Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Messaggio #976Messaggio #978 »

Post N° 977

Post n°977 pubblicato il 19 Novembre 2008 da massimocoppa

Messaggio durissimo del vice Al Zawahiri contro il presidente americano eletto
NEL CUORE DI AL QAIDA “OSAMA” E’ BEN DIVERSO DA “OBAMA”…


Se nel cuore di Al Zawahiri, il vice-capo di Al Qaida, il nome “Osama” è inciso a lettere d’oro e provoca sussulti di amore, un nome molto simile, “Obama”, viene invece additato alla Jihad internazionale come abominio disumano e bersaglio da distruggere.

Rompendo un silenzio che aveva provocato molte illazioni sull’effettiva salute del network del terrore, Al Zawahiri ha confezionato e spedito via Internet un messaggio audio nel quale ha attaccato duramente il presidente americano eletto, Barack Obama.

“Obama” viene insultato non solo per essere il capo del Grande Satana americano, ma anche per il suo colore della pelle, venendo definito “negro disonorevole”, ovviamente colpevole di apostasia, avendo rinnegato il suo presunto credo musulmano (Obama è infatti cristiano).

L’esternazione di Al Zawahiri, in realtà, non incrina i dubbi sulle reali potenzialità attuali di Al Qaida. Anzi, l’uso dell’audio e l’assenza dal video sia del vice che del capo bin Laden, contribuiscono ad alimentare la sensazione che l’organizzazione terroristica islamica sia in difficoltà.

Le indiscrezioni sulle molteplici iniziative pacificatorie della nuova politica americana (ritiro dall’Iraq, piano di pace per la Palestina, ecc.) non hanno quindi alcuna importanza: anche Obama è “cattivo”, esattamente come Bush.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog