AccademiArtiGestione

Accademia delle Arti di Gestione

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

 

It's cripto time!

Post n°1381 pubblicato il 23 Dicembre 2017 da accademiartigestione
 
Foto di accademiartigestione

Partendo dal presupposto che stiamo parlando di una nuova era ma allo stesso tempo di una fase ancora pionieristica e come tale densa di rischi, è inevitabile pensare che il 2018 sarà l'anno delle cripto-valute non più come mezzo elitario e per addetti ai lavori ma come fenomeno riguardante masse sempre più estese a livello mondiale . Proprio per questo potenziale globale mai avutosi in passato su nessuna tipologia di "bene",  etichettare le cripto valute come bolla è superficiale e senza un reale fondamento.
I rischi, elevati, restano specie per chi pensa al solo bitcoin (oggetto di nuove strane suddivisioni o fork) ma un portafoglio diversificato come quello da proposto su

https://www.wiamsa.com/cripto-point/

può dare grandi soddisfazioni specie dedicandovi una quota ragionata dei propri risparmi che consenta di continuare a dormire sonni tranquilli.

 
 
 

Rialzerà i tassi la FED?

Post n°1380 pubblicato il 11 Dicembre 2017 da accademiartigestione
 
Foto di accademiartigestione

La colomba Yellen con un colpo di coda risveglierà il falco steso in questi anni di politica monetaria ultra-accomodante per combattere una crisi, superata dal ciclo economico americano, ma sempre latente in ambito bancario mondiale?
Il 12 ed il 13 avremo la risposta : infatti si terrà una importantissima riunione della FED che dovrebbe essere "costretta" dagli ultimi dati economici euforici negli USA (PIL forte e confermato e disoccupazione ai minimi in primis) ad effettuare un rialzo dei tassi  forsanche più significativo del previsto. Certo sarebbe una anomalia comportamentale per la "colomba" Yellen ma, a fine mandato, si sa, spesso i comportamenti tipici dei leader lasciano spazio alle priorità fin lì omesse.
Lasciare al proprio successore una FED praticamente disarmata in termini di manovre sui tassi di interesse, arma ormai tipica per non dire unica nelle fasi di rallentamento o crisi del ciclo economico ( e non solo), non sarebbe una grande eredità per la Presidentessa uscente. Allo stesso tempo sarebbe poi lei a prendersi la responsabilità storica nel caso spuntasse una crisi ravvicinata su cui il suo successore avrebbe ben poche responsabilità e di conseguenza impatto.
Insomma restando ancora passiva si assumerebbe il rischio che eventi ex post il suo incarico possano cancellare l'oggettivo successo del suo mandato condotto con grande prudenza e nel contempo forte impegno a sostenere l'economia USA e non solo.
Liquidare la questione come fa qualche nuovo Solone con l'ipotesi che si andrebbe a combattere la crisi portando i tassi in negativo anche fino a - 5% lo reputo un mero esercizio matematico per menti astratte dalla realtà come talvolta capita a chi trascorre troppo tempo in isolamento per studiare. Nella realtà pedissequa di tutti i giorni se le banche si trovassero costrette ad attivare significativi costi di deposito l'effetto immediato e certo sarebbe una CORSA agli sportelli per riappropriarsi del contante. Esattamente ciò che è stato combattuto con successo in questi anni (eccezioni marginali tipo Cipro a parte)!
Manovre per sostenere l'economia ed uscire dalla crisi  che escluse Italia e paesi del Mediterraneo schiavizzati dall'euro marco esclusi ovviamente hanno ben funzionato nei paesi a sovranità monetaria.
IPOTESI DI SCENARIO:
proviamo comunque a immaginare la reazione dei mercati nei tre casi possibili:
- se la Yellen farà un rialzo normale (0.15/0.3%) i mercati potrebbero gradire e pur in aumento di volatilità proseguire il trend rialzista inanellando e completando il rally natalizio
- se la Yellen non farà nulla i mercati potrebbero gradire e pur in aumento di volatilità proseguire il trend rialzista inanellando e completando il rally natalizio
- se la Yellen farà un rialzo significativo >0.30/0.5%i mercati potrebbero NON gradire e con un forte aumento della volatilità cancellare  il trend rialzista riportando i prezzi ai livelli di diverse settimane /mesi fa.


E' chiaro dunque che nelle prima due ipotesi, che sono anche le più accreditate, la reazione dei mercati potrebbe essere quella descritta ma anche il suo esatto contrario: nel qual caso ci direbbero che succede perché era già tutto scontato nei prezzi e quindi l'inversione era dovuta.
Ecco perché con un fifty/fifty abbiamo preferito evitare il Point of View consueto.

Solo nel terzo caso (rialzo importante) lo scenario ribassista avrebbe davvero oltre l'80% di probabilità di realizzarsi e in questo senso un lunedì con gli ultimi significativi scampoli di mercato toro potrebbe essere un campanello d'allarme da non trascurare...

 

 
 
 

Su o giù

Post n°1379 pubblicato il 07 Dicembre 2017 da accademiartigestione
 
Foto di accademiartigestione

Ci torneremo sopra ma da una prima analisi di View prospettica perchè il 2018 sia ancora un anno Toro è assolutamente indispensabile che prima vi sia un flash crash convinto massimo entro il 20 marzo con  primi target del DAX in area 12200 max 11800 e con gli altri mercati allineati col FIB a perdere un 3/4% in più e i mercati USA a perdere un 4/5 % in meno.

 
 
 

Toro senza...FED

Post n°1378 pubblicato il 27 Ottobre 2017 da accademiartigestione
 
Foto di accademiartigestione

Salvo improbabili tracolli da qui a martedì che vadano a minare il trend i fondo, a novembre avremo nuovi massimi di periodo un po' su tutti listini principali.

Quindi salvo che Trump decida di anticipare i tempi della rimozione della Yellen ai vertici della FED fino all'atteso (per dicembre) aumento dei tassi, scarse sono le probabilità di una inversione decisa del trend.

 
 
 

"Italian zavorra"

Post n°1377 pubblicato il 04 Ottobre 2017 da accademiartigestione
 
Foto di accademiartigestione

Dopo avere fatto da motore per alcune sedute la borsa italiana ha ripreso da ieri il suo ruolo naturale di zavorra sotto il peso di dati macro per nulla in linea con l'ottimismo che cercano di infondere i "bravi" politicanti italici.
Per il momento pare un assestamento non in grado comunque di fermare il trend verso i target che abbiamo per il DAX indicato ieri e che, prossimamente, potrete trovare nell'area riservata del nostro sito www.wiamsa.com anche per altri indici.

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: accademiartigestione
Data di creazione: 22/03/2010
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giampiero.turlettiaccademiartigestionegianlu5972IrrequietaDElemento.Scostanteakradioun_uomo_della_follaCristianiSempicifugadallanimablaisemodestyLolieMiuperpuro_casooscardellestelleadagio.14platef
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom