Creato da Artemide_7 il 01/07/2006

PlasticDoll

Una bambola di plastica...non aspettarti altro.Non troverai emozioni,solo una vita fatta a strisce ed un passato che brucia fino a far male.Se entri qui per giudicare e sputare sentenze inizia a tagliarti la lingua...Io non ti piacerò,ed è ciò che voglio.

 

 

« Passi di gitana[Mors tua vita mea] »

Ri[vivendo]

Post n°489 pubblicato il 27 Agosto 2009 da Artemide_7

Ore 1:10 ...il telefono squilla,stavo sognando un ago in una vena,mi alzo,rispondo...non è nessuno.

...ore 2:00...il telefono continua a squillare...rispondo,non si avverte alcun rumore.

Lascio il telefono fuori posto.Il sonno mi prende con se.

 

Ore 9:30,il mio cuore sussulta.So chi è...lo sento nelle vene.

r:  "V";

v.  "R.,sei tu?"

r:  "Sì,come stai?"

v. "Ti sembra il caso di chiamare a notte fonda?E poi che senso ha chiamare e mettere giù?"

r:   "Sono tornato due giorni fa.Avevo l'ansia di sentirti...Lo so,ho sbagliato,stanotte";

v: "Sì,hai sbagliato...come sempre.Dove sei?"

r: "A casa...sono tornato per un po',per vedere come va.Ho capito tante cose dall'esperienza che ho vissuto.Ero arrivato ad un punto di non ritorno...pensavo a te,alla mia famiglia,a tutto il resto...e stavo male.Mi farebbe piacere sentirti ogni tanto,amichevolmente..."

v: "Io ti chiedo di aiutare me,questa volta.Non chiamarmi più...sto ricostruendo la mia vita,sto guarendo...e la tua presenza non mi farebbe bene.Lasciami vivere la mia vita,per favore"

r: "Se è questo che vuoi io lo farò,non sono nessuno per negarti la libertà.Tempo fa ti ho detto che non ti avrei chiamata più...oggi l'ho fatto,ma sarà l'ultima volta.Se mai ti chiamerò vorrà dire che non sono cambiato,che sono r. di sempre.Non è così.Tu sei piccininna e puoi ricostruirti una vita.Non ti manca niente,sei bella...troverai un uomo che ti amerà e ti rispetterà.Io non ho saputo giocare l'opportunità che tu mi avevi dato,ciò che mi fa male dentro è il sapere di averti fatto del male,di averti fatto soffrire...non ero io,non ero io...No,ti prego...non piangere...."

v: "Stai bene,r...vivi la tua vita.Non cercarmi più"

r "Va bene,ciao v."

v: "ciao"

 

[Paura di rivivere un incubo]

Commenti al Post:
Violetta_7
Violetta_7 il 27/08/09 alle 21:45 via WEB
Solo tagliando i rami secchi e malati la pianta riuscirà a ricrescere verde e rigogliosa, con tante nuove foglie che rappresentano speranze. E' difficile, tanto difficile, ma sei ancora in tempo per non farla morire, questa pianta.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
gianni il 29/08/09 alle 23:24 via WEB
Mi chiedo se non stia sbagliando a dare consigli sulla base della mia educazione, del mio modo di essere, della mia età. Sono certo che amore e odio non significano indifferenza. Ma solo un modo alterno di vedere una persona che comunque è stata importante in una fase della tua vita. Tutto ciò di cui si beneficia ha un prezzo. Ci sentiamo traditi quando ci accorgiamo che il prezzo era troppo elevato… Così per te ora. Stai serena, te lo ripeto spesso. Hai degli obiettivi da raggiungere, tutti importanti. Ne abbiamo già parlato e continuo a battere su questo argomento. Prima gli impegni, semina, poi goditi i frutti e non avere timore, non aver paura delle ombre perché tali sono, ombre…
 
 
Artemide_7
Artemide_7 il 30/08/09 alle 11:58 via WEB
E' vero,ho amato r...tu sai quanto,ho fatto cose che non mi sarei mai sognata di fare,per il solo amore,per la voglia di credere in qualcosa che non poteva esistere. Sai qual è stato il prezzo che ho pagato,troppo alto...per qualunque persona,ed ho rinunciato.Ho tagliato volontariamente ogni legame...ho cercato di cancellare i ricordi... ...ma ciò che provo oggi,dopo questa telefonata,sai cos'è?Tristezza,infinita tristezza...per me,per lui...Nonostante tutto non riesco ad odiarlo,avrei mille motivi per farlo ma non ci riesco.Il mio unico desiderio è di vivere la mia vita lontana dalla sua.Non vorrei avere mai più sue notizie,ne vederlo,ne sentirlo...ma non gli auguro alcun male.Come hai detto tu è stato importante e per quanto possa essere stato alto il prezzo che ho pagato ,ad oggi, non rinnego niente... [Adesso v. vuole vivere la sua vita senza queste ombre...non chiede altro]
 
   
phedre_1956
phedre_1956 il 30/08/09 alle 19:15 via WEB
Adesso sai cosa è il paradiso e cosa è l’inferno. Ciò significa che il paradiso può diventare un inferno. So che può succedere… sono certo che mi capisci. Sei una bambina, nel senso più affettuoso del termine e sei piena di buoni sentimenti. Ti conosco da troppo tempo e non mi sono mai sbagliato e non mi sbaglio. So che nel tuo cuore c’è il sogno delle brave ragazze di oggi. Credimi, siete in poche. Romantiche quanto basta, casiniste e sognatrici, sempre in mezzo ai guai... Hai superato una prova terribile: la delusione per una fiducia mal risposta, per un sogno che non si è avverato. Mi rendo conto che stai guarendo, forse lo sei già. Adesso vivi la tua età, con i sogni, i progetti, gli amici, lo studio e l’impegno quotidiano perché, credimi, puoi contare solo su di te. Non puoi non essere libera nelle scelte della vita. L’indipendenza economica è tutto e le decisioni importanti non devono e non possono dipendere dalla sua mancanza. Perdonami se batto sempre sullo stesso tasto, ogni volta ed in ogni occasione ma so di che parlo.Ti abbraccio
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

Quante persone,oggi,hanno sbirciato sotto la mia gonna da gitana?

Free website counter

 

AREA PERSONALE

 
immagine
 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Artemide_7
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 32
Prov: EE
 

TAG

 

CIO CHE MI APPARTIENE

ARTE...ARTE...

Versi aurei

L'arte non vuole lacrime e non transige,
ecco in due parole la mia poetica: è fatta
di grande disprezzo per l'uomo e di lotte
contro l'amore stridulo e la stupida noia.

So che bisogna penare per ascender la vetta
e la salita è ripida a guardarla dal basso.
Lo so, e so anche che molti poeti
hanno spalle troppo strette o polmoni fiacchi.

Così sono grandi coloro che, a dispetto dell'invidia,
avendo vinto la vita nell'aspra battaglia
ed ormai liberi dal giogo delle passioni,

mentre come un albero vegeta il sognatore
e si agitano - lamentoso ammasso - le nazioni,
si raccolgono in un egoismo di marmo.


[1866.]

PAUL VERLAINE