Creato da dioama il 21/10/2005
 

DioAma

DIO HA TANTO AMATO IL MONDO DA DARE IL SUO UNIGENITO FIGLIO, AFFINCHE' CHIUNQUE CREDE IN LUI NON PERISCA MA ABBIA LA VITA ETERNA. (Giov.3,16)

 

 

« Abbiamo faticato senza p...Da sempre conosciuti ed amati »

CREDENTI E NON CREDENTI secondo la Scrittura

Post n°114 pubblicato il 09 Febbraio 2010 da dioama
 

 

Il brano che segue, tratto dal libro della Sapienza, descrive in modo molto realistico il modo di ragionare di coloro che non credono in Dio, nè che vi sia nulla al di fuori di quanto cade sotto i nostri sensi esteriori.



Sap 1,16
Gli empi invocano su di sé la morte con gesti e con parole, ritenendola amica si consumano per essa e con essa concludono alleanza, perché son degni di appartenerle. 2,1 Dicono fra loro sragionando: «La nostra vita è breve e triste; non c'è rimedio, quando l'uomo muore, e non si conosce nessuno che liberi dagli inferi.

2 Siamo nati per caso e dopo saremo come se non fossimo stati. È un fumo il soffio delle nostre narici, il pensiero è una scintilla nel palpito del nostro cuore.  3 Una volta spentasi questa, il corpo diventerà cenere e lo spirito si dissiperà come aria leggera.  4 Il nostro nome sarà dimenticato con il tempo e nessuno si ricorderà delle nostre opere. La nostra vita passerà come le tracce di una nube, si disperderà come nebbia scacciata dai raggi del sole e disciolta dal calore.  5 La nostra esistenza è il passare di un'ombra e non c'è ritorno alla nostra morte, poiché il sigillo è posto e nessuno torna indietro.

6 Su, godiamoci i beni presenti, facciamo uso delle creature con ardore giovanile! 

7 Inebriamoci di vino squisito e di profumi, non lasciamoci sfuggire il fiore della primavera, 8 coroniamoci di boccioli di rose prima che avvizziscano; 9 nessuno di noi manchi alla nostra intemperanza. Lasciamo dovunque i segni della nostra gioia perché questo ci spetta, questa è la nostra parte. 10 Spadroneggiamo sul giusto povero, non risparmiamo le vedove, nessun riguardo per la canizie ricca d'anni del vecchio. 11 La nostra forza sia regola della giustizia, perché la debolezza risulta inutile.  12 Tendiamo insidie al giusto, perché ci è di imbarazzo ed è contrario alle nostre azioni; ci rimprovera le trasgressioni della legge e ci rinfaccia le mancanze contro l'educazione da noi ricevuta.  13 Proclama di possedere la conoscenza di Dio e si dichiara figlio del Signore.  14 È diventato per noi una condanna dei nostri sentimenti; ci è insopportabile solo al vederlo, 15 perché la sua vita è diversa da quella degli altri, e del tutto diverse sono le sue strade. 16 Moneta falsa siam da lui considerati, schiva le nostre abitudini come immondezze. Proclama beata la fine dei giusti e si vanta di aver Dio per padre.  17 Vediamo se le sue parole sono vere; proviamo ciò che gli accadrà alla fine.  18 Se il giusto è figlio di Dio, egli l'assisterà, e lo libererà dalle mani dei suoi avversari. 19 Mettiamolo alla prova con insulti e tormenti, per conoscere la mitezza del suo carattere e saggiare la sua rassegnazione. 20 Condanniamolo a una morte infame, perché secondo le sue parole il soccorso gli verrà».

21 La pensano così, ma si sbagliano; la loro malizia li ha accecati.  22 Non conoscono i segreti di Dio; non sperano salario per la santità né credono alla ricompensa delle anime pure. 23 Sì, Dio ha creato l'uomo per l'immortalità; lo fece a immagine della propria natura. 24 Ma la morte è entrata nel mondo per invidia del diavolo; e ne fanno esperienza coloro che gli appartengono.

I non credenti vivono purtroppo pensando che non essendoci nient'altro che il mondo materiale, sia opportuno prendersi con le buone o con le cattive quanto più è possibile nella vita presente.  
      Il brano sopra riportato, descrive anche  le pene che essi talora infliggono a coloro che in qualche modo li richiamano ai doveri della giustizia o anche all'esistenza di Dio e delle realtà soprannaturali. Queste cose che sono la gioia dei CREDENTI, creano invece disagio nei non credenti, i quali cercano di contrattaccare in ogni modo sia nella teoria che nella pratica, coloro che volessero intralciarli.

Però il Signore, che conosce i pensieri dei cuori, mette a nudo i loro pensieri e i loro progetti.

Anzi Egli stesso, in quanto si è fatto Uomo come noi,  rendendosi partecipe delle sofferenze di tutti gli innocenti, si è voluto far vittima delle loro congiure.
Il testo citato dice infatti:
 

Sap 1,18) Se il giusto è figlio di Dio, egli l'assisterà, e lo libererà dalle mani dei suoi avversari. 19 Mettiamolo alla prova con insulti e tormenti, per conoscere la mitezza del suo carattere e saggiare la sua rassegnazione. 20 Condanniamolo a una morte infame, perché secondo le sue parole il soccorso gli verrà».

Sono parole profetiche che si sono adempiute proprio sotto la croce e descrivono perfettamente quei tali che insultavano il Crocifisso dicendo:

 

Mat 27,40 «Tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso! Se tu sei Figlio di Dio, scendi dalla croce!».

41 Anche i sommi sacerdoti con gli scribi e gli anziani lo schernivano:42 «Ha salvato gli altri, non può salvare se stesso. È il re d'Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo.43 Ha confidato in Dio; lo liberi lui ora, se gli vuol bene. Ha detto infatti: Sono Figlio di Dio!».


Ma l'Innocente ha vinto la morte a favore di tutti gli innocenti e di coloro che hanno creduto e crederanno. Per coloro che non hanno voluto accogliere questa opportunità di salvezza, resta purtroppo l'amarezza della vita presente, che per quanto ci si affanni ad arraffare, non potrà mai offrire nè felicità ma nanche tranquillità, e la paura della vita futura.

41 Anche i sommi sacerdoti con gli scribi e gli anziani lo schernivano:42 «Ha salvato gli altri, non può salvare se stesso. È il re d'Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo.43 Ha confidato in Dio; lo liberi lui ora, se gli vuol bene. Ha detto infatti: Sono Figlio di Dio!».



Ma l'Innocente ha vinto la morte a favore di tutti gli innocenti e di coloro che hanno creduto e crederanno. Per coloro che non hanno voluto accogliere questa opportunità di salvezza, resta purtroppo l'amarezza della vita presente, che per quanto ci si affanni ad arraffare, non potrà mai offrire nè felicità ma nanche tranquillità, e la paura della vita futura.



Ma l'Innocente ha vinto la morte a favore di tutti gli innocenti e di coloro che hanno creduto e crederanno. Per coloro che non hanno voluto accogliere questa opportunità di salvezza, resta purtroppo l'amarezza della vita presente, che per quanto ci si affanni ad arraffare, non potrà mai offrire nè felicità ma nanche tranquillità, e la paura della vita futura.

 

 

Commenti al Post:
Nessun commento
 

AREA PERSONALE

 

UN PENSIERO PER TE

I SALMI profetizzano la passione di Cristo e la Sindone reca impresso tutto quello che i Vangeli hanno descritto di Lui. Un documento impressionante scritto a caratteri di sangue.
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

I SALMI 148-149 E 150 DECLAMANO LA GRANDEZZA E LA MAESTA' DI DIO

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

dioamaaradiadgl1nick_1234mcmarins79BetaniaSCmara.marioamardio9lina70dpma.zingavale.madosilvana.pasqualinistefaniafinaliandrea_bosisiounamamma1rocket61
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e i membri possono pubblicare commenti.
 

I MIEI BLOG AMICI

ULTIMI COMMENTI

Chi segue me avrà la luce della vita (Gesù)
Inviato da: dioama
il 28/11/2009 alle 09:25
 
La Verità vi farà liberi
Inviato da: dioama
il 24/11/2009 alle 22:29
 
Rallegratevi se i vostri nomi sono scritti in cielo
Inviato da: dioama
il 13/11/2009 alle 21:40
 
Io sto alla porta e busso, se uno mi apre entrerò da lui
Inviato da: dioama
il 13/11/2009 alle 21:38
 
Anche tu sei nel cuore di Dio
Inviato da: dioama
il 13/11/2009 alle 21:36
 
 

INTERA IMPRONTA FRONTALE DELL'UOMO DELLA SINDONE

 

"Ma voi chi dite che IO SIA ?

 TU SEI

 Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio,

tu sei il Messia inviato dal Padre,

tu sei l'Eterna vivente Parola

fatto uomo come noi.

Tu sei la via, sei la verità,

tu sei la vita e la risurrezione,

chi crede in te, anche se muore

vivrà in eterno.

Tu sei il buon Pastore che offre la sua vita

tu sei il mite Agnello di Dio,

Tu sei il Maestro e sei il Signore

ma anche nostro Servitor.

Tu sei il chicco di grano caduto

su questa terra per poter morire

e produrre una nuova spiga matura,

Tu sei il Risorto.

 

Tu sei il Pane vivo disceso dal cielo

che sazia la fame di ogni credente,

tu sei la vite che porta il buon frutto

per la nostra sete.

Tu sei la luce che illumina l’uomo

tu sei l'amico e sei il fratello

Tu sei il fuoco che scalda i cuori

Tu sei l'Amore.

Tu sei la sorgente dell'acqua viva

Tu sei la Roccia che mai non vacilla

Tu sei il Signore dei signori

Tu sei il Re dei re.

Tu sei il Principio Tu sei la Fine

sei il Primo e l'Ultimo, l'Alfa e l'Omega,

Tu sei il Giudice Misericordioso,

Tu sei il Salvatore.

Tu sei il Vittorioso Leone di Giuda

Tu sei lo Sposo che la Sposa attende

tu sei Colui che è e che viene:

Tu sei il Signore Gesù !.

 

In cambio del tuo povero cuore Gesu' ti dona il Suo che è un fuoco di Amore eterno

 

Croce di Gesù Cristo
Aspro germoglio
del giardino dell’agonia,
albero senza rami
in cui tutto porta frutto,
croce di Gesù Cristo,
tu affondi le radici
nella roccia
e la roccia diventa
suolo fecondo
capace di accogliere il seme.

Segno di alleanza
dello Spirito e del sangue,
polo del mondo,
asse del tempo,
segnale di un passaggio
e di un superamento,
croce di Gesù Cristo,
sei il memoriale
del nostro futuro.

Croce levata in alto,
braccia spalancate,
croce su cui è scritto
il comandamento nuovo,
tu tracci la via
di Dio nell’uomo.
Mostrando il prezzo
dell’uomo in Dio,
croce di Gesù Cristo,
tu cancelli
il debito dei giorni antichi
e ci rendi
debitori dell’amore.

Segno d’infamia
e segno di gloria,
tu dichiari che il Signore
è il servo.
Firma di Dio
al termine della sua storia,
tu ci chiami
a vivere oggi
nella morte di un Altro
divenuto nostro,
croce di Gesù Cristo.

(Preghiera cistercense)

 

IL TUO VOLTO SIGNORE IO CERCO

DOVE ANDREMO NOI SIGNORE?

TU SOLO HAI PAROLE DI VITA.

 

AMA

Spiegazione del simbolo:

AMA VERTICALMENTE DIO,

ORIZZONTALMENTE IL PROSSIMO

A= ASSIDUITA', AFFABILITA'

A= AMICIZIA, AFFETTO

LE A DAI QUATTRO ANGOLI

HANNO LA PUNTA SEMPRE

RIVOLTE VERSO L'ALTO, DIO.

AL CENTRO DELLA CROCE

FORMATA DALLE A, SI TROVA

UNA M CHE INDICA MARIA,

NEL CUORE DELL'AMORE.

I QUATTRO BRACCI DELLA

CROCE,  SONO CIRCONDATI

DALLE ALI DELLA COLOMBA

SIMBOLO DELLO SPIRITO,

INSCRITTO NEL

CERCHIO DELL'INFINITO

AMORE DEL PADRE,

IN UN GRANDE ABBRACCIO

TRINITARIO

 
 
Template creato da STELLINACADENTE20