Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

- MARCO PICCOLO
- Un po di me
- massimopiero
- OP - LA !!
- alba chiara
- OCCHI SUL MONDO
- ZIGGY STARDUST
- SONO QUI
- LOSPECCHIODELLANIMA
- IL PETTIROSSO
- donna.....io domani
- LARABA FENICE
- Essere Donna
- VITA E ...SENSI...
- Vita di un Bradipo
- Donne sullorlo di..
- Parole a caso..
- CINOFALLICAMENTE
- come la brezza......
- di sole e dazzurro
- Dico la mia
- Origami
- LOca Nera
- Del sottile pensiero
- Labyrinth
- nun&ugrave;
- io
- IN VIAGGIO....
- raggio di sole
- ~ Anima in volo ~
- ...fini la com&egrave;die
- Soldi e inganni
- c&egrave; tutto un mondo..
- di tutto un p&ograve;
- Pensierosamente Me
- Angolo Pensatoio
- CALICI DI STELLE
- I Miei Perche
- PENSIERI SPARSI
- Forse
- 21 grammi
- donnaetempo
- Lamore &egrave; vita
- casalinga disperata
- Narrativa e oltre...cantastorie61
- LeNote_DellaMiaVita STEFF
- Ultimi pensieri grazia pv
- Un giorno per caso
- vivi e lascia vivere fla
- Chiaror Di Luna carla
- Fuori dal cuore Kathia
- loro:il mio mondo francesca
- ANALFABETA FLO
- Cogito ergo sum
- a proposito di elliy
- Non c&egrave; 2 senza 3 tiffy
- MIRROR MARISA
- Riflessioni/fantomas
- delirio.....W
- SEMPLICI EMOZIONI LIDIA
- PARLIAMONE
- PICCOLO INFINITO
- ricomincio da qui laura
- My Personal Minds laura
- Baciata dagli Dei Mokina
- Fenice_A&reg;
- cera una volta
- My VIDEOMUSIC blog - Kimi
- Amici e parole
- Dolce_eternity
- PensieriInVolo Edelw...
- OLTREICONFINI Lucre
- @Creative Insomnia Alice
- pensieri cuspides O
- Simpatica...Anna
- Dark side of Mars...Giù.
- Bambola di stracci Renata
- Meneraccontiunaltra sparusola
- Io un blog? : annetta
- Rosso come lamore....Cinzia.
- Emozioni e anima
- Pensieri.... martina
- black marbles tanyact
- Fatti e Misfatti marinella
- DOLCI MOMENTI
- Indomani Sel
- libero di pensare oliver
- Sentimentalmente Giovanna
- semplici attenzioni
- Eat Pray Love mary
- Ame Ph&egrave;nix Marq
- Ambra di stelle Tittì.
- Oltreiconfini20 Lulu
- CITAZIONI PATNERS
- Circo della Vita Ser..
- zoe
- BENVENUTI ROSA
- Ok... La smetto...trottolinogiramondo
- THE LIBERO PUB
 
Citazioni nei Blog Amici: 162
 

Ultime visite al Blog

AmithielLunaRossa550simona_77rmlascrivanaundolceintrigo24monellaccio19Adamo_Uomogabriellilucagesu_risortoannunz1e_d_e_l_w_e_i_s_sdivinacreatura59licsi35peg1b9mariateresa.savinogeishaxcaso
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

COME CI SI SENTE QUASSU' ?

Post n°1863 pubblicato il 28 Settembre 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per madre esaurita

 

"Il grande uomo è colui che non perde il suo cuore di bambino". Non volendo assolutamente giudicare me stesso su quanto potrei essere grande o piccino come uomo, mi piace questa frase per la seconda parte: conservare il cuore di bambino. Noi blogger facciamo tanto quassù: dal perdere un sacco di tempo (vedete me), dallo scrivere più o meno sciocchezze, dal proporre tematiche quasi o del tutto interessanti, oppure scrivendo poesie (Wood non me ne volere), riportando fiabe (perdonami Ely), citando aforismi e vignette divertenti,  fatti di cronaca, curiosità lette in giro,  in rete, sui giornali, insomma, formiamo comitive di amici virtuali che piacevolmente si intrattengono, si sopportano e si trattano come se ci fossero taciti contratti (patti) per visitarsi vicendevolmente. E' ciò che vogliamo, ciò che ci piace fare e ognuno di noi procede per conto suo, senza imbarazzo alcuno. Ma vi siete mai chiesti con quale stato d'animo, con quale aire intraprendiamo ogni giorno questo percorso più o meno uguale per tutti? In fondo facciamo sempre le stesse cose: adesso parlo per me perché non posso sapere di voi tutti. Ecco, io puntualmente, salvo casi in cui sia impedito da cause esterne, percorro sempre la stessa strada: sapete che sono un metodico e agisco sempre nella stessa maniera. Certo se avessi altri impegni  non potrei concedere spazio e tempo alla comunità. Perché non mi annoio? O meglio, perché riesco a rimandare indietro la noia che potrebbe (e accade siatene certi) assalirmi? Perché faccio e dico cose in modo tale da conservare il mio cuore da bambino! Da piccoli, facevamo cose terribili, anche vietate dai genitori e nella nostra pazzia giovanile quando non si aveva l'esatta misura comportamentale, buttavamo le cose per aria, ci porgevano un oggetto o lo buttavamo a terra, volevano imboccarci e c'era l'immancabile aeroplano/cucchiaino, insomma, di birichinate ne abbiamo fatte, tante marachelle che dovevamo nasconderci per non essere puniti all'istante. Poi anche più in là nel tempo, con la "ragione" in piena attività, non sono mancate le "cattiverie" bonarie. Suonare i citofoni e scappare via, togliere la coppola dalla testa di un vecchietto per passarsela di mano in mano e poi restituirla; oppure vedere una bella signora passare e chiamarla a voce piuttosto alta: "Signora....signora....", lei si voltava sentendosi chiamare e noi ragazzacci facevamo finta di parlare tra noi: "Si ignora e si ignorerà sempre la vera causa!". Lei riprendeva la sua strada fulminandoci con lo sguardo. Ragazzate certo, ma dettate sempre da un cuore di bambino. Si correva, lo si faceva per paura di essere beccati e prendersi due ceffoni, eppure si correva il rischio (ne ho presi di ceffoni), ma si restava con la voglia di rimanere bambini dentro. Ecco, quassù invece, siamo costretti a nasconderci, a non rivelare le nostre identità, i nostri dati anagrafici, le nostre facce malandrine. Allora e concludo,  io ci ho messo la faccia, conservo (l'ho fatto per tutta la mia vita anche quando non ero in ottime condizioni di buona salute) e continuerò ancora con il cuore del bambino:  rido, scherzo, faccio il serioso, ringhio, mi ingrugnisco ma sono le smorfie che faccio da sempre. Eppure conservo sempre il mio status fanciullesco anche quando avrei buoni per motivi per non farlo. E voi che cuore avete stando quassù? Come vi sentite dietro i vostri nick, i vostri camuffamenti, i vostri post, le vostre presenze garantite dai dati sensibili ben protetti? Intendiamoci, è un post riempitivo questo, non avevo altro da scrivere: nessun riferimento (salvo dove ho messo i nomi degli amici) e nessuna critica per tutti coloro che mi onorano e mi danno la possibilità di conservare, più o meno, il mio cuore "giovane" non anatomicamente. Sottolineo il più o meno  perché forse non tutti si sentono come mi sento io: cuore di bambino e corpo incartapecorito.
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SCIOPERI: DIRITTI E DOVERI

Post n°1862 pubblicato il 27 Settembre 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per aerei alitalia

 

Giovedì 22, uno sciopero di 24 ore deciso da sigle sindacali che racimolano un manipolo di iscritti, ha reso difficile viaggiare con la compagnia Alitalia. I sindacati maggiori, quelli più corposi, hanno evitato lo sciopero perché avevano raggiunto un accordo di massima con l'azienda. Ovviamente, Alitalia ha provveduto a contenere i disagi di chi doveva volare e si è attivata per limitare al minimo tutti i fastidi e le noie conseguenti allo sciopero. Non posso esimermi dal definire questo tipo di protesta oltraggioso e offensivo: ormai da noi in Italia, si subisce lo smacco sindacale perpetrato senza alcuna reticenza e preoccupazione, senza alcun vaglio e non tenendo conto dei gravi problemi che si creano contro chi si muove per lavoro e necessità. L'autunno sta per avviarsi e come consuetudine la parola sciopero, a prescindere da tutti i sindacati, ricorrerà più spesso, quasi alla noia, nei TG, sui media e in rete. Siamo ostaggi, siamo prigionieri e specie quando gli scioperi coinvolgono servizi ai cittadini, i disagi sono creati apposta. Pensateci su: non possiamo essere "governati" dallo stato che fissi regole e norme, no, sono i sindacati che arbitrariamente e liberamente, decidono come "trattare e punire" il cittadino. C'è un problema? Sciopero! L'altro giorno purtroppo, è deceduto un giovane operaio all'Ilva di Taranto, ebbene, hanno scioperato! Si sciopera anche per "simpatia, empatia e solidarietà". Scioperano per un problema a Canicattì? A Pescasseroli, per essere vicini e solidali agli scioperanti siciliani, scendono in piazza anche loro. Pertanto sarebbe giusto chiarire: lo sciopero è uno strumento giusto e legale, istituito per garantire a tutti i lavoratori diritti sociali, civili e democratici. Scioperare è quindi un sacrosanto atto che serve alla tutela dei loro diritti inalienabili. Quindi se in una fabbrica si proclamano ore da trascorrere con le "braccia conserte", ci si organizza e si procede: tutti davanti ai cancelli per protestare e vantare i propri diritti. Ma perché un libero sciopero deve essere giustamente indetto e arbitrariamente i lavoratori devono rendere la vita difficile ai cittadini? Non solo quando impediscono il normale svolgimento e l'erogazione dei servizi come luce, gas, trasporti, ma soprattutto, perché quando devono scioperare, fanno i cortei al centro delle città, sulle strade importanti, sulle vie di collegamento ecc.ecc.? Dicono: "Lo facciamo apposta per coinvolgere tutti nei nostri problemi e ricavarne almeno la solidarietà della gente!". Ma che kazzo dite? Voi alienate e inibite il mio diritto a muovermi che è esattamente uguale al vostro diritto a scioperare! E io, dopo essere stato danneggiato perché non ho volato, non ho viaggiato per lavoro o per necessità, non ho potuto transitare da quella via o andare in quella strada perché c'eravate voi con fischietti e capellini, mi dite che cosa possa provare per voi? Solidarietà e comprensione? No, mi spiace: chi limita, nega e sputa sui miei diritti, non merita alcuna comprensione. Andate a scioperare in aperta campagna, non darete fastidio a nessuno, l'azienda per cui lavorate saprà che scioperate e avrete anche il mio appoggio...mentale! Abbiate la compiacenza di riconoscere i diritti degli altri se volete che siano riconosciuti i vostri!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MESSAGGIO DIRETTO E COMUNICATIVO

Post n°1861 pubblicato il 25 Settembre 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

Secondo voi in questo spot c'è qualcosa di politcamente scorretto?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

A CIASCUNO IL SUO MERITATO PREMIO

Post n°1859 pubblicato il 25 Settembre 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per premi ignobel 2016

 

E a proposito di cervelli in fuga, anche quest'anno sono stati assegnati i premi "IgNobel 2016". E io, puntualmente come un treno delle FS, vi ragguaglio sui risultati. Molti non conoscono questo ambito premio, tanti altri lo snobbano, ma è conferito doverosamente a quegli scienziati che lavorando sulla ricerca e sulle invenzioni innovative, scoprono tante novità. Saprete anche che apprezzo molto questa particolare assegnazione perché durante l'anno vi segnalo alcune scoperte di costoro e spesso ci rido su proprio perché sono idee balzane e tali da far montare la voglia di picchiarli violentemente tirando ceffoni alla cieca. Quindi, poiché suffragano indirettamente  ciò che scrivo io (non sono io il cazzaro ma sono loro), voglio darvi un accenno a testimonianza che questi premi non sono assegnati "ad capocchiam", ma puntano veramente a gratificare il lavoro di quei quattro cialtroni che si convincono di aver scoperto la macchinetta per tagliare il burro. 

Ahmed Shafik un egiziano, ha ricevuto alla memoria perché defunto nel frattempo, il premio IgNobel perché ha scoperto che se i ratti vestono pantaloni di poliestere, sono molto più fecondi di quanto già non lo siano. Roba che i conigli pretendono già gli stessi pantaloni.

Fredrik Sjoberg svedese, ha vinto il suo IgNobel per la letteratura: ha scritto un trattato (in tre tomi) "L'arte di collezionare mosche", dove illustra peculiarmente come collezionare mosche invece che farfalle, sia più naturale e facile rispetto ai cromatici lepidotteri: secondo lui, siamo tutti collezionisti di mosche anche se non ce ne siamo mai accorti! Ovviamente le farfalle lo ringraziano sperando che nessuno più dia loro la caccia, con o senza retino.

Christoph Helmchen neurologo tedesco, vince per una scoperta straordinaria: se si avverte un prurito su una parte del corpo, è sufficiente grattarsi l'altra parte corrispondente del corpo davanti allo specchio. Servirà a lenire o placare il prurito là dove si avverte. Insomma, un successo di quanto sia speculare il nostro corpo.  

Anche la Wolkswagen ha vinto il suo premio: per il famoso caso del "Diselgate", le spetta il premio per aver trovato il modo molto spiccio e redditizio, di ridurre le emissioni dei gas di scarico solo quando si fanno i test automatici ed elettromagnetici alle proprie autovetture. Ingegnoso marchingegno per cui le macchine circolavano inquinando il mondo, ma se sottoposte ad accertamenti, il risultato era decisamente inferiore alle percentuali stabilite per legge. Più difficile a spiegarsi che no a farsi. 

Potrei continuare ma mi fermo qui, se vi va, cercate gli articoli in merito e...fatevi due risate per come vada questo pazzo, pazzo mondo. Volevano conferirmi un IgNobel ma ho dovuto rifiutare in quanto già destinatario di un premio peggiore conferitomi dalla comunità di Libero e dagli amici nel lontano 2013.

teleratticarlegrave[1]-iloveim

 




 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

CERVELLI IN FUGA E BUONE IDEE

Post n°1858 pubblicato il 24 Settembre 2016 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per norwegian

 

Sapete quanto sia ringhioso e puntuale nelle sue uscite Raffaele Cantone, il presidente della "Autorità Nazionale Anticorruzione". A Torino partecipando ad un convegno, secco e preciso ha dichiarato: "C'è un legame fortissimo tra corruzione e fuga dei cervelli". Argomento chiaro e indiscutibilmente vero, poiché chi ha veramente potenzialità, genialità e forte applicazione nelle materie in cui spicca, spesso e volentieri si vede superato da un cazzetto qualunque che se confrontato con lui, farebbe solo figuracce. Già, ma perché lo supera se è meno bravo? Ecco la domanda delle cento pistole: perché è raccomandato, perché chi poteva aiutarlo è stato sfriguliato debitamente prendendo soldi per farlo passare avanti. Una dura realtà che conosciamo tutti, specie nelle università la baronia dei prof è tale che manco truppe speciali potrebbero debellare, figuriamoci se può farlo la politica, questa politica di oggi. Bene, detto ciò, vado al post perché voglio parlare dei cervelli in fuga, ossia di quei ragazzi che conoscendo le loro possibilità e le loro potenzialità, tentano in paesi più seri di proporsi e di impiegarsi al meglio. Per dirla tutta, essere cervelli ben attrezzati, non significa solo avere studiato sgobbando sui libri di testo e imparando a memoria tutto ciò che gli è stato spiegato. No, non è solo la capacità di conoscere a fondo le materie delle loro specializzazioni, ma essere buoni cervelli è avere le ottime, geniali idee che possono, anche nella loro semplicità, determinare un successo, un marketing, un colpo per fare soldi. La Norwegian Airlines, evidentemente si è servita di un "cervello", non so se in fuga, ma di una persona che avendo avuto una ideuzza non malvagia cogliendo l'attualità, ha subito creato uno spot che la dice lunga sul "cogli l'attimo". 

Risultati immagini per brad is single

 

Il colpo "geniale" sarebbe la pagina a destra che riporta una offerta della compagnia aerea norvegese: una offerta imperdibile per volare a Los Angels con 120 euro e tentare l'approccio con Brad Pitt che ora è un single appetitoso. Ragà, prenotazioni a non finire. Visto il cervellone cosa ha colto? Altro che attimo, una trovata garbata, educata, interessante e ricca di speranze. Una volta Brad è stato a Bari per alcuni affari e naturalmente è stato mio ospite per alcuni giorni. Poiché avevo da fare un lavoretto nel mio studio lui volle darmi una mano. Ebbene, fu un vero piacere condividere con lui la modesta impresa. Mia moglie subito ci mise a nostro agio, ci fornì scala, pittura e pennelli: "Allora, fate così, Carle' mantiene la scala per sicurezza e Brad...Pitt". 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »