavalli, pentolame e filtri per il caffè.  

Sono giocattoli commoventi, fatti di niente, con materiale di riciclo, soggetti a continui rinnovamenti, incorporano saperi ereditati da generazioni precedenti e mescolano passato e presente. Mi  commuove ancor più il fatto che, se li continuano a fare, qualcuno li comprerà, ancora. Bambini evidentemente non ancora viziati da play station ed eroi virtuali improbabili, che si divertono a lanciare una trottola di legno, a giocare con burattini e marionette, a trascinare con un cordino automobili e camion di latta. Avvolti in sacchetti di plastica, per non farli impolverare, costano pochi reais e mi devo trattenere dal comprarli tutti, per la mia collezione personale. 

  

 

C'è chi, la collezione l'ha fatta ed assai seriamente, giocattoli da museo che finiscono esposti dietro vetrine, raccolte private di appassionati, studiosi con passioni antropologiche, come quel David Glat che ha creato il Museu do Brinquedo Popular a Bahia, come la raccolta presso il Museu do Homen do Nordest a Recife, quella del Museu Emilio Goeldi a Belem, e come la ricercatrice di cultura popolare Macao Goes, la cui bella e ricca collezione è visibile presso il Memorial da Cultura Cearense a Fortaleza, una delle prime cose che ho visto, arrivata qui. Come dimenticarla, come non apprezzare le marionette con ritagli di stoffa, come non sorridere davanti ad un autobus pieno di dettagli, ad una bottiglia di plastica trasformata in aeroplano, a deliziose miniature di casa di bambole, dove non manca niente, dai mobili alle suppellettili, piccolissime, c'è pure il vaso con i fiori..

collezione Macao Goes. Memorial da Cultura Cearense, Fortaleza

Anche se semplice, povera, popolare, è di cultura che stiamo parlando, una cultura spazzata via da bambole parlanti e giochi elettronici, veri aggeggi infernali i giochi contemporanei. La varietà dei giocattoli in mostra è davvero ampia, tante bamboline di stoffa artigianali, nella versione Lampião e Maria Bonita, mulatte e bionde, novelle spose con sposi altrettanto novelli, barchette di legno colorate  e jangadas in miniatura, elicotteri e aeroplanini di vari materiali e fogge, girandole colorate, altalene, macchinine e ruspe, il bus scolastico e il pulmann turistico.. e poi marionette e bellissimi segnavento, con le pale che girano e i personaggi  che si muovono. I  camioncini- forse i più complessi, composti da più pezzi, poi assemblati. Si utilizzano latte d'olio riciclate, pulite e tagliate con cesoie, pezzi di cassette da frutta e legno,  pezzi di pneumatico di trattore diventano ruote, il cambio e lo sterzo in fil di ferro. Colori sempre molto forti, azzurro, giallo, rosso, tutt'al più bianco. Assai realistici per le rifiniture precise, copiate da fotografie, fasce dipinte nella carrozzeria, specchietti retrovisori, tubi di marmitte, antenne per la radio. 

Giocattoli fatti da tempo immemorabile, da artigiani sognatori, poco cresciuti o con la voglia, rimasta intatta, di sentirsi ancora un pò bambini. Venduti nelle fiere di paese, quelle nordestine, tipiche, dove si trova di tutto e tutti ci vanno, dove si mangia in baracchette di poche pretese ed è tutto cucinato lì davanti, "na hora"  (sul momento), dove si vocifera, si urla, si chiacchera, dove puoi ancora incontrare un poeta, dove puoi ascoltare un cordelista  che con microfono alla mano - si è anche lui modernizzato - declama versi. Fiere come quelle di Crato o di Juazeiro do Norte. Alcuni si sono specializzati in qualcosa, hanno, come dire un cavallo di battaglia- c'è Zè do trem (ossia Giuseppe del treno) che a Juazeiro fa solo locomotive e vagoni, oltrechè rotaie di legno e riproduzioni di stazioni ferroviarie disattivate. Quasi uno spaccato di realtà, fra le altre cose, questo mondo dei giocattoli.

 tram (bonde) in miniatura

Il figlio invece, per non  far concorrenza al padre, quasi una forma di rispetto, ha deciso di diversificare la sua produzione e costruisce trattori, camion e sopratutto elicotteri. Anche se abitano in luoghi assai distanti dalla capitale, dove non è facile reperire pezzi e  materiali, si adeguano e sanno, il più delle volte, riciclare di tutto, anche pezzi che non sono riusciti a vendere. Vengono esposti davanti casa, sui marciapiedi, lungo  le strade che portano dritte dritte alla statua di padre Cicero, quella che attrae turisti e pellegrini, nella speranza di attirare qualche acquirente, anche loro.

collezione Macao Goes. Memorial da Cultura Cearense, Fortaleza

C'è chi impara dal padre e chi da un artigiano, come Josè Mauricio che ha sempre lavorato nella bottega di uno stagnino e fra una grondaia e l'altra, fra lampadine e bacili, si diverte anche a fare giocattoli, navi in particolare. E' un perfezionista e cura tutti i dettagli, attento alle più piccole rifiniture.  Anche Zè do Avião (letteralmente "Giuseppe dell'aereo") è appassionato di mezzi di trasporto, ma aerei.. a casa sua ne ha due esposti belli grandi, non sono proprio aeroplanini i suoi, misurano un metro e mezzo, un jet ed un boeing, come quelli che atterrano nel piccolo aeroporto della cittadina cearense. Da un tronco di umburana, realizza capolavori, con tanto di turbine, scalette, ruote e strumenti di navigazione, tutto copiato dalle riviste. Ne ha persino uno a forma di pavone, in omaggio al famoso cordel "Il pavone msisterioso". Anche Mestre Francorli (Francisco Dias de Oliveira) di Potengi, è uno specialista di aerei in miniatura, ne ha realizzati più di 96 tipi .. il suo sogno nel cassetto ? Poter volare.

 

collezione Macao Goes. Memorial da Cultura Cearense, Fortaleza

I giocattoli mobili e movibili, la fanno da padrone, c'è  il traca-traca,  educativo  e antico, formato da  tasselli lignei e nastrini di colori differenti che si possono comporre e scomporre a formare figure, lettere dell'alfabeto.  Usato per attirare l'attenzione dei più piccoli nel raccontare loro delle storie, ha un suono inconfondibile, come da nome, onomatopeico.  Il "manè gostoso", è un personaggio del Bumba-me -Boi, la figura dello sciocco, ma è anche un pupazzetto di legno il cui movimento, tramite cordini, è azionato muovendo due aste di legno. Finisce per muoversi come un trapezista che fa piroette e capriole, vere acrobazie con braccia e gambe.

 Ci sono anche i giochini  sonori, come il roi-roi- il cui rumore evoca il suono della cicala- un tempo usato per richiamare i buoi. Costa appena un real questa piccola cassetta cilindrica di argilla, rivestita di carta e tessuto, che agitandola, emette il caratteristico suono. E poi le chitarrine di legno, dipinte, chissà perchè di giallo o di rosso, i fischietti colorati a forma di uccellino, sole, luna o testa d'animale, i tamburelli, e poi trottole (pinhãopião), aquiloni, biglie e le mitiche fionde (baladeiras). Quest'ultime assai rustiche, con un manico in legno appena abbozzato- di arancio, goiaba o jabuti- due elastici ricavati da camere d'aria di pneumatici ed una toppa di cuoio. Proiettili  usati, pietre, palline di terracotta o semi di ricino. Ed ancora lanternine e telefoni di latta, per lo più ricavate da lattine di bevande usate,  pentolini riprodotti alla perfezione, semplici elicotteri con un pannocchia sgranata di mais e piume di gallina, che, con qualche pezzo di stoffa diventano, all'occorrenza, anche delle bamboline..

 

chitarrine e tamburelli in un negozio di ferramenta - Fortaleza

 Le bambole di tessuto sono una diversa dall'altra. C'è chi non ha mai fatto altro nella vita e le considera, affettivamente, tutte figlie sue, magari quelle che non ha mai avuto. Ritagli di stoffa regalati da amiche sarte ed un pò di inventiva, ognuna avrà la sua fisionomia, con abitini che sono un inventario della moda popolare sertaneja.Gonne a ruota o vestitini a fiori, fusciacche e cappellini, capelli a treccia o a chignon, calzoncini e gonne corte. Possono essere piccole, quasi tascabili o alte un metro, con braccia e gambe mobili. Si incomincia dalle gambe, poi si modella il corpo,  le dita, mani e braccia e per ultima la testa. La parte più difficile è il viso, si ricamano a mano ciglia e sopracciglia, occhi, naso e bocca. Alcune bonequeiras amano lavorare in gruppo, sedute in circolo,  e lì a cucire e chiaccherare, altre invece preferiscono stare sole. E non solo figure femminili escono dall'ago e filo,  ma anche bambole ispirate a personaggi reali, con cravatte, cinture e orologi,  cangaceiros, cavalieri, militari, personaggi del reisado, ed anche santi e preti. Possono essere indie e nere, alcune hanno perfino le unghie smaltate. 

 

 

bamboline nei negozi del centro, Fortaleza

Secoli prima le bambole erano di terra cruda. Le donne indie le modellavano per i loro bambini, con argilla e acqua, non ci voleva nient'altro, solo tanta fantasia e manualità.  Pupazzetti di terracotta, abbozzati nei momenti liberi - pochi- magari durante la cottura di pentole e giare. Adesso come allora, non c'è ceramista nordestina che non li sappia fare e quasi sempre chi inizia facendo pentole, finisce poi per plasmare figure. Animali sopratutto, cavalli, buoi e asini, o da cortile, figurine semplici, tipi e caratteri, personaggi, miti e leggende popolare, oppure più complesse scene di vita quotidiana, i venditori, gli artigiani al lavoro, il lavoro nei campi, le fiere, le visite dal dottore, le feste e il folclore. E poi le orchestrine, le coppie che ballano, la donna che fila e quelli che ricama, i santi, la vaquejada e i retirantes (emigranti). Al MAUC (Museu de Arte da Universidade do Cearà) di Fortaleza se ne possono vedere tante, sfilano tra le teche trasparenti, resoconti in miniatura di vita reale, rappresentazione di cose e persone che fanno parte del quotidiano di chi li ha fatti.

