Creato da mikacine il 15/01/2008
un blog dedicato ai cinefili

Tag

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Giugno 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

Area personale

 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

 
robi19700goldqueensybilla_cpiterx0street.hasslemikacinemoschettiere62sols.kjaergiuliana.a10sinaicofrancesca632kiwailetizia_arcuriZer0nemakavelika
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 

Now you see me 2

Post n°620 pubblicato il 21 Giugno 2016 da mikacine
 
Foto di mikacine

Tre anni fa ebbe così successo da diventare un vero e proprio caso cinematografico,attirando tantissimo pubblico e molte recensioni positive grazie al mix molto glam di magia e crimine. Immaginare dei maghi come ladri professionisti,difatti,ha il suo fascino e la formula del film - humour,azione,trucchi di magia su scala mondiale e colpi di scena a raffica - ha dato il tocco finale al successo al botteghino.


In questo secondo episodio la squadra dei Cavalieri,oramai definitivamente diventati paladini della giustizia pronti a smascherare ogni tentativo di truffa,si ritrova ricattata da un giovane magnate - Daniel Radcliffe barbuto,il vero personaggio in più rispetto al cast precedente - che vuole sfruttare le loro capacità per recuperare un chip in grado di entrare nel software di ogni congegno elettronico e carpirne i dati. Il piano è piuttosto complicato e li porta addirittura fino in Cina,nel più antico negozio di magia del mondo,dove il gruppo di prestigiatori troverà l'idea per ribaltare il piano e raggirare il giovane.

Tolta l'originalità delle idee dietro al primo film,rimane l'azione e qualche buono spunto che riesce a rinverdire una trama che altrimenti avrebbe rischiato di "clonare" il primo episodio senza lasciare solchi profondi. Invece siamo di fronte ad un buon "secondo ciak",non uguale al suo predecessore - in senso sia positivo che negativo - e con una storia più vicina al thriller che al puro spettacolo di prestigio.

 
 
 

The nice guys

Post n°619 pubblicato il 13 Giugno 2016 da mikacine
 
Foto di mikacine

La strana coppia formata dal rampante Ryan Gosling e dal peso massimo Russell Crowe è protagonista di un'avventura surreale nella Hollywood degli anni '70. Il primo è un detective privato poco affidabile ma dal grande fiuto per i guai,il secondo è una sorta di "recupera crediti" dal pugno facile e dovranno forzatamente fare coppia per un fine comune,quello di ritrovare una ragazzina scomparsa. Ciò che non sanno è che più investigheranno e più si troveranno invischiati in un incastro molto più grande di loro.


Nel glam losangelino,fatto di festini,droga,armi e sesso sfrenato,è facile perdersi,soprattutto se sei una ragazzina che finisce in una pessima compagnia. Prostituzione e filmini porno diventano il pane quotidiano ma quando una famosa attrice porno muore in un incidente d'auto i due (non)amici dovranno sbrogliare un caso ricco di colpi di scena dalle conseguenze destabilizzanti. 

Sembra la trama di un poliziesco tipico di quegli anni,se non fosse che i due protagonisti non fanno altro che infilarsi in situazioni rocambolesche,ricche di personaggi sopra le righe,con gag estremamente divertenti. Per buona parte del film si ride grazie alla volgarità,alla violenza comica e ad un Gosling in gran spolvero e con tempi comici inaspettati.

 
 
 

Warcraft - L'inizio

Post n°618 pubblicato il 08 Giugno 2016 da mikacine
 
Foto di mikacine

L'Universo di Warcraft è un insieme di mondi sapientemente elaborati ed incrociati fra loro per dare vita ad uno dei videogiochi più amati di tutti i tempi. I protagonisti sono Orchi ed Umani,in eterna lotta fra loro per cercare di prevalere gli uni sugli altri,ed in questo Inizio - basato sul primo videogioco della serie - l'Orda degli Orchi attacca il mondo umano di Azeroth. Il loro mondo sta lentamente morendo mentre quello umano potrebbe ospitarli e dar loro una nuova casa a discapito,ovviamente,degli esseri umani visto che le due razze vengono spinte a combattere fra loro. La speranza di sopravvivenza e di pace viene affidata ad uno dei capi tribù,l'Orco Durotan,e al comandante umano Lothar che,nonostante le iniziali riluttanze - e ordendo alle spalle dei loro capi -,cercheranno di capire qual'è il mistero dietro questa devastante invasione.


Il successo del videogioco - e si spera anche del film - è stato il giusto mix fra azione,fantasy ed avventura,attingendo a piene mani dalla cultura dei racconti celtici e affidando l'estetica alle migliori tecnologie. Ecco che quindi ci troviamo di fronte ad un racconto epico ricolmo di creature mitologiche dal sapore del mondo della Terra di Mezzo e che ha più di una caratteristica positiva: narrazione veloce,molto diretta e ricca di azione in pieno stile videoludico. Un ottimo prodotto che (si spera) darà vita ad una serie longeva di film!

 
 
 

Alice attraverso lo specchio

Post n°617 pubblicato il 06 Giugno 2016 da mikacine
 
Foto di mikacine

Nel 2010 il regista dark per eccellenza Tim Burton portò al cinema la storia evergreen della sognatrice Alice con un viaggio "diverso" nel Paese delle Meraviglie,un pò più cupo e con dei retroscena inediti. Il successo planetario ha imposto un sequel ma ci sono voluti ben sei anni per vederne la luce.


Tornata alla vita reale Alice ora guida una ciurma e veleggia in tutti i mari. Rientrata a casa scopre però che la madre,nei suoi mesi di assenza,ha venduto la nave rovinandole le speranze di una vita movimentata. Ma quando tutto le sta sfuggendo di mano arriva una richiesta d'aiuto alquanto bizzarra: il Brucaliffo attira Alice ancora una volta nel Paese delle Meraviglie,ma questa volta il problema è impellente. Il Cappellaio Matto sta lentamente spegnendosi dopo aver scoperto che la sua famiglia potrebbe essere ancora viva,ma non riuscendo a ricordare nulla si sta abbandonando verso una fine inevitabile. L'unica speranza per Alice è andare indietro nel tempo,scoprendo fin da subito che il Tempo è una vera e propria persona...

Cambio di regia - Burton ora è solo produttore - che porta ad un clima meno cupo e ad un progetto forse meno ambizioso ma altrettanto efficace. Stessi personaggi "storici" con l'aggiunta dell'istrionico Sacha Baron Cohen nei panni del Tempo ed è stata una bella pensata perchè grazie alla verve dell'attore britannico il ritmo del film risulta veloce e porta una ventata di freschezza che si sarebbe rischiato di perdere proprio a causa dei personaggi stessi,facilmente "passabili" da iconici a stucchevoli.

 
 
 

X-Men: Apocalisse

Post n°616 pubblicato il 31 Maggio 2016 da mikacine
 
Foto di mikacine

Non ci poteva essere nome più azzeccato per concludere la nuova saga dei mutanti Marvel. Dall'Inizio datato 2011 siamo arrivati,cinque anni dopo,alla conclusione apocalittica dopo essere transitati dalle realtà parallele dei giorni di un futuro passato,cercando di capire dove il mondo sarebbe andato con o senza i mutanti al seguito.


Nell'Antico Egitto il Re di tutto è in realtà un mutante,il primo della Storia. Ha poteri sovrumani ovviamente,ed in più riesce a trasferire la sua mente e le sue capacità in altri corpi,crescendo in potenza nel corso dei millenni. Rimasto dormiente fino ai giorni nostri,Apocalisse (questo il suo nome,piuttosto evocativo) si risveglia per trovare un mondo alla deriva e che lui vuole restituire ai suoi figli mutanti. Per fare ciò dovrà spazzare via la razza umana e guidare la razza superiore verso un cammino di perfezione. Sfruttando le capacità di quattro potentissimi mutanti - fra cui Magneto - inizierà la sua opera di devastazione che coinvolgerà anche gli studenti del Professor Xavier in una lotta per la sopravvivenza su scala globale.

Il difetto principale del film sta proprio in quella ricerca descritta poco sopra,quel tentativo di analizzare la corsa di questo nuovo mondo ora che i mutanti sono usciti definitivamente allo scoperto: non lo si capisce,o meglio,non lo si vuole capire. Apocalisse pone l'accento su scelte da prendere (anche dolorose) ed è un film ben fatto che si incastra benissimo nel mondo X-Men regalando anche dei momenti esaltanti - il cammeo di Wolverine in versione Arma X è fenomenale! - ma se lo si guarda come ad un capitolo finale pecca proprio di una vera e propria conclusione.

 
 
 
Successivi »