Creato da: tempodirugby il 08/10/2008
__________ “Let’s have that damned rugby daily dose!” __________ Diario per appassionati a cura di Massimo Coppa Zenari

PER CONTATTARE
"TEMPO DI RUGBY"
Per messaggi, richieste
e collaborazioni:
tempodirugby@libero.it

 

JONNY WILKINSON

LIVING LEGEND
RECORDMAN DI PUNTI
REALIZZATI NELLA
STORIA DEL RUGBY
(e gioca ancora...)

 
 
 

ALL BLACKS

BENVENUTI ALL'INFERNO



 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ALESSANDRO TRONCON

NELLA STORIA

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

Area personale

 

 

 

Post N° 470

Post n°470 pubblicato il 01 Dicembre 2008 da tempodirugby

QUESTO BLOG CHIUDE


A partire da sabato 29 novembre 2008 questo blog non viene più aggiornato.

Il bilancio è positivo: il blog era nato il 17 agosto 2008 ed era ospitato inizialmente su un’altra piattaforma; quindi era passato su Libero.it, essendo stato nominato “Golden Blog”.

Considerando anche l’esperienza sull’altra piattaforma, il blog ha ricevuto quasi 25mila visite in poco più di tre mesi, con una media di 250 visite al giorno, pubblicando ben 469 articoli originali.

E’ stata una bella avventura, che mi ha dato tante soddisfazioni ed è stata apprezzata da molti appassionati; ma conservare questi livelli costa troppo tempo ed impegno, e la cosa non è più sostenibile. Credo che non varrebbe la pena dare vita ad un prodotto più modesto ed approssimativo, per cui è giusto ritirarsi nel momento migliore e dignitosamente.
Il rugby continuerà a stare nel mio cuore, ma lo seguirò da semplice fan.

Un saluto a tutti gli amici che hanno onorato “Tempo di Rugby” della loro stima e simpatia.

Chi abbia apprezzato il mio stile può continuare a seguirmi su http://blog.libero.it/massimocoppa

CIAO A TUTTI

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 469

Post n°469 pubblicato il 28 Novembre 2008 da tempodirugby

Domani Inghilterra-Nuova Zelanda e Galles-Australia: l’estrema possibilità per l’emisfero boreale di migliorare
un bilancio disastroso
TEST MATCH INTERNAZIONALI DI NOVEMBRE,
E’ L’EPILOGO
Riprende anche il Super 10 italiano – Stasera ricomincia
la Celtic League


Ne abbiamo parlato continuamente, per cui non è il caso di ripetersi sul significato dell’ultimo turno di test match internazionali targati IRB che si terrà domani.

Galles-Australia ma, soprattutto, Inghilterra-Nuova Zelanda sono gli incontri previsti. Si terranno a partire dalle 15.30 (ora italiana), visibili solo su Sky.

E’ l’ultima occasione, per l’emisfero boreale, di migliorare un bilancio novembrino disastroso nei confronti dei giganti dell’emisfero australe.

Riuscirà l’Inghilterra a risollevarsi dalla sua crisi e ad impedire agli All Blacks di realizzare il Grande Slam di vittorie nelle isole britanniche?

Riuscirà il Galles, campione in carica del Sei Nazioni, a rintuzzare almeno i Wallabies?

Domani riprenderà anche il Super 10 italiano, dopo la sosta mensile fatta per consentire alla nazionale italiana di… perdere tutti gli incontri in calendario! Classifica corta: in quattro punti figurano la capolista Benetton Treviso, il Montepaschi Viadana, l’Overmach Cariparma ed il Femi CZ Rovigo. Rovigo e Treviso si incontreranno domenica, nel posticipo, mentre domani attenzione a Viadana-Calvisano e Overmach-Futura Park Roma.

Da stasera riprende anche la Celtic Magners League, mentre la English Guinness Premiership ed il Top 14 francese non si sono fermati mai, nonostante l’assenza dei nazionali.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 468

Post n°468 pubblicato il 28 Novembre 2008 da tempodirugby

Quasi raggiunto l’accordo, per la prima volta un match
sarà disputato a Denver
LA BLEDISLOE CUP SI AVVICINA AGLI STATI UNITI


Si torna a parlare della possibilità che un match della Bledisloe Cup, quindi da disputarsi tra Nuova Zelanda ed Australia, possa tenersi negli Stati Uniti. E’ un matrimonio che stuzzica le fantasie di tutti da qualche tempo, perché tutti avrebbero da guadagnarci: l’International Rugby Board e le Federazioni australi proverebbero a diffondere questo sport negli Stati Uniti, tradizionalmente più inclini al football americano (tanto per restare in tema di palle ovali), guadagnando bei soldini dai danarosi sponsor statunitensi; a sua volta il rugby americano potrebbe fregiarsi di uno show di altissimo livello, con la speranza di aumentare l’audience per questo sport e spuntare collaborazioni tecniche feconde e prestigiose.

E’ notizia di oggi che la Metro Denver Sport Commission starebbe per ricevere dalle Federazioni di Australia e Nuova Zelanda l’incarico ufficiale di organizzare in territorio americano, e proprio a Denver, una tappa della Bledisloe Cup 2009, inserita nel torneo Tri-Nations. Sarebbe la prima volta.

La conferma viene sia dal presidente della Commissione che da un portavoce.

Del resto già quest’anno, per la prima volta, la partita finale della Bledisloe Cup si è tenuta in un campo neutro, e cioè ad Hong Kong.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 467

Post n°467 pubblicato il 28 Novembre 2008 da tempodirugby

L’accordo è stato presentato oggi
L’“ITALIANA ASSICURAZIONI” ABBRACCIA L’OVERMACH CARIPARMA


Un nuovo sponsor per l’Overmach Cariparma. E’ stato presentato oggi e si tratta della “Italiana Assicurazioni”.

Per Roberto Manghi, responsabile Sviluppo del club, “l’Italiana Assicurazioni è un importante marchio italiano, ed è un’azienda vicina al mondo dello sport. Noi siamo davvero onorati di averlo già da domani, per il turno di Super 10, sulla nostra maglia: è un altro marchio prestigioso che si unisce al pool di sponsor che danno lustro alla nostra divisa”.

L’accordo prevede una collaborazione triennale.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 466

Post n°466 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Presentata oggi in Municipio
LA NUOVA MAGLIA DEL ROVIGO? ROSE E VERSI


Oggi è stata presentata, presso il Comune di Rovigo, la nuova maglia del locale club di rugby.

Di colore celeste, porta davanti e dietro raffigurate delle rose, e dietro al colletto alcuni versi dall’Orlando Furioso dell’Ariosto, che richiamano il significato greco da cui si ritiene derivi la parola “Rovigo”: “rhodon”, cioè “rosa”, da cui discenderebbe “Rhodigium” e quindi Rovigo.

I versi sono questi: “La terra il cui produr di rose le die’ piacevol nome in greche voci”.

La presidentessa del Femi CZ Rovigo, Susanna Vecchi, ha dichiarato: “Abbiamo scelto la casa comunale perché ci sentiamo parte della città. Questa maglia, seppur seconda rispetto alla classica rosso e blu, è il segno dell’innovazione che la nostra società vuole perseguire, prendendo spunto, seppur con umiltà, anche dalle più importanti realtà europee. I colori presenti sulla casacca sono quelli sociali del rosso e blu. I colori bianco ed azzurro sono invece legati alla città. Sono presenti gli sponsor e il nostro slogan, ‘Rovigo by Rugby’, a significato dell’intenso legame tra questo sport e la città. Questa seconda muta di maglie sarà utilizzata in competizioni particolari, con tutta probabilità già domenica contro il Benetton Treviso, e potrà essere indossata durante le Coppe Europee. Infine con questa maglia vogliamo lanciare ufficialmente il settore merchandising”.

Le immagini della maglia e della presentazione sono pubblicate dal sito Internet del “Quotidiano.net/Il Sole 24 Ore”, e sono visibili cliccando QUI e QUI.

Insomma, si sta cercando di fare come lo Stade Français. Speriamo, però, che non si arrivi ad esagerare come a Parigi, dove alcune maglie sono veramente discutibili.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 465

Post n°465 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Prime proteste clamorose contro l’ipotesi del super club
per l’Europa
IL MONTEPASCHI VIADANA RITIRA LA SQUADRA CADETTA


Il Montepaschi Viadana ha deciso polemicamente di ritirare la squadra cadetta dal campionato di serie A2. Il ritiro del team ha effetto immediato.

Cominciano a sentirsi i primi scricchiolii, nell’assetto del rugby italiano, dopo le insistenti voci provenienti dai massimi livelli (nazionale azzurra e Federazione) riguardo alla possibile costituzione di un super club in grado di gareggiare nel contesto europeo (vedi QUI). Le squadre più importanti stanno prendendo questa iniziativa come un’offesa al loro impegno ed a tutto il movimento, ed ecco arrivare le prime reazioni.

La motivazione polemica del ritiro del Viadana cadetto è confermata dalle dichiarazioni del direttore generale Franco Tonni, contenute in un comunicato ufficiale dell’ufficio stampa del club.

Dice Tonni: “L’ipotesi formulata della creazione di un Club Federale composto da atleti di interesse nazionale che verranno reclutati presso i club di Super 10 per partecipare a competizioni di alto livello (Celtic League ed Heineken Cup) è a mio parere un chiaro segnale a disinvestire nel movimento da parte dei club, e quindi anche questo scorretto modo di risolvere i problemi della Nazionale ha influenzato la nostra difficile decisione”.

E ancora, si legge nel comunicato, il ritiro della squadra cadetta è anche dovuto “all’impossibilità di darle consistenza in termini di qualità, complici anche le regole esistenti. In questo senso la squadra cadetta del Rugby Viadana può diventare l’ago della bilancia del campionato e quindi falsare lo stesso a scapito del lavoro e dell’impegno di tante squadre di serie A che, legittimamente, ambiscono a rimanere o ad essere promosse alla categoria superiore”.

Inoltre, “la decisione, peraltro condivisa, con la FIR di non inserire più le squadre cadette nei campionati federali per la prossima stagione, ha indotto il Rugby Viadana a non disperdere ulteriori energie a scapito di una scelta difficile ed impopolare anche all’interno del club”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 464

Post n°464 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Probabilmente niente Sei Nazioni per lui
LUCIANO ORQUERA KO, L’ITALIA PERDE UN MEDIANO


Come suol dirsi, piove sul bagnato: la nazionale italiana rischia di perdere Luciano Orquera per tre mesi, il che significherebbe doversene privare per il Sei Nazioni.

Il mediano deve fronteggiare uno strappo muscolare ad una gamba occorsogli durante il match con l’Argentina.

Per ora dovrà starsene fermo e sperare in una veloce riabilitazione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 463

Post n°463 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Il nazionale gallese è stato operato ad un piede
STOP TRIMESTRALE PER DUNCAN JONES


Il nazionale gallese Duncan Jones resterà fermo almeno per tre mesi a causa di un infortunio da carico al piede, che lo ha costretto a subire un’operazione chirurgica, a cui seguirà una lenta riabilitazione.

Il pilone si era infortunato l’8 novembre contro il Sud Africa.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 462

Post n°462 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Fine del tour europeo a causa di un vecchio infortunio
WYCLIFF PALU TORNA IN AUSTRALIA


Il nazionale australiano Wycliff Palu torna a casa dopo l’aggravamento di un vecchio infortunio ad una spalla.

Già escluso dai match di sabato contro il Galles e del 3 dicembre contro la selezione dei Barbarians, Palu parte oggi per Sydney e si sottoporrà in patria ad ulteriori analisi e trattamenti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 461

Post n°461 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Novità nel club francese
IL BIARRITZ SILURA IL SUO COACH


Il club francese del Biarritz ha silurato il suo coach.

La posizione medio-bassa in classifica non soddisfa i vertici della società, che adesso provano con la più classica delle ricette: la sostituzione dell’allenatore.

Jacques Delmas è stato quindi licenziato con effetto immediato.

Sarà sostituito da Jean Michel Gonzalez, ex giocatore del Biarritz.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 460

Post n°460 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Entrambi bloccati da infortuni all’inguine
STADE FRANCAIS SENZA HERNANDEZ E BEAUXIS


Juan Martin Hernandez salterà il turno di sabato del Top 14 francese. Lo Stade Français, che incontrerà il Biarritz ed ha un disperato bisogno di vincere per non perdere il contatto con la zona alta della classifica, dovrà rinunciare quindi all’asso argentino, affetto da un infortunio all’inguine.

Brutte notizie anche per un altro elemento importantissimo nella squadra che vede giocare anche i nazionali italiani Parisse ed i fratelli Bergamasco: pure Lionel Beauxis è fermo, anch’egli ancora bloccato da un problema inguinale.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 459

Post n°459 pubblicato il 27 Novembre 2008 da tempodirugby

Magnifiche notizie per il 19enne rugbista neozelandese,
che sabato tornerà in campo
AARON CRUDEN HA VINTO LA BATTAGLIA
CONTRO IL CANCRO


Ottime notizie per Aaron Cruden, il giovanissimo rugbista neozelandese che, a settembre, aveva dovuto interrompere l’attività perché colpito dal cancro (ne avevamo parlato
QUI e QUI).

Ebbene, il 19enne mediano del Manawatu ha vinto la sua battaglia, recuperando totalmente! Sabato tornerà in azione partecipando ad un raduno della nazionale neozelandese Under 20.

In un’intervista a Yahoo Cruden ha detto di essersi completamente ristabilito ed essere pronto per il rugby, con tanta voglia di giocare e di impegnarsi agonisticamente. Ha quindi ringraziato i tifosi del Manawatu e tutti quelli che sono stati vicini, anche solo col pensiero, a lui ed alla sua famiglia.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 458

Post n°458 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

I padroni di casa sono avvisati
LA MIGLIOR NUOVA ZELANDA IN CAMPO CONTRO L'INGHILTERRA


La Nuova Zelanda ha richiamato Conrad Smith per il test match di sabato contro l’Inghilterra a Twickenham. Smith sostituirà Kahui come centro.

Tutto fa prevedere che l’ultima partita in programma sarà un grosso spettacolo: l’Inghilterra vuole assolutamente concludere in bellezza, dopo le prove opache e le sconfitte subite finora, e si presuppone che i suoi giocatori siano quindi estremamente determinati. D’altro canto anche gli All Blacks non vogliono sfigurare: manca solo una vittoria per conquistare il cosiddetto “Grande Slam”, che essi hanno proclamato di ricercare sin dall’inizio. La vittoria, cioè, di tutte le partite di questo tour novembrino delle Isole Britanniche.

Il coach Graham Henry ha reso oggi nota la formazione che scenderà in campo. E’ forse la selezione più forte di cui gli All Blacks dispongano attualmente: quindi, una delle più forti del mondo.

Di seguito, i nomi.


15 Mils Muliaina, 14 Joe Rokocoko, 13 Conrad Smith, 12 Ma’a Nonu, 11 Sitiveni Sivivatu, 10 Daniel Carter, 9 Jimmy Cowan, 8 Rodney So’oialo, 7 Richie McCaw (capitano), 6 Jerome Kaino, 5 Ali Williams, 4 Brad Thorn, 3 Neemia Tialata, 2 Keven Mealamu, 1 Tony Woodcock.

A disposizione: 16 Hikawera Elliot, 17 John Afoa, 18 Anthony Boric, 19 Kieran Read, 20 Piri Weepu, 21 Stephen Donald, 22 Isaia Toeava.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 457

Post n°457 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

OVERMACH CARIPARMA, TORNANO I NEOZELANDESI


Dopo gli impegni in Nuova Zelanda con i Tasman Makos, sono rientrati all’Overmach Cariparma il terza linea Ainley e l’estremo Malneek, giusto in tempo per la ripresa del Super 10.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 456

Post n°456 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

Fosse il viatico per avere anche la World Cup “superiore”?
L’ITALIA OSPITERA’ I MONDIALI 2011 UNDER 20!


Se la vediamo nell’ottica di un possibile viatico o di una benedizione per ospitare nel nostro Paese qualcuna delle prossime edizioni dei Mondiali di rugby, allora questa notizia giunge come musica per le orecchie di ogni italico appassionato: l’edizione 2011 dei Mondiali delle nazionali under 20 è stata oggi assegnata all’Italia!

La decisione, ovviamente, è stata presa dall’International Rugby Board, l’onnipotente federazione mondiale della palla ovale. La manifestazione si chiama esattamente “Junior World Championship”, ed è appunto riservata alle selezioni di giovanissimi in rappresentanza delle sedici nazioni che accedono alla fase finale.

Felice come una Pasqua è Giancarlo Dondi, il presidente della Federazione Italiana Rugby, che ha dichiarato: “E’ una grande soddisfazione: l’ennesimo attestato di stima del rugby internazionale nei confronti del nostro movimento. Nel prossimo mese di luglio verranno definite le sedi per le edizioni 2015 e 2019 della Rugby World Cup, per le quali l’Italia è in corsa: sappiamo che non sarà per nulla semplice raggiungere questo nuovo traguardo, ma ci auguriamo che aver ottenuto il Junior World Championship rappresenti un primo, importante passo verso l’organizzazione dei Mondiali assoluti”.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 455

Post n°455 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

Il coach campione del mondo va in Francia per un mese
JAKE WHITE COMMISSARIA TANA UMAGA


Jake White, il coach che ha portato l’anno scorso il Sud Africa a vincere i Mondiali, sarà a Tolone dal 3 al 22 dicembre come consulente tecnico del club locale.

In pratica il coach Tana Umaga non viene ancora silurato (ma perché, poi, tutta questa delicatezza?) nonostante i risultati disastrosi nel Top 14, ma viene commissariato.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 454

Post n°454 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

Miglior coach è Plumtree degli Sharks
JEAN DE VILLIERS MIGLIOR GIOCATORE SUDAFRICANO 2008


Il nazionale Jean de Villiers è stato ieri eletto sia “giocatore sudafricano dell’anno” che “giocatore dei giocatori”.

L’investitura per “giocatore dell’anno” è provenuta da una giuria composta di giornalisti di rugby, che tradizionalmente assegna questo riconoscimento. Invece il premio di “giocatore dei giocatori” è stato assegnato dall’associazione dei rugbisti sudafricani.

De Villiers ha dovuto sbaragliare la concorrenza di Bismarck du Plessis, Adrian Jacobs, Ryan Kankowski e Beast Mtawarira.

Miglior coach è stato nominato John Plumtree, per aver portato gli Sharks a vincere la Currie Cup dopo un’astinenza durata dodici anni.

Miglior giovane giocatore dell’anno è infine Robert Ebersohn, centro dei Cheetahs.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 453

Post n°453 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

La follia anti-razzista sudafricana forse ha trovato un argine
LO SPRINGBOK RESTA, MA SI SPOSTA


E’ stata fatta la grazia. Dopo l’ennesima pazzia politica sudafricana, che ha introdotto il fiore della “protea” sulle maglie della nazionale, lo “Springbok” (la caratteristica antilope simbolo dei nazionali) non sarà abolita ma solo spostata e, nel contempo, gli Springboks potranno continuare ad essere così appellati senza beccarsi una sciocca accusa di razzismo.

Lo ha confermato Gwede Mantashe, segretario dell’ANC, l’African National Congress, partito al governo.

La protea apparirà sul lato sinistro della maglia della nazionale, dove ora c’è l’antilope, la quale dovrà essere spostata a destra.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 452

Post n°452 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

L’iniziativa viene dall’ambiente della nazionale,
ma le squadre del Super 10 non sono contente
NASCERA’ UN “SUPER-CLUB” ITALIANO
PER GAREGGIARE IN EUROPA?


Dopo l’orribile novembre che ha visto la nazionale perdere tutti i test match in programma, e perdere gli ultimi due nel peggiore dei modi, pare che l’ambiente del rugby italiano abbia finalmente subito una scossa.

Ormai si parla apertamente dell’inadeguatezza del nostro movimento e della sua organizzazione, specie se confrontato con le realtà straniere. Fino a pochi mesi fa, dire queste cose era paragonabile poco meno che ad un reato di lesa maestà.

Tuttavia, se sono benvenuti l’entusiasmo e  la volontà di discutere l’argomento, la possibilità di fare qualche clamoroso errore e provocare danni e risentimenti è molto forte.

E’ quello che sta accadendo in queste ore. Pare che dall’ambiente della nazionale stia partendo l’iniziativa di contattare grossi giocatori italiani in scadenza di contratto per proporgli di entrare in una sorta di super-squadra, un “super-club” che si sta costruendo adesso. Dovrebbe avere base a Torino e mettere insieme una selezione capace di affrontare, a testa alta, sia la Heineken Cup che la Celtic Magners League (che a questo punto diverrebbe disputata tra Irlanda, Scozia, Galles e Italia?).

Ovviamente questo ingombrante neonato non incontra il favore dei club di Super 10, specie dei big, che ora sono in agitazione.

Insomma, se parto ci sarà, sarà travagliato.

Oggi un articolo della “Tribuna di Treviso” parla in dettaglio di queste novità, ed è leggibile anche QUI.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 451

Post n°451 pubblicato il 26 Novembre 2008 da tempodirugby

Il coach Gatland preferisce recuperare Mark Jones
GALLES, HALFPENNY NON CI SARA’


Due sostituzioni, per il Galles, in vista del match contro l’Australia. Al posto di Ian Evans (fermato da un infortunio che si preannuncia lungo e tormentoso) ci sarà Ian Gough.

Clamoroso accantonamento del giovane Halfpenny (non sarà neanche in panchina), che finora aveva molto ben figurato. Sarà sostituito da Mark Jones, il quale ritorna dopo un infortunio che lo ha tenuto fermo due settimane. Evidentemente il coach Gatland ha preferito stavolta l’esperienza di Jones al talento di Halfpenny.

La formazione è di seguito.


15 Lee Byrne; 14 Mark Jones, 13 Tom Shanklin, 12 Jamie Roberts, 11 Shane Williams; 10 Stephen Jones, 9 Gareth Cooper; 8 Andy Powell, 7 Martyn Williams, 6 Ryan Jones (capitano); 5 Alun-Wyn Jones, 4 Ian Gough; 3 Adam Jones, 2 Matthew Rees, 1 Gethin Jenkins.

A disposizione: 16 Richard Hibbard, 17 John Yapp, 17 Luke Charteris, Dafydd Jones, 20 Martin Roberts, 21 James Hook, 22 Andrew Bishop.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »