Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

lascrivanagabbiano642014carlo91vecmazzeveregildodistintanimamaracicciafabiomalbodiavolodiungigibasilicaincoronatapsicologiaforensefillyetotoavvocatilauroramonellaccio19
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« DITE CHE NON CI SARA' UN CANE?NON ALZATE IL PONTE ABBA... »

SAPERE COSA SI FACCIA E' IMPORTANTE?

Post n°2626 pubblicato il 23 Novembre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

self3a-2


A sapere cosa passi nella testa di questi giovani, chissà se potremmo mai aiutarli al momento in cui si possa decidere e/o influire della e sulla loro vita. Morire a 20 anni è già una stilettata al cuore per i suoi cari, ma anche per chi sia pervaso da una misera sensibilità d'animo, leggesse la notizia e la causa della sua morte, avrebbe un magone, un groppo in gola per come il destino poi, quasi si rivolgesse contro chi decidesse di essere scomposto, audace e limitato nei momenti in cui un pizzico di sale in zucca non guasterebbe. Ma tant'è, con il senno di poi si cambierebbe il mondo, ma noi non abbiamo questa facoltà. Un selfie, un maledettissimo selfie, ha posto la morte con le braccia aperte per accogliere la povera Toni Kelly che per sorprendere tutti, ha tentato una foto azzardata e pericolosa:porsi in una posa acrobatica sulla finestra. La ragazza era a Londra per studiare, neozelandese di nascita, sognava un futuro roseo, viaggiare e fotografia erano i suoi hobby e una disgraziata foto le è stata fatale. Nulla da fare per lei: il tremendo urto cerebrale l'ha uccisa, ha posto fine alla sua vita e al suo roseo futuro. I genitori, i parenti e tutti gli amici non si danno pace per la causa della sua morte improvvisa. Gli organi per volere della famiglia, saranno donati. Una notizia come tutte le altre, ma in realtà io spero che sia una notizia che afferri le coscienze, le stritoli fino a far male tutti coloro che catturati dagli strumenti moderni e usati maldestramente, riflettano quando si immergono con la mente e gli occhi in quegli orpelli e pretendono di far tante altre azioni  in contemporanea come se nulla fosse: abbiamo visto come la gente a causa delle profonda attenzione verso i cellulari, vadano a sbattere, vadano a urtare la gente per strada, vadano a cadere dappertutto perché molto distratti e troppo presi. Dire che la Toni Kelly se l'è cercata  sarebbe troppo? Sarebbe un modo per insultarla? O dobbiamo pensare solo all'infausto destino che si sia accanito contro di lei?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog