Creato da brokenrose74 il 08/11/2007

LaVitaOltreILimiti

E se scoprissimo che tutto ciò che ci limita fosse in realtà superabile? Che tutto dipende solo da noi, dalla nostra mente? Saremmo all'altezza di affrontare questa verità...?

 

 

Post N° 12

Post n°12 pubblicato il 03 Dicembre 2007 da brokenrose74

ciao a chi passa di qui. Perdonatemi se non sto piu' scrivendo sul blog, o a voi, ma e' un periodino pieno questo.
Vi mando un grosso grasso abbraccio e buona settimana!

 
 
 

Che emozione !!

Post n°11 pubblicato il 29 Novembre 2007 da brokenrose74

Finalmente posso sedermi a scrivere due righe decenti sull'esperienza meravigliosa che ho vissuto questa domenica.
Lo spettacolo per la regia di Peter Brook, un omaggio reso a Beckett e a quattro suoi pezzi che hanno fatto la storia del teatro. Ogni volta che ho la fortuna di andare a vedere un suo allestimento, mi capita di vivere questa emozione rara e particolare, una gioia calda, la commozione di assistere alla creazione artistica. Se non fosse esistito Brook e l' esperienza del Bouffes du Nord (da lui creata in Francia, alla quale partecipano attori straordinari e sconosciuti al grande pubbico) io non avrei conosciuto l'arte. Dispiace dirlo ma è così. E' importante abbassare la cresta, quando si ama il proprio lavoro. Perchè è nell'umiltà e nella ricerca delle cose semplici che emerge il bello. Il fasto è divertente, per carità, piace anche a me. Ma toglie luce alla creazione e propone frastuono, non melodia.
Conclusa la ramanzina della settimana.
Saluti a chi passa di qui.

 
 
 

Post N° 10

Post n°10 pubblicato il 29 Novembre 2007 da brokenrose74

Bene bene...yawonnn...mi stiracchio...vedo che lì fuori è tutto grigio, il sole ha deciso di nascondersi dietro le nuvole per oggi...ma non fa niente...no no...stamane mi alzo con "so lonely" dei Police nella testa, così la metto su...ecco fatto...il testo non dev'essere granchè divertente, ma la musica mi fa ballare...mi piace il motivo del basso...sono allegra oggi, senza grandi motivi...anzi si , un motivo c'è...ve lo posso confiodare solo in parte...però sssssshh, acqua in bocca! Allora, avvicinatevi...dunque, ieri ho preso coscienza che...hei tu! fatti più vicino, mica posso sgolarmi!!! Allora, ieri ho scoperto che mi sono finalmente sganciata da un a ruota di desideri che non mi portavano da nessuna parte...e che non permettevano al mio talento di crescere, manifestarsi e nutrirsi...una parte di me si era intristita e stava ammalandosi. Ma ieri ho deciso, basta! mi devo affrontare...e l'ho fatto! e sapete che cosa ho scoperto? che abbandonando quella ruota di desideri, che non mi portava palesemente da nessuna parte, ora sono libera di gestire il mio talento per farne quello che voglio, senza vincoli, senza pressioni, solo per il mio piacere, divertimento ed amore!! Per ora non posso svelarvi tutta la vicenda, ma posso solo dirvi che un giorno vi chiamerò a partecipare di questa cosa. Un grosso abbraccio a tutti/e e viva la libertà!!

 
 
 

UN PICCOLO GIOCO DA PROVARE

Post n°9 pubblicato il 23 Novembre 2007 da brokenrose74

Io lo provo spesso, o almeno quando me ne ricordo. Quando siete da soli in fila al supermercato, o seduti alla vostra scrivania dell'uffico, o magari quando state guidando la macchina, o fate la doccia, insomma, quando vi pare (magari ora!) fermate di colpo tutti i vostri pensieri. Poi fate riaffiorare i pensieri che vi ronzano in testa. Che differenza notate? non vi sembra che, fermando di colpo i pensieri, siate come usciti da una scatola trasparente? non vi sembra che la vostra vista acquisti in profondità? che i colori si facciano più nitidi, i rumori più presenti? non vi sembra di respirare meglio e più profondamente? di essere meno agitati? di scoprire il mondo intorno a voi? e quando riaffiorano i pensieri, che vi succede? per caso avete la sensazione che la vista accorci il suo raggio? non vi sembra che agiate automaticamente, mentre la vostra presenza è limitata al perimetro del vostro cranio? e che l'aria si faccia più pesante? e che il respiro s'accorci?
Ripetete questo gioco più volte, una dopo l'altra. E siate "sensoriali", cioè sensibili ai sensi (caldo, freddo, piccoli rumori, gli odori, le superfici dei vostri vestiti)...Annotate le differenze...se vi va.
SMACK

 
 
 

Post N° 8

Post n°8 pubblicato il 20 Novembre 2007 da brokenrose74

 

 
 
 

Sono proprio una simpaticona...

Post n°7 pubblicato il 19 Novembre 2007 da brokenrose74

Ieri sera sono stata ad una conferenza con Alek Shledash, regista teatrale nonchè cugino di Marcel Marceau e nipote di Eisenstein. Come ogni ottantenne teatrante che si rispetti ha intrattenuto il suo pubblico (principalmente composto da ballerini, coreografi, attori e giornalisti) raccontando una serie di aneddoti sulla sua carriera. A un certo punto, dopo ore di interessanti sproloqui (erano le 23 e volevamo tutti andare a mangiarci una pizza...) si rivolge a noi pubblico e ci chiede: vi ricordate chi era il più grande stratega del secolo scorso? e si porta una mano sull'occhio destro per farci intendere che il soggetto in questione portava una benda. E io: Capitan Harlock...

 
 
 

LE FRASI DELLA SETTIMANA CHE MI HANNO FATTO RIFLETTERE

Post n°6 pubblicato il 18 Novembre 2007 da brokenrose74

 
Com'è nobile chi, col cuore triste, vuol cantare ugualmente un canto felice, tra cuori felici (Kahil Gibran)


E' vero che il sesso è una cosa molto personale, ma ogni tanto bisognerebbe anche coinvolgere qualcuno... (Blogger anonima)

 
 
 

GIOVANI

Post n°5 pubblicato il 14 Novembre 2007 da brokenrose74


Ho bisogno di scrivere qualche riga su un argomento che mi sta particolarmente a cuore. Ieri sera guardavo la tv e, purtroppo mi è capitato di soffermarmi su due note trasmissioni giornalistico/scandalistiche da salotto. Parlavano entrambe del caso Meredith, la ragazza uccisa a Perugia. Entrambe le trasmissioni partivano da questo caso per arrivare poi a dipingere la fascia giovanile di oggi come alcova di nuovi "mostri" drogati, violenti, assassini e, dulcis in fundo, bloggers adoratori del diavolo...Ora, perchè mi preme tanto parlare di questo argomento? Ma perchè il mio lavoro mi permette di venire in contatto con il loro mondo sia direttamente (perchè si rivolgono a me) sia indirettamente (magari viene da me il genitore o un parente) e devo dire una cosa: questi giovani sono proprio una bella generazione! sono creativi, si fanno delle domande, si integrano fra culture senza farsi tutti i nostri problemi...certo, sono allo sbando, ma di che ci meravigliamo? questo mondo se lo sono ritrovato impacchettato così, non lo hanno mica creato loro. Se a scuola circola cocaina e altro tipo di droghe pesanti, credete che ce le abbiano fatte arrivare loro? chi è che produce e distribuisce droga? un adolescente? Magari quest'ultimo finisce per spacciarla, ma ci siamo chiesti il perchè lo fa? Possiamo anche risponderci che lo fa per avere i soldi facili, e non sbaglieremmo. Ma ancora, perchè? come è arrivato alla conclusione che è meglio fare i soldi facilmente? dove ha visto l'esempio? La vita raramente la creiamo di sana pianta, il più delle volte agiamo per imitazione, per aver visto fare... la verità è che, come noi adulti, anche i più giovani soffrono del vuoto affettivo caratteristico di questi tempi. Ma loro, al contrario della maggioranza di noi, non hanno ancora gli strumenti per poterlo affrontare. Bisogna andare al di là delle apparenze, soprattutto in questi casi così drammatici.
Voglio infine porre l'attenzione su ciò che per me si sta rivelando una pericolosa tendenza. Proprio ieri un giornalista ha dichiarato, durante una delle due trasmissioni, che negli ultimi anni si è imposta la tendenza a trattare la cronaca nera come se fosse il copione di una di quelle fiction eterne che non finiscono mai, ricche di intrighi, colpi di scena, tradimenti ecc...Questa tendenza l'avevo notata anche io, così come ho notato che se qualche anno fa questo accadeva solo nel periodo estivo, quando parlamento e governo se ne vanno in vacanza e la notizia langue, dal caso di Cogne in poi è una tendenza che si verifica anche nei restanti 3 mesi dell'anno. Ci avete fatto caso? Così la latitanza della politica in Italia viene nascosta sotto il tappeto della cronaca nera, e fatti drammatici, come la crescente precarizzazione della società e le guerre nel mondo, vengono obliate in favore delle vicende scandalistiche che coinvolgono i nostri giovani.
Si, è vero, oggi già a 14 anni si va in discoteca la sera...si fa sesso prima...bevono alcool...ecc ecc. Ma, lo ripeto, non le hanno create loro queste consuetudini. Sono soli, e lo urlano drammaticamente al mondo, anche attraverso gesti sciocchi o drammatici. E i media non solo li attaccano, ma in un certo senso FANNO IN MODO DI COSTRUIRE DELLE VERE E PROPRIE TENDENZE GIOVANILI. Cioè li guidano all'identificazione dei modelli che i media stessi propongono. Ma ve la ricordate la pubblicità di Dolce e Gabbana che inscena uno stupro di gruppo? E di chi è stata l'idea? di un adolescente? Facciamo attenzione, e cerchiamo di ricordarci un pò più del nostro passato e delle nostre fragilità. Creare mostri è la via più facile, quella che ci permette di dire: tanto non è una mia responsabilità.
La comprensione prima di tutto, l'empatia sono gli strumenti che abbiamo per risolvere problemi come questi. Condannare ci metterà solo gli uni contro gli altri. Ci servirà a sfogare le nostre frustrazioni e a rovinare le vite di chi è ancora fragile ed ha bisogno del nostro appoggio e della nostra fiducia.
Cerchiamo di amare un pò di più questi giovani, e a comprendere quanto sia difficile per loro crescere in un paese che non li aiuta ad occupare ruoli di rilievo in una società anziana come la nostra.
Io amo questi giovani, e hanno tutto il mio appoggio.

 
 
 

Post N° 4

Post n°4 pubblicato il 14 Novembre 2007 da brokenrose74


UN BUONDI' A CHI PASSA DI QUI...

 
 
 

Nuova

Post n°3 pubblicato il 11 Novembre 2007 da brokenrose74
Foto di brokenrose74

Una nuova importante consapevolezza sta emergendo in questi giorni, e che mi da finalmente la spiegazione di alcuni miei comportamenti.
A volte ho la forte tendenza ad ironizzare sulle cose, anche su quelle più serie e spirituali. Ci sono volte in cui mi esce la battuta facile, e la risata viene di conseguenza. Ho sempre trovato l'ironia un aspetto fondamentale del saper vivere, e lo penso ancora. Solo che io a volte esagero. Cominciavo a rendermene conto negli ultimi tempi. Ora m'è molto chiaro il motivo di questa mia irresistibile tendenza. Mi si è chiarito questo giovedì sera, quando mi è venuto da ridere a proposito di un canto mantrico. La situazione era piuttosto seriosa (prima cosa che mi stuzzica l'ironia). Per di più questo canto è partito all'improvviso, quando tutti pensavamo che la meditazione fosse finita. Per finire, il canto viene intonato da una voce che mi ricorda quella dei bambini quando mettono su il broncio...insomma, per me c'erano tutti gli ingredienti per una grassa risata! Ma proprio mentre stavo ridendo dentro di me, mi sono accorta che in fondo mi dispiaceva di perdermi quel momento di sacralità in cui tutti erano immersi. In un certo modo me ne stavo distaccando, creavo una sorta di velo tra me e l'esperienza degi altri.
Questo è un atteggiamento cui ricorro spesso, specie in compagnia degli altri...ma non solo..E' come se mi tutelassi, non vivendo l'esperienza dall'interno non vi devo partecipare e quindi, in un certo senso, perdermici. Rimango padrona di me stessa, così credo io. Ma non condivido, e non faccio l'esperienza. In un certo senso, è come un ritrarsi dalla vita, come un non accettare le sue conseguenze. E' non voler soffrire.
Ho voglia di addolcirmi. Di ammorbidirmi. Ho voglia di accettare le conseguenze. So che ricche saranno le scoperte. E le voglio.

 
 
 

Shakti

Post n°2 pubblicato il 10 Novembre 2007 da brokenrose74

 
 
 

Una RosaSpezzata

Post n°1 pubblicato il 09 Novembre 2007 da brokenrose74
 
Foto di brokenrose74


Scrivo questo primo post alla fine di una lunga giornata di lavoro, e sono stanca. Sto ascoltando una canzone che conosco da poco ma che mi emoziona tantissimo. Non vi dirò quale, è parte del mio mistero. Scrivo queste prime note su di me e la chitarra mi da voglia di librarmi in volo sopra le nuvole che tuonano così forti, così belle e sfacciate come non facevano da qualche autunno a questa parte. Vorrei librarmi o forse abbracciare il corpo di una persona da amare, non so, è così simile la sensazione.
Io sono BrokenRose, una RosaSpezzata da un passato che non è stato clemente con lei, ma che vive ancora e che anzi s'è fatta più bella e forte. E' la tenacia della vita, la tenacia dell'evoluzione. Sono una RosaSpezzata, ma poi perchè? è curioso che io continui ad identificarmi con la storia del mio passato. Tuttavia quelle rimangono sempre le mie radici, la loro memoria è impressa nelle mie cellule. Ciò che è il nostro passato è la forza del nostro futuro, sta solo a noi saperne trasformare le potenzialità.
BrokenRose è il titolo di una canzone di un anime giapponese (quanto amo gli anime giapponesi...), Nana. Magari quando riuscirò a capire come si edita un pezzo musicale, la pubblico. Mi ha colpita la storia di quell'anime, parla di affetti, d'amicizia, degli imprevisti della vita.
Vi piacciono gli imprevisti della vita?
Credo che userò le pagine di questo blog come un diario, oppure un luogo dove pubblicare tutte le cose che mi passano per la mente.
Ma vedrete che troverete un tema ricorrente, un tema che è la mia colonna sonora. La ricerca del cambiamento. Il mettermi continuamente in discussione. Lo studio della vita. L'ampliamento della mia coscienza. Voglio liberarmi dai meccanismi che mi limitano, e che rendono la vita unidirezionale. Non sono all'inizio di questo percorso, anzi. Ho iniziato otto anni fa, e da allora non mi sono più fermata. Mi considero una guerriera dell'evoluzione. Non ci tengo a difendere strenuamente idee ed opinioni. Sono cose a cui non credo, cose che ci rimpiccioliscono e non ci fanno conoscere noi stessi e la nostra realtà. Una realtà di gioia. Non è necessario soffrire. Certo, accogliamola la sofferenza, ma poi lasciamola andare. Perchè noi siamo altro. Ed è questo altro che cerco. La vita non è tutta qui. Non è solo questa cosa qui. Questa vita qui graffia ed ti urta contro. Questa vita qui è incosciente e poco illuminata. Ci sono altre vibrazioni, più gentili e sottili. Non sono un Guru, non mi piacciono i Guru. E non sono nemmeno una fan della new age. Sono Francesca. Forse qualcosa di più.
Nella vita ho fatto diversi lavori, alcuni ordinari, altri un pò particolari. Oggi sono riuscita a trovare il coraggio di essere me stessa, e di farmi conoscere per come sono. Ho scelto di fare di una mia pratica la mia professione. Lavoro come pranoterapeuta, e sono felice. Alcuni mi amano per questo. Altri mi guardano con diffidenza. Non si può avere tutto, no? sono già abbastanza fortunata così. Ho la fortuna di avere trovato il coraggio di rivelarmi al mondo per quella che sono, con le mie qualità e i miei difetti.
Amo gli anime Giapponesi. A volte riescono ad essere così profondi, così vicini alla vita...
OM
SHANTI

 
 
 

FARFALLA

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

merlino_del_lagounamamma1rob.raBARI_INFOSTRADAladyliadolceaurora_dglBersekirperlissima3Lo.ScrittorePARADISOMAGICOHyde1951spillancervomotolcercoilcoraggioPierreRoche
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


Li ho visti attraversare l'alba di un'era,


I bambini dagli occhi di sole di un'alba mirabile...

I potenti distruttori delle barriere del mondo...

Gli architetti dell'immortalità...

Corpi colmati di bellezza

Dalla luce dello Spirito,

Che portano la parola magica,

Il fuoco nascosto,

che portano

la coppa dionisiaca

Della gioia...