**TEST**
Creato da comitatotecnicoturni il 20/03/2009
Comitato Tecnico Turni Taxi di Roma
 

FACCIAMO PRESENTE CHE IL COMITATO TECNICO TURNI E' SCIOLTO AL 31.12.2012.

FACEBOOK E IL BLOG RIMANGONO APERTI SOLO PER DIVULGARE LE COMUNICAZIONI INERENTI LA TURNAZIONE DECISA DAL COMUNE DI ROMA, IN ATTESA CHE IL COMITATO TECNICO TURNI VENGA RICOSTITUITO NELLA PROSSIMA COMMISSIONE CONSULTIVA

COMITATO TECNICO TURNI
Fax: 0698380688
comitatotecnicoturni@gmail.com
Blog - Facebook - Gruppo Facebook

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

RadioTaxiLiberoaligabriellascattone.massimofulviopantaleonigiorgio_formicolaEdom_onesilvestrotg64orlangiocarola1959taxidriver_2001ale_10_rmFABIO1069massymariamaryo38
 

Area personale

 

Ultimi Commenti


 
jorke88
jorke88 il 22/11/14 alle 09:53 via WEB
Brand sales in fiscal 2011 related to Attractive Bags the Nike brand of Michael Kors Bedford a 4 is as follows. Cole Haan growth of fiscal 2011 Michael Kors Blake , net sales in fiscal 2011 Brand 500 million $ 18 million on $ 1.1 billion Converse 12% 15% 200 000 000 5200 Harley Examine the results on the basis of long-term financial model Nike's long-term financial goals of Michael Kors Chelsea our $ 10,000 14% $ 24,000,000 2% 200.000.000 Umbro, Don Blair, chief financial officer, still in the context of the market for highly variable It was pointed out that it has achieved such a performance Michael Kors Colgate . We focused on to promote a sustainable and profitable growth, and improve the return on capital. The photos can not only share later, the Photo Sync has Michael Kors Cynthia appeared (12/1 U.S. time) yesterday Okoseru dig the meta-data for the Facebook features, photos, Facebook is a maximum of more than manual loading and moving the tagging of friends would probably events. 5 years ago Michael Kors Gia , the tagging of friends led to a rapid growth in Facebook with the impact of narcissism. and if you take notice that someone is tagged in the photo, are likely to see even more photos in the album is high, at the same time to go to the check immediately.

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 10/11/14 alle 20:04 via WEB
Io suggerisco per il bene della nostra categoria e dei cittadini di portare avanti un altro pezzo di liberalizzazione direi 20/30% e faccio la mia proposta: per la Città di Roma ( ma vale per tutte le città ) istituire un gruppo con un turno supplementare, che potrebbe chiamarsi "Radio Taxi Libero" nel senso che i tassisti che vogliono far parte di questo gruppo e turno dovranno avere un autovettura attrezzata ed omologata al trasporto di persone disabili e praticare sconti dal 10% al 50%. Questo gruppo potrà essere chiamato direttamente ed avrà libertà di orario nelle 24 ore, ma non potrà stazionare nelle postazioni taxi e farvi la fila ma potrà prelevare clienti in caso di mancanza di taxi nelle dette postazioni. Questo oltre a migliorare i servizi taxi cittadini servirà anche a tagliare le spese deI Comuni che attualmente adoperano servizi di società private tipo Meditral che opera a Roma con oltre mille pulmini muniti anche di accompagnatore, quando dovrebbero essere i parenti del disabile ad accompagnarli salvo rari casi di persone disabili soli.Poi secondo il mio parere questi pulmini della ditta Meditral infrangono il C.D.S. in quanto per legge gli unici che possono fare il trasporto disabili sono i servizi pubblici non di linea taxi e n.c.c. Cambierei anche la legge quadro n° 21 del 15 gennaio 1992 inserendo l' extraterritorialità libera per chi si adegua a fare parte del gruppo " Radio Taxi Libero " ovvero con autovettura attrezzata per persone disabili e sconti dal 10% al 50%.

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 07/11/14 alle 00:50 via WEB
Caro M5S ti scrivo, come avevo previsto tempo fa, ora i tassinari romani vi hanno portato il conto; dicono abbiamo fatto questo facciamo quest' altro perciò dovete darci qualcosa, dovete sistemare la nostra categoria e eliminare i nostri concorrenti. Non dategli retta anzi mollateli proprio e andate avanti in favore di tutti i cittadini come voi. Io suggerisco per il bene della nostra categoria e dei cittadini di portare avanti un altro pezzo di liberalizzazione direi 20/30% e faccio la mia proposta: per la Città di Roma ( ma vale per tutte le città ) istituire un gruppo con un turno supplementare, che potrebbe chiamarsi "Radio Taxi Libero" nel senso che i tassisti che vogliono far parte di questo gruppo e turno dovranno avere un autovettura attrezzata ed omologata al trasporto di persone disabili e praticare sconti dal 10% al 50%. Questo gruppo potrà essere chiamato direttamente ed avrà libertà di orario nelle 24 ore, ma non potrà stazionare nelle postazioni taxi e farvi la fila ma potrà prelevare clienti in caso di mancanza di taxi nelle dette postazioni. Questo oltre a migliorare i servizi taxi cittadini servirà anche a tagliare le spese deI Comuni che attualmente adoperano servizi di società private tipo Meditral che opera a Roma con oltre mille pulmini muniti anche di accompagnatore, quando dovrebbero essere i parenti del disabile ad accompagnarli salvo rari casi di persone disabili soli.Poi secondo il mio parere questi pulmini della ditta Meditral infrangono il C.D.S. in quanto per legge gli unici che possono fare il trasporto disabili sono i servizi pubblici non di linea taxi e n.c.c. Cambierei anche la legge quadro n° 21 del 15 gennaio 1992 inserendo l' extraterritorialità libera per chi si adegua a fare parte del gruppo " Radio Taxi Libero " ovvero con autovettura attrezzata per persone disabili e sconti dal 10% al 50%.

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 27/04/14 alle 17:20 via WEB
Cari colleghi tassinari, oggi vi parlerò dell' abusivismo. Quello che voi state combattendo per sopperire alla mancanza di lavoro divenuto ormai cronico, ovvero l' abusivismo, è in realtà una vostra malattia psicosomatica, in quanto è creata da voi stessi, da un vostro continuo disservizio territoriale, voi avete abbandonato le periferie di Roma all' abusivismo. Certo se voi, o meglio qualcuno di voi prova a stare in periferia qualche oretta non avrà risultati; perchè ormai la vostra clientela si è organizzata in altro modo, è non basterà un mese e neanche due per recuperarla, ma ci vorrà una vostra presenza costante nel tempo, direi 6 mesi sarebbero sufficienti. Però voglio dirvi anche che voi combattete l' abusivismo in modo direi irrazionale e discriminatorio in quanto il servizio di trasporto disabili e ammalati di varia natura (vedi dializzati) sono un vostro preciso compito che rifiutate di fare e fate finta di niente delegando tacitamente il sindaco e le a.s.l a farlo, che di fatto fanno svolgere un servizio abusivo a società private. Poi non è chiaro cosa volete dai sindaco di Roma, vi faccio un esempio: il sindaco Veltroni, voleva organizzarvi! Vi siete rifiutati ed vete ottenuto 1950 licenze in più. Risultato sindaco Veltroni eliminato. Il sindaco Alemanno, invece vi ha aiutato ; aumento di tariffe, tariffe progressive, cancellazione delle sanzioni o molto dilazionate nel tempo, numero unico come centrale radio a 15 € al mese e tanto altro. Risultato sindaco Alemanno eliminato. Ora c'è il sindaco Marino che vi prende per il sedere assecondandovi nel dare la caccia all'abusivo, quando è lui stesso il primo abusivo (per colpa vostra che rifiutate il trasporto disabili). Anche la squadra vetture (gpit) vi asseconda, ad ogni vostra chiamata interviene, commettendo vari reati, come è successo nel mio caso che ha fatto addirittura un illecito penale ed ultimamente una omissione di atti d' ufficio. Non siete neanche una lobby come si dice, siente semplicemente una categoria allo sbando incapace di organizzarsi in un servizio degno di una città come Roma; siete passati dalla mancanza di offerta (quando c'erano le persone in fila ad aspettare un taxi) alla troppa offerta, adesso siete voi che aspettate i clienti in massa; alla stazione termini 100/200 taxi ore ad aspettare oppure a Fiumicino 300/500 altre ore ad aspettare mentre nelle periferie i clienti si organizzano anche con i taxi abusivi e i n.c.c. di fuori Roma. Per quanto riguarda il mio servizio trasporto disabili a Roma sappiate che sono più regolare del sindaco e di voi stessi che di fatto lo rifiutate. Radio Taxi Libero Renato Pacifico

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 04/04/14 alle 23:20 via WEB
Renato Pacifico ha pubblicato qualcosa sulla bacheca di IGNAZIO MARINO Sindaco Marino Ignazio, La invito a mettersi in regola con le norme del codice della strada e della legge n° 21 del 15 Gennaio 1992 e sospendere nel termine di giorni 15 l' attività di trasporto pubblico non di linea che lei ha affidato alla ditta meditral; in quanto espletata con automezzi non omologati al trasporto pubblico non di linea taxi o n.c.c. oltrechè non essendo stati messi a pubblico concorso per detto servizio di trasporto disabili. Lei pur godendo di ampie facoltà in quanto sindaco di Roma Capitale è tenuto a farlo nei limiti dei regolamenti di settore. La avviso fin da ora che nel termine di 15 giorni se non avrà provveduto partirà una prima denuncia al G.i.t. per poi seguirne altre agli organi competenti ivi compresa la Corte dei Conti. Cordiali Saluti Renato RadioTaxiLibero Pacifico

 
scattone.massimo
scattone.massimo il 26/03/14 alle 11:41 via WEB
ma e' mai possibile che siamo arrivati al 26 marzo, e ancora non sono usciti i nuovi turni ?????? poi quando usciranno, sara' impossibile per chi vuole cambiare un turno di notte, poterlo fare, in quanto questa sostituzione si puo' fare solo di venerdi,e oggi siamo a mercoledi,oltre che una persona potrebbe pure voler pianificare le sue ferie, e i suoi fine settimana, ma tutto questo e'lo specchio dello sfascio della categoria, alla quale gli si puo' fare di tutto, senza che nessuno dica nulla. auspicherei piu' celerita' in queste cose. i turni almeno 20 giorni prima della scadenza, e non all' ultimo giorno. grazie buona giornata a tutti.

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 27/02/14 alle 11:56 via WEB
CAPO II DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONCORSI PUBBLICI ¡¡ Art.3 Requisiti di ammissione alle selezioni e ai concorsi pubblici Per la partecipazione alle selezioni e ai concorsi pubblici, fermi restando i requisiti generali previsti per le assunzioni nelle pubbliche amministrazioni, ¨¨ richiesto il possesso dei seguenti titoli di studio, rilasciati da scuole od istituti statali, parificati o legalmente riconosciuti: CATEGORIA B Diploma di istruzione secondaria di primo grado. Per la partecipazione alle procedure selettive, per la categoria B, posizione economica B1, per la quale ¨¨ richiesto il solo requisito della scuola dell¡¯obbligo, trovano applicazione le disposizioni di cui all¡¯art. 16 della legge 28.02.1987, n.56 e successive modificazioni ed integrazioni. Per l¡¯accesso alla categoria B, posizione economica B3 anzich¨¦ iniziale B1, ¨¨ possibile il reclutamento a seguito di selezione pubblica per titoli ed esami qualora oltre il diploma di istruzione secondaria di primo grado siano previsti requisiti professionali specifici comprovati dal possesso del diploma di qualifica professionale o attestato di qualifica rilasciato ai sensi della legge n.845/78 o titolo equiparabile se rilasciato ai sensi di leggi precedenti. Con riferimento alla specificit¨¤ delle mansioni da svolgere il bando pu¨° prevedere il diploma di istruzione secondaria di I grado pi¨´ diploma di corso professionale specifico o dichiarazioni rilasciate dal datore di lavoro (Enti pubblici o privati, Aziende e P.A.) sulla competenza professionale acquisita durante l¡¯esperienza lavorativa e relativa alla attivit¨¤ da svolgere. Possiede il requisito della scuola dell¡¯obbligo anche chi abbia conseguito la licenza elementare anteriormente al 1962

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 08/02/14 alle 00:15 via WEB
Lettera aperta al sindaco di Roma Ignazio Marino Post n°99 pubblicato il 04 Febbraio 2014 da RenatoPacifico Sindaco Ignazio Marino inizio col dirle che il suo comportamento non è democratico. Sindaco io le sto semplicemente chiedendo di porre fine ad una anomalia che ha creato il suo predecessore Valter Veltroni insieme al suo assessore Mauro Calamante, e neppure il T.a.r ha trovato una soluzione nonostante siano passati quasi dieci anni: T.a.r. che ha fatto si una sentenza che ha dichiarato in parte inammissibile ed in parte l'ha respinta. Una sentenza con motivazioni che dire discutibili è poco, riepilogo brevemente le motivazioni della sentenza: 1) dice che dopo un quarantennio avrei anche potuto prendere la terza media; 2) dice che i comuni hanno ampia facoltà nel fare i concorsi pubblici, nei limiti della legislazione di settore; 3) dice che l'iscrizione al ruolo dei conducenti pubblici non di linea taxi sono atti ad effetti diversi. Le contestazioni alle motivazioni della sentenza del T.a.r. 1) Dopo un quarantennio esiste ancora una legge che equipara la quinta elementare (scuola dell' obbligo) per i nati prima del 1953 alla terza media (scuola dell'obbligo) per i nati dopo il 1953; 2) Le legislazioni di settore dicono che l' iscrizione al ruolo per i conducenti pubblici non di linea taxi è requisito indispensabile per poter ottenere la licenza che comprende i requisiti morali e professionali; 3) L' iscrizione al ruolo dei conducenti pubblici non di linea taxi non può essere un atto ad effetti diversi, visto che per ottenerlo è stato è stato effettuato un esame scritto e orale davanti a una commissione composta da funzionari della Regione Lazio, della Provincia di Roma e dallo stesso Comune di Roma. Ora io a questa sentenza così motivata ho fatto ricorso al Consiglio di Stato, ma è in attesa di fissazione udienza da ormai 26 mesi e ne potrebbero passare non si sa quanti ancora, visto la lentezza è l' incapacità della giustizia Italiana. Praticamente dopo quasi dieci anni dall' inizio di questa vertenza sono ritornato al punto di partenza come nel gioco dell' oca o del monopoli. Una vertenza che era risolvibile solo con il buon senso dei buoni amministratori, utilizzando il principio che se delle persone sono state abilitate a fare un lavoro non possono essere escluse dal relativo concorso, ovvero si possono escludere, ma con l' esame del concorso stesso rendendolo più difficile oppure chiedendo un titolo d' istruzione superiore o una lingua estera da accertare con esami. Per tutto questo le chiedo per l' ennesima volta di volermi assegnare la licenza taxi regolarmente vinta. Distinti saluti Pacifico Renato

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 04/01/14 alle 19:50 via WEB
Risposta vera ad una ipotetica risposta del Sindaco di Roma Capitale Prof. Ignazio Marino signor Sindaco, si è vero il T.a.r. ha respinto il mio ricorso ma è anche vero che le motivazioni sono insufficienti e tutte contestabili, e infatti ho presentato ricorso al Consiglio di Stato da ormai 26 mesi è sono in attesa di fissazione udienza. Ma mi rendo conto che questa udienza, potrebbe esserci ben oltre la mia dipartita. Passo ad una analisi logica delle motivazioni del rigetto del mio ricorso: 1) motivazione T.a.r. : Non si scorgono infatti illegittimità nella richiesta, per il conferimento di licenze taxi a mezzo di procedura selettiva, di un minimo di qualificazione culturale, tanto più se a distanza di oltre un quarantennio dall’istituzione della scuola media unica dell’obbligo. 1) contestazione alla motivazione : A distanza di oltre un quarantennio esistono delle norme che equiparano la quinta elementare alla terza media per i nati prima del 1952; norme che usano ancora oggi le maggiori istituzioni dello stato, come anche il Comune di Roma Capitale per concorsi interni, gli uffici di collocamento, le regioni, le province le camere di commercio dai quali sono stato abilitato a fare il tassista con appositi esami tutti superati. 2) motivazione T.a.r. : Non viene quindi in rilievo, in questa sede, il consolidato principio per cui i soggetti i quali abbiano concluso gli studi elementari prima della riforma debbano considerarsi quali titolari di diploma conclusivo dell’obbligo scolastico, bensì l’altro e consolidato principio per cui le pubbliche amministrazioni godono di ampia discrezionalità nella formulazione dei bandi di concorso e nella richiesta dei requisiti di accesso, nei limiti dell’osservanza della legislazione di settore. 2) contestazione alla motivazione : Il 1° rilievo è come già detto di quella norma che equipara la quinta elementare alla terza media per i nati prima del 1952 usata a tutt' oggi nella maggioranza delle amministrazioni dello Stato; il 2° rilievo è che sono stato abilitato a fare il tassista dalle varie amministrazioni dello Stato con esami vari, tutti superati con la mia quinta elementare è non dovevo essere escluso dal concorso come è stato fatto anche per un' altra ventina di persone; 3° rilievo posso esercitare in Roma Capitale comprando una licenza da un altro tassista alla modica cifra di circa 130mila euro oppure in affitto alla modica cifra di 1000/1300 euro mensili senza che per questo mi venga chiesta la terza media in quanto fa fede l' iscrizione a ruolo che comprende tutti i requisiti siano essi morali che professionali. 3) motivazione T.a.r. : Neppure la contestata previsione della regola di concorso può ritenersi viziata per contraddittorietà con l’iscrizione del ricorrente al ruolo provinciale dei conducenti di servizio pubblico di taxi, trattandosi di atti ad effetti diversi e non apparendo censurabile la scelta di richiedere al soggetto aspirante ad ottenere licenze pubbliche dei requisiti culturali maggiori rispetto a quanto necessario per l’abilitazione alla guida. 3) contestazione alla motivazione : ma come atti ad effetti diversi? Posso capire se parla solo della pat. di guida, ma non se parla di C.a.p. cioè di certificato di abilitazione professionale, cioè patente pubblica oppure di iscrizione al ruolo dei conducenti pubblici non di linea - taxi -. Sarei stato d' accordo con il T.a.r. e con il Comune di Roma se avessero chiesto una lingua estera da accertare con esami orali e scritti oppure il diploma di scuola superiore come requisito minimo per potervi partecipare, invece di fatto è stato chiesto il requisito della scuola dell' obbligo. Stralcio della legge quadro nazionale 21 del15 Gennaio 1992 Ruolo dei conducenti di veicoli o natanti adibiti ad autoservizi pubblici non di linea 1. Presso le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura è istituito il ruolo dei conducenti di veicoli o natanti adibiti ad autoservizi pubblici non di linea. 2. E' requisito indispensabile per l'iscrizione nel ruolo il possesso del certificato di abilitazione professionale previsto dall'ottavo e dal nono comma dell'articolo 80 del testo unico delle norme sulla disciplina della circolazione stradale, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 15 giugno 1959, n. 393, come sostituito dall'articolo 2 della legge 14 febbraio 1974, n. 62, e successivamente modificato dall'articolo 2 della legge 18 marzo 1988, n. 111, e dall'articolo 1 della legge 24 marzo 1988, n. 112. 3. L'iscrizione nel ruolo avviene previo esame da parte di apposita commissione regionale che accerta i requisiti di idoneità all'esercizio del servizio, con particolare riferimento alla conoscenza geografica e toponomastica. 4. Il ruolo è istituito dalle regioni entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge. Entro lo stesso termine le regioni costituiscono le commissioni di cui al comma 3 e definiscono i criteri per l'ammissione nel ruolo. 5. L'iscrizione nel ruolo costituisce requisito indispensabile per il rilascio della licenza per l'esercizio del servizio di taxi e dell'autorizzazione per l'esercizio del servizio di noleggio con conducente. Il Signor Presidente Dott. Luigi Tosti della II sezione del T.a.r. del Lazio probabilmente non ha letto la legge di settore quando ha stilato le motivazioni con la quale ha respinto il mio ricorso.

 
RenatoPacifico
RenatoPacifico il 01/01/14 alle 20:43 via WEB
http://digiphotostatic.libero.it/RenatoPacifico/med/ac66ce7d8e_7726323_med.jpg