PaRtEnOpEbLoG

lasciate ogni speranza voi ke entrate

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: xSONNYx84bis
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 29
Prov: NA
 
immagine
 
immagine
 
POESIA SPORTIVA
UN SOGNO CHIAMATO NAPOLI

La mia fede tutta azzurra
Fu premiata:
2 scudetti alla fine dell'ottanta

ma poi dopo

sofferenze delusioni

e l'abisso della C.

Ora è tutta una speranza

Di rivincita che assale

Fino a farmi tanto male

Con il dubbio d'un chissà.

Ma il mio tifo non si ferma

Fino a quando

Avrò l'ultimo mio alito di vita

Fino a quando la mia anima m'invita

Per guidarmi con le ali d'un gabbiano

A volare sempre in alto

In un sogno che il destino chiama NAPOLI.
 

 

« Messaggio #24

Post N° 25

Post n°25 pubblicato il 03 Ottobre 2007 da Mely_742

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/sonnyblog84/trackback.php?msg=3361097

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
fatinacolorata
fatinacolorata il 30/08/08 alle 10:47 via WEB
ei paesano, passo per un saluto veloce. baci...fatina
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: xSONNYx84bis
Data di creazione: 16/05/2007
 

Dante

Non ti curar di lor, ma guarda e passa.

 

http://www.flagsonline.it/asp/flag.asp/flag_napoli.calcio/napoli.calcio.html

 

http://blog.libero.it/elieme/

 
immagine
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

sarettinadgl8elipesaro81fior_da_lisoDolce_Nera1piumadi1angelofatinacolorataPoggipollina84
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 


Dint''o vico 'e Curtellare,
se diceva, 'a tutte quante,
ca, pe' mezzo 'e nu birbante...
che sacc'io mo...
ch'îv''a murí,
bell'accussí!

Ma vedite che ce azzecca
stu mmurí p''a passione!?
Quanno maje unu cazone
t'ê avastato, Carulí'?

Chesta è na vongola
quant'a na còngola,
pròpeto mascula
p''a nuvitá!

Chesta è na vera
vongola fina:
cchiù masculina
nun ce pò stá!

Tu p''a primma, ogne mumento,
ive attuorno e mme sparlave,
cu 'e gghiastemme ca menave:
"Ll'aggi''a vedé
ch'ha da sculá...
ll'hann''a squartá!"

E tenive sempe 'nfrisco
cinche o seje, for''o quartiere...
po' dicive ca 'o penziero
steva sempe 'ncuoll'a me!

Chesta è na vongola,
.................................

Gennarino 'o stagnariello,
Mezacanna e 'o figlio 'e Tata,
tutt'e tre t'hanno lassata
pecché, cu te,
mo simmo llá,
nèh, ch'hann''a fá!?

Si quaccuno t'addimmanna,
tuorne a fá Santa 'Nchiastélla!
bene mio, pe' 'sta zetella,
n'ommo buono nun ce sta?

Chesta è na vongola,
.................................

 
 Oje luna meza triste e meza allèra,
tu nun si' rrobba 'e ccá, si' rrobba 'e fore...
Te canuscette e fuje na primmavera,
tant'anne fa...quanno, p''a via d''o mare,
giuvinuttiello, mme purtaje ll'ammore...

No, tu nun si' 'e ll'America...
no, tu si' 'a luna 'e Napule...
Mé', párlame 'e Pusilleco,
'o cielo mio che fa? -

Ma 'a luna, 'a luna 'e Napule,
s'ha cummigliato ll'uocchie cu na nuvola,
senza puté parlá!...

Ca si luntano mme purtaje ll'ammore,
'nzuonno, mme sonno, tutt''e nnotte, 'o mare...
Mare che canta meglio 'e nu tenóre
e canta sempe, da 'a matina â sera,
Mare che è cchiù turchino 'e tutt''e mare...

No, tu nun si' 'e ll'America...
...............................................

E dimme, oje luna: - E' vierno o è primmavera? -
dimme: - A 'o paese mio se canta ancora?
Lùceno sempe 'e lume p''a Riviera? -
- No, ninno mio, ma 'a notte, dint''o scuro,
quacche chitarra va sunanno ancora... -

No, tu nun si' 'e ll'America...

...............................................
 
Ohéee!...
Cu me cantate 'sta canzone...
vuje ca suffrite 'e ppene de ll'ammore...
Capre,
ve pò 'ncantá cu na parola...

Só' accumparute 'e stelle a primma sera,
tutta Tragára luce 'mmiez'ô mare...
na fascia 'argiento sott''e Faragliune
e nu mistero 'int'a 'sta notte chiara.
Notte 'e silenzio e i', mo, chesta canzone,
cantá vulesse a chi mm'ha affatturato...

Tu, luna luna tu, luna caprese,
ca faje sunná ll'ammore a 'e 'nnammurate...
adduorme a nénna mia ca sta scetata
e falla 'nnammurá cu na buscía.
Tu, luna luna tu, luna busciarda,
famme passá sti ppene 'e gelusia
e fa' ca nénna fosse tutt''a mia...
Tu, luna luna tu...Luna caprese!...

E mo ca pure 'o mare s'è addurmuto
e 'e nnuvole, li stelle, hanno stutato,
dint'a sti bbracce meje, passione amara,
io te vurría tené cu nu respiro...
Ma è inutile, è destino, ca stu core,
canta surtanto pe' chi dice no!

Tu, luna luna tu, luna caprese,