Contro i pedofili

A sostegno dei bambini e degli adulti

 

I TG DEL WEB

MARIO SCOTTI CHANNEL WEB

http://www.webalice.it/mscotti/

su MARIO SCOTTI CHANNEL

Una nuova pagina nel sito:

CASI UMANI,AIUTIAMO LE PERSONE IN DIFFICOLTA'

Servizi a cura di Davide July ( Cioè io )

http://www.webalice.it/mscotti/CASI_

UMANI.html

DAVIDE JULY (Diohorus)
Redattore 
Redazione Milano 
diohorus@live.it 


 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

UN SORRISO PER TUTTI I BAMBINI MALATI

SONO A FAVORE DEI MEDICI " PAGLIACCIO " NELLE CORSIE D'OSPEDALE...

http://www.facebook.com/group.php?gid=129084262574&ref=nf

 

http://www.facebook.com/group.php?gid=129084262574&ref=mf

 

NO PEDOFILIA

 

 

NO PEDOFILIA "Della vita dei bambini non si fà mercato"

 

MARIA-PIA MAOLONI

AIUTATEMI A RIPRENDERE LE MIE FIGLIE.....

http://www.facebook.com/group.php?

gid=45827556718

 

 

 

IL GESTO PIÙ BELLO KE ABBIA MAI VISTO

http://www.facebook.com/video/video.php?v=1102833895858&ref=nf

 

...Quanto AMORE hanno i bambini...dobbiamo riimparare da loro!!!!

 

VIVERE FELICI

 

LA FINE DEI PEDOFILI

QUESTA E' LA FINE CHE DOVETE FARE TUTTI VOI PEDOFILI MALEDETTI BASTARDI!!!!!

 

 

 

« “Patti pre matrimoniali:...ADOZIONE A DISTANZA, com... »

Josef e Elisabeth Fritzl

Post n°71 pubblicato il 08 Giugno 2010 da diohorus

                           

di Davide July (Diohorus- cioè io)

 

Nel 1982 avevo 16 anni ed ero fuggita da casa. Lui mi stuprava da molto tempo. Dall'autogrill di Strengberg, mi ero nascosta a Vienna. Dopo due settimane la polizia mi trovò. Supplicai gli agenti di non riconsegnarmi a mio padre. Dissi loro che se fossi tornata da lui per me sarebbe stata la fine. Ma non ci fu nulla da fare”.

 

( Elisabeth Fritzl è nata a Amstetten in Austria, il 8 aprile 1966, ha vissuto imprigionata per 24 anni in un bunker sotterraneo costruito dal padre, l'ingegnere Josef Fritzl (nato Amstetten, 9 aprile 1935) nella cantina di casa. Durante tutto il periodo della prigionia si sono susseguiti gli abusi sessuali da parte dell'uomo e da questi rapporti incestuosi sono nati sette figli. )

 

Il 24 agosto 1984, Fritzl (a 49 anni) rapisce la figlia Elisabeth (che aveva all'epoca 18 anni) e la rinchiude nella cantina di casa ad Amstetten, Austria.  Elisabeth ha raccontato di aver cercato di fuggire di casa poco prima del rapimento e di aver chiesto aiuto ai poliziotti raccontando dei primi abusi; ma, non essendo credute le sue affermazioni, fu riportata alla famiglia e proprio a seguito di questo episodio il padre decise di segregarla. Joseph ha dunque tenuto nascosta la figlia per 24 anni, portandole cibo e indumenti per tutto il periodo della prigionia, mediamente una volta ogni tre giorni. Egli l'ha ripetutamente violentata. Elisabeth ha avuto sette figli da suo padre, uno dei quali è morto poco dopo la nascita nel 1996. Molti sono ancora i punti oscuri in questa vicenda, uno dei quali il ruolo della madre di Elisabeth e moglie di Josef, la quale ha dichiarato di non essersi mai resa conto (fino a una settimana prima dell'arresto) della presenza del bunker né tantomeno della figlia o dei nipoti imprigionati. Sembra che la donna abbia sempre creduto alla versione del marito quando sostenne che Elisabeth si era aggregata ad una setta religiosa e ancora, negli anni, quando finse di ritrovare tre neonati sulla porta di casa con dei biglietti che ne chiedevano la cura ai genitori da parte della figlia.

L'uomo avrebbe anche precedenti che avrebbero dovuto mettere in allarme gli assistenti sociali al momento dell'affido dei tre nipoti da lui adottati: nel 1967 aveva stuprato due donne, una terza gli era sfuggita per un soffio. 

I sette figli di Elisabeth Fritzl e del nonno/padre Josef Fritzl :

Kerstin (1989), nata e vissuta nel 'carcere'
Stefan (
1990), nato e vissuto nel 'carcere'
Lisa (
1992), nata nel 'carcere' ma adottata e cresciuta nella casa dei nonni
Monika (
1994), nata nel 'carcere' ma adottata e cresciuta nella casa dei nonni
Alexander (
1996), nato nel 'carcere' ma adottato e cresciuto nella casa dei nonni
Michael (
1996), nato e morto nel 'carcere'
Felix (
2002), nato e vissuto nel 'carcere' 

Fritzl afferma che non vedeva Elisabeth come una figlia ma come una compagna. Tuttavia egli stesso ha confessato di averla legata a un palo per 9 mesi e che la legava ripetutamente quando la molestava. Aggiunge anche che faceva vedere alla figlia film pornografici e la costringeva a ripeterne le scene. Elisabeth dichiara - in una testimonianza videoregistrata di alcune ore trasmessa durante il processo - che veniva molestata da quando aveva dieci anni, mentre Joseph specifica che la molestò la prima volta nell'85, quindi quando sua figlia era ormai 19enne.

Fritzl dichiara che voleva molto bene ai figli nati dall'incesto e che alla nascita di Kerstin aveva portato un libro di ostetricia ad Elisabeth. Inoltre dice di aver cercato di rendere la vita dei figli più felice possibile, tenendo conto delle condizioni imposte dalla cantina, rifornendo il freezer di cibo sufficiente e curando il sistema di aerazione. A queste affermazioni fa eco la testimonianza della figlia, che ricorda come in occasione di un viaggio all'estero del padre durato un mese lei stesse sul punto di morire per inedia. 

Il padre di Elisabeth è accusato di omicidio verso uno dei figli nati dall'incesto. Elisabeth afferma che Josef era presente quando il volto del bambino diventava viola per problemi di respirazione e che il suo genitore si rifiutava di portarlo dal medico, replicando "succederà quel che deve succedere". In seguito ne brucerà il cadavere nell'inceneritore di casa,ne getterà le ceneri in giardino. In un primo momento Josef Fritzl si difende affermando che il bambino non era morto alla sua presenza, poi ritratta e confessa l'omicidio. 

Il 19 aprile 2008 Kerstin si sente male, il padre/nonno acconsente ad accompagnarla in ospedale. Elisabeth aiuta il padre a far uscire la figlia dalla prigione: è la prima volta in 24 anni che vede la luce. Kerstin viene ricoverata in ospedale, accompagnata dal padre/nonno e qualche giorno dopo anche alla madre viene concesso di visitare la figlia in ospedale. In un primo momento Elisabeth, per paura delle ripercussioni, non racconta ancora la sua prigionia. Solo quando i medici la rassicurano sulla sua futura protezione accusa il padre, il cui delitto viene quindi scoperto il 26 aprile. Elisabeth è dunque libera dopo più di 8.000 giorni di segregazione e con lei i suoi figli. Josef viene arrestato dalla polizia. 

Josef Fritzl è accusato di incesto, violenza sessuale, rapimento e omicidio colposo, reati per i quali ha espresso piena confessione ed è  stato condannato all'ergastolo il 19 marzo 2009 e verrà rinchiuso in un istituto psichiatrico.

Fritzl ha raccontato come sua madre lo maltrattasse e lo umiliasse continuamente e come lui non avesse mai ricevuto una manifestazione d'affetto da parte di lei: l'unica cosa che i due facevano insieme era andare in chiesa la domenica. Gli psicologi hanno attualmente diagnosticato che questi eventi gli hanno causato disturbi alla personalità, pur non impedendogli di affrontare il processo che lo vede colpevole e di comprenderne appieno le conseguenze.

Fritzl ha tenuta prigioniera in cantina per anni, senza farle mai vedere la luce del sole, l’ha violentata infinite volte, l’ha messa incinta ed ha tenuto sequestrati due dei figli nati da quei rapporti e il Sun aggiunge un altro particolare proprio sulla figlia-nipote maggiore di Fritzl, Kerstin, che è stata in ospedale in gravissime condizioni: anche lei sarebbe stata violentata dal padre-nonno e ora, come se non bastasse, le chiede anche dei soldi. La BBC ha rivelato che da circa 15 mesi, Fritzl scrive alla figlia Elisabeth chiedendole soldi: circa 3000 euro al mese per poter “studiare da avvocato e potersi così difendere da solo“.Ogni due settimane Elisabeth si vede recapitare lettere da parte dell’uomo che sta cercando di dimenticare. Lei, come è facile immaginare, continua ad ignorare le missive.

Gli investigatori lo descrivono come un “allucinante perfezionista, capace di realizzare un”opera grandiosa”, per il suo avvocato è “un uomo distrutto”.

Il verdetto degli otto giurati hanno riconosciuto Josef Fritzl colpevole di tutte le accuse - omicidio colposo, riduzione in schiavitù, segregazione, stupro, incesto e gravi minacce - e per questo l’hanno condannato all’ergastolo, pena da scontare in un istituto psichiatrico.

Nell’arringa finale pronunciata dal pm Christiane Burkheiser che si è rivolta alla giuria ricordando le ammissioni di colpevolezza fatte dallo stesso Fritzl , “mi dichiaro colpevole di tutte le accuse“.

Li ha poi invitati a non credere alla sceneggiata del pentimento messa in atto dall’uomo perché “quello non è il suo vero volto, il suo vero volto è quello che ha mostrato nei 24 anni di martirio inflitti alla figlia e ai bimbi nati dai suoi stupri incestuosi“.

Poco prima, infatti, l’uomo aveva chiesto di prendere la parola per ribadire il suo rimorso per quanto accaduto: “Sono pentito nel profondo del cuore, mi spiace profondamente di quanto ho commesso, ma so che non posso farci più nulla“.

Non sono state considerate, invece, le richieste della difesa di “considerare le anormalità psicologiche di cui Fritzl è vittima come attenuanti” e di non tener conto della morte del piccolo Michael, deceduto poche ore dopo la nascita per problemi respiratori non curati.

Fritzl ha accettato la sua condanna e la sentenza è così entrata ufficialmente in vigore. 

Ora Kerstin, vuole che il padre "sconti la pena fino al resto dei suoi giorni": "Non cè' traccia di rimorso e lui contava sulla libertà in tempi brevi". L'avvocato di Fritzl, Rudolf Mayer, ha invece insistito sulla sincerità della confessione del suo cliente: nel diario di Elisabeth, ha ricordato, furono annotate la nascita del bebè, la preparazione della culla, il fatto che al bimbo venne dato un nome e alla fine, la sua morte; una sequenza che rivela, ha detto,  che entrambi confidavano sul fatto che il bimbo ce la facesse. La legge austriaca non consente di accumulare le pene per i diversi capi d'accusa, per cui ha emesso solo quella più severa, che è dunque l'ergastolo per omicidio. Il tribunale austriaco ha avuto bisogno di soli tre giorni di processo per presentare le prove e in una delle udienze, in aula si e' presentata la stessa figlia Elisabeth, come confermato indirettamente Mayer. E proprio quella presenza potrebbe aver scatenato, ha confermato l'avvocato, l'improvviso cambio di rotta nella linea difensiva dell'accusato.

Adesso Kerstin vive assieme ai figli sotto falso nome in un alloggio assistito, pare che intenda anche rilasciare presto un'intervista, come fece Natascha Kampusch, la ragazza rapita a otto anni da un maniaco e sequestrata per oltre otto fino alla sua liberazione.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/DIOHORUS/trackback.php?msg=8921286

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
sonjk.flo
sonjk.flo il 09/06/10 alle 12:31 via WEB
questo mostro ha un cervello ingegnoso calcolatore addirittura difendersi da solo scinde perfettamente il male dal bene... mi ricorda qualcuno... l'orco che mi ha generato... sereno giorno... rinchiuso in un istituto psichiatrico ma dovrebbe essere sottoposto alle torture dalle proprie vittime... le vittime devono essere i boia dei propri carnefici-orchi...
 
 
diohorus
diohorus il 10/06/10 alle 21:13 via WEB
Ciao Sonjk, lo voluto scrivere dopo aver "scritto" con te, non so perché, ma me lo hai fatto ritornare alla mente...vicende terribili, ma tutte con lo stesso denominatore, l'orco in famiglia, proprio la persona che ti deve proteggere.
 
Lucifero_il_RE_Nero
Lucifero_il_RE_Nero il 09/06/10 alle 19:27 via WEB
certo che quella foto nl tuo profilo non da minima fiducia... non è che scrivi tutto questo per coprirti? ... non dai minima fiducia... e a pelle difficilmente mi sbaglio... bravo! complimenti!
 
 
diohorus
diohorus il 10/06/10 alle 21:06 via WEB
ciao Lucifero. Sono contrariato dal tuo commento. Ma detto con onestà, non me ne frega nulla della tua fiducia, l'importante è che chi mi conosce sa cosa faccio e chi sono e poi detto da uno che ha per avatar Lucifero e il suo blog non parla di altro, scusa sai...impara prima il significato del mio tatuaggio e poi se proprio devi, giudica. E poi da cosa dovrei coprirmi? cerca il mio nome su facebook e poi giudica. Ma se ti va di toglierti quella maschera, vieni pure a far parte del nostro mondo, perché ce bisogno di aiuto il più possibile per sconfiggere le forze del male, che rendono marcio il nostro mondo... ho anche un mio gruppo molto interessante contro le sette sataniche, trovi tutti i link in alto sulla destra. Poi se ancora non ti piaccio, torna pure a giudicarmi, ma per lo meno sai le falsità che mi getti addosso. Grazie.
 
   
Lucifero_il_RE_Nero
Lucifero_il_RE_Nero il 10/06/10 alle 22:22 via WEB
a me che sei contrariato non me ne può fregare di meno... io mi sento una persona libera di scrive quello che penso e nessuno mi può imbavagliare... la mia idea su di te non cambia... guarda che belle immagini che posti, bhe curati da un buon psicologo che ne hai bisogno...
 
     
diohorus
diohorus il 10/06/10 alle 22:34 via WEB
diciamo che nessuna imbavaglia nessuno....qui stai facendo solo una brutta figura, perchè chi mi conosce, sa chi sono...il tuo nove e il tuo avatar, dicono molte cose...quindi tra me che cerco di aiutare delle persone da orchi o da gentaglia satanista e te....il psicologo non deve pensare molto a chi internare.... ciao e Grazie ancora.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: diohorus
Data di creazione: 19/02/2010
 

GREGORIAN & VANGELIS - WISH YOU WERE HERE

  

†Gregorian - Angels†

Gregorians -My heart
will go on

Gregorian -
losing My Religion

Gregorians -
The Sound of Silince

depeche mode -
blasphemous rumors

Gregorian - Voyage, Voyage

 
COCOCHANEL-il blog di EMANUELA MENICHETTI
http://blog.libero.it/chanelcoco/?nocache=1266857572#comments

AMICI A 4 ZAMPE- il blog di EMANUELA MENICHETTI
http://blog.libero.it/Amali/

ANIMA-il blog di VIVIANE MELL
http://blog.libero.it/Vivianemell/view.php?nocache=1271327731

L'INNOCENZA NON SI TOCCA-il blog di ADELAIDE APUZZO
http://linnocenzanonsitocca.spaces.live.com/default.aspx?sa=789416028

COME SCONFIGGERE LE SETTE SATANICHE
http://www.facebook.com/?ref=home#!/group.php?gid=405331136141

...amici a 4 zampe.........
http://www.facebook.com/?ref=home#!/group.php?gid=353446717695&ref=ts


IL GRUPPO DEI BAMBINI... DIVERTITEVI CON PICCOLI INTRATTENIMENTI
http://www.facebook.com/?ref=home#!/group.php?gid=309873737207&ref=ts

COMITATO PER MADRI/PADRI E FIGLI/E ABUSI SESSUALI...ABBANDONATI DAL GOVERNO
http://www.facebook.com/?ref=home#!/group.php?gid=355957941580


CERCHIAMO I BAMBINI SCOMPARSI... WE LOOK FOR THE DISAPPEARED CHILDREN...
http://www.facebook.com/?ref=home#!/group.php?gid=221058608384


MARIO SCOTTI CHANNEL
http://www.webalice.it/mscotti


RADIO L'ISOLA CHE NON C'E'
http://www.radiolisolachenonce.com/cerchiamoli.php

 

 

POLIZIA DI STATO

poltel.rm@poliziadistato.it

 

SE VEDI,SENTI O CONOSCI QUALCOSA CHE LEDA I DIRITTI DEI BAMBINI O ANIMALI IN QUALUNQUE PARTE DI INTERNET TU SIA, INVIA SUBITO UNA MAIL ALLA POLIZIA MOLTO DETTAGLIATA PER DENUNCIARE L'ABUSO!!!! GRAZIE FARAI LA COSA GIUSTA

 

ULTIME VISITE AL BLOG

diotima61merim00ricercatoreteifretomassimo.sbandernoluca.bROBIVADIFRETTAfucio02lunatica1985chaire_cinziaf.calioromanovincenzo123hermesparisaurora.macchiasept68ircsbt
 
 

IL MONDO CHE VORREI

Il Mondo, tutti i giorni prova a distruggervi perchè alla crudeltà non vi è mai fine, ma nel Mondo c'è anche tanta gente come noi che è sempre pronta a vegliare su di voi a prendervi in braccio e a stringevi forte al petto per farvi continuare a credere in un Mondo che prima o poi unendo tutte le nostre forze tornerà ad essere...AMORE...

 

 

LUI VIVE IN TE

 

EVIAN ROLLER BABIES INTERNATIONAL VERSION

 

GIÙ LE MANI DAI BIMBI

I BAMBINI NON SI TOCCANO
VIDEO CONTRO LA PEDOFILIA 


RENDIAMO LA FELICITA' HAI BAMBINI!!!!!!!!!!!!!!!!

 

BAMBINI SCOMPARSI

SE NE RICONOSCI QUALCUNO, NON ESITARE A CONTATTARE SUBITO LA POLIZIA, POTREBBE ESSERE CHE LUI NON SAPPIA CHE LA SUA FAMIGLIA LO STIA CERCANDO!!!!!!!


CERCHIAMO I BAMBINI SCOMPARSI... WE LOOK FOR THE DISAPPEARED CHILDREN...
http://www.facebook.com/?ref=home#!/group.php?gid=221058608384

http://album.alfemminile.com/album/see_606650/Bambini-scomparsi.html

 

http://www.facebook.com/album.php?aid=203793&id=352018879250&ref=mf  


 

ARNOLD, È MORTO

L'attore Gary Coleman, il bimbo prodigio della serie televisiva 'Arnold', è morto in un ospedale dello Utah per emorragia cerebrale. Aveva 42 anni. Coleman era caduto mercoledì nella sua abitazione a Santaquin (Utah) ferendosi gravemente alla testa. Era stato portato in ospedale dove gli era stata diagnosticata una emorragia cerebrale. Da ieri aveva perso conoscenza ed era tenuto in vita dalle apparecchiature ospedaliere. Oggi è stato deciso, con il consenso della moglie Shanon, di staccare la spina. Coleman è stato bersagliato per tutta la vita da gravi problemi di salute, nonchè da problemi familiari e legali. Nato con una grave malattia renale congenita, che aveva bloccato da adulto la sua crescita a 142 centimetri, il bimbo prodigio aveva dovuto sottoprsi durante la sua vita a due trapianti di reni e, nonostante questo, a trattamento quotidiano di dialisi. L'attore aveva raggiunto il massimo successo professionale con la serie televisiva 'Arnold' (andata in onda in America dal 1978 al 1986 con il titolo 'Diff'rent Strokes') dove interpretava il ruolo di un bimbo adottato da un ricco vedovo.

La serie aveva dato grande popolarità all'attore che all'epoca guadagnava 100 mila dollari a puntata. Ma i suoi risparmi erano stati dilapidati dai genitori e dal manager. Coleman aveva fatto causa ma nel 1999 aveva dovuto dichiarare bancarotta. La infelicità nei rapporti familiari era stata accompagnata da numerosi altri problemi legali. Nel 1998 era stato accusato di avere picchiato una donna che l'aveva sbeffeggiato, mentre lavorava come guardia di sicurezza, per la fine malinconica della sua carriera. L'ex-bimbo prodigio aveva continuato a girare sporadicamente film anche se le sue caratteristiche fisiche limitavano il raggio dei suoi ruoli. Nel 2006 aveva girato in Utah il film comico 'Church Ball' conoscendo sul set Shannon Price, la donna che sarebbe diventata l'anno successivo sua moglie. Ma la coppia aveva avuto una vita travagliata. La polizia era intervenuta più volte per episodi di violenza domestica. I due erano apparsi due anni fa in Tv, davanti ad un giudice, nella serie 'Divorce Court' raccontando i loro problemi coniugali nell'intento di salvare il loro matrimonio. Ma l'attività professionale di Coleman era stata continuamente bersagliata dai problemi di salute. Nel febbraio scorso, mentre girava il film 'The Insider', era stato colto da un attacco epilettico. Aveva tentato anche la carriera politica. Nel 2003 si era presentato come governatore della California. Si era piazzato all'ottavo posto su 135 candidati raccogliendo, probabilmente grazie alla sua fama televisiva, un totale di 12.242 voti. Era stato battuto da Arnold Schwarzenegger.

 

TOMMY NEL CUORE

SONG FOR TOMMY

Sai cantare e hai un' età compresa tra i 7 e i 14 anni? Invia tutti i tuoi dati e il recapito telefonico di un tuo genitore via mail all'indirizzo"casting.songfortommy@tommynelcuore.it" con allegato un file audio o video in cui canti tu. Potresti essere selezionato per il casting che si terrà a breve e accedere alla mani......festazione"SONG FOR TOMMY" di Settembre 2010 in occasione del 6° compleanno di Tommaso Onofri.

                                    

http://www.facebook.com/pages/SONG-FOR-TOMMY/277170949229?ref=mf

 

UN AMORE PROFONDO DI UN BAMBINO

 

APRITE IL LINK E GUARDATE QUANTO AMORE POSSONO DARCI I BIMBI

 

                   http://www.facebook.com/video/video.php?v=1077878711994&ref=nf

 

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

Caro amico, ti scrivo per farti sapere che ora più che mai ho bisogno della tua collaborazione.Alla mia giovane sorella Stefania, la mia unica sorella, qualche tempo fa è stata diagnosticata una grave malattia che potrebbe essere curata solo ricorrendo al trapianto di midollo osseo da donatore compatibile.Dalle indagini cliniche eseguite in famiglia, il midollo di nessuno di noi è risultato compatibile con il suo pertanto gli specialisti che seguono il caso di Stefania hanno provveduto a ricercare un donatore compatibile attraverso l’apposito registro mondiale.Ad oggi sono più di 10 milioni i donatori iscritti, seppur tanti, tra questi, nessuno è risultato compatibile con lei.A questo punto non vi sono altre alternative se non quella di sperare che la situazione non si complichi ulteriormente e che nel frattempo, il midollo un nuovo donatore che si iscrive al registro risulti compatibile con il suo.Ti prego pertanto di riflettere sulla situazione che ti ho appena descritto, nonché di valutare la possibilità di compiere un gesto di grande umanità diventando donatore di midollo osseo.In tal caso, se non dovessi risultare compatibile con Stefania ciò non esclude che potresti comunque esserlo con una delle tante persone che da tempo attendono, come lei il trapianto che spesso rappresenta l’alba di una nuova vita.Tra queste persone vi sono milioni di bambini affetti dalle più terribili malattie. Per aderire all’iniziativa basta rivolgersi alla più vicina sezione dell’A.D.M.O. L’individuazione delle caratteristiche del midollo osseo avviene attraverso un semplicissimo prelievo di sangue. Ti ringrazio per aver letto queste poche righe e confidando nella tua sensibilità ti saluto cordialmente

 

FATELO VEDERE HAI VOSTRI RAGAZZINI

...Fatelo vedere hai vostri ragazzini, guardatelo voi e impariamo dagli sbagli di altri che purtroppo in quella rete ci sono cascati...