Solo Parole

Parole al vento

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

 

« Amore e odioMessaggio #5 »

Perdere L'amore

Post n°4 pubblicato il 23 Giugno 2008 da PietroShakespeare

Anche in una città può nascere l’amore? Con i ritmi frenetici e le ambizioni da realizzare?

A volte si, questo succede in una piccola comunità di volontari, dove due persone a prima vista si piacciono; dire che si innamorano sarebbe troppo, l’amore va coltivato: l’amore è un seme che va messo nel terreno fertile e annaffiato ogni giorno con cura… non troppa acqua ma nemmeno poca, il giusto.

L’amore può essere soggetto al vento della passione o ai tuoni della gente. Il giudizio, quello si che è pericoloso, quello può troncare col tempo anche gli alberi più forti.

Perché chi ha il diritto di dire che una storia è sbagliata o giusta, se non quelli che la storia la vivono?

Gli amori più grandi sono quelli più travagliati, sono sempre messi alla prova, si cerca di ucciderli sul nascere con i diserbanti… a volte l’amore pende più su una persona che sull’altra e, allora il rapporto entra in crisi.

Ma si deve lottare per conservare quello che c’è o che c’è stato? L’amore può finire o mai nascere?

Ci si può guardare con indifferenza? Ci si può ferire in continuazione per mostrare di stare bene?

A volte tutto passa in un giorno, a volte in anni, a volte mai.

Ma alla fine che vuol dire amare? Forse vuol dire sentire(nel senso alto del termine) l’altra persona, voler capire i suoi comportamenti, farlo stare bene senza rinunciare alla propria vita, vederlo nei luoghi della propria vita, con i nostri amici, parenti…

Perché senza amare non ha senso morire e senza morire non ha senso vivere.

Questo amore con molti ostacoli è durato sette mesi, ora le due persone hanno preso strade diverse, ma si sa a volte l’amore fa dei giri immensi e poi ritornano, oppure annega nel mare dell’incomprensione.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Battitidelcuore/trackback.php?msg=4943356

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: PietroShakespeare
Data di creazione: 30/05/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

g.amadeofotovivalorenaQuaquaraqua77reviewSonysolGiles2004piumadi1angelosegretidasussurrarestarshine83girasole20071
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AMICO ALBERO

Ti ringrazio amica panchina perché sorreggi il mio corpo stanco,

e tu caro albero, che mi ripari dal sole,

come sei grande, come sei forte e saldo su questa terra,

non ricordo più quando anche io ero come te,

così forte e saldo, imperturbabile,

dal limitato sentire.

Quanta energia mi trasmetti nell’abbracciarti.

Tu non hai a che fare con i sentimenti,

sei troppo giovane,

ma quando sarai uomo,

non sarai così imperturbabile,

ma proverai paure e gioie, sarai amato e amerai.

Perciò non avere fretta di essere uomo,

ma lascia che gli uccellini cantino sui rami,

che la gente di tanto in tanto ti abbracci per sorbire la tua forza.

Un uomo ha bisogno di molta forza per vivere,

quindi sì generoso che un giorno qualcun altro la darà a te.