Creato da marcoaurelio78 il 01/06/2010

IO E LA MIA ESSENZA

Viaggio nei pensieri di una donna ...

 

 

« L'estate di San MartinoLe cose da mettere in valigia »

Che rumore fa la felicitÓ

Post n°931 pubblicato il 19 Settembre 2019 da marcoaurelio78

 

 

Ovunque io mi giri, qualunque dicorso ascolti, ho la netta percezione che sia opinione comune che il raggiungimento della felicità sia sempre legato al perseguimento di uno scopo.

Molto spesso di natura materiale, quindi il fatto di arrivare a possedere una bella casa, quella certa marca di auto, i vestiti, i locali di un certo tipo, i viaggi. In altri casi anche obiettivi di natura più "spirituale", ossia il superamento di nostri limiti che magari consideriamo difetti, l'allontanamento di persone che abbiamo intorno, la fine di situazioni che ci fanno soffrire. E via discorrendo.

A mio avviso è proprio questo tipo di mentalità che ci ha portati ad essere una società di persone fondamentalmente insoddisfatte e sempre alla ricerca di qualcosa che non raggiungiamo mai.

E questo perché, con la mia esperienza di vita, un bel giorno ho realizzato che la felicità non è una meta, bensì un percorso. E' uno stato dell'essere, dell'anima, della parte più interna e nascosta di noi e, come tale, ha il potere di prescindere da qualsiasi evento esterno. Siamo noi che, legando questo stato ad un qualcosa di "esterno" inevitabilmente ne precludiamo il raggiungimento.

Perché, chissà come mai, una volta che abbiamo acquistato la casa che volevamo, dopo un po' ne desideriamo una più grande o messa in un posto diverso. Una volta che abbiamo acquistato quell'auto che tanto ci piaceva, esce un nuovo modello e allora abbiamo desiderio di cambiarla. Una volta che abbiamo fatto un viaggio in un posto ci viene voglia di andare ancora più lontano.

E infatti, guardandomi intorno, vedo una società di persone infelici e che continuamente anelano a qualcosa che cambia in continuazione.

La felicità è ben altro. E' uno stato dell'anima, del nostro mondo interiore. E' un qualcosa che prescinde da tutto e da tutti, e che dipende unicamente dal rapporto che noi abbiamo con noi stessi. Più noi mentiamo a noi stessi, più ci raccontiamo bugie per giustificare le cose della nostra vita che non ci piacciono ed il fatto che non facciamo nulla per cambiarle, più siamo infelici.

E allora la ricetta magica qual'è, mi chiederete voi.

Io non ho di certo tutte le risposte e nemmeno posseggo ricettari segreti.

Credo personalmente però che la strada da percorrere sia quella di cercare di slegare i nostri stati interiori da ciò che sta fuori di noi. Di guardarsi dentro con sincerità ed onestà ed imparare a stare con tutte le parti di noi, anche quelle che ci piacciono di meno. Di imparare a non soffocare ciò che veramente vogliamo e soprattutto ciò che veramente siamo in nome di qualcosa dettato dall'esterno che non abbiamo deciso noi.

E soprattutto di renderci conto che quando stiamo male e quando siamo infelici non è perché non abbiamo raggiunto un obiettivo che ci eravamo prefissati.

E' perché non stiamo ascoltando la nostra vera natura.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

alf.cosmosanalia13Tuttook90PazzoPericolosoCherryslnurse01mattia.101Renato_cemonellaccio19Vince198cassetta2crazy_21_1945mi_piace_sedurreAcquarius.72costel93f
 
Citazioni nei Blog Amici: 109
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova