Der Steppenwolf

fatui sragionamenti lucidi

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

ixtlannFLORESDEUSTADsparusolaaquilablu80simona_77rmtempestadamore_1967rosy.zappaamabed_2016finsanedaunfiorefra270lisa.dagli_occhi_blucromobusinessPrimosirecostel93f
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

EMILE CHARTIER

 

Niente è più pericoloso di un'idea quando è l'unica che si ha.

Emile Chartier

 

 

 

Se io potrò impedire

Se io potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano-
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena-

o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano.


Emily Dickinson

 

 

FELICITÀ

Felicità: finché dietro a lei corri
non sei maturo per essere felice,
pur se quanto è più caro tuo si dice.

Finché tu piangi un tuo bene perduto,
e hai mete, e inquieto t'agiti e pugnace,
tu non sai ancora che cos'è la pace.

Solo quando rinunci ad ogni cosa,
né più mete conosci né più brami,
né la felicità più a nome chiami,

allora al cuor non più l'onda affannosa
del tempo arriva, e l'anima tua posa.

H. Hesse

 

 

LAO TZE

Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua. E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

 

 

RIDERE

 

L'unica cura contro la vanità è il riso, e l'unico difetto ridicolo è la vanità.

Henri Bergson

 

 

FËDOR DOSTOEVSKIJ

Se avete in animo di conoscere un uomo, allora non dovete far attenzione al modo in cui sta in silenzio, o parla, o piange; nemmeno se è animato da idee elevate. Nulla di tutto ciò! - Guardate piuttosto come ride.

 

 

 

 

« Oliva Marilù - L' Odiss...Domenico Dara - Malinverno »

Richard Powers - Il tempo di una canzone

Post n°257 pubblicato il 12 Maggio 2020 da ixtlann

 

"Musica e vino, Joseph. Meno ne capisci, più dolci li vuoi."

 

La scorsa estate ho letto " Il sussurro del mondo" e sicuramente è stato tra i libri più belli del 2019, quindi ho pensato di riprovarci con questo.  Anche questo è un romanzo straordinario, ma questa volta non ha raggiunto il topo, e non per suo demerito, ma per mia mancanza.

 

"La melodia è avviata col più facile dei trucchi: un Do stabile si inserisce in una battuta instabile in levare, mentre il battere schizza via sul Re instabile della scala."

 

È difficile parlare di questo libro di grandissimo respiro e che tratta tanti argomenti da non riuscire a focalizzarsi su uno solo e rendendone difficile la recensione.

Innanzitutto, il filo conduttore, forse potrebbe essere la musica, e qui si palesa la mia carenza. Si forse sono un appassionato, e  ho sempre creduto di essere un ascoltatore a 360 gradi, e di annoverare tra i mie dischi e le mie conoscenze, anche tanta musica classica, no, non è vero, praticamente delle opere citate ne conoscevo si e no il cinque per cento, forse! E non solo ma anche le divagazioni sulla musica e sul canto mi hanno trovato assolutamente impreparato, Ho pensato che forse avrei prima iscrivermi al conservatorio e conseguire un titolo e che solo dopo avrei potuto leggere e godere appieno di questo romanzo.

 

"«Mamma» chiese, «tu sei una negra, giusto? E Pa'... è una qualche specie di ebreo bianco. Quindi io, Joey e Ruth che cosa siamo esattamente?»"

 

Chiaramente esagero, ma neanche tanto, il libro ci riserva tanto altro che forse non è indispensabile afferrare pienamente tutto ciò che riguarda la musica.

Altro argomento che viene profondamente sviscerato è quello dell'appartenenza, in special modo riferito alla razza, ma anche in altri sensi, e all'amore come forza che dovrebbe permettere di andare oltre di superare qualsiasi ostacolo, ma che forse resta una chimera o un sogno che non sappiamo se mai si realizzerà!

Nessuno si definirebbe razzista, ma tutti abbiamo sospetti verso chi è diverso,  forse è molto marcato quello dei bianchi verso i neri, ma probabilmente è altrettanti forte il contrario, ma guai ha non essere ne l'uno ne l'altro, ma un ibrido, che anziché appartenere ad entrambe le schiere, si trova disprezzato da entrambe.

 

"Mio fratello canta per salvare i buoni e fare in modo che i malvagi si tolgano la vita. A soli vent'anni, conosce bene gli uni e gli altri."

 

Questo forse è il filo conduttore principale del nostro romanzo.

Nel 1939,  il giorno di Pasqua, al Lincoln Memorial di Washington si tiene lo storico concerto di Marion Anderson, a questo evento presenziano David Strom, scienziato tedesco ebreo emigrato, e Delia Daley, giovane promessa del canto, di colore. La musica li unisce, e l'attrazione fa si che non si rendano neanche conto della profonda differenza che li divide, tanto da portarli al matrimonio e mettere su una famiglia che dovrebbe essere "al di là della razza" credendo che l'amore è qualcosa che tutto puà sbaragliare e che nulla si può contrapporre alla sua forza, anzi che esso nascerà qualcosa di nuovo, meraviglioso, straordinario. (tra gli anni '30 e '40 in America raggiungeil successo Philippa Duke Schuyler  bambina prodigio, pianista, autrice e giornalista americana, grazie al suo talento, ma anche alla genitorialità di razza mista e agli eccentrici metodi che sua madre impiegò nell'allevarla)  

 

"Non chiedermi di lasciarti o di smettere di seguirti, perché dove vai tu vado anch'io. E dove tu dimorerai, lì dimorerò io. Il tuo popolo sarà il mio popolo, e il tuo Dio il mio Dio. Dove morirai lì morirò io, e lì sarò sepolta".

 

Ma i loro figli si trovano a pagare l'oltraggio perpetuato e per tutta la vita saranno disprezzati dai bianchi e dai neri, in un'America in cui i problemi razziali sono sempre più vivi e creano sempre più tensioni. Il primogenito, Jonah, si rivelerà da subito una voce straordinaria e un genio della musica, ma ciò forse gli impedirà di vedere altro, di captare affondo la realtà in cui vive o semplicemente cercherà di ignorarla o superarla.  Joey, il secondogenito, pianista, ma che non ha le stesse capacità del fratello è a questo legato in modo profondo tanto da seguirlo a prescindere dalla propria volontà con la quale spesso deve fare i conti. L'unica è Ruth, la terzogenita, a rendersi conto dei problemi legati alla pelle e a scegliere di partecipare in modo attiva alla lotta ideologica che lacera anche i rapporti tra i fratelli.

 

"«Ascoltami bene. L'orgoglio... Ricordatelo bene. È l'orgoglio che anticipa ogni caduta. E credimi, si "può cadere in migliaia di modi in più di quelli che hai per rialzarti.»

 

Un romanzo che ci accompagna tra citazione e personaggi in una storia che forse non conosciamo profondamente ma di cui tutti abbiamo percepito gli echi.

Un romanzo impegnativo, oltre alla dimensione, circa 850 pagine, usa un linguaggio quando parla di musica, non sempre facile da seguire, ma che comunque coinvolge e fa vibrare i nostri animi, leggendolo non si penserebbe che a scriverlo sia stato un bianco, per la sensibilità che mostra verso un problema di tutti che che cade sulla pelle delle minoranze!

La prosa, come al solito, è di altissimo livello, è rendo questo romanzo un capolavoro impegnativo, ma sicuramente da leggere!

 

"«Ci chiamano muli perché non ci possiamo riprodurre. Pensaci. Non importa chi sposi...»"

 

"L'uccello e il pesce potevano innamorarsi. La costruzione del loro nido sarebbe stata eterna."

 

"Il mondo della musica classica fa assomigliare il pugilato a un tè per signore. È un combattimento di gladiatori fino alla morte. Solo gli spietati sopravvivono".

 

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/DerSteppenwolf/trackback.php?msg=14948786

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
cassetta2
cassetta2 il 07/07/20 alle 11:57 via WEB
Quando un blogger ci consiglia un libro da leggere, la prima cosa che facciamo è cercarlo tra le righe.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: ixtlann
Data di creazione: 25/11/2013
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ixtlann
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 68
Prov: PZ
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

 

SENECA

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.

 

 

 

BERTRAND RUSSEL

Temere l'amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti

 

OSCAR WILDE

Regala la tua assenza a chi non dà valore alla tua presenza

 

SE TU AVESSI DORMITO?,

Se tu avessi dormito?,

E se, nel sonno, tu avessi sognato?

E se, nel sogno,

tu fossi entrato nel paradiso

e lì avessi colto uno strano, bellissimo fiore?

E se, al risveglio,

ti ritrovassi quel fiore in mano?


Samuel Taylor Coleridge

 

 

IL MOMENTO

Se ne va, se ne va, se ne va!

Se n'è andato!

E col momento,

se n'è andata l'eternità!

            Juan Ramòn Jiménez

 

 

N.NUR-AD-DIN

 

Nasciamo senza portare nulla,

moriamo senza poter portare nulla,

ed in mezzo,

nell'eterno che si ricongiunge

nel breve battito delle ciglia,

litighiamo per possedere qualcosa.

                              

 

 

IL RAGGIO VERDE

In particolari circostanze,

quando il sole scompare dietro l'orizzonte,

nel preciso momento in cui l'ultima luce diretta ci colpisce,

può da esso generarsi un raggio verde

che passando attraverso i nostri occhi,

ha la capacità di illuminare la nostra essenza,

permettendoci di dare uno sguardo

dentro di noi e

vedere chi siamo!

 

 

STRANO VAGARE NELLA NEBBIA

È strano vagare nella nebbia!
Solo è ogni cespuglio e pietra,
Nessun albero vede l'altro,
Ognuno è solo.

Pieno di amici era per me il mondo,
Quando la mia vita era ancora luminosa;
Adesso, che la nebbia cala,
Nessuno si vede più.

In verità, nessuno è saggio
Se non conosce il buio,
Che piano ed inesorabilmente
Da tutti lo separa.

Strano, vagare nella nebbia!
Vivere è essere soli.
Nessuno uomo conosce l'altro,
Ognuno è solo.

 

H. Hesse

 

 

AMBROSE BIERCE

Riso:  Convulsione interna che altera i lineamenti del viso ed è accompagnata da suoni inarticolati.

È infettivo e, seppure intermittente, incurabile.

 

 

 

OVIDIO

La Fama, che gode con le sue calunnie

a confondere vero e falso, e che dal nulla si dilata

per forza di menzogna