« "Gli antidepressivi? Son...EFFETTO PLACEBO E NOCEBO »

Volete combattere la depressione? State lontani da casa, chiesa e ufficio

Post n°10 pubblicato il 29 Aprile 2008 da iltuopsicologo1964
 

ROMA - State lontani da casa, evitate le chiese, non andate in discoteca e nemmeno nei centri commerciali. Piuttosto dedicatevi alla palestra. E scordatevi che la depressione sia legata ai problemi di cuore (solo il 9% li segnala come causa scatenante). La fotografia del dove e perché in molti italiani scatta la molla della depressione, arriva da un'indagine realizzata da Riza Psicosomatica, in edicola da domani e condotta su circa 1000 intervistati, maschi e femmine, tra i 25 e i 55 anni.

La ricerca parte dall'assunto che il luogo dove ci si trova ha un effetto decisivo sul proprio umore. Il 64% degli intervistati ritiene, in maniera molto (22%) o abbastanza (42%) elevata, che il luogo in cui si vive possa essere un elemento determinante per l'insorgere della depressione. Al contrario invece solo per il 23% il malessere non dipende dal luogo. E fino a questo punto non pare esserci nulla di insolito. Che l'ambiente eserciti un forte condizionamento interno è cosa nota.

Ma quando si passano in rassegna quelli sono i luoghi che stimolano la depressione, qualche sorpresa salta fuori. Al primo posto c'è la propria abitazione (34%), con il definitivo crollo del detto "casa dolce casa", poi l'ufficio (16%). Ed ecco spuntare le chiese (12%) e i centri commerciali (9%), la discoteca (7%), la casa dei propri genitori (8%), gli aeroporti e le stazioni (4%). A seguire i più scontati ospedali (5%), sale d'attesa (3%) e cimiteri (2%).


Ma la depressione non è causata solo dal luogo. Tra le situazioni più a rischio ci sono la solitudine in città durante l' estate che colpisce il 26% degli intervistati, e i luoghi molto affollati (24%). Immancabile anche la sindrome da rientro dalle vacanze (18%).

Che fare allora per combattere la depressione? Prendersi cura di se stessi. Curando il proprio corpo, andando in palestra, (24%), stando all' aperto (23%), prendendosi cura di un animale animale (15%), facendo del volontariato (10%). Bocciato l'utilizzo indiscriminato di farmaci (26%) e la scelta di isolarsi da tutto e da tutti (21%). La solitudine, infatti, sarebbe la principale causa della depressione per il 26% degli intervistati. Così come la frenesia e lo stress della vita di tutti i giorni (21%) e le eccessive aspettative di genitori e amici (16%).

Ultimo aspetto analizzato dalla ricerca è come riconoscere i primi segni del disagio. Il primo segnale è la tendenza a isolarsi (25%), poi il trascurarsi (22%) e l'irritabilità improvvisa (18%). E ancora sbalzi d'umore che portano a crisi di pianto (14%) e a una svogliatezza generale (10%). Senza trascurare i comportamenti ripetitivi, quasi maniacali (6%) che potrebbero rappresentare il campanello di allarme di uno stato depressivo.

(9 settembre 2007)

fonte www.repubblica.it

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/notiziepsicologo/trackback.php?msg=4597024

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
RossellaaOHara
RossellaaOHara il 01/05/08 alle 15:42 via WEB
simpatico sto post
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

titachiara.pasinolaurarobertogulliver65vincedonghializaconfezionisogno.caroberta.jveronica833sal99claryssa_kMANZOTORREGRECOslvpzzperry_nogheneazizwhitesalva.arpaia
 

Ultimi commenti

Non credevo che l'infarto potesse portare anche la...
Inviato da: chiaracarboni90
il 21/09/2011 alle 15:03
 
Mah!Sarà ke dormo bene&tnt lo stesso!!!^_^
Inviato da: Gaia.dgl1
il 04/11/2008 alle 12:18
 
simpatico sto post
Inviato da: RossellaaOHara
il 01/05/2008 alle 15:42
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom