Creato da viscontina17 il 30/06/2012

Bisbigli d'onde

dolci richiami d'essenze

 

NAUTICA :THE ITALIAN SEA GROUP PARTNERSHIP PER YATC CINA

Post n°532 pubblicato il 21 Gennaio 2022 da viscontina17

 MARINA DI CARRARA (MASSA CARRARA), 06 DIC - Partnership nel mondo della nautica di lusso tra The Italian Sea Group e Camper & Nicholsons International, per la commercializzazione dei motor yacht Admiral e Tecnomar in Cina e Hong Kong.

L'accordo, effettivo da Novembre, ha l'obiettivo di incrementare la visibilità e promuovere le vendite dei due brand del gruppo di Marina di Carrara (Massa Carrara).

"Siamo estremamente orgogliosi di questa collaborazione con un partner importante come Camper & Nicholsons - commenta Giuseppe Taranto, vicepresident e chief commercial officer di The Italian Sea Group -. Siamo certi che sarà una partnership sinergica che ci permetterà di espandere il nostro mercato e raggiungere risultati positivi anche nelle regioni di Cina e Hong Kong". "Non vediamo l'ora di iniziare a lavorare con The Italian Sea Group in questa partnership che si svilupperà tra Cina e Hong Kong - commenta Paolo Casani, ceo di Camper & Nicholsons -. The Italian Sea Group, azienda riconosciuta a livello internazionale, è uno dei player più importanti nel mercato degli yacht di lusso. Siamo entusiasti di lavorare al loro fianco". (ANSA).

 
 
 

CROCIERE NUOVO RINVIO PER LA CONSEGNA DELLA COSTA SMERALDA

Post n°531 pubblicato il 15 Gennaio 2022 da viscontina17

Costa Crociere ha ricevuto comunicazione da parte del cantiere finlandese Meyer di Turku di un ulteriore ritardo nella costruzione della sua nuova ammiraglia Costa Smeralda. E' il secondo ritardo dopo quello comunicato il 16 settembre. Il cantiere giustifica questi inconvenienti, secondo quanto appreso, con la complessità del progetto da un punto di vista tecnologico e per le dimensioni della nave. Costa Smeralda è la prima nave della flotta Costa totalmente alimentata a gas naturale liquefatto (Lng) il combustibile fossile più pulito al mondo. E' una nave lunga 337 metri e larga 42, di 182.700 tonnellate e può ospitare 6.518 passeggeri. A seguito di questo ritardo, la prima crociera di Costa Smeralda partirà da Savona il 21 dicembre 2019. L'itinerario, che si ripeterà sino al 16 maggio 2020, rimane invariato: Savona (sabato), Marsiglia (domenica), Barcellona (lunedì), Palma di Maiorca (martedì), Civitavecchia (giovedì) e La Spezia (venerdì). "Costa Crociere è sinceramente dispiaciuta per quanto accaduto e sta provvedendo a informare le agenzie di viaggio e gli ospiti prenotati sulle crociere di Costa Smeralda dal 30 novembre al 20 dicembre 2019, che non potranno più essere effettuate", afferma la compagnia in una nota.

Il battesimo di Costa Smeralda era previsto originariamente il 3 novembre a Savona, con la prima crociera ufficiale in partenza dalla stessa città il giorno seguente. Prima ci sarebbe stata una 'crociera di posizionamento' da Amburgo a Savona, il 20 ottobre. Il primo slittamento della consegna della nave aveva fatto spostare al 30 novembre la crociera inaugurale.(ANSA).

 
 
 

Porti autorita' sardegna appovato il bilancio per il 2022

Post n°530 pubblicato il 09 Gennaio 2022 da viscontina17

Un sistema capace di generare un valore di oltre 150 milioni di euro in un anno, 100 dei quali per investimenti infrastrutturali nei sette porti di competenza.

Sono le stime del bilancio di previsione 2020 approvato a Cagliari dal Comitato di Gestione dell'AdSP del Mare di Sardegna.

Positive le stime di entrata per il 2020, pari a 50 milioni, soprattutto tasse portuali e canoni demaniali. Una crescita che, in base alle previsioni, proseguirà con segno più anche nei prossimi 12 mesi, confermando l'AdSP in testa alla movimentazione passeggeri a livello nazionale. Così come si annunciano positivi i segnali del mercato crocieristico che conferma ricadute consistenti sulla destinazione Sardegna.

Unitamente al Bilancio di previsione 2020, il Comitato di gestione ha approvato anche il programma triennale delle opere portuali (2020 - 2022), che prevede una spesa di 117 milioni e mezzo di euro, 64 milioni dei quali per il solo 2020. Tra i punti all'ordine del giorno della seduta deliberato anche il rilascio del parere favorevole, che verrà acquisito nella conferenza di servizi indetta dal MISE, a favore della realizzazione, nel Porto Canale, di un deposito di Gas Naturale Liquefatto realizzato dalla ISGAS Energit Multiutilities S.P.A.

"Un bilancio - spiega Massimo Deiana, presidente dell'AdSP del Mare di Sardegna - che segna una maturità contabile per il nostro ente. La previsione, sostenuta da dati di traffico positivi e da entrate costanti sui canoni conferisce la giusta stabilità al bilancio che, sono certo, con la gara internazionale per l'individuazione del nuovo concessionario del Porto Canale, verrà adeguatamente rinforzata, grazie ai nuovi introiti che deriveranno da canoni e tasse di ancoraggio, così come si riveleranno strategici gli investimenti sui depositi di Gnl a Cagliari ed Oristano". (ANSA).

 

 
 
 

Msc ha preso in consegna nuova ammiraglia 'Grandiosa'

Post n°529 pubblicato il 03 Gennaio 2022 da viscontina17

 

Msc Crociere ha preso in consegna  'Msc Grandiosa', nuova nave realizzata da Chantiers de l'Atlantique, società tra i leader mondiali nella costruzione navale. La cerimonia di consegna della nuova ammiraglia di Msc Crociere, una delle più avanzate dal punto di vista ambientale, si è svolta alla presenza di Gianluigi Aponte, presidente del gruppo Msc. Il presidente Esecutivo di Msc Cruises, Pierfrancesco Vago ha preso parte ad un altro importante evento: il tradizionale taglio della lamiera e l'annuncio del nome della prima nave della classe World Class che si chiamerà Msc Europa.

Si tratta della prima di cinque navi da crociera alimentate a Gnl in ordine e la prima nave a Gnl ad essere costruita in Francia. I due eventi segnano un altro importante passo in avanti nel costante impegno di Msc Crociere per la tutela ambientale sia in mare che a terra. Pierfrancesco Vago, Presidente Esecutivo di MSC Cruises, ha dichiarato: “MSC Crociere ha assunto fin dall'inizio un forte impegno per ridurre al minimo il nostro impatto ambientale sia in mare che a terra grazie all'utilizzo di soluzioni innovative e ad efficaci tecnologie di cui sono dotate le nostre navi. Con ogni nuova nave miglioriamo sempre più le prestazioni ambientali, e l’obiettivo finale è quello di avere una flotta ad impatto zero. Con MSC Grandiosa compiremo un altro passo in avanti in questo importante percorso”.

MSC Grandiosa è la nave di MSC Crociere più avanzata dal punto di vista ambientale e testimonia l'impegno profuso dalla Compagnia per proteggere i mari e rispettare le comunità con cui collabora. La nave è equipaggiata con tecnologie d'avanguardia e orientate a ridurre le emissioni e migliorare le prestazioni ambientali complessive sia in mare che a terra.

Oltre a un sistema di pulizia ibrida dei gas di scarico a circuito chiuso (EGCS) che riduce le emissioni di zolfo delle navi del 97%, MSC Grandiosa sarà anche la prima nave di MSC Crociere a disporre di un sistema di riduzione catalitica selettiva (SCR) che aiuta a ridurre l'ossido di azoto dell’80 per cento. Tutte le altre navi MSC Crociere attualmente in costruzione presenteranno la tecnologia SCR, inclusa la nave gemella di MSC Grandiosa, MSC Virtuosa, che entrerà in servizio nell'ottobre 2020, nonché MSC Seashore, attualmente in costruzione in un altro cantiere navale. Questa tecnologia di controllo attivo delle emissioni filtra l'ossido di azoto prodotto dal motore attraverso un catalizzatore - un dispositivo ad alta densità realizzato con metalli nobili - convertendolo in azoto innocuo e acqua.(ansa)

 

 
 
 

PESCA PETIZIONE ON LINE PER MORATORIA RICCI DI MARE

Post n°528 pubblicato il 27 Dicembre 2021 da viscontina17

 

CAGLIARI, 2 NOV - Dopo gli appelli dei comitati spontanei e lo stop di alcuni ristoratori, la battaglia contro la pesca del riccio di mare in Sardegna sbarca su internet con una petizione on line sulla piattaforma charge.org per chiedere ai ministri delle Politiche agricole e dell'Ambiente e all'assessore regionale dell'agricoltura una moratoria di tre anni, monitoraggi marini e provvedimenti di sostegno ai pescatori temporaneamente impossibilitati alla pesca. "Il riccio di mare (Paracentrotus lividus) è in via di rapida rarefazione, in particolare nei mari sardi a causa del pesante prelievo a fini gastronomici, tant'è che sempre più ristoratori, giustamente, li escludono dai propri menù - sostiene Stefano Deliperi del Gruppo di intervento giuridico - Imperversa, poi, il prelievo abusivo e non si contano i sequestri da parte delle Forze dell'ordine. Sono ancora allo stadio sperimentale gli allevamenti, ma la situazione è davvero grave e necessita forti misure di salvaguardia".Sul banco degli imputati, per gli ambientalisti, c'è la Regione: "Infatti, l'attuale assessora regionale dell'agricoltura Gabriella Murgia, con il proprio decreto del 24 ottobre, autorizza la raccolta di 2 mila ricci al giorno per ogni pescatore professionista dall'1 novembre fino al 15 aprile 2020, incurante delle richieste di moratoria provenienti da più parti, fra cui le amministrazioni comunali di Sant'Antioco, Calasetta, Portoscuso. Eppure riconosce che le popolazioni del riccio presenti nei mari della Sardegna sono in 'forte sofferenza".

Secondo i calcoli del Grig, "ai soli 182 pescatori professionali subacquei (dati 2018) sarebbe consentito raccogliere ben 364.000 ricci al giorno, cioè 2.184.000 alla settimana, più di 8.730.000 al mese, quasi 50 milioni nell'intera stagione di pesca. A questi numeri sarebbe necessario sommare quelli derivanti dalla pesca professionale marittima, dalla pesca sportiva/ricreativa e quelli, completamente incontrollabili, derivanti dalla pesca abusiva", concludono gli ambientalisti.(ANSA).

 
 
 

AMBIENTE 18 BALENOTTERE AVVISTATE NEL SANTUARIO

Post n°527 pubblicato il 22 Dicembre 2021 da viscontina17

   

GENOVA, 22 OTT - Durante l'ultimo viaggio di monitoraggio, tra il 19 e il 20 ottobre, a bordo delle navi Gialle della Corsica Sardinia Ferries, sulla tratta Savona-Nizza-Bastia, i ricercatori di Fondazione Cima hanno avvistato 18 balenottere. Numeri, si legge in una nota, che solitamente si registrano in estate nel Santuario Pelagos e in condizioni climatiche ottimali. Per queste ragioni, gli avvistamenti hanno suscitato stupore e nuove considerazioni tra gli studiosi. Si è trattato, in quasi tutti i casi di avvistamenti singoli, tranne uno di gruppo formato da tre individui. "Solitamente ottobre è un mese di avvistamenti 'occasionali' ma nello scorso weekend le balenottere sono state una presenza costante, lungo tutta la traversata - commenta Paola Tepsich - Ricercatrice di Fondazione Cima. Sarà ora importante verificare le condizioni ambientali che portano a questa distribuzione inconsueta". Gli imbarchi dei ricercatori di Fondazione Cima a bordo delle navi di Corsica Sardinia Ferries proseguiranno anche in inverno. (web)

 
 
 

LIGURIA LA PRIMA REGIONE ITALIANA PER BLUE ECONOMY

Post n°526 pubblicato il 18 Dicembre 2021 da viscontina17

   

La Liguria è la prima regione d'Italia per numero di imprese attive nel settore della blue economy. A certificarlo è l'ottavo rapporto nazionale sull'economia del mare redatto da SiCamera - Union Camere Nazionali per la Camera di Commercio di Latina, presentato alla 5° Giornata Nazionale sull'Economia del Mare, rassegna organizzata dalla Camera di Commercio di Latina e dall'Azienda Speciale dell'Economia del Mare, in programma a Formia e Gaeta.

Secondo lo studio, al 31 dicembre 2018 le imprese iscritte nei Registri delle Imprese delle Camere di commercio italiane operanti nell'economia del mare sono oltre 199.000, pari al 3,3% del totale di tutte le imprese italiane. La Liguria risulta essere la prima regione italiana per peso di questo settore, con il 9,4% di tutte le imprese attive legate all'economia del mare.

Seguono la Sardegna col 6% e il Lazio col 5,5%.

A livello nazionale, il settore in cui si concentra il gruppo più numeroso di imprese della blue economy è quello dei servizi di alloggio e ristorazione, strettamente legato al turismo, cui afferisce il 44,5% del totale delle imprese (quasi 89.000). Il secondo settore per incidenza percentuale è quello della filiera ittica, che va dalla pesca alla vendita al consumatore, con il 16,8% 33.549 imprese. Altri due settori che hanno un peso percentuale superiore al 10%, sono quello delle attività sportive e ricreative (15,2%) e la filiera della cantieristica navale (13,6%). Seguono a distanza, per numero di imprese, la movimentazione marittima di merci e persone (5,7%), le attività di ricerca, regolamentazione e tutela ambientale (3,8%) e l'industria delle estrazioni marine, con meno di 500 aziende.

(ANSA).

 
 
 

SLOW FISH AREE MARINE PROTETTE ASSO NELLA MANICA DEL MEDITERRANEO

Post n°525 pubblicato il 13 Dicembre 2021 da viscontina17

Le aree marine protette producono molto più pescato delle aree di pesca normali. Più precisamente il rapporto è di 5 a 1, con un vertiginoso aumento non solo nella quantità, ma anche nella varietà del pescato e nella sostenibilità ambientale. È questa una delle sorprese più significative emerse a Slow Fish, la manifestazione organizzata da Slow Food e Regione Liguria in collaborazione con il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, al Porto Antico di Genova fino a stasera.

Altro che costo per la collettività e vincolo per i residenti, dicono gli studiosi degli ecosistemi: la tendenza positiva è confermata dagli ultimi rapporti del Ministero dell' Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Unioncamere e dai primi risultati del progetto FishMPABlue curato da Federparchi. A fronte di una generale riduzione di finanziamenti pubblici tra il 2011 e il 2013, il valore aggiunto prodotto all'interno delle aree protette è diminuito dello 0,6%, mentre nel resto dell'Italia la variazione negativa è stata tre volte superiore (-1,8%).

L'economia del mare si compone di quasi 180.000 imprese, con una incidenza sul panorama economico nazionale del 3%. Quasi il 29% di queste aziende si concentra nelle aree marine protette, dove il loro peso rispetto al quadro totale raggiunge invece l'8%. Tutti gli studi concordano infatti nell'indicare che per rendere più sostenibile la pesca sia dal punto di vista ambientale ed ecologico che economico e sociale, la condizione necessaria sia una più alta qualità dell'ambiente marino.

Un requisito che obbliga a ripensare le aree protette, i santuari e i parchi sommersi immaginando nuove strutture amministrative e nuove regole di gestione hanno detto gli studiosi a Slow Fish. Le condizioni sono migliorate infatti dove i pescatori hanno potuto dire la loro sulla gestione del mare da cui dipendono da generazioni. Ne ha immediatamente tratto beneficio l'intero ecosistema. Tra gli esempi positivi l'Area Marina Protetta delle Isole Tremiti, le cui 59 imprese costituiscono quasi il 60% di tutto il tessuto imprenditoriale dell'area. (ANSA)

 
 
 

COPPA AMERICA : LUNA ROSSA RILANCIA LA SFIDA A NEW ZEALAND

Post n°524 pubblicato il 08 Dicembre 2021 da viscontina17

 

Lo ha rivelato lo skipper Max Sirena durante la presentazione del libro 'Luna Rossa-La sfida indimenticabile', a Milano. "Abbiamo inviato il 'notice of challenge', che comprende il fascicolo con la documentazione necessaria per formalizzare l'iscrizione all'evento - ha detto il velista -. Adesso Team New Zealand e il Royal New Zealand Yacht Squadron verificheranno la validità dei documenti: se tutto è in regola, la sfida verrà accettata".

Si rinnova, dunque, la sfida fra il team italiano e quello 'kiwi', 'defender' del trofeo conservato vittoriosamente per 7-3 a marzo nella finale disputata proprio contro Luna Rossa ad Auckland. Si tratta della settima sfida di America's Cup nella storia di Luna Rossa, che detiene la Prada Cup, ovvero il trofeo in palio fra gli sfidanti, ma in passato ha vinto anche la Louis Vuitton Cup (denominazione precedente dello stesso trofeo riservato ai challenger). Ancora un volta il guidone di Luna Rossa sarà quello del Circolo della Vela Sicilia di Palermo, con il quale ormai il rapporto è consolidato. Luna Rossa si è iscritta in realtà ieri, ossia nel primo giorno utile per presentare le domande. Proprio come gli svizzeri di Alinghi, presieduti da Ernesto Bertarelli, che il trofeo lo hanno conquistato due volte: nel 2003, sempre ad Auckland, e nel 2007 a Valencia, vedendoselo soffiare dagli statunitensi di Oracle nel 2010, a Valencia.

Al momento sono quattro, dunque, i sindacati iscritti alla prossima edizione dell'America's Cup, in programma nel 2024 in una sede ancora da stabilire: oltre a Team New Zealand, in liza Ineos Britannia (sfidante ufficiale), Alinghi e Luna Rossa.

(ANSA).


 
 
 

LITTLE CAYMAN ISOLE CAYMAN

Post n°523 pubblicato il 04 Dicembre 2021 da viscontina17

 

 È la più piccola tra le isole dell'omonimo arcipelago ed è una vera perla! Sta duramente cercando di resiste alle minacce ambientali causate dal, purtroppo, crescente livello di inquinamento della zona. Un luogo di grande fascino, anche se molto contenuto. All'estremo settentrionale troverete Jackson Point, dove la barriera corallina si abbandona nell'abisso più profondo dopo una caduta di quasi 2000 metri!

 
 
 

ATOLLO DI BIKINI, ISOLE MARSHALL

Post n°522 pubblicato il 29 Novembre 2021 da viscontina17

 

 Si, si: avete capito bene! Intendiamo proprio il teatro dei celebri test atomici. A dispetto di ciò che si possa pensare, flora e fauna sottomarine sono di tutto rispetto. E' una località adatta ai più coraggiosi che fornisce immersioni particolari e uniche. Sui fondali riposano, infatti, i relitti di numerose navi da guerra

 
 
 

I PORTI DEL MEDITERRANEO CRESCONO,L'ITALIA FRENA(-2%)

Post n°521 pubblicato il 24 Novembre 2021 da viscontina17

I porti italiani sono il fanalino di coda del Mediterraneo, con un calo del 2% della quota di mercato, ferma a 10 milioni di Teu, l'unità di misura del container, pari a 40 metri cubi circa, mentre negli altri Paesi che si affacciano su Mare Nostrum i porti hanno guadagnato il 7%. E' quanto è emerso al 5/o Forum di Conftrasporto (Confcommercio), durante il quale è stato presentato il Rapporto Isfort. Se negli ultimi anni l'Italia fosse cresciuta come la Spagna (+5%), secondo la Confederazione dei trasportatori aderenti alla Confcommercio, si sarebbero generati "circa 7.600 posti di lavoro", con un incremento del fatturato di "oltre 2 miliardi di euro" e "775 milioni di valore aggiunto".

A causa delle "disconnessioni tra infrastrutture" e delle "riforme incompiute", secondo Conftrasporto, "dal 2011 al 2018 i volumi di merce nel Canale di Suez sono aumentati del 42%, ma il sistema portuale italiano è cresciuto solo del 2%". Sul fronte dei container, tra il 2005 e il 2017, la crescita del traffico degli scali di tutto il Mediterraneo è stata del 46%, mentre quella del sistema portuale italiano "solo della metà (23%)".

Secondo Conftrasporto "l'Italia non coglie la crescita in atto nei mari, perché è disconnessa al suo interno e verso il resto del mondo". In particolare "la scarsa accessibilità impedisce alle merci di raggiungere rapidamente i luoghi di destinazione e frena quel processo di intermodalità che consentirebbe, con quella dei trasporti, la ripresa economica". A questo si aggiunge una "lentezza ormai cronica nella realizzazione di alcune riforme".

Tra le criticità indicate da Conftrasporto, il mancato decollo delle Zes, le Zone Economiche Speciali. "Mancano ancora gli strumenti di semplificazione per attuarle - è stato detto - e le risorse stanziate sono insufficienti". Poi c'è il dragaggio dei fondali, "indispensabile per consentire il passaggio di navi sempre più grandi, così come avviene nei principali porti europei". Il tutto con una "emergenza climatica all'orizzonte, mentre " tra lentezze, cantieri bloccati e progetti nel limbo, siamo il Paese delle opere incompiute, con questioni in sospeso anche all'interno degli stessi porti". Manca poi lo sportello unico doganale, "atteso da 16 anni " per superare le attuali "68 istanze da trasmettere a 18 amministrazioni diverse per svincolare le merci in import/export". (ANSA). 

 
 
 

ZANZIBAR TANZANIA

Post n°520 pubblicato il 15 Novembre 2021 da viscontina17

 

 

 Un mare celeste con una meravigliosa barriera corallina vi attende. A Zanzibar molti dei migliori siti per immersioni sono ideali per i principianti. Chole Wall e Coral Gardens, a soli 15 metri di profondità, vi stupiranno. Gli altri punti più spettacolari si trovano a 30 metri. Attenzione: non fatevi ingannare! Nonostante la minima difficoltà delle immersioni, le isole della Tanzania regalano esperienze spettacolari anche ai sub più esperti.

 
 
 

SILFRA LAKE,THINGVELLIR NATIONAL PARK ISLAND

Post n°519 pubblicato il 11 Novembre 2021 da viscontina17

Silfra Lake, Thingvellir National Park, Islanda

 

 Le acque di questo lago sono una tappa curiosa, ma interessante. Visibilità ottimale in queste acque cristalline, tanto che dalla superficie si possono vedere le spaccature dovute all'incontro delle due placche continentali. La vicinanza ai geyser fa si che le acque non siano poi così fredde e vi nuotino alcuni pesci. La laguna offre uno spettacolo mozzafiato: un luogo incredibile!

 
 
 

SULAWESI, TRA BORNEO E ISOLE MOLUCCHE

Post n°515 pubblicato il 11 Febbraio 2020 da viscontina17

Sulawesi, tra Borneo e Isole Molucche

 La zona è molto rinomata per la bellezza dei suoi fondali. Il valore di queste acque non si ferma qui: è importantissimo a livello scientifico. Infatti, si trova un ambiente marino ad alta concentrazione di biodiversità. Assolutamente da non perdere è il parco marino di Bunaken, tra i i migliori siti al mondo di questo genere.

 
 
 

Trasporti: Assoarmatori, tagli a marittimi, dazio occulto

Post n°514 pubblicato il 04 Febbraio 2020 da viscontina17

CERNOBBIO (COMO), 21 OTT - Il taglio previsto in finanziaria ai sussidi per i lavoratori marittimi è un "dazio occulto" che si aggiunge "ai dazi derivanti dalle guerre commerciali". Lo ha detto il presidente di Assoarmatori Stefano Messina sottolineando che "ad essere a rischio è una misura adottata vent'anni fa, al pari degli altri paesi europei, che ha rilanciato l'armamento nazionale, facendo raddoppiare il numero di navi battenti bandiera italiana e salvato e rilanciato l'occupazione". "Oggi, in nome di una confusa e maldestra filosofia green - ha aggiunto - si vorrebbero ridurre quei sussidi, fino a cancellarli per imporre agli armatori una svolta ambientalista che in realtà da tempo sollecitiamo noi alle istituzioni". Il settore, ha precisato Messina, "è attualmente impegnato in uno sforzo enorme che vedrà ridurre di ben 7 volte in un'unica soluzione la quantità di zolfo contenuto nei combustibili: dal primo gennaio 2020, infatti, il massimo tenore di zolfo ammesso nei carburanti navali passerà dal 3,5% allo 0,5%”. (ANSA).

 
 
 

MALDIVE

Post n°513 pubblicato il 27 Gennaio 2020 da viscontina17

M A L D I V E

 

 

Più di mille isole circondate da sabbia finissima con atolli ricchi di coloratissima vita submarina della barriera corallina. Da maggio a settembre potrete incontrare le mante, mentre nei pressi degli atolli North Male e South Ari potreste imbattervi in squali e tartarughe marine. Alle Maldive, inoltre, troverete i migliori tour e diving center dell'Oceano Indiano

 
 
 

TORNA A TARANTO LA FIERA DEL MARE

Post n°512 pubblicato il 19 Gennaio 2020 da viscontina17

Torna a Taranto dopo 35 anni la Fiera del Mare, che si terrà al Molo Sant'Eligio dal 17 al 20 ottobre ed è organizzata e sostenuta dalla Regione Puglia, con il patrocinio del Comune di Taranto. Circa 18mila metri quadri espositivi, quattro giornate di eventi, laboratori, cultura e convegni dedicati alla blue economy e alla sostenibilità ambientale. La manifestazione è stata presentata oggi dall'assessore regionale allo Sviluppo Economico Mino Borraccino, dal consigliere regionale Gianni Liviano e dall'assessore comunale Gianni Cataldino. Il calendario di eventi prevede anche un percorso di sviluppo di politiche di Health Innovation, finalizzate a tutelare, nel tempo, il bene salute a vantaggio dell'individuo e nell'interesse della collettività come previsto dal progetto "Apulian Life Style per una Lunga Vita Felice". "Se stiamo insieme - ha sottolineato l'assessore regionale Borraccino - riusciamo a vincere questa battaglia per la diversificazione economica di questa città, della possibilità di valorizzare le eccellenze nell'ottica di un piano strategico per il futuro di Taranto. Noi ci stiamo lavorando. Non era scontato fino a qualche anno fa provare a immaginare un'economia senza la presenza dell'Ilva. Il tema della decarbonizzazione è centrale e si discute a livello nazionale. La Regione Puglia è stata la prima a parlarne". L'area espositiva ospiterà anche convegni dedicati allo "sviluppo competitivo del territorio", passando per lo "sviluppo costiero", stand espositivi legati alla nautica, all'accessoristica di settore, per arrivare al mondo del mare e dei motori e allo sport. Il consigliere regionale Gianni Liviano ha ricordato che la prima Fiera si svolse a Taranto quando si avvertì "l'esigenza di venire fuori dalla monocultura che in quel periodo storico era la cantieristica navale. La Fiera del mare non è l'unica risposta possibile al tentativo di questa città di uscire dalla monocultura della grande industria. La ratio è la costruzione di un futuro diverso (Ansa)

 
 
 

HURGHADA,EGITTO

Post n°511 pubblicato il 10 Gennaio 2020 da viscontina17

 

 Una delle mete predilette per diversi motivi: il fondale è uno dei più belli e lussureggianti del mondo, la limpidezza delle sue acque è leggendaria, raggiungerla è semplice ed economico.
Cosa chiedere di più?

 
 
 

AL VIA ILPREMIO GIORNALISTICO MARE NOSTRUM AWARDS

Post n°510 pubblicato il 01 Gennaio 2020 da viscontina17

GENOVA- E' partita la XIII edizione del premio giornalistico Mare Nostrum Awards, che si propone di promuovere il mar Mediterraneo, via di comunicazione di eccellenza, crocevia di merci, uomini e idee. Il concorso internazionale, bandito dal magazine Mare Nostrum del Gruppo Grimaldi, mette in palio 5 premi per un totale di 50 mila euro e si rivolge a giornalisti professionisti e pubblicisti, autori in generale e fotografi residenti in Italia, Spagna, Grecia, Tunisia e Marocco, che avranno "diffuso e valorizzato" i temi delle autostrade del mare, alternativa al trasporto delle merci su strada e, per quanto riguarda i passeggeri, mezzo di trasporto turistico e culturale. Gli elaborati, dai servii giornalistici ai racconti di viaggio, ai reportage fotografici, pubblicati fra il 15 settembre 2019 e il 15 aprile 2020 dovranno pervenire alla segreteria organizzativa del premio entro il 30 aprile 2020, in formato digitale e cartaceo. Presidente della giuria sarà Bruno Vespa. (ANSA).

 
 
 
Successivi »
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

001

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 39