Filosofia&Esistenza

La filosofia è l'esser coscienti d'essere, d'esserci; è il continuo progettarsi per essere ciò che si è il più autenticamente possibile, scegliendosi sempre nella propria libertà, facendosi liberi, senza attendere di diventarlo.

 

LIBRO PARADE



MARX è morto?
Leggete questo libro e poi ne riparliamo!!!
 
 

COUNTER

website stats
 

TAG

 

CHI SARÀ IL PROSSIMO?

Ogni sistema ha cercato di mettere
a tacere chiunque abbia tentato
- in qualche modo - di cambiare
le cose. Da una croce o da dietro
le sbarre di una cella però,
la sua voce ci è giunta lo stesso.

... Chi sarà il prossimo?


immagine


immagine

immagine



 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

FACEBOOK

 
 

GUCCINI - AUSCHWITZ

Giornata della Memoria

 

GABER ... IO SE FOSSI DIO

 

« RisaccaLeggere e diffondere ...  »

Dormo o son desto?

Post n°107 pubblicato il 17 Ottobre 2007 da brokenheart74dgl
 


E' solo un corpo, il tuo, quell'ammasso di organiche membra e fiumi di sangue impetuosamente circolanti fra canali e tunnel cartilaginosi. Solo un peso schiacciato dall'attraente gravità terrestre che lo pigia nel letto, al mattino, avvolto da coperte tiepide, infuocate da una notte inquieta, tormentata, in bilico fra l'insonnia irrequieta e il sonno profondo mai raggiunto. Uno squillo, sempre il medesimo, di un insieme di ingranaggi analogici e di lancette nere su uno sfondo giallognolo, quando solo illuminato dalla flebile luce dello "snooze", così appare la sveglia agli occhi ancora stropicciati. Un diabolico ripetersi d'urla che annuncia che l'ora è giunta per una nuova giornata. Sono le 5 e questa settimana il mattino è il turno che ti spetta al lavoro. Chissà come mai, proprio quando si sa di doversi alzare, il sonno appare più desiderabile e si fanno promesse a se stessi di dedicare il pomeriggio, tornato dalla fatica del lavoro, a dormire - propositi quasi mai mantenuti. Come pesa questo corpo e come brucia d'un brivido freddo l'aria che sfiora la pelle scoperta, spellata dal guscio che nel buio notturno lo rivestì d'un dolce torpore. Ancora un minuto, un altro secondo, e non vorresti mai alzarti e rimandi, assaporandolo, ogni attimo in più passato in quell'alcova che consapevolmente sai di dovere lasciare, fra un momento, adesso... Solo un istante, non chiedi di più che un altro misero istante che ingordo assapori, ti godi come fosse l'ultimo sonno della tua vita, ma che sai già passerà tanto in fretta nel lampo di quello stesso pensiero che stai pensando. Tiri su le coperte, quasi le abbracci avvolgendole di te - proprio quando poco prima eran loro ad avvolgerti. Poi ti fai forza, la ragione ti chiama con il suo imperativo categorico: "E' ora, devi alzarti o giungerai al lavoro in ritardo". La coscienza pian piano riemerge dall'oblio che nel sogno la sublimò, seppur mai sopprimendone completamente la censura, ma solo sopendola un poco, quanto basta perchè i tuoi desideri repressi possano manifestarsi in immagini, flash impastati d'arcano che quando riesci a ricordare, appaiono assurdamente caotiche, spesso frammentarie e iperboliche, avvolte esse stesse in un ombrato nero-grigio sfocato e oscuro pellicolare di fotogrammi: i tuoi sogni.
Di colpo prendi coraggio e ti spogli del piumone che così soffice sulla tua pelle contrasta col velo d'aria fresca che d'improvviso investe l'epidermide e che ti fa tremolare in in vibranti scosse di "bhrrrr". Quando i piedi toccano il gelido marmo del pavimento, quella terra granitica, sei già in piedi, poi vestito, lavato e al lavoro. Senza sosta tra le mani sfogli un libro; poi la sera due parole sul tuo diario e un pensiero digitato sulla tastiera di un pc, nel tuo blog. Nemmeno t'accorgi che di già hai adagiati di nuovo i tuoi piedi sul marmo che solo un attimo prima sembrava tu avessi lasciato e ripiombi in quel soffice guscio, ovattato d'oniricità, a dormire.
Poi apri gli occhi, sono le 7 e destandoti, questa volta davvero, t'accorgi che ti sei addormentato o chissà, forse stai ancora dormendo e neppure lo sai.

M.P.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: brokenheart74dgl
Data di creazione: 27/10/2005
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

PAGINE MARXISTE

NON DIRE: " E IO CHE POSSO FARE!!!"

UN GRAZIE A SONIA !!!

immagine


 

immagine

Il Blog di Tutti
che fa conoscere anche Te!

Visitalo

collabora e diffondi l'iniziativa.

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: brokenheart74dgl
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 43
Prov: TO
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariofiorenza.mcristinadomBrodidigiuggioleludendo.paolapdp.vrmarco.tavianobetty_790alogicolilia67ilsolstiziomusyononchattograzielucy19621stefanodgmbale2009
 

ULTIMI COMMENTI

beat
Inviato da: brokenheart74dgl
il 09/10/2012 alle 14:32
 
Ciao, è vero l'argomento mi appassiona molto, ma ciò...
Inviato da: brokenheart74dgl
il 09/10/2012 alle 14:28
 
generation
Inviato da: puzzle bubble
il 08/05/2012 alle 16:47
 
Leggo molta passione e sofferenza nel tuo post.Qualsiasi...
Inviato da: salamandraf
il 26/03/2011 alle 19:08
 
...un saluto con simpatia... Anton
Inviato da: alogico
il 29/01/2011 alle 19:14
 
 

QUESTA GRANDE UMANITÀ.

immagine

"La vera rivoluzione deve cominciare dentro di noi"

E.G.

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

PER UNA INFORMAZIONE LIBERA

Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare. Federico Fellini

 

AMARE TUTTI UN'UTOPIA, RISPETTO UN PROGETTO

immagine

immagine

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom