Creato da ladimurasachi2009 il 13/07/2009

il mio scrigno

lo scrigno segreto

 

GIOCA CON IL MIO CORPO

Post n°265 pubblicato il 17 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 
Tag: dedica

 

 

GIOCA CON IL MIO CORPO

 __________non la rugiada che scivola
tra i miei seni che accarezzi
con ansia furtiva,
non il calore che cola rèsina
dai miei fianchi
esasperati,
non la mia voglia
[ora]
comanda
ma la tua durezza,
che io con fragili dita
percorro,
e in morbide labbra
accolgo.___.[E mi sei carne]
affaticata di voglia.

 
 
 

Buon pomeriggio Amore

Post n°264 pubblicato il 16 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 
Tag: dedica

 

Un giorno, forse, anche il nostro sole
diverrà luce nera
quando la passione sarà memoria
e la mancanza un'eco.
Ma ora...
le mani che ti aprono impazienti la camicia,
la bocca che cerca la tua pelle,
il naso che fiuta il tuo odore
la lingua che ti assaggia golosa
-tu, il mio pasto nudo-
le caviglie incrociate sulla schiena
per tenerti in fondo al ventre
che aspetta di berti
mi dicono che non basteranno
mille mani,
mille bocche, mille cosce aperte
per esaurire il desiderio di te,
perché neppure con due sessi, uno di donna e uno
di uomo,
riuscirei a possederti come vorrei.
Tu mi hai rubato un cuore
e lo fai tremare sopra un letto
stropicciato.
Quando lo stomaco si contrae,
il sangue trema nelle vene,
la giugulare vibra e si agita come un gatto selvatico
preso in gabbia
tu, amore mio,
sei la mia onda che da sempre sa
dove andare a morire,
che va e viene,
che si insinua nel mezzo della roccia,
s'incunea tra gli scogli
-L'onda perfetta-
Catene alle caviglie
bende sottili attorno al cuore
anime sottovuoto con la stessa etichetta:
noi
non finiremo mai.

 

 

 

 
 
 

Buonaserata in Musica!!!!!

Post n°263 pubblicato il 14 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 

.

 
 
 

Dedica per Raffaele

Post n°262 pubblicato il 09 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 
Tag: poesia
Foto di ladimurasachi2009

I tuoi difetti, le mie attese
I tuoi vuoti, le mie risate
I tuoi capricci, la mia pazienza
la tua costanza, il mio Distacco.
I tuoi pensieri, le mie verità assolute,
la tua rabbia, le mie contraddizioni.
Se dovessi costruirti ti rifarei tale e Quale,
idéntico specchio di Dissonanze, dubbi ed equilibrismi.
Il mio e il tuo cuore
sul filo della tensione,
Sotto,
Il Vuoto
Sopra,
le stelle ...

ladimurasachi

 
 
 

litigare con rabbia

Post n°261 pubblicato il 08 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 

Tutti conoscono almeno una coppia di amici o parenti, se addirittura non ci siamo passati noi stesse, che vive la relazione scandita da continui litigi. Eppure si riappacificano sempre, e, per qualche giorno, vivono beati cullandosi nel loro amore. Poi trac! Succede un nonnulla, una frase mal detta o un'azione mal interpretata e si ricomincia. E così, avanti, nelle settimane, nei mesi, negli anni. Queste coppie si dichiarano assolutamente consce della loro posizione, ma assicurano che 'il loro rapporto è così', che non è un problema, solo la loro relazione è 'passionale'. O alti o bassi, o nero o bianco, le vie di mezzo non si contemplano. Ma è veramente così? Litigare è 'il sale' della coppia? Qual è il limite ai litigi prima di farsi davvero male? I ricercatori dell'università del Michigan hanno condotto uno studio la cui conclusione è: litigate gente, litigate e rimarrete in salute! Detto in gergo medico, chi sfoga la rabbia ha meno probabilità di morte precoce rispetto a chi trattiene tutto dentro, per una questione di pressione arteriosa. Quando ci si sente attaccati, dice lo studio, occorre reagire e rispondere, altrimenti la rabbia trattenuta può logorare dentro. Certo, qualcuno un po' più zen, o semplicemente più rilassato, può tranquillamente obbiettare che il problema è alla base: cioè, come affrontare le situazioni senza che la rabbia prenda il sopravvento? Sicuramente qualcuno che i litigi nemmeno li contempla, vive ancora più a lungo! La sana e comune litigata tra partner è di sicuro uno strumento per mantenere il legame saldo: confrontarsi fa bene, rinforza l'unione, aiuta a conoscerci nell'intimo. Non si deve aver paura di litigare, perché dire l'uno all'altro ciò che si pensa e si prova è del tutto salutare. Tuttavia il problema nasce quando i litigi, i battibecchi, sono all'ordine del giorno, nascono da sciocchezze, da motivi più che futili. Ecco che qui nasce il bisogno di fermarsi a riflettere, perché anche un cieco vedrebbe che nella coppia ci sono problemi. Può essere la difficoltà a comunicare una delle cause scatenanti delle 'azzuffate': un partner comunica in modo approssimativo, oppure aggressivo, o poco chiaro, e l'altro a sua volta mal interpreta, o reagisce mettendosi sulla difensiva, rigirando la frittata. Quante volte succede alle coppie rodate! In questo caso, lo scoglio da superare si trova ancor prima della rabbia, si colloca nella capacità di trasmettere all'altro le proprie idee. Dunque, se per esempio volete dire al vostro lui che un suo recente acquisto non vi piace, non partite con 'perché cavolo l'hai comprata?' oppure con 'te l'avevo detto che...', 'evvai, un'altra delle tue geniali idee', o cose ostili di questo genere. E non basta sorridere mentre le si dice, perché la frase di per sé era già maldisposta. E se il vostro lui non è un santone buddista probabilmente vi risponderà per le rime, scatenando tutto ciò che ben sapete. Quindi quando volete dichiarare qualcosa che no va, cercate innanzitutto di cominciare le frasi con 'io', piuttosto che 'tu'. Non usate macigni come 'mai', 'sempre', perché danno un peso esagerato alla frase. Meglio un 'a volte'. Insomma i battibecchi quotidiani si possono prevenire calibrando meglio le parole! Ci sono anche situazioni in cui le litigate sono vere e proprie sfuriate. È vero sì che certe coppie esprimono la passionalità in questo modo: o si amano o si odiano, le vie di mezzo non sono abbastanza emozionanti. Attenzione però al lungo termine: un rapporto così burrascoso può durare qualche anno, ma la vita intera non può essere sempre una battaglia! O si trova un compromesso, o prima o poi uno dei due si esaurisce. Spesso chi esce da questo tipo di relazione, poi cerca un partner che sia tutto il contrario, sereno, saggio e tranquillo, e solo a quel punto si rende conto di quanta rabbia aleggiava sul vostro rapporto! Quindi attenzione, litigare sì, farne uno stile di vita no! Infine c'è l'ipotesi più complicata, ovvero quella dei litigi continuati per noia, perché con il partner non c'è più emozione, non ci sono avventure, e l'unico modo per spezzare la routine è alzare la fiamma. Se questo è il vostro caso, il lavoro da fare più che sulla rabbia è sul vostro rapporto in generale. Esercizio quindi molto più profondo e che necessita una grande consapevolezza. Insomma, litigare fa bene, ma bisogna saperlo fare!

 
 
 

Finalmente Roma!!!

Post n°260 pubblicato il 06 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 

 
 
 

Diario..secondo giorno a Capri

Post n°259 pubblicato il 05 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 

Piove. Piove come cantava Domenico Modugno quando incantava San Remo con quella sua faccia da moschettiere, la testa di riccioli neri e nello sguardo il mare del Mediterraneo. La gente applaudiva. Piove sull'Italia del bluff e dei festival fasulli, degli stornelli, dei femminielli e degli scialatielli, dei disoccupati, dei poveri, degli abbandonati e dei dimenticati. L'Italia del Grande Fratello e delle volgarità, della sorella culo e tette e delle ammucchiate, degli zii, dei nipoti, dei cugini, dei tatuati, delle suocere arrapate, dei furbetti, dei cantanti stonati, degli urlatori di puttanate, degli strilloni di mille buglie, degli imbroglioni e dei cafoni, dei tromboni e degli opinionisti, dei burattinai e delle marionette. Piove sull'Italia senza valori e senza emozioni. Piove sul paese di Napoleone Berlusconi, il paperone con il parrucchino l'Io più ipertrofico del mondo, l'imperatore dei venditori di slogan, il cantautore di miraggi e panzane. Il pianista delle vanità e delle illusioni, degli abbagli e delle lusinghe. L'incantatore di una nazione che non ha più politici con i coglioni. È l'Italia delle balle Argo. Un'Italia arruginita, scalcagnata, disunita, incancrenita dalle risse, dalle guerre di potere, dagli inganni, dalle apparenze. Una pioggia di bufale e bubbole su un paese senza ombrelli, senza cervelli, solo ritornelli e menestrelli. Piove anche a Capri, una pioggia che fa luccicare gli ulivi che scendono come preghiera in processione verso il mare sotto Damecuta. Il dondolio delle gocce tra le foglie è l'unica luce in un'isola nera, spenta, deserta, buia. Di fronte Napoli è avvolta nella nebbia, una città fantasma, sbriciolata dalla camorra e dalla corruzione della politica. Una casta inamovibile e senza dignità, un'orchestra di anime sporche incapaci di cantare la parola dimissioni. Jatevenne. E invece i vecchi tromboni bacati restano con il culo incollato alle poltrone. Culi Mapei, culi venduti, culi marci. A' munezza Argo, a' munnezza d'a' gente. Dalla mia cuccia di Veterino mi godo la pioggia l'ozio e le malinconie per un'isola che non c'è. È ancora inverno, da Ischia arriva un treno di nuvole nere che si ferma su Punta Carena. Una stazione di tempeste senza sollievi e mareggiate indimenticabili. Salvatore Federico le ha dipinte. Onde di colori, pennelli appassionati, tormenti d'acqua, emozioni, paure. Umberto D'Aniello le ha fotografate, la Nikon ha immortalato cascate di mare, inferni di schiuma bianca, i cieli neri, la solitudine del Faro. Artisti veri, gente di Anacapri. Mi alzo a mezzogiorno come tutti gli sfaccendati, e dal letto passo ad accucciarmi nel morbido della vecchia poltrona di nonna Emma. Un regalo antico, un ricordo, il racconto di una giovinezza di avventure e arrembaggi. Amori sfrenati e notti di taverna. Piove sulla mia malinconia, intorno modellini di barche, libri, pesciolini di legno e un teatrino di fotografie incorniciate d'argento. Anacapri ha bisogno di chi lavora con passione per il proprio paese, porta avanti progetti coraggiosi e non lecca il culo ai potenti. Un caffè Lilli, un caffè. Tanti anni fa vi giunsi vestita di una sottoveste di seta nera. Più bella, più sexy, più spontanea, più riccioluta, più disponibile. Romantica e innamorata, colta e maliziosa, ruffiana e complice...di un uomo che è stato mio marito ed il padre delle mie figlie.Oggi ,come ieri..ma nulla è cio' che sembra.

 
 
 

Buona Pasqua a Tutti!!!

Post n°257 pubblicato il 03 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 
Tag: Auguri

 
 
 

cio' che...ricordo

Post n°256 pubblicato il 02 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 
Tag: poesia

Quel che ricordo è il

 luccichìo dei suoi occhi e

 poi le tracce della sua voce

 nella stretta oscurità.I

baci colavano sulla

superficie dei corpi nudi e

cadevano tra gli spazi vuoti

fra noi e poi sentii il suo

 odore acre dentro di me e

mangiai il suo odore e il

cuore del suo odore...

 
 
 

Buon Primo d'Aprile!!

Post n°255 pubblicato il 01 Aprile 2010 da ladimurasachi2009
 

 
 
 
Successivi »
 

LR

 

LIVE IN LONDON


 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ladimurasachi2009
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 51
Prov: RM
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 

NINESTAS

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

hurricane2O1melina_maZanguRRavvbiathe_secret_Manmare_vent0caldo0o.40Kla.odettefranco_cottafavievemm64blackandwhite999colucilubopodinobarilicassetta2lory49anni
 

ULTIMI COMMENTI

Commento collettivo usando il tasto "Scopri Blog"...
Inviato da: fenice_2015
il 19/06/2015 alle 21:32
 
Ciao Anna...l
Inviato da: La_jem
il 06/06/2014 alle 12:14
 
buon compleanno e buon 2012
Inviato da: ninograg1
il 12/02/2012 alle 20:35
 
Buona serata *___*KiSS:))
Inviato da: rosylove1
il 04/05/2011 alle 19:50
 
Un anno dopo...non ti dimentico...sempre viva nel mio cuore.
Inviato da: mysterix
il 22/04/2011 alle 09:39
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30