Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 167
 

Ultime visite al Blog

silviosamgianca.peliapoligize69ambradistellerenzo.sirolmarilena65momau.monnauitiKeXpertsupergecoraouikangelo.passiniChalumeaunikmarinodonas65mariluca2006
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

A CAVALLO DELLE BANALITA'

Post n°2334 pubblicato il 25 Giugno 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19




Ormai diventa sempre più difficile per costoro che ormai non sono più né carne e né pesce...anzi no, carne sono, in carne esattamente, ma il problema è che sono sempre più rare le buone argomentazioni per giustificare le loro nudità su Instagram. Lei è Justin Mattera, se ricordate sposò Paolo Limiti per avere visibilità in tv: ci riuscì per un breve periodo ma poi la protezione saltò e lei è sparì. Ora si arrangia alla men peggio, spara "ad capocchiam" foto osé sui social e...campa. Non ho nulla in contrario, va bene, la libertà è anche questo, però se vi mancano gli argomenti, i presupposti dialettici per le didascalia da aggiungere alle foto, non ci prendete per tanti deficienti e stupidi. Oggi per postare nuda volete sapere cosa abbia scritto? "Fa troppo caldo, vi do un consiglio, spogliatevi completamente!". Scusi signora Mattera, ma chi le ha suggerito questo invito? Lapalisse o Massimo Catalano l'amico di Arbore? Smettetela di insultare la nostra intelligenza. Spogliatevi nude e non scrivete niente, mal che vada, la foto resterà ai posteri!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

MA COME FATE A CAVARVELA CON IL TERRORISMO?

Post n°2333 pubblicato il 25 Giugno 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per terrorismo nelle capitali europee


Mi chiedo e anche in Europa si pongono la stessa domanda: "Ma noi siamo bravi a tenere lontano gli atti terroristici lontano dal nostro paese, oppure è solo...culo!". Mi sembra una domanda legittima e se finalmente qualcuno si è accorto di questa importante e sostanziale differenza tra noi e Inghilterra, Francia, Belgio e Germania, vorrà pur dire qualcosa: non siamo fortunati siamo più attenti e smaliziati, sgamiamo a tempo certe situazioni che purtroppo i paesi citati non hanno mai preso troppo sul serio. Innanzi tutto valgono molto le nostre esperienze del passato: non dimentichiamo che a partire dagli anno settanta lo stragismo di stato, i gruppi extraparlamentari di destra e di sinistra, sono stati ossi duri per le nostre forze di polizia, carabinieri e intelligence. Da allora non abbiamo mai mollato il lavoro sotterraneo e minuzioso, il ficcare il naso in tutte le questioni delicate in cui l'odor di bruciato era appena percettibile. Poi abbiamo acuito tutta questa esperienza applicandola alla camorra, alla mafia e all'andrangheta: situazioni pericolosissime che hanno avuto il loro apice con gli assassini plateali di Falcone e Borsellino: servizi segreti,  e intelligence hanno migliorato i loro servizi, hanno perfezionato i loro sistemi e  i loro mezzi, le famose intercettazioni che oggi sono ammesse nei processi rappresentano il nostro punto di forza nelle indagini ed essenzialmente per tener sotto controllo tutti i sospettati di reati. La ragazza italiana beccata l'altro giorno e intruppata dai jadhisti, è stata presa perché era tenuta sotto controllo da quattro anni e non è stata, come tanti presunti affiliati, mai mollata. Quindi, il tempo, il lungo tempo ha deposto a nostro favore: lo scambio reciproco di informazioni tra i vari servizi impegnati, il controllo del territorio da parte di polizia e carabinieri è così attivo e metodico che se si muove l'ago...dovrebbero saperlo. Inoltre, e non è un minimo dettaglio, noi non conviviamo con le terze e quarte generazioni di extracomunitari ormai italiani, residenti e tutti sotto  controllo. Quindi e concludo, un insieme di atti, posizioni, livelli di guardia molto alti, sono la nostra chiave di sicurezza. Quante volte i nostri servizi hanno segnalato alle polizie europee i sospetti, le persone a rischio e i passaggi dall'Italia? Ci rispondevano che era tutto OK. Gabrielli lo ha detto: "Abbiamo la coscienza pulita, il nostro dovere l'abbiamo sempre fatto con tutti, non ci hanno mai preso sul serio". Beh, adesso, non per suonarcela e cantarcela,  ma ammettiamo che non subiamo quello che stanno subendo loro, per la nostra adeguata attenzione e anche perché in tutte le imprese il culo ha il suo bel ruolo! Che ci vada sempre bene così...preghiamo!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL MOLLEGGIATO "IPSE DIXIT"

Post n°2332 pubblicato il 25 Giugno 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per adriano celentano


Adriano si fa vivo su FB e con un post che ha intitolato "Lo Sbando", fa una affrettata e sintetica valutazione sulla situazione politica attuale, sulla cronache del momento e predica come un santone. Si lamenta della perduta via smarrita dai partiti, si lamenta della assenza della politica e si preoccupa delle prossime elezioni politiche che potrebbero segnare un vuoto pauroso. Che Adriano abbia simpatia spiccate per Beppe Grillo e il movimento, è notorio, anche in altre occasioni è sceso in campo per una larvata campagna a favore dei grillni. E' giusto, ognuno prende per riferimento ciò che più gli aggrada e se ne fa portavoce sostenitore. Non accetto il giudizio sulla Raggi: "I malevoli arrampicatori di Roma se la prendono con la povera Virginia ritenendo che possa smantellare ciò che in tanti anni, loro e i politici precedenti, abbiano pazientemente costruito, rischiando di perdere tutti i loro privilegi "appaltuosi". Quindi nessuno dovrebbe pretendere dalla Raggi che in un anno avesse risolto già tutti i problemi di Roma". Ecco caro Adriano, sarà anche possibile, potrebbe anche essere che ci sia chi remi contro per interessi e mire personali, ma il caso della Raggi è palese, patologico, evidente e senza speranza: di tutta la padella grillina romana, è il...manico che non va, cioè la Raggi. Mentre condivido appieno le tue preoccupazioni per le banche e per i giochetti che ancora oggi stiano facendo per mettere a posto tutti i guazzabugli fatti contro i clienti. La questione delle giuste pene mi trova d'accordo, se non si riforma questa parte della legge, saremo sempre alle prese con i delitti e i reati grandi e grossi come montagne e in galera non ci andrà mai nessuno. Infine e qua, facendomi inimicizie in rete, ammetto che dici una verità sacrosanta sull'articolo 18: "E a cosa serve il posto di lavoro se poi gli stessi lavoratori (in tutti i settori) non eseguono con coscienza il loro lavoro? Non è l'articolo 18 che difende i lavoratori. Se mai è proprio il '18' a creare una vera e propria schiera di scellerati. Perché i tanto vituperati padroni dovrebbero licenziare qualcuno se questo qualcuno fa il proprio dovere con coscienza? Non è vero che l'esempio viene dall'alto. L'esempio, quello vero, in grado di correggere anche quelli in alto, viene dal basso". Clap...clap...clap, sei sempre un grande!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

'STI INGLESI! NON RISPARMIANO NEMMENO ASCOT

Post n°2331 pubblicato il 24 Giugno 2017 da monellaccio19
 

Risultati immagini per ASCOT 2017


Sarà colpa della brexit, saranno anche inglesi, ma ciò che è successo ad Ascot nel tradizionale appuntamento annuale, è da picnic tra burini. Sapete che Ascot riunisce presso l'ippodromo, il meglio della società anglosassone e i loro abbigliamenti stravaganti: i cappellini, i copricapo, sono la specialità di questo appuntamento curioso e coreografico. Fanno a chi mostra di più, a chi è più trasgressivo nell'abbigliamento e a chi mette in testa il cesso...ops...il cappellino più intrigante e curioso. "Ladies Day" è il nome dato alla giornata, il giorno delle signore e manco a farlo apposta, è accaduto di tutto, roba che con l'aggettivo "signora" nel senso di signorilità, non avevano nulla a che fare. Per una ragione non nota, è scoppiata una lita tra due donne che nel volgere di pochi minuti, ha coinvolto "signori" e "vastasi", uomini e donne, e chi ha avuto la peggio è stata la manifestazione. La birra, i drink e gli alcolici fluivano facilmente e ad un certo punto, un signore, un panzone nudo fino alla cintola e piuttosto alticcio, si è scagliato su un gruppo di donne che si azzuffavano ferocemente: una donna è finita a gambe all'aria sotto un tavolo, l'uomo dava i numeri a causa delle troppa birra e nessuno riusciva a fermare la bagarre irriverente per Ascot. Se poi aggiungiamo che una delle ospiti sia stata beccata mentre faceva sesso dietro un albero, allora direi che la giornata sia stata all'altezza delle aspettative di chi non ci sia andato!!!! Poverini, e noi che abbiamo sempre guardato alla loro riservatezza, alla loro compostezza, all' aplomb tradizionale e signorile, dovremmo ricrederci: sono ne più ne meno, uguali a noi! E io che credevo alla nobiltà...d'animo! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

FEMMINICIDIO E OMICIDIO

Post n°2330 pubblicato il 24 Giugno 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Alessia Mendes, nelle foto postate sul suo profilo Facebook


Si chiama Alessia Mendes ha 40 anni, ballerina di LapDance e vive a Genova. E' balzata in testa alle cronache per aver ucciso a coltellate il marito. Lo ha colpito diverse volte fino a quando non sia stramazzato al suolo: femminicidio e relativo omicidio. Già, perché Alessio Rossi 35 anni, regolarmente sposato con lei, la picchiava, la seviziava, la violentava regolarmente perché fuori di testa e dedito alla droga. Due vite non tranquille le loro: lei è un trans regolarmente donna, censita come tale e a tutti gli effetti, lui un passato irrequieto e poco sereno. Una vita pazzesca la loro, Alessia non poteva uscire di casa se no con occhialoni per nascondere sempre gli occhi gonfi e coperture varie, per nascondere i lividi. Due volte denunciato il marito, facevano indagini ma purtroppo la seconda era ancora aperta quando è stato ammazzato. Il giudice dopo le prime indagini sembra incline a credere alla donna che abbia subito tanto anche nel passato. Vedremo cosa sortirà. Lei su facebook appare come la vedete: non scrive nulla, osserva un silenzio inquietante e riflessivo: una sola parola appare per confermare lo stato d'animo della donna: "LUTO" che in brasiliano (sua terra di origine) significa lutto e afflizione. Il malessere della donna è visibile e anche se si sia liberata della causa, avverte il peso gravoso del suo stato d'animo. Femminicidio e suicidio: due delitti che cominciano ad accompagnarsi?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »