Community
 
vitaxme
   
 
Creato da vitaxme il 04/03/2008

vivere è bello

pensieri musica e parole...di tutto un pò:)

 

 

vivere è bello.--.-.-.

Post n°4447 pubblicato il 01 Marzo 2012 da muscalanz54

Vivere è bello,,... ma tu dove sei che vivi ??'

un abbraccio vero e sincero

 
 
 

ciao Virgy ti.........................................bacioni

Post n°4446 pubblicato il 30 Dicembre 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

ciao valery rieccomi qui felice giornata

Post n°4445 pubblicato il 30 Agosto 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

buon inizio settimana cucciola

Post n°4444 pubblicato il 04 Luglio 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

e arrivata l'estate cucciola bacioni

Post n°4443 pubblicato il 21 Giugno 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

buon pomeriggio cucciola

Post n°4442 pubblicato il 17 Giugno 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

dolci sogni cucciola

Post n°4441 pubblicato il 14 Giugno 2011 da biramar

amica

 
 
 

Buon pomeriggio!

Post n°4440 pubblicato il 08 Aprile 2011 da virgola_df

 
 
 

ciao Cucciola un bacioni

Post n°4439 pubblicato il 05 Aprile 2011 da biramar

amica

 
 
 

buona settimana cucciola bacioni

Post n°4438 pubblicato il 04 Aprile 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

.

Post n°4437 pubblicato il 01 Marzo 2011 da doha.1

Discorso di Piero Calamandrei in difesa della Scuola nazionalePDFStampaE-mailAddThis Social Bookmark Button
Documenti - Altri documenti
Scritto da Piero Calamandrei - Introduzione di Salvatore Borsellino   
Mercoledì 17 Settembre 2008 23:51




Questo discorso di Piero Calamandrei in difesa della Scuola Pubblica ha quasi sessanta anni ma sembra scritto oggi. 
La differenza sta nel fatto  che quella che Pietro Calamandrei poneva come una ipotesi astratta è diventata oggi, purtroppo, realtà attraverso un "totalitarismo subdolo, indiretto, torbido. come certe polmoniti torpide che vengono senza febbre ma che sono pericolosissime".
La differenza sta nel fatto che il "partito dominante" ipotizzato da Pietro Calamandrei oggi non vuole neanche "rispettare la Costituzione" ma vuole anzi deliberatamente stravolgerla non rispettando neppure le procedure che i Padri Costituenti avevano posto a guardia della stessa per impedirne lo scempio e andando avanti a colpi di decreti legge come il "lodo Alfano" con il quale si vuole assicurare l'impunità alle quattro, ma soprattutto ad una, più alte cariche dello Stato.
Il tutto in mezzo all'indifferenza o meglio all'assuefazione dell'opinione pubblica ormai soggiogata con l'antico metodo del "panem et circenses" ( ma tra poco resteranno soltanto i circenses) e al disfacimento di una opposizione che, come dice una delle poche voci non omologate rimaste nel nostro parlamento, oscilla ormai tra la "collaborazione e il collaborazionismo".

Se ne sono accorti per fortuna i nostri giovani e la loro consapovolezza, così lontana dall'ottundimento ormai imperante, ha dato vita ad una rivolta trasversale, senza colori politici dato che di quella cosa sporca che è diventata la politica in Italia tanti giovani si vogliono tenere lontani, che ha fatto sentire l'esigenza ad una delle anime più nere della nostra Repubblica di suggerire all'attuale ministro degli interni di adoperare gli stessi metodi da lui adoperati negli anni 70.
Cioè "infiltrare il movimento di agenti provocatori" per fari si che, con il loro aiuto "devastino i negozi, diano fuoco alle macchine e mettano a ferro e fuoco le città" per potere cosi poi avere il pretesto di "mandarli tutti in ospedale, picchiarli e picchiare anche i docenti" , soprattutto "le maestre ragazzine".
Verso i ragazzini quello che giustamente un tempo veniva chiamato "Kossiga" deve avere un odio viscerale, basta ricordare quello che diceva un tempo di Rosario Livatino, il "giudice ragazzino", morto per servire lo Stato, non certo lo Stato rappresentato da Cossiga, e perchè lasciato solo dallo Stato, questa volta si dallo Stato rappresentato da Cossiga. 
Quello stesso Cossiga che chiamò a far parte della commissione ristretta costituita per l'emergenza del sequestro Moro anche, sotto falso nome, Licio Gelli. Come chiamare Goering a difendere gli ebrei.
A fronte di queste minacce, a fronte dell'incitamento a usare i manganelli contro i nostri figli che lottano per il loro futuro sarebbe una colpa ben più grave delle tante che già ci portiamo addosso per avere consegnato loro questo paese quello di restare inerti, di approvare a parole la loro rivolta ma delegare solo a loro questa lotta.
Lo abbiamo già fatto in troppe altre occasioni con dei magistrati, con dei poliziotti, con dei giornalisti, con tante altre vittime del potere costretti, anche per colpa nostra, a diventare degli eroi.
E' un dovere imprescindibile per noi scendere in prima linea e offire le nostre fronti, i nostri corpi, a quei manganelli che vorrebbero colpire i nostri giovani.
Siamo noi ad esserci meritato questo paese, non loro.


Piero Calamandrei - discorso pronunciato al III Congresso in difesa della Scuola nazionale a Roma l'11 febbraio 1950


Ci siano pure scuole di partito o scuole di chiesa. Ma lo Stato le deve sorvegliare, le deve regolare; le deve tenere nei loro limiti e deve riuscire a far meglio di loro. La scuola di Stato, insomma, deve essere una garanzia, perché non si scivoli in quello che sarebbe la fine della scuola e forse la fine della democrazia e della libertà, cioè nella scuola di partito.

Come si fa a istituire in un paese la scuola di partito? Si può fare in due modi. Uno è quello del totalitarismo aperto, confessato. Lo abbiamo esperimentato, ahimè. Credo che tutti qui ve ne ricordiate, quantunque molta gente non se ne ricordi più. Lo abbiamo sperimentato sotto il fascismo. Tutte le scuole diventano scuole di Stato: la scuola privata non è più permessa, ma lo Stato diventa un partito e quindi tutte le scuole sono scuole di Stato, ma per questo sono anche scuole di partito. Ma c'è un'altra forma per arrivare a trasformare la scuola di Stato in scuola di partito o di setta. Il totalitarismo subdolo, indiretto, torpido, come certe polmoniti torpide che vengono senza febbre, ma che sono pericolosissime... Facciamo l'ipotesi, così astrattamente, che ci sia un partito al potere, un partito dominante, il quale però formalmente vuole rispettare la Costituzione, non la vuole violare in sostanza. Non vuol fare la marcia su Roma e trasformare l'aula in alloggiamento per i manipoli; ma vuol istituire, senza parere, una larvata dittatura. Allora, che cosa fare per impadronirsi delle scuole e per trasformare le scuole di Stato in scuole di partito? Si accorge che le scuole di Stato hanno il difetto di essere imparziali. C'è una certa resistenza; in quelle scuole c'è sempre, perfino sotto il fascismo c'è stata. Allora, il partito dominante segue un'altra strada (è tutta un'ipotesi teorica, intendiamoci). Comincia a trascurare le scuole pubbliche, a screditarle, ad impoverirle. Lascia che si anemizzino e comincia a favorire le scuole private. Non tutte le scuole private. Le scuole del suo partito, di quel partito. Ed allora tutte le cure cominciano ad andare a queste scuole private. Cure di denaro e di privilegi. Si comincia persino a consigliare i ragazzi ad andare a queste scuole, perché in fondo sono migliori si dice di quelle di Stato. E magari si danno dei premi, come ora vi dirò, o si propone di dare dei premi a quei cittadini che saranno disposti a mandare i loro figlioli invece che alle scuole pubbliche alle scuole private. A "quelle" scuole private. Gli esami sono più facili, si studia meno e si riesce meglio. Così la scuola privata diventa una scuola privilegiata. Il partito dominante, non potendo trasformare apertamente le scuole di Stato in scuole di partito, manda in malora le scuole di Stato per dare la prevalenza alle sue scuole private. Attenzione, amici, in questo convegno questo è il punto che bisogna discutere. Attenzione, questa è la ricetta. Bisogna tener d'occhio i cuochi di questa bassa cucina. L'operazione si fa in tre modi: ve l'ho già detto: rovinare le scuole di Stato. Lasciare che vadano in malora. Impoverire i loro bilanci. Ignorare i loro bisogni. Attenuare la sorveglianza e il controllo sulle scuole private. Non controllarne la serietà. Lasciare che vi insegnino insegnanti che non hanno i titoli minimi per insegnare. Lasciare che gli esami siano burlette. Dare alle scuole private denaro pubblico. Questo è il punto. Dare alle scuole private denaro pubblico"

 
 
 

dolci sogni cucciola e baci

Post n°4436 pubblicato il 08 Febbraio 2011 da biramar

amica

 
 
 

un solare pomeriggio cucciola

Post n°4435 pubblicato il 01 Febbraio 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

buon pomeriggio Cuccioa baci

Post n°4434 pubblicato il 31 Gennaio 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

ciao cucciolotta buona serata baci

Post n°4433 pubblicato il 27 Gennaio 2011 da biramar

amica

 
 
 

ciao ....problemi ???

Post n°4432 pubblicato il 25 Gennaio 2011 da muscalanz54
Foto di vitaxme

se non sai dove girare torna su i tuoi passi

è vedrai che vivere è bello 

un abbraccio 

 
 
 

buona serata cucciola bacioni

Post n°4431 pubblicato il 22 Gennaio 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

ciao cucciola felice serata bacioni

Post n°4430 pubblicato il 10 Gennaio 2011 da aquilasplendente1

amica

 
 
 

cucciola un abbraccio

Post n°4429 pubblicato il 30 Dicembre 2010 da biramar

amica

 
 
 

cucciola un felicissimo buon natale bacioni

Post n°4428 pubblicato il 24 Dicembre 2010 da aquilasplendente1

amica

 
 
 
Successivi »
 

 

Animation Image 30620

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
 


stellina dell'amicizia

da Paolo U.22

 

FACEBOOK

 
 

MIO NOME

 

Ciao


 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

volaminelcuore6gersy1schnelldglfatenzaghdoudirommel957fan.tizianacioccolata_apcorgiancaAndylee0curiosone_vritualegabriella.biolicrazybiker83orodiego2013semplicementeio130midewe
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
Citazioni nei Blog Amici: 53
 

ULTIMI COMMENTI

grazie!
Inviato da: café
il 05/04/2014 alle 11:24
 
Grazie!
Inviato da: Peluche
il 06/03/2014 alle 16:05
 
Grazie!
Inviato da: Bibliothèque
il 23/08/2013 alle 08:49
 
Baunotte e bausogni d'olo. Billyno e Lizzy
Inviato da: unblogaquattrozampe
il 18/04/2012 alle 21:56
 
buon compleanno e augirissimi.. messaggeria piena
Inviato da: ninograg1
il 26/03/2012 alle 22:22
 
 

 

 

Animation Image 78083

 

Animation Image 115180

 Animation Image 243389

 

 

 

SCRITTAA

LE IMMAGINI INSERITE IN QUESTO BLOG SONO DI PROPRIETà DI CHI LE HA CREATE..IO NE FACCIO SOLO USO