Der Steppenwolf

fatui sragionamenti lucidi

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

StipeBuckMillsstefanochiari666alvio.puglieseferramentabruniixtlannlechatxxcbaroniomauriziocamagnanicosolariborriellolucianoForfingherromycaracris066giangiacomo984massimoavaro
 

ULTIMI COMMENTI

Impegnativo, sicuramente! Oltre che per il numero di...
Inviato da: ixtlann
il 17/01/2020 alle 08:00
 
Potrei leggerlo prossimamente, certo che 800 pagine sono...
Inviato da: Mr.Loto
il 16/01/2020 alle 19:09
 
Buone letture!! Ciao!
Inviato da: ixtlann
il 15/10/2019 alle 10:42
 
Accetto il suggerimento e prendo il libro. Grazie. Ciao
Inviato da: RavvedutiIn2
il 14/10/2019 alle 17:59
 
Sono passati più di trent'anni dal esordio di Bret...
Inviato da: ixtlann
il 14/10/2019 alle 08:32
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

EMILE CHARTIER

 

Niente è più pericoloso di un'idea quando è l'unica che si ha.

Emile Chartier

 

 

 

Se io potrò impedire

Se io potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano-
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena-

o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano.


Emily Dickinson

 

 

FELICITÀ

Felicità: finché dietro a lei corri
non sei maturo per essere felice,
pur se quanto è più caro tuo si dice.

Finché tu piangi un tuo bene perduto,
e hai mete, e inquieto t'agiti e pugnace,
tu non sai ancora che cos'è la pace.

Solo quando rinunci ad ogni cosa,
né più mete conosci né più brami,
né la felicità più a nome chiami,

allora al cuor non più l'onda affannosa
del tempo arriva, e l'anima tua posa.

H. Hesse

 

 

LAO TZE

Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua. E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

 

 

RIDERE

 

L'unica cura contro la vanità è il riso, e l'unico difetto ridicolo è la vanità.

Henri Bergson

 

 

FËDOR DOSTOEVSKIJ

Se avete in animo di conoscere un uomo, allora non dovete far attenzione al modo in cui sta in silenzio, o parla, o piange; nemmeno se è animato da idee elevate. Nulla di tutto ciò! - Guardate piuttosto come ride.

 

 

 

 

« Paul Auster - Trilogia d...Virginia Woolf – Orlando »

Albert Cohen - Bella del signore

Post n°239 pubblicato il 15 Gennaio 2020 da ixtlann

 

 

"Ariane e Solal, lei nobile di nascita, lui altissimo dirigente, entrambi alteri, irrequieti e bellissimi, si incontrano, si amano e fuggono verso la ricerca di una passione assoluta ed esteticamente perfetta."

 "lei staccava talora la mano per aggiustarsi le chiome e non ci riusciva, oh pazienza, e poi forse le luccicava il naso, oh pazienza, lei era la sua bella, lo aveva detto lui. La bella del signore, ripeteva tra sé, sorridendo agli angeli."

 

Che strano libro!

Mi era stato consigliato come libro divertente, così, all'inizio, il suo strano linguaggio ampolloso  mi era parso come un modo per suscitare l'ilarità, unito a una narrazione che mi sembrava quanto meno bizzarra!

Così mi sono fermato un attimo per vedere di cosa sii trattasse. Ho scoperto che "Le Monde" lo classificava come uno dei 100 romanzi più significativi del secolo!

Ho quindi ricominciato la lettura cancellando l'immagine di libro comico e quella di romanzo rosa suggerito dal titolo e dalla copertina.

Il libro  comunque piuttosto voluminoso, 800 pagine, ha bisogno di una mente scevra da pregiudizi e pronta ad affrontare una lettura molto "aperta".

Già, perché è proprio difficile definire o classificare questo grande romanzo, che affronta tante tematiche, anche se sembra parlare dell'amore, dell'amore folle (amour fou) e delle follie d'amore.

 

"Lei gli diceva e gli ridiceva che lo amava, e gli domandava, già conoscendo la miracolosa risposta, se lui l'amasse. Lui le diceva e le ridiceva che l'amava, e le domandava, già conoscendo la miracolosa risposta, se lei lo amasse. Così è l'amore ai suoi inizi. Monotono per gli altri, per loro così interessante."

 

Ma è anche ben altro tanto di più.

 

«Bon, perso abbastanza tempo. Al lavoro, adesso. Ma prima un giretto, giusto un paio di minuti per sgranchirsi le gambe e ventilare un poco le meningi prima di mettersi sotto .»

 

 E molte delle tematiche affrontate per quanto serie e attuali sembrano prese come un scherzo, è quindi facile che ci si ritrovi a sorridere, in special modo in quei capitoli in cui per esempio descrive la giornata lavorativa dell'impiegato, (nella fatti specie quelli della Società delle Nazioni, l'organizzazione poi soppiantata dall'O.N.U., ma che si potrebbe calare in qualsiasi amministrazione pubblica)  o i cocktail in cui si cerca l'arrampicata sociale, incredibilmente attuali!

In entrambi questi casi il protagonista è Adrien Deume, forse una delle figure  più ridicole, e incredibili del romanzo, ma che sono anche quelle che nella vita reale incontriamo più spesso, magari senza accorgercene!

 

"Dolente di gioia, trattenendo le grida che volevano erompere, egli si amava alla follia. «O Adrien, tesoro mio, ti adoro» mormorava."

 

Il libro forse proprio per la sua dimensione alterna momento estremamente appassionanti o interessanti a tratti piuttosto noiosi, dove la lettura procede a stento, alternando stile e modi di scrivere, fino a giungere a capitoli in cui i pensieri viaggiano sciolti, irrequieti, disordinati accavallati. Credevo fosse una prerogativa di Saramago scrivere senza punteggiatura lasciando fluire le parole, e farle scorrere come un torrente impetuoso, ma qui si trova la stessa modalità. Anzi forse ancora più libera, i pensieri vanno avanti e dietro senza un ordine sovrapponendosi, arrivando alla luce e scomparendo subito dopo per riapparire a tratti  e confondersi in un susseguirsi proprio dei pensieri, ma che sembra difficile da mettere in parole!

 

"Giulietta avrebbe forse amato Romeo se Romeo quattro incisivi di meno, un gran buco nero nel mezzo? No! Eppure avrebbe avuto esattamente lo stesso animo, le stesse qualità morali! Allora perché mi ripetono il ritornello che l'importante e le qualità morali?"

 

Certo alla fin fine è soprattutto un romanzo d'amore, e con il procedere questo aspetto diventa sempre più preminente, magari anche inquietante sorprendente, perché non ci immagineremmo che la storia prendesse certi risvolti, anche se non sarebbe stato difficile immaginarlo,  forse già nell'ampollosità e nella teatralità iniziale c'è tutto che quello che dovremmo immaginare!

Interessante la carrellata di personaggi in cui ci imbattiamo, spesso sopra le righe, volutamente eccessivi al limite del credibile, ma al contempo adeguati alla narrazione e alla storia.

La prosa sembra spesso eccessiva, ma ben si confà alla storia, che se da una parte e fin troppo profonda, per contro appare troppo "finta" "teatrale", creando uno strano miscuglio di passione e finzione, che si intrecciano in modo serrato creando uno strano fascino che non avremmo immaginato, ma che, al contempo, stanca, irrita, ci sfugge. Interessanti i salti di registro, le incursioni linguistiche che a volte ci sorprendendo arricchendo lo stile e la narrazione.

 

"Era il talento di quell'imbecille, saper dire nulla in parecchie pagine."

 

Il romanzo è troppo per essere descritto in una semplice recensione, sicuramente va letto, anche se non ha tutti lo consiglierei.

Forse per la sua lunghezza a tratti eccessiva, avrebbe potuto essere ridotta,  alcuni capitoli sembrano non dare niente, superflui, stancanti, e non è facile a quel punto andare avanti, così come il linguaggio scelto non sempre facilmente digeribile, e infine la storia, tutti sogniamo l'amore ma a volte questo amore si rivela un gran fardello e anziché essere affascinante diventa doloroso.

Ma chi deciderà di affrontarne la lettura sicuramente ne sarà ripagato.

 

"«Il sociale, sì. Lo so, lei è troppo nobile per essere snob, lei crede di non annettere alcuna importanza alla mia sottobuffoneria generale. Ma il suo inconscio è follemente snob, come tutti gli inconsci, tutti adoratori della forza. In silenzio, lei protesta, mi trova d'animo basso. E' talmente persuasa che quel che conta per lei è la cultura, la distinzione, la delicatezza di sentimenti, l'onestà, la lealtà, la generosità, l'amore della natura eccetera eccetera. Ma non lo vedi, idiota, che tutte quelle nobiltà sono segni d'appartenenza alla classe dei potenti, e solo questa è la ragione profonda, a te ignota, per cui attribuisci loro un tal prezzo. E' quell'appartenenza che fa tutto il fascino del tipo agli occhi dell'ochetta. Si capisce, lei non mi crede, non mi crederà mai."

 

"«Babbuineria dappertutto. Babbuineria e adorazione animale della forza, il rispetto per la razza militare, detentrice del potere d'uccidere. Babbuineria, il fremito di rispetto quando sfilano i carri armati. Babbuineria, le grida d'entusiasmo per il pugile che sta vincendo, babbuineria gli incitamenti del pubblico. "Dagli, stendilo!" E quando ha messo knock-out il rivale, sono fieri di toccarlo, di dargli pacche sulla schiena. "Questo è sport!" gridano. Babbuineria, l'entusiasmo per i corridori ciclisti. Babbuineria, la conversione del malvagio pestato da Jack London che per il solo fatto d'essere stato pestato, dimentica il suo odio e adora il vincitore."

[...]

"«Babbuineria, la smania femminile di seguire la moda che è pura imitazione della classe superiore e desiderio di farne parte."

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/DerSteppenwolf/trackback.php?msg=14752748

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Mr.Loto il 16/01/20 alle 19:09 via WEB
Potrei leggerlo prossimamente, certo che 800 pagine sono impegnative . . . devo trovare il momento giusto. Un saluto
 
 
ixtlann
ixtlann il 17/01/20 alle 08:00 via WEB
Impegnativo, sicuramente! Oltre che per il numero di pagine, anche per i tanti temi trattati, per le elucubrazioni a volte eccessive, per i capitoli senza punteggiatura, per lo sconforto che da vedendo come funzionano le istituzioni, ... ma in ogni caso lo ritengo un libro da leggere! Buona giornata.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: ixtlann
Data di creazione: 25/11/2013
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ixtlann
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 66
Prov: PZ
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

 

SENECA

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.

 

 

 

BERTRAND RUSSEL

Temere l'amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti

 

OSCAR WILDE

Regala la tua assenza a chi non dà valore alla tua presenza

 

SE TU AVESSI DORMITO?,

Se tu avessi dormito?,

E se, nel sonno, tu avessi sognato?

E se, nel sogno,

tu fossi entrato nel paradiso

e lì avessi colto uno strano, bellissimo fiore?

E se, al risveglio,

ti ritrovassi quel fiore in mano?


Samuel Taylor Coleridge

 

 

IL MOMENTO

Se ne va, se ne va, se ne va!

Se n'è andato!

E col momento,

se n'è andata l'eternità!

            Juan Ramòn Jiménez

 

 

N.NUR-AD-DIN

 

Nasciamo senza portare nulla,

moriamo senza poter portare nulla,

ed in mezzo,

nell'eterno che si ricongiunge

nel breve battito delle ciglia,

litighiamo per possedere qualcosa.

                              

 

 

IL RAGGIO VERDE

In particolari circostanze,

quando il sole scompare dietro l'orizzonte,

nel preciso momento in cui l'ultima luce diretta ci colpisce,

può da esso generarsi un raggio verde

che passando attraverso i nostri occhi,

ha la capacità di illuminare la nostra essenza,

permettendoci di dare uno sguardo

dentro di noi e

vedere chi siamo!

 

 

STRANO VAGARE NELLA NEBBIA

È strano vagare nella nebbia!
Solo è ogni cespuglio e pietra,
Nessun albero vede l'altro,
Ognuno è solo.

Pieno di amici era per me il mondo,
Quando la mia vita era ancora luminosa;
Adesso, che la nebbia cala,
Nessuno si vede più.

In verità, nessuno è saggio
Se non conosce il buio,
Che piano ed inesorabilmente
Da tutti lo separa.

Strano, vagare nella nebbia!
Vivere è essere soli.
Nessuno uomo conosce l'altro,
Ognuno è solo.

 

H. Hesse

 

 

AMBROSE BIERCE

Riso:  Convulsione interna che altera i lineamenti del viso ed è accompagnata da suoni inarticolati.

È infettivo e, seppure intermittente, incurabile.

 

 

 

OVIDIO

La Fama, che gode con le sue calunnie

a confondere vero e falso, e che dal nulla si dilata

per forza di menzogna