Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

robbocopmanu78_itagnese_740mi_piaci15raos2008lupariaanitadil_itspeedy.72mimma_serenaviola_salalilla_1940stefano_75sccesi_80angela.lv
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

Per tutti gli appassionati...

Post n°5891 pubblicato il 24 Febbraio 2017 da giulia_770.it

..Ha aperto a Milano il primo ristorante nepalese della città..ecco dove..

Dai padiglioni dell'Expo alle strade di Milano. Dopo il successo registrato nei sei mesi dell'Esposizione universale la cucina nepalese arriva in città, in via Piero della Francesca 13. È lì che, dai primi di gennaio, ha aperto "Achar": un locale piccolo e accogliente, al cui interno si respirano il clima e le tradizioni del Nepal. Tutto, a partire dall'arredo, è studiato nei minimi particolari: la proprietaria Reeya, originaria di Pokhara, dopo aver gestito il padiglione del Nepal ha avuto l'idea di aprire anche in città un ristorante tipico...
 
 
 

Ditemi di si!

Post n°5890 pubblicato il 24 Febbraio 2017 da giulia_770.it

...posso chiedere d restituirmi tutti i riposini pomeridiani che ho rifiutato da piccola? ufff...

 
 
 

C’è chi non lo farebbe “manco morto”

Post n°5889 pubblicato il 24 Febbraio 2017 da manu78_it

Casa, abitare accanto al cimitero conviene: comprare casa costa anche fino al 50% in meno .....

A Roma per esempio dove il Cimitero Monumentale del Verano, tra i più famosi del nostro Paese, con opere funebri di grande pregio, è all’interno della Capitale, vicinissimo all’Università Sapienza, alla Stazione Tiburtina e non distante dal resto della città. Quindi in posizione strategica. Eppure si risparmia circa il 45% al metro quadro, considerando come prezzo medio 3.805 contro i 7000 del centro dove per comprare un appartamento tra gli 80 e i 140 mq servono almeno 600 mila euro. Qui ne sono sufficienti 244 mila.

E nel resto della Penisola? Si risparmia ancora di più a Torino. Dove vivere accanto al Cimitero monumentale nella zona a Nord-Est, vicino al Parco Colletta, significa più che dimezzare la spesa. Per una casa intorno agli 80 metri quadri che in centro città costerebbe oltre 485 mila euro qui si spendono solo145 mila euro. A  Bologna dove il Cimitero monumentale si trova appena fuori dalle mura le abitazioni invece non subiscono una grande oscillazione di prezzo rispetto a quelle del centro cittadino, che si riduce di un 13% circa.

Così a Napoli dove il leggendario cimitero delle Fontanelle rappresenta per i napoletani un vero e proprio pezzo di cuore nel quartiere Sanità. Sarà per questo che a dispetto di superstizioni o forse proprio per un rapporto più stretto, intimo con la morte il risparmio è ancora più contenuto, di circa il 6%. Vale a dire: il prezzo medio di un appartamento, intorno ai 70 metri quadrati, accanto a tombe monumentali è sui 192 mila euro, contro i 245 euro del centro città...

Andreste ad abitare in una casa vicino ad un cimitero?

 
 
 

Ennesimo caso di malagiustizia...

Post n°5888 pubblicato il 24 Febbraio 2017 da giulia_770.it

Condannato per una parola fraintesaviene assolto dopo 20 anni di carcere

Non conosco il caso e gli atti, ma arrivare in cassazione con una conferma di condanna non è  un giudice che ha sbagliato, ma I giudici. Il risarcimento, qualora ci fosse per assenza di dolo, è a carico del collettivo "pubblico", però sarebbe ora di regolamentare la responsabilità quando si commettono errori del genere, come tutte le professioni. Un chirurgo, per esempio, ha una responsabilità maggiore eppure da conto del suo operato, cosa vi fa pensare di essere esenti da responsabilità? È un delirio di onnipotenza la vostra esenzione.

....

(qui l'articolo che ho letto :http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/bari/cronaca/)

di la tua...

 
 
 

70 musei e case d’arte si aprono ai cittadini-Milano-

Post n°5887 pubblicato il 24 Febbraio 2017 da giulia_770.it

Dal 3 al 5 marzo Milano ospita la prima edizione di Museocity, una grande manifestazione diffusa di arte e cultura. Promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Milano, l'iniziativa coinvolgerà oltre 70 sedi tra musei d'arte, case museo, atelier d'artista e musei d'impresa, trasformando Milano in un grande museo diffuso con aperture straordinarie, mostre e opere d'arte esposte per la prima volta.

"Milano vivrà per tre giorni come un grande, inconsueto Museo diffuso spalancato alla città, offrendo ai milanesi e ai visitatori la bellezza e la ricchezza delle sue collezioni artistiche e storiche Una proposta culturale resa possibile dalla straordinaria capacità della nostra città di fare rete tra tutte le sue istituzioni museali, che costituiscono uno dei fulcri sui quali poggia la leva dell’attrattività di Milano. Il percorso museale così realizzato, oltre a proporre conoscenza e approfondimento del capitale artistico-culturale di Milano, svela nuovi inediti aspetti di alcuni suoi tesori".
 
 
 

Annette Messager arriva a Roma.

Post n°5886 pubblicato il 24 Febbraio 2017 da giulia_770.it

La geografia amorosa di Annette Messager arriva a Roma. A Villa MediciUna grande artista francese a Roma. Villa Medici celebra Annette Messager, prima donna artista ospite del nuovo ciclo espositivo “Une”. Lavori celebri e nuove produzioni si alternano tra le gallerie interne, i giardini e l’Atelier Balthus ...

 
 
 

Et voilà, la Francia è servita :

Post n°5885 pubblicato il 23 Febbraio 2017 da giulia_770.it

croque madame, crepes, fondue e poi tanti dolci e vini d'Oltralpe. Ecco il nostro itinerario nel gusto e nell'eleganza francese a Milano..

L'immagine può contenere: cibo

....È strano che soltanto in questi ultimi tempi sia esplosa una vera fioritura di insegne francesi. Malgrado lo sfarzo e la proverbiale grandeur, la gastronomia d’Oltralpe non aveva mai attecchito sul nostro territorio, salvo sporadiche infiltrazioni (qualche creperie e poco altro). Ma, più probabilmente, erano stati i francesi a non considerare fruttuosa l’ipotesi di un investimento milanese. Eppure, in poche pagine di calendario, è cambiato tutto. Sono arrivate per prime le pasticcerie. Laduré, La Pâtisserie Des Rêves, L’éclair De Génie, Maison Caffet. Nomi pesanti in arrivo da Parigi con un carico di specialità mai viste nelle nostre vetrine. A ruota, sulla scia dei primi successi, si sono accese le luci di restaurants, brasserie, boulangerie. E si è composta una nuova generazione di cibi con e senza l’erre moscia. Croque madame, huitre, foie gras, galettes, baguette, croissant. Non tutti inediti. Ma nessuno familiare. E, soprattutto, non più delle imitazioni nostrane, per quanto riuscite e accurate. Bensì, pezzi originali, trasferiti qui nella loro integrità.

 
 
 

Status symbol o Moda...

Post n°5884 pubblicato il 23 Febbraio 2017 da giulia_770.it

Ma le donne che si ritoccano il viso chirurgicamente...non vedono le altre donne, che lo hanno fatto prima, e che sono diventate più brutte??? Sarà anche uno status symbol o la moda...mah!

 
 
 

Finalmente!!!

Post n°5883 pubblicato il 23 Febbraio 2017 da giulia_770.it
 

L'immagine può contenere: una o più persone e persone in piedi

....ho trovato il mio cupido finalmente...ecco dove era finito...

Contenti? (Simo'-Pietro) 

 
 
 

Non si fermano le polemiche...

Post n°5882 pubblicato il 23 Febbraio 2017 da giulia_770.it

C'era una volta ...... P.zza del Duomo ......

Dopo le palme della discordia in Piazza Duomo a Milano arrivano anche i banani.  infatti, è stato completato il progetto verde sponsorizzato dalle caffetterie Starbucks. Intanto continuano le polemiche sul nuovo allestimento, il cui appalto è stato vinto per tre anni dal colosso americano, che aprirà nel 2018 a Milano il suo primo punto vendita italiano. La multinazionale ha scelto appunto palme e banani come piante per le aiuole. Una scelta che da giorni era oggetto di commenti e ironie sui social, ma anche direttamente in piazza.

 
 
 

Con I Distratti e Le Grottesche.

Post n°5881 pubblicato il 23 Febbraio 2017 da giulia_770.it

Mascheroni paradossali tra atmosfere industrial, travestimenti saturnali, metamorfosi. 4 marzo il Carnevale in BASE è una MasQuerada con I Distratti e Le Grottesche.

...Creature dei boschi tra atmosfere industrial, travestimenti saturnali, mascheroni paradossali, metamorfosi. A BASE Milano si celebra la festa del rovesciamento dei ruoli con una grande MASQUERADA. La sala principale di BASE per una notte sarà un’enorme Camera Oscura dentro la quale i partecipanti si trasformeranno in personaggi grotteschi, in un grande circo freak. Come in una sfilata, le maschere incederanno su tappetto rosso. Poi l’accesso al mondo di sotto, la sala da ballo, dove si alternano, per tutta la notte, dj e live set stravaganti. Musica e concept a cura de I Distratti, una delle realtà residenti nel burò, il coworking di BASE. Progettazione e realizzazione Le grottesque Data: 4 marzo 2017...

Dove: Base Milano // Orario: dalle 21.30 Ingresso: € 10,00

 
 
 

Tutte le immagini della mostra di Giacomo Balla a Roma

Post n°5880 pubblicato il 23 Febbraio 2017 da giulia_770.it

La mostra presenta 35 opere donate dalle figlie del maestro Luce e Elica che attraversano tutti i periodi dell’artista. Dalle opere futuriste a quelle figurative.

Le opere dalla collezione dedicata al maestro del futurismo intitolata Un’onda di luce. Il progetto espone i 35 dipinti donati dalle figlie del pittore, Elica e Luce, nel 1984. Tra queste, i capolavori La pazza (1905, dal Polittico dei viventi), Affetti (1910) e opere fondamentali del periodo futurista, come le tavolette delle Compenetrazioni iridescenti (1912), gli studi sulla velocità, le Dimostrazioni interventiste (1915). Questi ultimi pezzi hanno colmato un grande vuoto nella collezione del museo che non aveva lavori dell’artista risalenti al periodo della sua adesione al movimento avanguardistico italiano. La donazione comprendeva inoltre anche diverse opere degli anni ’20 di ispirazione spiritualista e la produzione figurativa dell’ultimo periodo. Venne poi arricchita nel 1994 con un nuovo corpus, in mostra fino al 26 marzo.
 
 
 

Giuro! Non comprendo...

Post n°5879 pubblicato il 22 Febbraio 2017 da giulia_770.it

Eeee niente, mi fermo per fare passare un signore anziano sulle strisce pedonali e questo per ringraziarmi mi dà una bastonata sul cofano.
....Io  basita
  ahahah mah!

 
 
 

Pensierosa!

Post n°5878 pubblicato il 22 Febbraio 2017 da giulia_770.it

...avete presente quando finalmente si riesce a trovare un senso a un comportamento perchè all'improvviso si è accesa la lampadina???ebbene la mia si è fulminata!!!...mah!...

 
 
 

Un nuovo museo per Milano

Post n°5877 pubblicato il 22 Febbraio 2017 da giulia_770.it

...Un nuovo museo per Milano, un nuovo museo etrusco per l'Italia, collezioni private per la prima volta rese accessibili al pubblico. Sono molte le novità degne di nota annunciate ieri a Palazzo Marino dal sindaco Giuseppe Sala. Nel 2018 la città lombarda potrà vantare un progetto museale dedicato al mondo etrusco, alla sua cultura e alla sua arte.

L'IDEA DEL MUSEO ETRUSCO
La prima domanda che ci si chiede è il perché di un museo etrusco in Lombardia: come molti ricorderanno, gli Etruschi furono un popolo vissuto principalmente tra Toscana e Lazio, dove infatti si contano vari musei e siti archeologici che raccontano la loro storia (ricordiamo per esempio Volterra, Tarquinia, Vulci ecc.). Che cosa c'entra Milano? Il mistero è presto spiegato: l'iniziativa nasce dall'idea e dalla passione di una famiglia, i Rovati, grandi collezionisti e amanti dell'arte, che hanno deciso di mettere a disposizione del pubblico la loro preziosa raccolta di manufatti etruschi
.

 LA SEDE A MILANO
Il nuovo museo avrà sede in un palazzo storico del centro di Milano, ubicato in corso Venezia 52, proprio di fronte ai "Giardini pubblici" dedicati a Indro Montanelli

 
 
 

Mostra Galeotta..

Post n°5876 pubblicato il 22 Febbraio 2017 da giulia_770.it

ARTISTI DENTRO

Immagine di copertina, L'immagine può contenere: 1 persona

Collettiva di 101 artisti di mail-art detenuti nelle carceri italiane. 228 opere d'arte su cartoline postali, una mostra unica nel suo genere.

Sarà possibile visitare la mostra nei seguenti orari:
- dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18;
- sabato e domenica dalle 14 alle 18.

Il vernissage si terrà martedì 7 marzo dalle 18 alle 21.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.



Le opere sono in vendita e il ricavato andrà a sostegno dei progetti di Artisti Dentro Onlus.

 
 
 

Dopo il successo di Love...

Post n°5875 pubblicato il 21 Febbraio 2017 da simona_780car

L’Arte contemporanea incontra l’Amore, il Chiostro del Bramante ha deciso di prorogare la data di chiusura della mostra..

L'immagine può contenere: pianta

il Chiostro del Bramante ha deciso di prorogare la data di chiusura fino al 5 marzo. L‘esposizione, infatti, ha registrato dalla data di apertura oltre 120.000 visitatori, raccontando l’amore nelle sue molteplici sfaccettature dal punto di vista dei più grandi personaggi dell’arte contemporanea. Danilo Eccher, curatore della rassegna, ha infatti saputo creare un percorso sensoriale coinvolgendo i visitatori e invitandoli ad attraversare le diverse declinazioni dell’amore, felice e atteso, incompreso e odiato, ambiguo e trasgressivo, appassionato e infantile. La rassegna si apre proprio con Love, un quadrato di lettere in alluminio rosso realizzato negli anni ’70 da Robert Indiana. E si prosegue con Marilyn Monroe, riprodotta da Andy Warhol in una delle sue più belle immagini tratte dal film Niagara.
 
 
 

Non perdetevi l'appuntamento più pop dell'anno...

Post n°5874 pubblicato il 21 Febbraio 2017 da simona_780car

Apre oggi la mostra di Keith Haring a Palazzo Reale!...

....

Un ragazzino alto e magro magro, dai grandi occhiali e dal sorriso irresistibile, si chiamava Keith Haring, aveva 20 anni quando arrivò a New York da Reading, Pennsylvania, ne aveva 31 quando morì di Aids. Era il 1990, due anni prima un'overdose di eroina si era portata via Basquiat, l'anno prima ancora era toccato a Warhol, si chiudeva così, con un altro artista morto troppo presto, quel decennio che avrebbe segnato per sempre la nostra cultura occidentale. Da allora in poi l'arte, ma anche la musica, la letteratura, l'economia, la moda, non sarebbero più state le stesse, la rivoluzione era cominciata, dal Lower East Side era arrivata alle gallerie, ai salotti, alle redazioni della città più imprevedibile del mondo: New York. E dalle stazioni della metropolitana della Grande Mela parte anche il viaggio di Keith Haring, una corsa a perdifiato animata da omini e cani, battaglie e impegno sociale, che la grande mostra "Keith Haring. About Art", in arrivo il 21 febbraio a Palazzo Reale, cercherà di ripercorrere. I 110 lavori, alcuni inediti, molti monumentali, ci faranno scoprire il mondo, solo in apparenza infantile e giocoso, di uno degli artisti più liberi e generosi dell'arte contemporanea, un ragazzo che ha continuato a regalare le sue opere, disegnando gratis sui muri di tutto il mondo, anche quando queste venivano vendute a peso dì'oro nelle gallerie..
 
 
 

Se desideri tanto qualcosa vai a prendertela/o.

Post n°5873 pubblicato il 21 Febbraio 2017 da pietro_791.it

senza fiato Miss!

 
 
 

Era tanto difficile?

Post n°5872 pubblicato il 20 Febbraio 2017 da simona_780car
 

Aiuole con fiori e piante basse.

L'immagine può contenere: una o più persone e spazio all'aperto

Non è possibile impedire la vista del Duomo indipendentemente dal tipo di pianta....Era tanto difficile copiare o consegnare questa cartolina ad un giardiniere? Si doveva per forza scomodare un "ArchiStar"? il 90% del tempo dedicato allo studio nelle scuole dovrebbe essere occupato dall'educazione alla "Bellezza" e il rispetto per i luoghi e la storia, altrimenti poi ci ritroviamo degli architetti che sperimentano cavolate e i cittadini che apprezzano pure (vedi Darsena). il livello bellezza è sceso ai minimi livelli. un Nuovo Michelangelo non potrà piu' nascere, nemmeno un Dante, un Bramante...non c'è il terreno adatto... se tutt'attorno c'è merda non puoi sporcarti di cioccolato. Nel Rinascimento il Papa e i potenti dell'epoca erano disposti a fare follie pur di commissionare un'opera a Leonardo, Michelangelo, Pinturicchio, Perugino... Ora i migliori critici d'arte parlano ore ed ore ed ore per cercare di convincerti che quattro scarabocchi su un muro, che nessuno ha commissionato, sono "opere d'arte" o sprecano parole e parole, libri su libri per spiegarti il perchè 4 tagli su una tela sono da considerare un "opera d'arte". la bellezza non ha bisogno di spiegazioni, quando ti trovi davanti alla pietà di Michelangelo anche mia nonna, con nessun titolo di studio, è in grado di capire che è qualcosa di pazzesco che è pura follia.

La Nostra ex Stupenda Piazza

(in una Foto di Giovanni Negri)

 
 
 
Successivi »
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI

Siiiiiiiii..
Inviato da: manu78_it
il 24/02/2017 alle 17:05
 
Sei sfinita?..Tutti riposini che vuoi! Quando rientri a...
Inviato da: agnese_740
il 24/02/2017 alle 17:04
 
Certooo... Stanca?
Inviato da: mi_piaci15
il 24/02/2017 alle 17:02
 
Si tesoro..
Inviato da: sonodipassaggio
il 24/02/2017 alle 16:38
 
Perché no! Io si..
Inviato da: anitadil_it
il 24/02/2017 alle 14:52