 

statuine ceramica popolare (Collezione MAUC, Fortaleza)

 I giocattoli parlano e raccontano. Anche nell'universo ludico si può rintracciare quel processo trans-culturale, tipico del Brasile.  In esso si riflettono influenze differenti, giochi indigeni, africani, provenienti dai diversi continenti.. risulta però difficile stabilire quanto e cosa, ciascuna etnia abbia lasciato. Sicuramente, di origine indios il gusto dell'imitare gli animali, del catturare ed allevare uccellini, la trottola, la peteca (sfera di pelle o paglia, riempita di cotone e con piume sulla sommità, lanciata a mò di volano con il palmo della mano) e le miniature di canoe. Nelle fazendas di canna da zucchero, i bambini neri figli di schiavi africani giocavano con quello che trovavano, e più spesso finivano per diventare loro stessi i giocattoli viventi dei bambini bianchi. Potevano essere usati, maltrattati , e neanche fossero bestie da soma, costretti a trainare carretti o ad essere cavalcati come cavallucci, con una corda al posto delle redini e un ramo come frustino. 

artigiani di giocattoli in miriti,  Abaetuba, Parà

I giocattoli possono intrecciarsi strettamente con la fede, come accade nel Parà. A Belem, ogni ottobre si celebra una delle feste mariane più antiche, sentite e spettacolari, Ciriò di Nazarè. Tanti giocattoli di miriti, una palma tipica - conosciuta anche come buriti (Mauritia flexuosa) - riempono le strade della città, sfilano fra i fedeli dietro la processione alla Madonna, barchette per lo più, ex-voto offerti  per la grazia ricevuta, per la salvezza da un naufragio o da un affogamento, in quella babele di fiumi che è la regione amazzonica. In mezzo alla folla girano gli "homens dos brinquedos" (uomini dei giocattoli), con un asta con vari bracci (girandola) su cui appendono la loro mercanzia (fino a 100 giocattoli), o si concentrano sui gradini della chiesa di N.S. de Nazarè, sui marciapiedi e piazze vicine. Non solo barche e canoe, ma coccodrilli e serpenti,  scimmie, insetti, uccelli,  aeroplani, casette, televisori, tatù (armadilli) radioline, marionette, coppie danzanti,  con colori vibranti, puri, primari, naturali. Ogni anno l'ispirazione cambia, riflette le influenze della città e del quasi immutato universo dei riberinhos (abitanti delle sponde dei fiumi). Giocattoli  fabbricati nel paesino di Abaetuba, a 170 km da Belem, dove la locale coooperativa di artigiani coinvolge più di 350 persone, interi nuclei familiari, tutto ben organizzato, ognuno con una sua specialità, con una gerarchia da rispettare.

 

 barchette ex-voto offerte a N.S. de Nazarè, Belem, Parà

Ma il gioco non sempre è ed è stato riconosciuto come un bisogno essenziale. In vari contesti, soprattutto in quelli di estrema povertà, è stato sempre concepito come una perdita di tempo. Ai bambini delle comunità rurali del sertão è sempre stata richiesta la partecipazione al lavori degli adulti, il loro aiuto nelle faccende domestiche era indispensabile, servivano a questo. Nonostante questa negazione dei diritto a giocare per milioni di bambini, brasiliani e non, l'atto del gioco è sempre stato presente, anche se concentrato in tempi ridottissimi (spesso solo la domenica), perchè, come ha ben scritto l'antropologo L. Camara Cascudo, "la disponibilità al gioco non abbandona mai l'uomo, in tutta la sua esistenza".

"Baladeiras" Jò Fernandes

Commenti al Post:
Nessun commento
 

ULTIME VISITE AL BLOG

donna76Ernia2011leox64sabrinacolantonioequinoxe1creazioniginkoRoW3nt4ca50geclaudiabaldimaddalena54blade_Dl0lucianaambrosettifaberman777CHANDRA_19760elegantepassione
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

LE MIE FOTO

ULTIMI COMMENTI

Grazzie!
Inviato da: Jouets en ligne
il 08/08/2013 alle 10:00
 
buongiorno...purtroppo non penso proprio che in Italia sia...
Inviato da: LivinginFortaleza
il 08/07/2013 alle 06:18
 
Vorrei sapere dove posso comprare questo oro vegetale per...
Inviato da: maria Teresa
il 17/06/2013 alle 18:56
 
Sim Pedro
Inviato da: LivinginFortaleza
il 27/09/2012 alle 15:24
 
Volte sempre que quiser ou puder.
Inviato da: Pedro
il 25/09/2012 alle 02:05