Creato da Artemide_7 il 01/07/2006

PlasticDoll

Una bambola di plastica...non aspettarti altro.Non troverai emozioni,solo una vita fatta a strisce ed un passato che brucia fino a far male.Se entri qui per giudicare e sputare sentenze inizia a tagliarti la lingua...Io non ti piacerò,ed è ciò che voglio.

 

 

« Ri[vivendo]- »

[Mors tua vita mea]

Post n°490 pubblicato il 12 Settembre 2009 da Artemide_7

[Voglia di libertà]


Perché annuso l'aria ed il profumo di terra invade i miei polmoni ed il caldo opprime i miei gesti.

Perché come un ragno infittisco i fili di cristallo della mia ragnatela,tessendoli di pensieri e parole.

Perché da quando non ci sei,tutto ha un nuovo senso...ed ogni cosa è bella ed ha un valore inestimabile.

Perché se ci penso quando ero bambina avevo dei sogni e adesso sto correndo fino a perdere il fiato per riprenderli tutto.

(E' che mi piace vedermi felice)

Commenti al Post:
Violetta_7
Violetta_7 il 14/09/09 alle 18:14 via WEB
piace anche a me leggerti così.. un bacio piccola
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

 

Quante persone,oggi,hanno sbirciato sotto la mia gonna da gitana?

Free website counter

 

AREA PERSONALE

 
immagine
 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Artemide_7
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 32
Prov: EE
 

TAG

 

CIO CHE MI APPARTIENE

ARTE...ARTE...

Versi aurei

L'arte non vuole lacrime e non transige,
ecco in due parole la mia poetica: è fatta
di grande disprezzo per l'uomo e di lotte
contro l'amore stridulo e la stupida noia.

So che bisogna penare per ascender la vetta
e la salita è ripida a guardarla dal basso.
Lo so, e so anche che molti poeti
hanno spalle troppo strette o polmoni fiacchi.

Così sono grandi coloro che, a dispetto dell'invidia,
avendo vinto la vita nell'aspra battaglia
ed ormai liberi dal giogo delle passioni,

mentre come un albero vegeta il sognatore
e si agitano - lamentoso ammasso - le nazioni,
si raccolgono in un egoismo di marmo.


[1866.]

PAUL VERLAINE