**TEST**

CLUB BENCHMARKING

Economia, Fisco, Tributi, Ottimizzazione della Gestione aziendale (Benchmarking), Direzione Aziendale. GOOGLE PAGE RANK: 7

 

AREA PERSONALE

 
 

JOHN MAYNARD KEYNES

immagine
 

ULTIMI COMMENTI

Moglie non vede. Conto non duole.
Inviato da: cassetta2
il 21/03/2020 alle 11:57
 
Post 1048 di questo...
Inviato da: fresbe
il 26/02/2020 alle 14:39
 
Il Dicastero dell'Economia dovrebbe essere ricoperto...
Inviato da: fresbe
il 25/02/2020 alle 18:34
 
Industry 4.0: automazione. Big Data ed operatori della...
Inviato da: fresbe
il 25/02/2020 alle 18:32
 
Straparlano di SPREAD divulgando menzogne ed...
Inviato da: fresbe
il 25/02/2020 alle 18:30
 
 

PROCESSO DI BENCHMARKING

immagine
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

STAMPARE MONETA E' LA SOLUZIONE ALLA CRISI!

Post n°1112 pubblicato il 07 Aprile 2020 da fresbe
 
Foto di fresbe

Il governo britannico non ha mai rimborsato il prestito di £ 1.200.000 che ha creato la Banca d'Inghilterra nel 1694. In cambio ha dato ai commercianti che hanno fornito i soldi, il diritto esclusivo di stampare banconote contro questo debito, dando vita alla Banca Centrale e gran parte dell’architettura dietro il sistema finanziario mondiale.

Oggi, poiché i politici promettono di fare "tutto il necessario" per sostenere le loro economie di fronte al coronavirus, le Banche Centrali si trovano ad affrontare inviti per stampare denaro per finanziare direttamente la spesa pubblica. 
In tempi di emergenza, in particolare di guerra, le Banche Centrali hanno spesso consegnato ai governi banconote appena stampate. La lotta contro l'inflazione risultante è stata rinviata a dopo qualsiasi crisi. Nonostante la pandemia, oggi il mondo non è ancora in quella situazione. Non è necessario, per ora, allentare lo “status” di una Banca Centrale indipendente e orientata all'inflazione. Tuttavia, questo tipo di finanziamento monetario, dovrebbe essere uno strumento disponibile per i Governi. Consentire a un governo di autofinanziarsi creando denaro senza limiti, può portare all'iperinflazione. Ma questi rischi possono essere gestibili: il QE dell'ultimo decennio, nonostante le previsioni, non ha portato l'inflazione al di sopra degli obiettivi del 2%. Il denaro pompato nelle economie del mondo ricco è stato accolto dall'aumento della domanda, forse permanente, di risparmi precauzionali. 
Non esiste una chiara distinzione tra QE e finanziamento monetario. I banchieri centrali affermano che gli acquisti di attività nell'ambito del QE sono temporanei, il che significa che il denaro appena creato verrà rimosso un giorno dall'economia. E' difficile legare le mani dei loro successori, che un giorno potrebbero renderli permanenti. 
In entrambi i casi, l'effetto è di ridurre il costo dell'indebitamento pubblico. I recenti programmi di QE, infatti, sembrano diventare permanenti. I banchieri centrali non sono stati in grado di completare un programma molto discusso di "normalizzazione" della politica monetaria tra la crisi finanziaria e il crollo di oggi. Il grafico dei precedenti schemi indica che la Banca del Giappone - che detiene titoli di stato per un valore superiore al 100% del reddito nazionale giapponese - potrebbe non essere mai in grado di svolgere completamente i propri acquisti.
La differenza tra QE e finanziamento monetario diretto è principalmente rappresentata dalla specificazione e definizione: se gli acquisti di attività sono considerati temporanei o permanenti. Ciò è importante: la credibilità e la comunicazione, sono caratteristiche essenziali della Banca Centrale. Un articolo di questa settimana di Andrew Bailey , governatore della Bank of England, ha escluso il finanziamento monetario e potrebbe essere stato in gran parte concepito, per convincere gli investitori internazionali che ci sono poche ragioni per temere di mantenere fondi in sterline. Il Financial Times sta rendendo la lettura di questo testo, libero da leggere per aiutare tutti a rimanere informati. Se le tendenze che limitano l'inflazione vanno al contrario, i banchieri centrali dispongono di strumenti per combattere l'aumento dei prezzi, sia attraverso l'innalzamento dei tassi di interesse sia lo svolgimento del QE. L'attuale crisi potrebbe persino essere deflazionistica e gli obiettivi delle banche centrali sono, ad eccezione della Banca centrale europea, simmetrici nel promettere di contrastare l'inflazione che è al di sotto e al di sopra del loro obiettivo dichiarato. L'ampiezza della recessione odierna implica che anche il finanziamento monetario più diretto, come il cd “Helicopter Money" o la consegna di denaro al pubblico, dovrebbe rimanere un'opzione. Ciò richiederà il coordinamento con funzionari eletti democraticamente, responsabili delle finanze pubbliche. Il dibattito non dovrebbe riguardare se il finanziamento monetario possa avvenire - già nel QE lo è - ma mantenere il processo sotto controllo tramite banche centrali indipendenti.

Financial Times 07/04/2020

 
 
 

IL GIORNO DOPO

Post n°1111 pubblicato il 07 Aprile 2020 da fresbe
 
Foto di fresbe

Sempre con il “cappello in mano” ad attendere un obolo dalla UE, a causa di una scellerata corsa allo annullamento identitario, a favore di un ebete globalismo, figlio di un travisato concetto comunista e clericale, del “siamo tutti uguali”. “Anche la Speme, ultima Dea, fugge i sepolcri; e involve tutte cose l'oblio nella notte”

Sofferenti e depressi aspettiamo la fine della tragedia, con l’uscita di scena dell’arcigna protagonista che ha il volto della morte. Occorre avere coraggio e resilienza perchè il nemico è implacabile, e fa proseliti tra quelli che tra noi non rispettano le norme di sicurezza e salvaguardia. Resta un sentimento antico dai risvolti epici a dare la forza! Si chiama “speranza”.
Nel contempo si dovrà affrontare “the day after”, il dopo quando non sarà automatico il ritorno alla vita come l’abbiamo conosciuta. Resteranno i timori e la diffidenza, generati dal “allontanamento sociale” che ci sta procurando indicibile dolore. I sopravvissuti alla pandemia si troveranno a dover affrontare un altro nemico che si chiama miseria; impossibilità di mantenere la famiglia, rispettare gli impegni assunti per prestiti, affitti, mutui... La lezione che stiamo dolorosamente imparando e che quando “butta male” ognuno tende a coltivare il proprio orticello e diviene meno generoso ed altruista. Moltiplichiamo questo assunto per il territorio Nazionale e si scopre come le Regioni Italiche si stiano “rubando” tra loro mascherine e supporti medici, procedendo in realtà in ordine sparso. In Europa è addirittura peggio con i Paesi del Nord e la Germania che stanno difendendo i loro interessi economici malgrado le “parole di solidarietà” che valgono per quello che sono: dichiarazioni di intenti e nulla più. La falsa Europa Unita sta crollando perchè priva di fondamenta etiche, essendo una Unione Finanziaria e non già una comunione di popoli! L’Italia dovrebbe trasferire alla UE nel 2020, la rispettabile cifra di 140 miliardi di euro, per averne indietro solo una parte come avviene dal 2000 (UE dal 2002 contribuizione... prima) e ci domandiamo a quale pro! Sarebbe auscicabile sospendere ed investire per il bene della Nazione. Potrebbero cacciarci, oppure manderebbero le truppe cammellate per riscuotere? Gli gnomi della finanza stanno perdendo la battaglia mentre noi tutti speriamo ardentemente di vincere la guerra.

 
 
 

LIMITI DEL SISTEMA & FASE DUE

Post n°1110 pubblicato il 03 Aprile 2020 da fresbe
 
Foto di fresbe

Nelle situazioni di crisi emergono a galla i limiti di tutti, organizzazioni, sistemi, alleanze e... persone

L’O.M.S. (Organizzazione Mondiale per la Sanità) ha fornito un apporto criticabile e confuso passando dalla definizione di “intensa influenza stagionale” a pandemia nel arco di un breve periodo. La UE, se ancora fosse servito un esempio chiarificatore, ha mostrato la sua debolezza strutturale, con i Paesi del Nord, scandinavi in testa, ad opporre un muro alle opzioni di salvataggio degli Stati Europei nel Mediterraneo, che sono i maggiormente colpiti dal covid19, e maggiori contribuenti alle esose spese del sistema europeo. La Germania egemone, si sta ancora opponendo ad oggi, giorno tre del mese di Aprile anno 2020, alla emissione dei c.d. EUROBOND o CORONABOND. L’unione persegue interessi di parte, non è mai stata e mai sarà una Unione di Popoli ma solo di organismi finanziari criminali, di multinazionali assassine disposte a tutto pur di lucrare. La bestia senza volto, regge la falce con la destra ed un enorme EURO sulla sinistra. La “pandemia” finanziaria è iniziata nel 2002 con l’ingresso nelle nostre vite della moneta apolide, priva di datore di ultima garanzia, non convertibile neanche in furenti bestemmie, quindi non dobbiamo sorprenderci se nel momento epocale della terza guerra mondiale, la “bestia faccia spallucce”
La B.C.E. (Banca Comune Europea) intanto prosegue nella sua attività non già di controllo ed equilibrio del sistema, ma bensì di turbativa. Gli acquisti massicci dei titoli di debito pubblico tedeschi a dieci anni e la delinquenziale attività di vendita dei titoli di debito pubblico italiani, posti in essere dalle Banche Tedesche in stato eclatante di “default”, condizionano il “dato inutile” dello “spread” alzando il rendimento dei titoli italiani di nuova emissione a dieci anni. In Italia intanto assistiamo alle solite commedie e polemiche politiche. Partendo dal presupposto che il Governo in carica sia assolutamente inadeguato per plateale e manifesta incompetenza dei ministri e del PdC, anche l’opposizione appare per quello che è. Non è sufficiente urlare che il supporto alle partite IVA e famiglie debba essere di 1.000 euro pro capite! Non si tratta di buone intenzioni ma bensì di procedure. Chi di loro abbia chiaro un “sistema attuativo” che risponda alle domande: IN CHE MODO? QUANDO? parli altrimenti taccia e non impesti i social di propaganda senza senso. Intanto l’informazione allineata ed autoreferenziale (telegiornali e quotidiani), che pretenderebbe di essere credibile quando ha perso autorevolezza, ci aggiorna tramite il bollettino di guerra, del numero dei nuovi infettati, dei decessi e delle guarigioni. Il centro del contagio resta la Lombardia con Bergamo e Milano ad essere le città maggiormente colpite. Il sud, per il momento, regge bene preparato al giungere della pandemia, con i Governatori sugli scudi per tempestività negli interventi di chiusura sociale. La FASE DUE, che riguarderà l’intervento di rianimazione dell’Economia, è indispensabile sia panificata in questo momento. Non chiediamo al attuale Ministro, di svolgere un’attività fuori dalle sue capacità, ma di “passare la mano” ad un “gabinetto di guerra” del quale facciano parte i migliori economisti. Alla fine del mese di Aprile si farà il punto e si prenderanno le decisioni giuste, questa è una speranza più che una certezza.
                                                                                AMEN!

 
 
 

LA UE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS

Post n°1109 pubblicato il 30 Marzo 2020 da fresbe
 
Foto di fresbe

Accorgersi solo ora che l’Europa è una artificiosa costruzione extra Nazionale economico-finanziaria, ideata e criminalmente pianificata, solo per favorire la Germania, è da politici traditori della Patria, in evidente mala fede.

L’Europa pensata dai Padri Costituenti era “Unione di Popoli” e di culture, che si poneva l’alto obiettivo del miglioramento della qualità della vita dei cittadini Europei, in un abbraccio virtuale che li rendesse più forti e coesi nelle difficoltà, e non già una scellerata Unione di Banche e di finanza criminale. 
La Germania colpevole di aver scatenato due Guerre Mondiali è stata perdonata troppo rapidamente dal consesso delle Democrazie che vinsero le Guerre. Gli Unni ed i Nazisti non provenivano da Marte e dare la possibilità ai “guerrafondai” di rialzare la testa è stato GRAVISSIMO ERRORE. La UE è il QUARTO REICH e la guerra che ha scatenato non è di tipo convenzionale ma finanziario. Chi controlla la moneta ti possiede! Puoi “legiferare” quanto vuoi ma hai perso in partenza. Anni fa, in modo provocatorio, ipotizzai l’esistenza di una Europa “alternativa” dalla quale fosse esclusa la Germania, per eccesso di posizione dominante ed assoluta mancanza di rispetto delle regole imposte agli altri (fanno “surplus” da sempre senza essere sanzionati...!) ed in particolare all’Italia principale “competitor” industriale. I piccoli “ominidi” di Paesi che si fa fatica ad individuare sulla cartina geografica, incaricati di occupare ruoli economici di primo piano nell’Unione, quali Valdis Dowbroski (Lettonia) e J.C. Juncker (Lussemburgo) ci hanno scassato le “bolas” all’infinito sui vincoli di bilancio. Erano solo due gnomi, due killers senza Stato, senza dignità, senza autonomia: i classici “utili idioti” al soldo del padrone Germanico. Quella è storia ma ci ritroviamo ORA nella situazione di dover affrontare una crisi MONDIALE umanitaria, senza che l’Europa si adoperi in modo concreto. 
I vincoli di bilancio sono comunque saltati e la Commissione UE ha mostrato il suo volto privo di umanità, l’assenza di concretezza, di equilibrio, di utilità... Verrete spazzati via e processati come “criminali di guerra in tempo di pace”. Ursula Gertrud Von der Leyen, nata Albrecht, Presidente della famigerata Commissione Europea dal primo Dicembre dell’anno domini 2019, a nome della Germania prima che dell’UE, ci invita a fare da soli (tipo sono fatti vostri...) e così faremo. Nel contempo lo Stato Canaglia stanzia 550 miliardi di euro contro la minaccia coronavirus, senza autorizzazioni UE di sorta. La strada è tracciata:
1. Emissione di titoli di Debito Pubblico sottoscrivibili “solo” da cittadini Italiani, sotto forma di MINIBOT o CORONABOT (non Bond...)
2. Stampare senza riserve per spegnere l’incendio, perchè come affermato in un mio precedente post, “quando la casa brucia non si contano o risparmiano i litri d’acqua”
3. Ritirare la delegazione dal parlamento Europeo ed annullare immediatamente i trasferimento dei fondi previsti. 
4. Resistere con tutte le nostre forze, perchè dobbiamo essere degni eredi dei Grandi antenati: noi siamo gli Italiani e gli altri... rispetto a noi sono... il nulla assoluto. 
5. Quando finalmente si riuscirà a scorgere la luce alla fine del tunnel, ed avremo sconfitto la pandemia, prepararsi ad un epocale e rivoluzionario “REFERENDUM” per #ItalExit.
6. Sarà quello che gli Italiani democraticamente decideranno e per gli “europeisti” che si fregiano della Legion d’Onore concessa da un Paese straniero, calerà implacabile la punizione del Popolo Sovrano e della Storia. 
                                                                                 AMEN!


 
 
 

LINEA DIRETTA: BYPASS SU BANCHE E SISTEMA FINANZIARIO

Post n°1108 pubblicato il 26 Marzo 2020 da fresbe
 
Foto di fresbe

L’evidenza in questi giorni, in conseguenza dell’attività dei Governi in soccorso all’Economia (imprese – professionisti - famiglie), è che il ruolo/importanza sociale del Sistema Bancario, risulta prossimo allo ZERO!

Sappiamo che le Casse di Risparmio vennero al tempo costituire come Enti Morali, (non a scopo di lucro) come siamo edotti sull’importanza etica che l’imprenditore ha sempre rappresentato. Le prime avevano il compito di finanziare artigianato, iniziative commerciali e famiglie attraverso aperture di conto corrente con scoperti e finanziamenti agevolati. Le altre Banche di interesse Nazionale (I.B.I – Credito Italiano – B.C.I.) o ex Istituti di emissione quali Banco di Napoli e Banco di Sardegna, le Banche Popolari, svolgevano il medesimo compito.
I secondi, gli imprenditori, rappresentavano l’altra faccia della medaglia. Non si trattava semplicemente di persone che lavoravano per arricchimento personale, ma avevano anche il compito sociale di “dare lavoro”, di produrre beni necessari ai cittadini Italiani. L’attività era rivolta “in primis” verso il mercato interno anche se le nostre esportazioni erano allora e rimangono oggi, quasi a “domanda rigida”: ovvero se uno straniero desidera il massimo per quanto riguarda moda, arte, alimentari... è in Italia che dovrà acquistare! Nel momento in cui le Banche hanno cessato di perseguire il “core business”, per mezzo della creazione del “braccio armato operativo” delle Casse di Risparmio (trasformatesi in Fondazioni) ovvero le S.P.A. a scopo di lucro ed implacabili è iniziato un lungo periodo di traccheggio. Con la crisi del 2007 e l’entrata di “deflazione” della “Azienda Italia”, le Banche hanno chiuso i “cordoni” e si sono applicate ai servizi. Ora sono Società di Servizi a tutti gli effetti ed hanno utilità, come dicevo, prossima allo ZERO. Alla fine della “Guerra” faremo i conti, sarà giusto farli e serviranno a poco le concentrazioni per competere con chi? Svolgono attività marginale ed hanno perso smalto ed utilità sociale. Pensiamo alla lunga e costosa crisi di M.P.S. (la più antica Banca del mondo) gestita in modo anomalo e scriteriato, e salvata dallo Stato. 
Il governo italiano, nel Novembre del 2015, decretò inoltre la risoluzione di quattro Banche: Etruria – Marche – Chieti - Ferrara, ponendo costi a carico degli azionisti e degli obbligazionisti subordinati delle banche stesse, salvo poi tornare sui propri passi. E’ suonato il “de profundis” per il Sistema Bancario, per lo sperpero e la loro cattiva gestione. In questo momento storico si sono alzati in volo gli ELICOTTERI dai quali pioveranno carta moneta, creata dal nulla dalla BCE e sarà opportuno che gli Stati Europei ne possano usufruire a zero interessi, attendendo con fiducia il momento del ritorno alla nostra indispensabile Sovranità Monetaria.


 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: fresbe
Data di creazione: 18/10/2005
 

TAG

 

TRILOGIA GALATTICA

immagine
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fresbecannibale3saman.ababydollvita.perezcassetta2natoperamoreVolo_di_porporaantoniofe65xxx_senso_unicomerig2RavvedutiIn2iltuocognatino1val.stefy75
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

LINK PREFERITI

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: fresbe
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 66
Prov: SP
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom