Linfa del Normanno

Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi, navi da combattimento in fiamme al largo dei Bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buoio vicino alle porte di Tannoiser, e tutti quei momenti andranno perduti nel Tempo, come lacrime nella pioggia, e' tempo di vivere

 

AREA PERSONALE

 

HEAL THE WORLD

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

Komodo Island

Post n°7 pubblicato il 16 Luglio 2008 da normanspirit

Mariner all'ancora

"Comandante io devo uscire, devo vedere st'isola.."

"Che devi vedere, non c'è niente, ci sono quattro lucertoloni!"

"E quelli devo vedere io i quattro lucertoloni!"

" Va bene però fammi un piacere stai vicino agli allievi, sono andati da soli!"

La nave era all'ancora a mezzo miglio dall'isola, servizio tender (spola nave/terraferma tramite mezzo di salvataggio che si chiama appunto tender).

Molo di legno, attracco tender.

Attraverssato il lungo pontile, siamo arrivati in spiaggia, aveva ragione il comandante, non c'era niente, solo quattro baracche due capanne e una foresta, al massimo un centinaio di abitanti, almeno quelli che ho visto io.

Normanno sull'isola di Komodo

Aggregatomi con gli allievi e un gruppo di passeggeri 8 la guida locale era stata offerta dalla compagnia), ci siamo diretti al piccolo villaggio, ee qua abbiamo visto il primo drago, non lo dimenticherò mai, poichè era tutto impolverato e in venti minuti non si è mosso nemmeno di un millimetro, continuando a guardarmi con sguardo fisso.

Distratto dalla baracca dei souvenir, tanti oggetti che riproponevano i draghi in ogni versione di ninnoli...pinnoli....minnoli....e sempre per comprare qualcosa alla mia dolce Linfa (una collana di osso)....io e gli allievi abbiamo perso il gruppo!

Komodo village

Buon appetito Grisù

Shop manager (grazie per la collana di osso di Linfa)

Mink tra me e me, porco cane, ma Robin, uno dei due allievi inglesi, mi disse... " Don't worry Sal, I know, where are people...." Non gli avessi mai creduto, sto cane di mannara, mi ha fatto passare la mezz'ora più brutta di tutto l'imbarco e mi rimbombavano in testa le parole del comandante, "Ci sono solo quattro lucertoloni"....era vero....mi sentivo come a Jurassik Park.

Jurassik Park

Triassic Park

Finalmente la guida

Abbiamo camminato tutti e tre da soli in questa giungla per almeno una mezz'oretta, con lui che ci faceva da guida, viottoli sterrati e alberi mastodontici, tanto bella come selvaggia....e con il cuore in gola pensando che non tanto per i lucertoloni, ma che un boa o qualche altro animale non meglio identificato, ci spuntasse davanti, come nei film, eravamo rimasti i tre coglioni, che si sperdono e muoiono per primi...e tra me e me " A cu cià potta sta notizia a casa?" (Chi la porta questa notizia a casa?).

U dragu ri Komodo

...Mi guardo le spalle ..n'si sa mai!!!!

Quel cane di mannara aveva ragione, ma ancora oggi mi chiedo, come fa un'inglese che sta nel cuore di Londra a giostrarsi in una giungla, e a trovare la via giusta per farci ritrovare il gruppo?  Boh!

Finalmente a contatto con la realtà ritrovata, ho tirato un sospiro di sollievo! Scattando una foto ravvicinata con il lucertolone... chi vuole provare un sano scagazzo....faccia un viaggio a Komodo, che di comodo non ha niente, ma di selvaggio TUTTO!

 

 

 
 
 

Rio de Janeiro

Post n°6 pubblicato il 11 Luglio 2008 da normanspirit
 

Non ci sono parole per descrivere il Carnevale di Rio, il caos, il caldo, la musica, i blocos

 I blocos oggi sono parte integrante della festa a Rio: vi sono più di 100 gruppi con usi e tradizioni diversi, e ogni anno il numero cresce. Alcuni sono numerosi, altri più piccoli; alcuni sfilano per le strade in formazione, altri stanno nello stesso posto.Ogni bloco ha un posto o una strada in cui festeggiare, e per i più grandi le strade vengono chiuse al traffico. I festeggiamenti cominciano da gennaio e durano fino al termine del carnevale, con gruppi di persone che ballano la samba nel weekend agli angoli delle strade. Solitamente i festeggiamenti avvengono di giorno, o alla fine dell'orario lavorativo.I bloco compongono loro stessi la musica che suonano in continuazione durante i festeggiamenti, basandosi su classici della samba o su vecchie musiche da carnevale chiamate Marchinhas de carnaval.

Non posso dire niente di piu' se no Linfa mi lincia, vi dico solo che se avete la possibilita' fatevi almeno una volta nella vita il Carnevale a Rio.( a mentri o sai Linfadoro)

 

 
 
 

Cartagena de Indias

Post n°5 pubblicato il 05 Luglio 2008 da normanspirit
 
Tag: Caraibi

Ciao a tutti e da un po' che non si ci sente, sono stato impegnato dal caldo torrido saudito.

Botero

Visto che in questi giorni si parla della liberazione di Ingrid Betancourt, non posso che parlare di una bellissima citta' Columbiana,
Cartagena de Indias è una città della
Colombia, situata sulla costa nord del paese.

Visitata in poco meno di tre ore, grazie anche a Carolina una ragazza Uruguayana, le immaggini che mi resteranno impresse nella mente sono il quartiere vecchio, tra gli edifici più famosi vanno citati sicuramente: la cattedrale (risalente al XVI secolo, il Palazzo dell'Inquisizione, il Palazzo del Governatore, la chiesa di San Domenico (recentemente restaurata e nella cui piazza antistante trova posto un'opera dello scultore colombiano Fernando Botero), oltre ovviamente a tutte le opere di difesa della città dagli attacchi dal mare. E dopo aver mangiato in un ristorante del quartiere vecchio, prima di rientrare a bordo non si poteva non visitare la casa del curato.


La casa di Gabriel Garcia Marquez a Cartagena nell'ultima foto potete notare il casotto nel terrazzo,
ebbene quel casotto e' il suo studio dove ha scritto pagine di capolavori.

 
 
 

Singapore

Post n°4 pubblicato il 29 Giugno 2008 da normanspirit
 

Sono passati 11 anni da quel fatidico 21 giugno....e in questo periodo ci apprestavamo a un'estate ricca di sole di mare e di noi.....

Fin quando non arrivò la telefonata che dovevo partire, destinazione ex Zaire ora Repubblica democratica du Congo, Chevron Zenith...... il lavoro è lavoro e quando chiama il Normanno risponde! La cosa più triste era lasciare Linfadoro fresca di nozze, ma la cosa più bella era sapere che mi avrebbe raggiunto in uno dei posti più meravigliosi che esistono su questa terra, Singapore!

Infatti la nave ogni dieci anni andava ai lavori, disormeggiava dalle coste dell'ex Zaire dove faceva da storage tra le piattaforme  e le petroliere, e si dirigeva ai cantieri navali di Singapore per i lavori di manutenzione, infatti dovete sapere che una nave ormeggiata ad una meda(boa gallegiante) per diverso tempo, diventa una sorta di isola, un vero e proprio atollo corallino, casa per moltissimi molluschi e ricovero per alghe e pesci.....muoverla è un pò come spostare un macigno che per tanto tempo è rimasto immobile e su cui muschi e licheni hanno generato il loro habitat......anche se i motori venivano messi in moto quotidianamente, di certo un bestione di quelle tonnellate, 110.000, è come una grossa balena che va in giro per i mari a rilento....e per lungo tempo prima di ritrovare la sua oasi di pace.....quaranta lunghi giorni di navigazione, per molti dei quali oceano aperto cielo e mare.....e tanta nostalgia di casa, per fortuna c'erano le telefonate via satellite che facevo a linfadoro che mi rasseneravano un pò, e la certezza che presto sarebbe stata al mio fianco....e molto presto....considerate che sono partito il tre agosto da casa, prima della fine di Settembre siamo partiti dall'Africa per Singapore, dove siamo arrivati i primi di Novembre, dopo qualche giorno, precisamente il 7/11/97 è arrivata lei e siamo rimasti insieme.....un mese intero......

