Creato da jesusyouaremylife il 21/04/2012

Una gabbia di eroi

riflessioni sulla vita

 

 

MA LASCIAMOLO CANDIDARE....

Post n°13 pubblicato il 14 Dicembre 2012 da jesusyouaremylife
 
Foto di jesusyouaremylife

 

Silvio Berlusconi è vivo. O meglio non è mai morto. Perché se qualcuno pensava realmente che il Cavaliere andasse in pensione, credo proprio che nessuno l’avesse realmente preventivato con certezza. In un paese di commedianti il Berlusca si trova a suo agio come un topo nel formaggio. E da lì un coro di milioni di lamentele che si chiedono il perché di questo insensato gesto… semplice: uno che ha un manipolo di burattini che dicono e pensano quello che lui vuole, uno che non incontra mai un degno avversario da poterlo surclassare e mandare a casa, e soprattutto uno che ha vinto le precedenti elezioni con più del 50% delle preferenze, volete che rinunci alla ghiotta opportunità di riprendere il discorso interrotto e che bene o male dura dal 1994? Facciamo un ragionamento: Berlusca scende in campo nel 1994; in Germania c’è Kolh, in Francia Mitterand, in Inghilterra John Major e in Spagna un certo Gonzalez Marquez. In Italia la novità: la discesa in campo del Cavaliere che non vuole consegnare alla sinistra il paese e che vuole radunare tutte le forze moderate. Poi sappiamo com’è andata… ma ci chiediamo: dove sono ora gli altri? Kolh, classe 1930 (6 più del Cav), non sappiamo, probabilmente in casa di riposo: dopo lo scandalo dei fondi ricevuti per un favore a un canale privato televisivo (ma va? Combinazione!) emerso nel 2003 ma imputabile durante i suoi trascorsi politici, del buon panzer nessuna traccia. En France monsieur Mitterand, classe 1916, ormai a fine del secondo mandato, ha 78 anni (2 in più dell’attuale Silvio…), è malato e sa che non potrà più essere di aiuto alla sua nazione. Morirà nel 1996, poco dopo l’elezione di Chirac (altro da “Chi l’ha visto?”). John Major, inglese, uomo del post Thatchter, classe 1943 (7 meno del Berlusca), onesto primo ministro britannico, fa il suo compitino per 5 anni, perde contro Blair nel 97, appoggia il partito fino al 2001 e poi sparisce… il buon Gonzalez Marquez, classe 1942, esce di scena intorno all’anno 2004 e mannaggia al diavolo se si sente parlare di lui… anzi, se si sente parlare di tutti…. Questi signori, alcuni di loro hanno fatto la storia dell’Europa e del mondo, altri da co-protagonisti, altri da meteore, insomma, sta di fatto che tutti, ma proprio tutti, SONO USCITI DAI COGLIONI! Escluso il buon Silvio, tutto grazie a una mentalità puramente italiana, dove anche un Andreotti fece da segretario della presidenza del consiglio nel 1947, Presidente del consiglio la prima volta nel 1972 e idem nel 1992… Sono quei momenti in cui darei ragione a Renzi a prescindere dalla fede politica…

E ancora: qualcuno di voi conosce gente come Walter Mondale, Michael Dukakis, Bob Dole? No? Semplice, tutti potenziali Presidenti americani, che sono stati battuti rispettivamente Mondale da Reagan nel 1980, Dukakis da Bush padre nel 1988 e Dole da Clinton nel 1996. E come vedete tutti nel dimenticatoio, mai più riproposti, svaniti nel nulla… Qui in Italia chi perde rompe come e più di prima. Allora inutile dare la colpa al Silvio se lui è ancora lì: dobbiamo lasciarlo candidare, lasciarlo dire quello che pensa e invece di rimuginare e lamentarsi dobbiamo solo MANDARLO A CASA. E se lo dico io che sono di centro destra vuol dire che ogni sopportazione è ormai superata. Certo che se vince ancora lui…bhè, allora tutti zitti… se ha i numeri governa lui; per gli altri e per tutti un’altra occasione persa… Au revoir

 

 
 
 

11 settembre

Post n°12 pubblicato il 13 Settembre 2012 da jesusyouaremylife
 
Foto di jesusyouaremylife

 

Undici anni fa la tragedia che tutti conosciamo: quel giorno stavo lavorando e spesso non capivo quelle immagini e soprattutto quel senso di angoscia e impotenza che regnava dentro ognuno. Col passare del tempo la tristezza e l’angoscia hanno lasciato il posto a molte domande, che vanno dal complotto (come ampliamente descritto in molti siti web, a volte sfiorando il grottesco), all’odio interrazziale che non concepisco, al perché di tanta libertà di agire di alcuni elementi e via così. Qualcosa deve essere stato pensato dalle alte sfere del potere: l’economia fiacca non poteva ripartire da sola, serviva una scossa mondiale che rilanciasse o affondasse il tutto e una tragedia di proporzioni immani come questa se non altro avrebbe portato in secondo piano le magagne finanziarie e avrebbe unito tutti contro il “male comune”, rilanciando personaggi molto più farabutti del pur spregevole Osama. Oddio, dire che il Presidente degli Stati Uniti di allora abbia architettato l’attacco è senza dubbio esagerato, ma non si può negare che una buona mano l’hanno data a questi esaltati. Ciò che mi lascia perplesso è comunque dove arriva la follia umana. Ossia, questi signori hanno studiato in America, hanno avuto dei compagni di classe, hanno passato anni della loro vita fianco a fianco di persone come loro e ciascuno di noi ha sicuramente un ricordo di scuola legato a situazioni goliardiche con compagni, prof e via così; come per chi ha fatto il militare, alcune situazioni ridicole e decisamente poco serie saranno perennemente scolpite nella nostra memoria come le classiche “puttanate che si fanno una volta nella vita”…

 

Ecco, questi signori hanno vissuto tutto questo, hanno studiato, si sono arruolati, sono diventati provetti piloti, magari hanno condotto una vita sociale normale in America e a un certo momento hanno ricevuto una telefonata che diceva loro di andare a massacrare le persone che hanno vissuto al loro fianco fino a quel momento, magari loro commilitoni o compagni di scuola e porre fine anche alla loro vita nel nome di quel Dio che, dalle parole “umane” di qualche indegno suo rappresentante, “tutto aveva previsto e da sempre architettava questo per la vita di ognuno di loro”…

Pazzesco. Non trovo altre parole…

C’è solo da augurarsi che nel corso per tecnici nucleari fatto a New York negli anni 90 non ci sia il buon Mohamed, laureatosi a pieni voti ed ora titolare di un posto nella centrale atomica più grande degli States, integerrimo umile lavoratore oriundo arabo-americano, che mai ha sgarrato e mai ha avuto un richiamo o un’assenza, che ad un certo punto una sera gli suona il telefono…

 

 
 
 

SOLITUDINE

Post n°11 pubblicato il 06 Agosto 2012 da jesusyouaremylife
 

Oggi sono triste, scusate...

 

La  solitudine è qualcosa di mio, che nessuno può toccare o vedere. Essa è il mio momento più alto, dove non posso mentire nè bluffare. E sono con colui che mi da sicurezza più di ogni altra cosa al mondo: me stesso. Certo fa uno strano effetto... me stesso...sembra quasi un altro popolo, se non da combattere almeno da ignorare... Eppure ho conosciuto me stesso da qualche anno, l'ho insultato, deriso, umiliato e incoraggiato... l'ho odiato e amato e siamo invecchiati insieme.

 
 
 

Gregari e Pellegrini

Post n°10 pubblicato il 02 Agosto 2012 da jesusyouaremylife
 
Foto di jesusyouaremylife

Olimpiadi che passione! Nel senso della Via Crucis (senza offesa per i credenti). Poiché escludendo la leggenda del fioretto femminile, i nostri favoriti in tutto ci lasciano a un palmo di naso e emergono dal nulla quegli umili gregari, portabandiera di sport che nemmeno si conoscevano, che sfoggiano grinta, classe e regalano emozioni a non finire. E poi tornano nel grigiore generale per altri 4 interminabili anni…mentre le cronache si occupano di gossip riguardanti i cambi di fidanzati, i rimpianti di allenatori deceduti e i mal di pancia di una squadra alla frutta. Lampante è l’esempio del nuoto e della canoa, anzi kayak, come contraltare.

Molmenti si allena sul Brenta, oppure va all’estero, vince e stravince (coppa del mondo, titolo europeo e ora Olimpiade), non fa una parola fuori posto e in battuta chiede in “premio” di uscire con la tennista Pennetta, suo idolo e suo sogno proibito. Capiamoci, la Pennetta è la nostra tennista di punta, qualche bel risultato, ma chiusa da delle extraterrestri nello sport maggiormente selettivo che conosca; il buon Daniele col palmares che si ritrova dovrebbe essere osannato e portato in trionfo, o almeno essere lui un idolo: in realtà è un simpatico ragazzotto che regala e si regala sorrisi e scherza sempre su tutto e tutti. E vince.

Dall’altra parte la star. La Fede nazionale, colei che domina la scena mondiale da un bel po’…fautrice di record del mondo in vasca e in cambio fidanzati. Sì perché dopo la penosa vicenda Marin/Manadou (dove un po’ tutti abbiamo gufato e tifato Pellegrini da bravi italioti*), si è passati allo scontro fratricida Marin/Magnini che ci ha fatto un po’ ricredere sulle capacità perlomeno etimologiche della nuotatrice. Sì, perché Fede non è certo l’abbreviazione di “fedele”…

Morale: squadra a pezzi, allenatore ingiustamente sulla graticola e l’ammaino triste della bandiera bianca, simbolo di resa sportiva e soprattutto morale di una squadra da rifondare.

Poco male: ci sono i Molmenti di gloria, ci sono i tiratori, i canottieri, le immense fiorettiste e qualche buon spadaccino e arciere che ci ricordano che le Olimpiadi sono belle anche per questo e che non c’è niente di assoluto. Solo che i gregari quando vincono sono stupendi. E i campioni si dovrebbero travestire da “pellegrini” e andare a Lourdes, se non altro per ritrovare l’umiltà e la voglia di ricominciare.

P.s.: Luca Marin è un onesto nuotatore con discreti risultati. Ma ha altre capacità: la Manadou era con lui e stravinceva. Arriva la Pellegrini e glielo soffia. Vince e la francese va in caduta libera. Ora l’ha lasciato e perde… due prove fanno un indizio: volete vincere nel nuoto? Fidanzatevi con Marin!!! E tenetevelo stretto!!!

 (*italioti = italiani idioti)

 
 
 

I meno peggio

Post n°9 pubblicato il 02 Agosto 2012 da jesusyouaremylife
 
Foto di jesusyouaremylife

 

Scusate, parlo di una mia vecchia passione, il calcio.

 

Conclusi gli europei di calcio, noto tra gli addetti ai lavori una certa soddisfazione per l’italico risultato, ma anche un minimo di rammarico per il mancato raggiungimento del sogno di fregiarsi del titolo… francamente, lo dico da onesto italiano, sarebbe stato un furto se avessimo vinto l’europeo. In primis per la bravura degli spagnoli. Poi per la pochezza dimostrata da altre squadre, dalle quali noi siamo emersi grazie a una partita super (poveri tedeschi, sempre contro di noi perdono male…) e ad altre prestazioni senza infamia né lode che sottolineano che in Europa il calcio parla spagnolo e nulla più. Noi siamo arrivati secondi, ma una volta tanto esprimo un giudizio sufficiente, classificandoci come i primi degli ultimi, i meno peggio, cioè in caso di ritiro della Spagna, coloro che avrebbero vinto il campionato dei “minori”. Quindi non montiamoci la testa e cominciamo a lavorare per i mondiali, fratelli d’Italia.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

ULTIME VISITE AL BLOG

carla.bossoairblueflymynamesabriarcangel48GiuseppeLivioL2fcilioLilian_HdjesusyouaremylifeJilbertjohnadelfino64mathilda114roberth_milanoalexpix1975margherita.22vioricalung
 

ULTIMI COMMENTI

http://www.onlinecasino.onweb.it
Inviato da: alexpix1975
il 26/07/2014 alle 16:59
 
un buongiorno sereno :)
Inviato da: nelcrepuscolo
il 22/01/2013 alle 12:46
 
direi che sono più che d'accordo...
Inviato da: nelcrepuscolo
il 25/12/2012 alle 22:47
 
dolce sera :)
Inviato da: nelcrepuscolo
il 03/10/2012 alle 18:22
 
mi spiace non riesco a leggere mi si riempiono gli occhi di...
Inviato da: Lagioiasfumata
il 02/10/2012 alle 07:20
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom