Creato da animavagante6 il 14/11/2007

Il sognatore

Trattenere nelle mani l'impossibile che vive nella mia mente e plasmarlo per renderlo visibile a chi ancora non sa guardare...

 

 

[...]

Post n°80 pubblicato il 09 Maggio 2010 da animavagante6

...‘Sei un bel viso, non interromperei ma la luce si affievolisce e io voglio che sia solo quella naturale a bagnare la tua pelle.’

‘Semmai ho un bel viso. Io sono tanto altro.’

 

La voce le uscì senza controllo così quelle parole che le scivolarono dalla lingua senza nemmeno  potersi rendere conto del tono acido che le accompagnava. Era il suo modo distante e pacato che lei proprio non sopportava. Per Lui era chiunque, pensava, e questo non le piaceva.

 

 La bellezza non è estranea al nostro essere. Quella fisica può intersecarsi a quella interna diventando una sfera di fibre intrecciate a cui ad ognuna si attribuisce un valore. Avere un bel viso avrebbe fatto si che io valorizzassi minimizzando un dono divino in materia semplicemente terrena. Le tue espressioni dirigono i lineamenti  del volto in un vortice di emozioni e la bellezza risiede in ciò che i tuoi pensieri sussurrano all’anima e viceversa. La sintonia tra il nostro io e il se stessi comporta completezza. E questo vuol dire essere. Tu sei. Ho guardato gli occhi e li ho ascoltati. Mentre in silenzio cantavi infastidita dal mio non parlare.’

...

 
 
 

Memorie

Post n°79 pubblicato il 16 Gennaio 2010 da animavagante6

È nella memoria di echi trascritti dove le mani non possono arrivare che lascio naufragare le mie emozioni impiccate dall’urlo disumano di chi sottopone il proprio io al dolore inconscio e consapevole dell’altro sguardo.

Uno sguardo intravisto. Pensato. Cercato. Senza nome. Né sorriso.

Fuori il buio si accascia sui tetti opprimendo le finestre ed ogni angolo di strada.

E inizia dal cielo, dagli orizzonti, poi dalle fogne.

E io non ho altro che queste mani da scaldare.

 

Quanto ti ho cercato quest’inverno e tu nemmeno lo sai..

 

Lì dove gli alberi non lasciano spazio al sole né ad uno spicchio di colore.

In quei mari inaccessibili al respiro e alla danza delle sirene.

Ho guardato attraverso ogni serratura , oltre le fessure di ogni mura.

Ho arrotolato pavimenti,  aperto sipari di venti.

Mi sono affacciato negli specchi, e creduto fossi dietro le nuvole.

Ho spostato i pensieri e raccolto le fragole.

 

E su quei rami invecchiati che pendenti dondolano i sorrisi che ho nascosto per te.

E scorrono le parole tra i fili d’erba come punti esclamativi.

E libere bolle d’aria che conservano i miei sogni.

 
 
 

09.12.08

Post n°78 pubblicato il 12 Dicembre 2009 da animavagante6

La prima volta che sento l’odore di casa.

La prima volta in cui non mi sono sentito solo tra le mura deserte e silenziose.

La prima volta che ho ascoltato il mio respiro.

E così perderlo all’istante, infangato da un sole timido e dall’assenza di voci.

E’nel riflesso del dorso di una mela che percepisco l’aria immobile e i ricordi che ho negli occhi.

Nelle mani. Tra le dita cianotiche e ruvide che si concedono all’inverno.

E non avrei voluto la luce. Avrei voluto non vedere. Non sapere.

Centinaia e più, molto di più. Forse migliaia. Si, credo ne fossero a migliaia.

O innumerabili.

So che erano. E sono, ancora.

Dio e quella musica.. la stessa di ogni maledetto istante.

Dovrei ignorarla. Dovrei passarle attraverso, romperla. E guardare le note sgretolarsi.

Dovrei imparare a credere in qualcosa. In qualsiasi cosa al di fuori della realtà.

Credere in ciò che non possa essere per nessuno. Credere in ciò che gli altri non sanno. E renderlo mio. Creo e distruggo la mia anima. Continuamente.

E ne rimane ruvida. Crespa. Ispida.

E anche sporca a volte.  Il più delle volte. Sempre.

Cancello la strada su cui poggiano i piedi. Per non lasciare orme.

Segni riconoscibili. E non.

Asfalto di briciole. Pietre sagomate e taglienti che si nascondono sotto le carni.

Sparse ovunque. Ovunque dentro di me. Fuori di me. Sono fuori di me.

Al di là della mia mente. Oltre il mio io. E non mi appartengo più.

 
 
 

_

Post n°76 pubblicato il 16 Novembre 2009 da animavagante6

Verso altri sguardi.

Verso altri nomi. Altre trasparenze.

Impallidisco nel mio sapore.

Impallidisco nell'odore. E sono ciò che è niente.

O forse, tutto il niente.

Maledetti occhi. Avrei voluto stringerli nelle mani.

Premerli perchè non si aprissero.

Invece la notte mi tradisce.

Senza smentirsi la riconosco nella sua ombra.

Ombra inferme. Monca di organi e arti.

Sono gli ami in attesa.

Quelli del soffito sull'uscio che limita l'io e l'essere me.

Penzolano come altalene per consumare l'aria. E poi prendermi.

 
 
 

_

Post n°74 pubblicato il 05 Ottobre 2009 da animavagante6

Scorrono quelle dita impastate di cenere sulle pareti ceree del viso.

Tra i capelli.

Poi il corpo.

Fino a stringere i piedi.

‘Voglio inchiodarti al suolo.’

‘Devo andare. Il vento mi porta via l’ombra.’

‘Inciamperà tra i rami. Quelli secchi.’

‘No. Sarà un aquilone.’

E intanto aspetto ancora di essere sul dorso di Falcor.

 
 
 

 


"Viva La Vida" Coldplay
 


Mare.
Solo per te.

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 27
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariomancino.mFuroreNero.Xanimavagante6scarabeograsso1957lumil_0andrea60088Massimiliano_UdDArcanaFiliaLunamstreet.hassleMITE_ATTACHET_2cuorediselvaggiaAlma_oscuravaleria.gasparinkrypto_night
 

ULTIMI COMMENTI

La mia è sempre tua_
Inviato da: animavagante6
il 26/02/2013 alle 09:01
 
già.non si vola più.senza un ala.
Inviato da: senonfossipigra
il 26/02/2013 alle 00:09
 
Lo so.. ma volte le piace farmi credere il contrario.
Inviato da: animavagante6
il 27/09/2012 alle 22:49
 
No...non è per te...lo sai.
Inviato da: unavocesola
il 27/09/2012 alle 00:47
 
"Ogni volta arrivi mi chiedo sempre se torni per...
Inviato da: unavocesola
il 27/09/2012 alle 00:47
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
PREMIO BRILLANTE


RICEVUTO DA : legamidacqua. GRAZIE...la mia anima si inchina...
 

A TE...

Dicitencello vuje
Dicitencello a 'sta cumpagna vosta
Ch'aggio perduto 'o suonno e 'a fantasia...
ch''a penzo sempe,
ch'è tutt''a vita mia...
I' nce 'o vvulesse dicere,
ma nun ce 'o ssaccio dí...
'A voglio bene...
'A voglio bene assaje!
Dicitencello vuje
ca nun mm''a scordo maje.
E' na passione,
cchiù forte 'e na catena,
ca mme turmenta ll'anema...
e nun mme fa campá!...
Dicitencello ch'è na rosa 'e maggio,
ch'è assaje cchiù bella 'e na jurnata 'e sole...
Da 'a vocca soja,
cchiù fresca d''e vviole,
i' giá vulesse sèntere
ch'è 'nnammurata 'e me!
'A voglio bene...
'A voglio bene assaje!
Dicitencello vuje
ca nun mm''a scordo maje.
E' na passione,
cchiù forte 'e na catena,
ca mme turmenta ll'anema...
e nun mme fa campá!...
Na lácrema lucente v'è caduta...
dicíteme nu poco: a che penzate?!
Cu st'uocchie doce,
vuje sola mme guardate...
Levámmoce 'sta maschera,
dicimmo 'a veritá...
Te voglio bene...
Te voglio bene assaje...
Si' tu chesta catena
ca nun se spezza maje!
Suonno gentile,
suspiro mio carnale...
Te cerco comm'a ll'aria:
Te voglio pe' campá!...