Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 37
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

peppesqviola_salabalou.3mi_piaci15vichingo101giulia_770.itmarlow17ce145makavelikaangi2010miro_681agnese_740corrado_comnarconon_70
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

Un posto dove il tempo si è fermato..

Post n°5446 pubblicato il 29 Luglio 2016 da giulia_770.it

Paese di particolare bellezza, con le vie strette, ponti, piccole piazze e quartieri medievali, famosa anche per la produzione di ceramica. Nasce con il nome di Iguvium. Diventa un' importante località religiosa e nel III secolo si allea a Roma diventandone suo comune. Viene saccheggiata da Totila e risorge rimanendo indipendente. Raggiunge il massimo splendore nell'VIII secolo. Inseguito è possesso di diverse signorie e nel 1624 passa allo Stato della Chiesa fino al 1850.

 
 
 

Il tempo...

Post n°5445 pubblicato il 25 Luglio 2016 da giulia_770.it

La chiave del tempo perduto

...quanto tempo sprecato a rincorrersi...quando tutto semplicemente basterebbe fermarsi...guardarsi negli occhi...dirsi tutto...proprio per non perdersi...perchè ahi noi il mondo è pieno di emozioni allontanate...perdute...di abbracci mancati...

 
 
 

Ragazzi sono basita!

Post n°5444 pubblicato il 21 Luglio 2016 da manu78_it

Io che vi vedo tutti i giorni?

foto di Fanpage.it.

È accaduto nella nostra zona (Milano ovviamente)..

Sono state aggredite  da  “quelle zingare che lavano i vetri”.
Questo e' il racconto  :

Noi siamo state appena praticamente aggredite, si può dire così, da una masnada. I tg e i giornali ci hanno abituato, non proviamo più compassione. Però c'è anche da dire che c'è qualcosa che va al di là. Io, che non ho paura neanche del demonio, che debba aver paura a passare da viale Lunigiana a Milano all'incrocio con Melchiorre – Gioia perché è preso d'assalto da queste put*ane, maledette da Dio e dagli uomini. Put*ane, proprio pu*ane e lo ripeto: pu*tane, figlie di tro*a, che ti saltano addosso, ti buttano la piscia e ti prendono a calci la macchina. Questo no, questo in una città come Milano non deve succedere e io ho tremila cose da fare ma adesso faccio una bella lettera e la mando a questo specie di sindaco che è stato eletto, nessuno l'ha mai visto. Lui se ne sbatterà i cog*ioni, ma io sono stanca di essere aggredita da queste pu*tane. Io non sono nessuno ma queste qui bisogna che vadano a casa loro, a fare le mignotte a casa loro, a fare le tro*e a casa loro e a rubare a casa loro. E poi il Papa viene a dirci: “Non aiutiamo gli animali, aiutiamo gli essere umani”. Io dico una cosa cattiva ma la voglio dire, ca**o: se io devo scegliere se salvare un cane da sotto una macchina o una di queste tro*e, io salvo il cane. Va bene?

 Hanno truffato, hanno rubato, hanno usato violenza e ora fanno le vittime.


 
     
   


 
 
 

LAC Lugano Arte e Cultura

Post n°5443 pubblicato il 20 Luglio 2016 da giulia_770.it

LAC Lugano Arte e Cultura è il centro culturale dedicato alle arti visive, alla musica e alle arti sceniche, che si candida a diventare uno dei punti di riferimento culturali della Svizzera, con l’intento di valorizzare un’ampia offerta artistica ed esprimere l’identità di Lugano quale crocevia culturale fra il nord e il sud dell’Europa.All’interno della suggestiva struttura architettonica affacciata sul lago, trova spazio una ricca programmazione di mostre ed eventi, stagioni musicali, rassegne di teatro e danza, insieme a una varietà di iniziative culturali e un folto programma di attività per i giovani e le famiglie. Al LAC ha infatti sede il Museo d’Arte della Svizzera italiana, Lugano nato dall’unione tra il Museo Cantonale d’Arte e il Museo d’Arte della città di Lugano. I suoi tre piani espositivi ospitano la collezione permanente della città di Lugano e del Cantone Ticino, mostre temporanee e installazioni site specific.

 
 
 

Mimmo Paladino a Milano

Post n°5442 pubblicato il 20 Luglio 2016 da giulia_770.it

Tris di Mostre per Mimmo Paladino..

C’è qualcosa di arcaico, di ostinatamente primitivo in quasi tutta la produzione di Mimmo Paladino (Paduli, 1948), protagonista di due esposizioni milanesi divise in tre sedi, al Museo del Novecento (Disegnare le parole: Mimmo Paladino tra arte e letteratura) e nei due spazi della Galleria Christian Stein di Milano e di Pero. Verrebbe anzi da dire “necessariamente” primitivo, per un artista che, da quarant’anni ormai, lavora intorno a un’arte concepita come “un lento procedere intorno al linguaggio dei segni”. E il procedere dentro il linguaggio dei segni non può essere che un processo a ritroso, uno scavo fino ai termini minimi della nostra comprensione del mondo, del nostro rapporto figurale con la realtà.
 
 
 

In mostra a Bergamo..

Post n°5441 pubblicato il 20 Luglio 2016 da giulia_770.it

A Bergamo un nuovo ospite e un nuovo incontro tra capolavori. Grazie alla collaborazione con Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara, dal 19 luglio al 25 settembre sarà presentato all’interno del percorso museale il "Ritratto del piccolo Subercaseaux" di Giovanni Boldini..

Mantenendo l’idea del progetto È NOSTRO OSPITE, e cioè l’opportunità offerta da opere in prestito come possibilità per il pubblico di scoprire grandi maestri, rileggendo le collezioni di Accademia Carrara sotto angolazioni differenti, l’opera di Boldini sarà posta in dialogo con un altro capolavoro delle collezioni di Accademia Carrara, il Ritratto di Maria Gallavresi con la madre di Cesare Tallone. Un incontro attento e dedicato alla straordinaria capacità di introspezione psicologica della ritrattistica tra otto e novecento.
 
 
 

Non ho parole!

Post n°5440 pubblicato il 19 Luglio 2016 da mimma_serena

Strage di Nizza, polemiche per il commento di una miliardaria russa:

"È un peccato aver annullato i fuochi d’artificio - ha detto l'avvenente 35enne al sito d’informazione russo - Stavamo cenando, poi un ragazzo francese è venuto a dirci che c’era stato un attentato terroristico, così siamo tornati a riva. Noi siamo stati turbati perché volevamo guardare i fuochi d’artificio, ma è accaduta questa cosa brutta e tutto è stato annullato!".

CRETINA!

 
 
 

Tante stragi di innocenti

Post n°5439 pubblicato il 15 Luglio 2016 da mi_piaci15

ho sempre sostenuto che dichiarare guerra… anni fa… all’Iraq sia stato tout simplement un pretesto… tant’è che… le cosiddette armi biologiche non furono mai trovate! …una grande…insomma enorme bufala venduta al mondo! Blair alla fine l’ha ammesso…chapeau!... Io desiderei però un moderno nuovo Norimberga per crimini di incompetenza…ambizione…stupidità…malafede…inganno…follia sanguinaria per quei personaggi… che illo tempore…decisero di far sganciare le bombe su quei territori etc …cagionando morte disperazione…ed anche i KAMICAZE! Si piangono…piangiamo tante stragi di innocenti…l’ultima quella di Nizza…innocenti di ogni nazionalità…razza…età e religione…oggi posso affermare che il mondo è meno pacifico…meno sicuro…e per la decisione di pochi inetti pagano in molti…tante vittime innocenti…

 
 
 

Anima che lascia il corpo o semplice effetto ottico?

Post n°5438 pubblicato il 15 Luglio 2016 da manu78_it

Per coloro che credono a una vita dopo la morte

Usa, l'istantanea che divide il web: anima che lascia il corpo o semplice effetto ottico?

L'istantanea mostra alcune persone che soccorrono un motociclista a terra in seguito a un incidente. Sopra le loro teste si intravede una sorta di figura umana che sembra stazionare sopra il corpo del centauro, poi spirato in ospedale per le ferite riportate.

Beh!  Voglio  la foto dell'anima che esce dal corpo in ospedale adesso, cosi sará tutto più chiaro!!!

 
 
 

STRAGE FERROVIARIA IN PUGLIA

Post n°5437 pubblicato il 12 Luglio 2016 da manu78_it

foto di TILT - Puglia.

Per i baresi se volete donare sangue per aiutare i feriti potete recarvi in queste strutture.

 
 
 

Ognuno ha la propria storia!

Post n°5436 pubblicato il 10 Luglio 2016 da simona_780car

 

"Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere... Mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io. Vivi il mio dolore, i miei dubbi, le mie risate... Vivi gli anni che ho vissuto io e cadi là dove sono caduto io e rialzati come ho fatto io... Ognuno ha la propria storia. E solo allora mi potrai giudicare.
(Luigi Pirandello)


 
 
 

A Firenze c'e' un nuovo Museo....

Post n°5435 pubblicato il 09 Luglio 2016 da giulia_770.it
 

Museo degli Innocenti

Tre anni di lavori e un investimento di 12.800.000 euro per il museo che il 24 giugno si presenta alla città con un’apertura gratuita. Eccezionalmente saranno visibili da vicino i 10 celebri putti di Andrea della Robbia, restaurati dall’Opificio delle Pietre Dure...

Firenze, Museo degli Innocenti, vista dell'allestimento

BOTTICELLI, DELLA ROBBIA, GHIRLANDAIO E PIERO DI COSIMO Con un percorso di visita chiaro, ordinato dai curatori Stefano Filipponi ed Eleonora Mazzocchi secondo tre filoni tematici – storia, architettura e arte – e una serie di azioni misurate che non compromettono la leggibilità degli ambienti storicamente più caratterizzati, il Museo raccoglie 80 opere d’arte realizzate da Sandro Botticelli, Domenico Ghirlandaio, Piero di Cosimo, Luca della Robbia, Bartolomeo di Giovanni, Giovanni del Biondo, Neri di Bicci e altri...

 
 
 

Domon Ken: il realismo giapponese a Roma

Post n°5434 pubblicato il 09 Luglio 2016 da giulia_770.it

È la prima esposizione monografica realizzata all’estero per l’indiscusso maestro del realismo fotografico giapponese. Domon Ken racconta per immagini i cinquant’anni di storia che hanno cambiato per sempre il volto dell’Impero del Sol Levante.

Museo dell’Area Pacis, Roma – fino al 18 settembre 2016.

Sofferenza e tenacia hanno dato forma all’esistenza di Domon Ken Se la prima ha marcato la sua vita costringendolo a una progressiva inabilità, la seconda lo ha consegnato alla storia, primo tra i suoi rivali nel fotogiornalismo giapponese.

L’allestimento della mostra presenta questa sezione come un’esperienza a parte, un viaggio nel buio in un labirinto posto al centro dello spazio espositivo, come fu vissuto da Domon nella sua permanenza di cinque mesi nel cratere atomico, durante il 1957. Più volte dovette interrompere il suo lavoro a causa dei gravi problemi di salute per i quali era già stato riformato dall’esercito e che mano a mano si andavano acuendo. Eppure, grazie alla caparbietà che lo animava, documentò con circa ottomila negativi la tragedia dei sopravvissuti, dolenti, sfigurati, morenti. Raccolte in due volumi, pubblicati nel 1958 e nel 1978, queste immagini hanno rappresentato una tappa fondamentale nel cammino verso la contemporaneità in Giappone e sono state insignite, nel 1960, del Premio internazionale della fotografia di reportage. Ma l’interesse per il realismo sociale pervade tutti i lavori di Domon, esponente riconosciuto di un pensiero che pone al centro la realtà come materia viva, concreta e oggettiva.

 
 
 

"Tra le pagine chiare e le pagine scure"

Post n°5433 pubblicato il 08 Luglio 2016 da AlbertoAABruno
 

Il rinvenire in un muro del Policlinico di Milano, di documenti originali del nostro terrorismo nazionale (in questo caso delle BR), quello che dalla fine degli anni sessanta ha camminato fino ai primi novanta e ha fatto si che una stagione venisse denominata "anni di piombo" dovrebbe farci riflettere sul nostro recente passato, a perché l'ideologia estrema acceca e rende violenta persone che ci sembravano normali e sopratutto ai "cattivi maestri"sempre nascosti dietro ispirazioni universali, parole dette e non dette, tono aspri e forti, ma protetti dal ruolo politico o pseudo culturale, perché nella massa delle persone che gli ascolta, si troverà sempre qualcuno disposto a passare poi dalle parole ai fatti, passare dalla veemenza verbale alla violenza fisica, fino all'omicidio o alla strage, che sia per un dio tradito o una razza da salvaguardare.

 
 
 

Il razzismo e' la nostra vergogna!

Post n°5432 pubblicato il 08 Luglio 2016 da manu78_it

Si chiamava Emmanuel Chidi Namdi, aveva 36 anni ed era richiedente asilo. Era scappato dalla Nigeria dei sanguinari di Boko Haram. Oggi camminava per strada con la sua compagna, quando un ultrà della squadra del Fermo li ha avvicinati e ha chiamato lei scimmia. Perché per lui quella donna era appunto “una scimmia”. Emmanuel ha provato a difendere la sua compagna, ma l’uomo ha picchiato lei e ha ucciso lui.“Scimmia”, la stessa offesa che vari esponenti della Lega hanno riservato per anni a Cécile Kyenge. Non è stato solo l’ultrà ad uccidere Emmanuel. Lo hanno ucciso anche tutti quelli che riversano sugli ultimi le colpe degli insuccessi delle loro vite, seminando un clima di odio al grido di “non possiamo ospitarli tutti”...........

La compagna di Emmanuel ha dato il consenso per il trapianto degli organi, che potranno andare a chiunque, di qualsiasi colore, etnia o credo politico.
E' la scelta dell'umano contro il disumano. E se questa storia ha una lezione, questa lezione è tutta qui.

 
 
 

Così ...perché tu sappia :-)

Post n°5431 pubblicato il 08 Luglio 2016 da AlbertoAABruno

Liberamente modificata per l'abbisogna ...e non mi dire che quando avrai finito di leggere non sorriderai Giulia :-)

(di Fo - Jannacci)

La luna è una lampadina... attaccata sul plafone

e le stelle sembrano limoni tirati nell'acqua

e io son qui, Giulia, sul marciapiede

che cammino avanti e indietro

e mi fanno male i piedi, Giulia!

 

La luna l'è ona lampadina... taccada in sul plafon

e i stell paren limon traa giò in dell'acqua,

e mi sont chi, Giulia, 'nsul marciapeè

che cammini avanti e indré

e me fann mal i pee, Giulia!

 

Terzo piano, quarta ringhiera, la luce ancora accesa

lo so che sei su, Giulia, ma non guardi giù, non mi vedi,

non vedi che son qui sul marciapiede

che cammino avanti e indietro

e mi fanno male i piedi,  Giulia , oh Giulia!

 

Terz pian, quarta ringhera, la lus l'è anmò pissada

e mi sont chi, Giulia, 'nsul marciapee

che cammini avanti e indrè

e me fann mal i pee, Giulia, oh Giulia!

 

Lo sanno tutti che sei su con Nino il barbiere

perché ha un mucchio di soldi

e io son qui che cammino avanti e indietro

e mi fanno male i piedi, Giulia!

 

El sann tucc che te set su con Nin el barbee

perchè el g'ha un mucc de danee

e mi sont chi che cammini avanti e indrè

e me fann mal i pee, Giulia!

 

Il 31 inteso come tram è già passato

di 28 non c'è n'è più

mi tocca andare a casa a piedi, Giulia

e mi fanno male i piedi. Giulia, oh  Giulia!

 

El trentun l'è già passa,

de vintott g'he n'è pu,

me tocca andaa a caa a pee.

Giulia, e me fann mal i pee, e mi son chi ecc.

 

Una volta ho visto un gatto, che piangeva come un matto

sotto al tuo portone, forse aveva perso il padrone.

 

Anca mi son come on gatt, son de sotta al to porton

che caragni come, on matt

e giughetti cui botton, Giulia...

e mi son chi che cammini avanti e indrè...


 
 
 

L'arte di Escher affascina Milano

Post n°5430 pubblicato il 04 Luglio 2016 da giulia_770.it

Palazzo Reale di Milano, fino al 22 gennaio, ospita una mostra interamente dedicata a Maurits Cornelis Escher, incisore e grafico olandese che con le sue opere ha influenzato l’immaginario visivo popolare. Con oltre 200 opere, divise in sei sezioni, la mostra è un viaggio all’interno del mondo creato dell’artista: a partire dal Liberty sua cultura figurativa, soffermandosi sul suo amore per Roma e per l’Italia, passando per la visita a l’Alhambra e a Cordova, fino all' interesse per le forme geometriche. Snodo centrale dell’esposizione è il momento della maturità artistica di Escher con i temi della tassellatura, delle superfici riflettenti e degli oggetti impossibili: ne sono un esempio opere come Mano con sfera riflettente (1935), Relatività (o Casa di scale) (1953), Metamorfosi (1939) e Belvedere (1958).

 
 
 

Il mondo a modo suo

Post n°5429 pubblicato il 04 Luglio 2016 da giulia_770.it

WILLIAM KLEIN

Milano, Palazzo della Ragione Fotografiafino al 11 Settembre 2016

....

Milano ospita la mostra William Klein: il mondo a modo suo che ripercorre il suo articolato percorso artistico, iniziato oltre 60 anni fa proprio a Milano. Genio innovatore e trasgressivo della fotografia internazionale, William Klein nella sua vita ha praticato di tutto, dalla grafica alla pittura, alla fotografia, al cinema, alla scrittura. La rassegna, curata da Alessandra Mauro, promossa e prodotta dal Comune di Milano - Cultura, Palazzo della Ragione, Civita, Contrasto e GAmm Giunti, con il patrocino del Consolato Generale degli Stati Uniti a Milano, presenta oltre 150 opere originali, alcune delle quali di grande formato, tutte provenienti dall’archivio personale del fotografo, accompagnate da nuove installazioni espressamente concepite per questa esposizione, ma anche da estratti dei suoi filmati, da alcune gigantografie e da una selezione delle pellicole che ha diretto.

 
 
 

sweety ti ricordi? Molti anni fa..

Post n°5428 pubblicato il 04 Luglio 2016 da filippo_781.it

Dai un sorriso...

 

 
 
 

ECCO CHI SONO I TERRORISTI .......

Post n°5427 pubblicato il 03 Luglio 2016 da manu78_it

....CHE HANNO UCCISO 20 PERSONE A DACCA, TRA CUI 9 ITALIANi

foto di Leggo - Il sito ufficiale.

...Uniti contro il terrorismo lo sconfiggeremo, queste sono le parole di Mattarella..........quando Signor presidente e soprattutto come, ce lo dica per favore!!!

 
 
 
Successivi »
 
 

EDWARD HOPPER

 

 

KANDINSKY 1926

 

 

P.PICASSO

 

 

ULTIMI COMMENTI

Non dimenticate Orvieto, e' ai confini...
Inviato da: Claudia
il 29/07/2016 alle 11:35
 
Una cittadina molto tranquilla adatta per un soggiorno da...
Inviato da: Massimo
il 29/07/2016 alle 11:31
 
Bacio kikka...
Inviato da: viola_sala
il 29/07/2016 alle 11:30
 
Sono rimasta incantata dal luogo, dall'ambiente, dal...
Inviato da: viola_sala
il 29/07/2016 alle 11:29
 
Un paese di appena 30.000 abitanti, ma che come tutte le...
Inviato da: balou.3
il 29/07/2016 alle 11:25
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

UNIVERSO BLOGGER

PAESAGGI DELL’ ANIMA

http://accademiavinciana.wordpress.com