E' stata un'immane emozione vederla all'aereoporto sperduta, ma felice, e quel mese rimarrà impresso a fuoco nel mio cuore....

Haw Par Villa,

 Tang city Dinasty, la pagoda di Master Fumia,

 i Guerrieri di Terracotta,

                              

 

i costumi della dinastia Ming, il night safari, bird park, Orchard and bonsay garden, il quartiere Indiano, Mariamman temple, Chinatown,  Raffles, Singapore River Orchard Road,

Salvator Dalì Newton

L'isola di Sentosa Il merlion,

                               

e le innumerevoli leggende, gli oggetti, la meravigliosa cultura, la cucina, hanno fatto di un sogno una realtà.....quella realtà che ho condiviso con la persona che più amo al mondo la mia Linfa!

                                                                Norman Spirit

 
 
 

Myanmar

Post n°3 pubblicato il 26 Giugno 2008 da normanspirit
 

Un giorno ti alzerai da quella sedia, spegnerai quel PC, ti metterai il giubotto, prenderai le chiavi della macchina, uscirai senza dire nulla a nessuno, salirai in macchina, metterai in moto e a tutta velocita' andrai all'aeroporto, ti farai un biglietto per sola andata per la Birmania esattamente a:

MYANMAR  

Diciamo che dopo tre estenuanti ore di canale, nè è valsa veramente la pena! Quando abbiamo ormeggiato in banchina, il comandante Genovese A.R. ci disse a noi ufficiali " Ragazzi occhio ai cavi ci sono sei metri di marea, arriveremo al punto che la nave toccherà il fondo".... così fu, mai vista una cosa del genere....esattamente alle 18.15 orario della bassa marea vidi la chiglia del Mariner appoggiarsi sul letto del fiume........................scena impressa nella mia mente, un pescatore, nativo del luogo,  afferrava un grosso pesce,   che vittima della bassa marea era rimasto imprigionato nel fango, con una rapido colpo di fiocina, lo prese al gancio se lo caricò sulle spalle e si diresse soddisfatto e felice verso la sua capanna.........accadde poi che quella sera sul ponte piscina fu organizzato un  barbecue party, tutti i passeggeri e l'equipaggio all'incirca ottocento persone, hanno danzato e cenato grazie al gruppo spettacolo locale....inoltre c'erano altri ospiti che a dire il vero sono stati alquanto indesiderati, infatti con il fiume che si era asciguto per via della bassa marea, tutti gli insetti espropiati dal loro habitat, ed attratti dalle luci, sono andati a depositarsi sul ponte sua cui si stava allestendo il party, quindi cavallette, zanzare, moscerini di ogni forma e fattezza hanno reclamato il loro posto ....dove non dovevano, rovinando una serata che era a dir poco esotica!

Le foto che sono sul blog sono state scattate ad Ottobre, prima dell'ultima catastrofe che ha colpito quelle zone nel Maggio scorso, presto ci ritornerò.....anche se l'incanto sembra essersi dissolto!

 

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: normanspirit
Data di creazione: 20/06/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Poker197016mariomancino.mosskarate_adarklegion1LinfadorovfalzaraPatty62Bioplasticbambi_starpettirosso2010ikubiugabriele.carrerflip63baronefusara1020
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom