Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19mariomancino.mtiffanplfrankromansavvmariasavianoantonio.pignalosaNuvola_volanina.monamourpip76valemsifrancesco.cante43ranocchia56matymaty1f.gorbiannamassarelli1
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 03/10/2017

CIBO SPRECHI E...PIENI A RENDERE!

Post n°2523 pubblicato il 03 Ottobre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per matrimoni e pranzo


Al sud i matrimoni si celebrano in grande stile: a prescindere dalla pomposa funzione religiosa, la parte più ragguardevole e sicuramente più soddisfacente per tutti, è il ricevimento degli invitati che avviene generalmente in grandi e importanti tenute, in massicce aziende agricole raffinate ed eleganti dotate di ampi saloni ben arredati. Una usanza che si trascina nel tempo: si fanno sacrifici, si accendono persino prestiti corposi pur di essere molto ospitali per il giorno più bello degli sposi. Per tali ricorrenze, l'unitù di misura ufficiale riconosciuta tacitamente da tutti, è la dozzina. A tavola si procede con  una  dozzina di tutto, dalle posate fino alla torta nuziale, è una sarabanda di portate, di vini, di antipasti, primi, secondi, dolci, frutta, liquori, spumante e... rum giamaicano accompagnato da sigari cubani. Una ridda di avvenimenti festosi: dalla musica al ballo, tra frizzi & lazzi, è un susseguirsi di cibo, tanto di quel cibo che alla fine non se ne può più! Ecco, sul cibo vorrei soffermarmi: un tempo v'era la comunissima busta di plastica bianca, mod. spesa mercato rionale,  dove con il dispiacere unito alla vergogna dei giovani, gli adulti e gli anziani chiedevano al cameriere di riporre tutti gli avanzi del tavolo e tutte le portate rifiutate per eccedenza insopportabile. Ogni tavolo faceva la stessa precisa richiesta, e alla fine della festa dopo 8/10 ore, era un viavai di camerieri che recavano buste piene di roba che avrebbero sfamato famiglie intere. Sapete qual'era la ragione che accompagnava la richiesta? "Scusate ma abbiamo il cane a casa!". "Azz! come mangia!" era la risposta del cameriere! Lo si faceva per non vergognarsi, evitare quella penosa situazione del cibo pagato e portato via altrimenti andava perduto! Vabbè, storie di vita vissuta, andava così e va tut'ora così, con una signifcativa differenza: oggi pian piano in tutta Italia, sta prendendo piede il "doggy bag", ossia la forma moderna ed elegante della nostra cara vecchia e obosoleta busta di plastica. Un tripudio di avanzi che confezionati a dovere e ben sistemati negli appositi contenitori con tanto di logo del luogo dove si è svolta la cerimonia, procurano la buona pace  di tutti. Il cibo non va perduto, la pubblicità sulla confezione serve per suffragare il buon servizio e la bontà dello chef che come sostiene il famosissimo Bruno Barbieri, è felicissimo insieme al suo staff quando vengono richiesti gli avanzi da portare via. "E' un vero piacere..." sostiene Barbieri: "...se il problema è solo che si è sazi, chiedere di portare a casa gli avanzi, significa far felici noi cuochi". Mi sembra la quadratura del cerchio.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

A QUANDO L'INDIPENDENZA DAL...CONDOMINIO?

Post n°2522 pubblicato il 03 Ottobre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per europa unita


I recenti fatti della Catalogna e la vigorosa repressione della Guardia Civile perché non si svolgesse il Referendum per l'indipendenza della regione dalla Spagna, hanno messo in risalto l'indiscutibile e sconsiderato uso della violenza tesa a proibire una libera scelta democratica. Non ho intenzione di entrare nel merito poiché le argomentazioni sono tali da richiedere ampie discussioni e approfondite riflessioni da ambo le parti in causa. Sapete che l'Europa si sia chiamata fuori dalla questione ritenendolo un problema da risolvere tra di di loro, ma in seno alla stessa Europa, nel contesto di alcune altre nazioni e regioni, vi sono Scozia, Lombardia, Veneto e altre realtà in fermento un po' dappertutto, per il malessere che acuisce l'insofferenza delle popolazioni di quei luoghi. Infine attribuirei anche alle forze di estrema destra che dappertutto lievitano con il loro populismo estremo e accendono fuochi sopiti per renderli falò molto grandi, se il fermento e la deriva aumentano. Credo che questa Europa, tanto sospirata, tanto voluta anche a costo di grandi sacrifici, abbia disatteso le aspettative di tutti coloro che avevano sognato ben altre concezioni, altri contesti, una unione non solo di stati ma di politica omogenea e uniforme. L'Europa unita non è mai esistita, la UE non  è uno stato, il parlamento europeo, là dove nascono le leggi per governare e amministrare tutto il continente, è una finta camera dove seggono persone per stabilire solo quanto debbano essere lunghi i piselli o i cetrioli, oppure quanto deve essere larga una cozza. La situazione reale ci sta sfuggendo di mano, lo sanno tutti i politici, lo sanno benissimo come stiano le cose: ci hanno portato in carrozzella per tutti questi anni, ci hanno fatto sognare sin dai trattati di Roma, come saremmo divenuti gli "Stati Uniti d'Europa" scimmiottando gli USA. Anzi, saremmo stati più potenti dell'America se fosse andato tutto come previsto, con 500 milioni di persone  contro la metà circa di americani, avremmo rappresentato la confederazione più grande del mondo: una sola politica, una sola economia, un solo esercito, una potenza commerciale per dettare noi i tempi agli altri e senza accettare le condizioni di altri. Non è avvenuto, noi pensavamo che potesse accadere, ma subito dopo l'entrata in vigore della moneta unica, giù la maschera e la verità è venuta a galla. Avevamo consegnato il nostro futuro nelle mani della dittatura dei banchieri e degli economisti e soprattutto, alla Banca Centrale Europea che con la complicità della Mekel, era ed è una fonte di grande potere. E meno male che abbiamo avuto Draghi alla direzione in questi anni, altrimenti sarebbe stata la fine per tanti. Insomma, una grande fregatura che ha scosso e impaurito tutti, condotto alla miseria molte nazioni coinvolte nel progetto Europa e recando molta gente sulla soglia della povertà. Un grande movimento creato solo per distribuire poltrone a destra e a manca: da noi molti politici sono stati complici perché sapevano a cosa stavamo andando incontro e sono stati zittiti con cariche e assegnazioni in tutta la comunità. Non hanno capito che il famoso popolo bue tace e sopporta, ma poi si rivolta in un attimo, dalla sera alla mattina. Le destre avanzano paurosamente dappertutto (capito Mekel?), si tende a dividersi proprio al contrario di ciò che dovrebbe essere, cioè, uniti si vince e si progredisce. Siamo alla balcanizzazione dell'Europa, pagheremo un prezzo salatissimo e per tutto ciò, ringrazieremo chi abbia ciurlato nel manico per tutti questi anni, portandoci a questo stadio molto pericoloso. Quando si sta bene, quando il lavoro è per tutti indistintamente e il benessere soddisfa i popoli, non ci sono problemi a rimanere saldamente uniti. Qui l'unica nazione che sia sta unita è la Germania che annettendo la parte est, ha riportato i conti a posto dopo quanto le sia costata l'unione. Complimenti Merkel: tu si que vales! Ora vi lascio, ho una riunione di condominio perché alcuni amici vogliono l'indipendenza.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso