Libera

.

 

 

pauvre (diable)

Post n°284 pubblicato il 16 Febbraio 2018 da liberafatima

Ho incontrato il più miserabile dei gatti
un bastardo affamato
mentre leggevo
su una panchina
e mi accendevo una Sobranie dopo l'altra
sulla spiaggia di Cala Rosa
 
Mi ha visto e si è fatto avanti
bianco
sudicio
un occhio verde
l'altro giallo
e uno squarcio ancora fresco sull'orecchia sfregiata
 
Arrabbiato come un lupo ferito
si teneva a distanza
con l'aria di dire, dammi da mangiare o togliti dai piedi
su questa panchina sei nel mio territorio
 
Quel che non sapeva è che anch'io conosco la disperazione
e la pazzia
e quello che possono farti il vuoto la solitudine e la rabbia quando in tasca hai solo la tua miseria e come casa una Pontiac del '78 scassata piantata in un vicolo  e quella voce in testa che ti accoltella e ti uccide ogni giorno un po' di più. . e la paura è il più bel sentimento che provi e l'amore è morto e il tempo è morto.
 
Il misero gatto bianco non sapeva che siamo fatti
 
della stessa stoffa
 
l'unica differenza tra noi
 
                                               sono dieci anni (?) e una smartpfone...
 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: liberafatima
Data di creazione: 18/05/2010