Creato da grillofobia il 22/03/2013

VADE RETRO GRILLO !

perchè l'ignoranza è una gran brutta bestia ..

 

 

SENATORE ???

Post n°10 pubblicato il 30 Giugno 2013 da grillofobia
 

Tra senatori che se ne vanno e senatori che arrivano in ritardo … il M5S è una tragica farsa.
Non ci credete?

GUARDATEVI QUESTO IMPERDIBILE VIDEO


 

E' proprio vero: da quando Beppe Grillo ha portato la sua supersquadra in Parlamento, il livello del dibattito si è alzato. Lo si capisce da questo intervento in Senato di Roberto Cotti, che impegna tutto il Senato in un grandissimo dibattito: quella mattina non ha trovato parcheggio per la sua bici, e la polizia gli ha perfino vietato di prendersi la bici in spalla e portarsela dentro il palazzo in ufficio. Si sente discriminato: perché gli altri senatori si portano bauli in stanza e lui non può portare la sua bici? Cotti è arrabbiato, perché non trovando parcheggio per la bici è arrivato in ritardo, lo hanno segnato assente e si è perso 300 euro di diaria. Siccome era proprio lui il grillino a lamentarsi dei pochi soldi lasciati in tasca ai parlamentari di Roma ("Io così non ce la faccio", disse), sente il problema. E in ogni caso lancia la sua battaglia per la bici in Parlamento, vietata per "ignoranza" o per "distrattezza".

 

Forse meglio una battaglia per imparare la lingua italiana? 

 

di Franco Bechis

 

 

 
 
 

CITTADINI DI GRULLANDIA

Post n°9 pubblicato il 18 Giugno 2013 da grillofobia


Fanno proposte di legge (poche e velleitarie .. se non ridicole) .. ma sono sempre presenti in aula e nelle commissioni .. fanno i “primi della classe” e si mostrano diligenti .. a scaldare le sedie, ma quando parlano fanno danno e dicono eresie.

L’ultima è del grullo Ivan Catalano, il Perito Meccanico, socio di ArcipelagoSCEC e sostenitore della Solidarietà che Cammina ..

insomma un impiegatuccio  di quarto livello, che gioca a fare l’economista “solidale”… un “vero esperto” di trasporti .. infatti disegnava “pannelli di controllo per veivoli militari e oggettistica per veivoli civili” almeno così è scritto nel suo curriculum.

Piazzato, ovviamente, alla Commissione Trasporti della Camera ci ha regalato la prima “perla”:

ieri, in commissione, era all’esame una proposta di legge firmata da esponenti sia del Pd che del Pdl in cui si proponeva un taglio del 20 per cento delle multe stradali in caso di pagamento veloce, entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale …

e il grullino che fa? Dice no. «Niente sconti generalizzati».

Secondo il grullo sarebbero solo i più abbienti a poter sborsare subito, non i poveracci.

Un’idiozia?

Certo, ma “in linea” con l’ideologia dei grulli:

«È ingiusto che un operaio che campa con mille euro al mese debba pagare per una multa 100 euro (1/10 del suo stipendio), esattamente lo stesso importo che spetterebbe pagare a un dirigente che guadagna 5mila euro al mese! Bisogna creare una lista di infrazioni e stabilire, a seconda della gravità o meno di esse, la percentuale di reddito che dovrà esser utilizzata per il pagamento della multa».

Capito?

A questo punto, di fronte a cotanto ponderato giudizio … le alternative sono solo due:

o spiegargli che il codice della strada (come tutte le leggi) è uguale per tutti  (e non cambia a seconda del conto in banca) …

oppure mandarlo sonoramente AFFANCULO !!!

 

 
 
 

UN NAZI-SFASCISTA

Post n°8 pubblicato il 09 Giugno 2013 da grillofobia
 
Tag: Grillo

 


Il talebano stellato, forse per i vaffa rimediati nella piazza di Pomezia, alza i toni, cercando la rissa ..

Mentre i manipoli dei suoi sgangherati squadristi si disperdono per le strade di Roma ( il capogruppo Criminal ha candidamente bissato la figura di m… del suo senatore Pepe – quello che cercava su Google il palazzo del Senato – cercando affannosamente la sede della Giunta per le elezioni) e qualche anonimo peone già trasmigra nel gruppo misto … LUI, con un linguaggio degno del peggior Mussolini, TUONA, con la sua stridula vocetta, contro il Parlamento:

 "Il Parlamento è un simulacro, un monumento ai caduti, la tomba maleodorante della Seconda Repubblica. O lo seppelliamo o lo rifondiamo. La scatola di tonno è vuota. Ripeto: la scatola di tonno è vuota".

Dimenticando bellamente che 30.000.000 di italiani (compresi quelli che ha coglionato lui) questo Parlamento l’hanno democraticamente votato, gioca a fare lo 007 con messaggi in codice:

“La scatola di tonno è vuota. Ripeto: la scatola di tonno è vuota".   

 

Se ne dovrebbe dedurre che i suoi manipoli si sono inutilmente affannati con l’apriscatole?

Medita di farlo incendiare come Hitler fece con Reichstag di Berlino?

Non è dato sapere … ma possiamo stare al gioco e rispondergli:

“ Tu..tu..tu…Tummm … qui Radio Roma  

GRILLO VAFFANCULO! Ripeto: GRILLO VAFFANCULO!

 

 
 
 

POVERI GRULLINI …

Post n°7 pubblicato il 17 Maggio 2013 da grillofobia
 

 

Vittime delle più efferate nefandezze del potere!

Sbeffeggiati per la loro monumentale IGNORANZA …

Spernacchiati per l’Incompetenza clamorosa …

Ridicolizzati come una pletora di ragazzotti maleducati e tronfi …

Definiti dal loro stesso capobranco (tal Vito Crimi[ni]) come un gregge di “infanti che gattonano” che il loro Vate deve “prendere per mano”…

Sculacciati perché sorpresi “con le mani nella marmellata” della diaria ..

 

Contrabbandati come il NUOVO CHE AVANZA … i grullini rischiano di rivelarsi per quello che sono:

un pericoloso BLUFF !

Un coacervo pretenzioso di delusi e anarcoidi, di incapaci e furbastri.

Quello che doveva essere il Movimento dei cittadini stanchi della Casta, si è rivelato un partitucolo personale, con tanto di “statuto io, mammeta e tu” …

Il faro della democrazia diretta si è spento nella pozzanghera fangosa di poche migliaia di voti per le Quirinarie …     

Le gloriose falangi di “cittadini” che avrebbero dovuto espugnare i palazzi del Potere .. sono già disperse e intente a “fare bottino” di prebende, privilegi e poltrone …

 

Fallita in un mare di tasse e disservizi, l’esperienza di Parma …

Naufragato il laboratorio siciliano ..

Morta nel ridicolo la replica della storica Marcia ...

già si profila “l’inciucio” col PD per riconquistare Roma ..

 

E allora?

Allora si rilancia il bluff …

Le televisioni e i pennivendoli del potere diffondono sondaggi che li vedono in costante calo di consensi?

Loro i sondaggi se li fanno fare all’estero e li rilanciano in Rete … incuranti del fatto che esistono precise norme di legge da seguire per pubblicare i risultati di un sondaggio politico, relativi alla metodologia, al campione, al committente, ecc. ..

 

Ecco che spunta un fantomatico sondaggio di RKW (Rhode Kellermann Wawrowski), secondo il quale il Movimento 5 Stelle sarebbe al 31,3% delle preferenze !!!

 

MA E’ SEMPLICEMENTE UNA BUFALA …

E a sputtanarli è proprio la Rete …

L’articolo da cui è nata “la voce” non contiene alcun link alla fonte originale di questo sondaggio.

Cercando “RKW Umfrage” (Umfrage in tedesco vuol dire sondaggio), non c’è traccia di sondaggi realizzati né dalla RKW (che non è la Rhode Kellermann Wawrowski e non fa sondaggi politici) né da altri.

 

L’unica RKW (Rhode Kellermann Wawrowski) reperibile in rete è uno studio di design !!!

 

Sputtanati clamorosamente .. NON CE VONNO STA’ !!!

E allora si arrampicano sugli specchi:

POST SCRIPTUM

In seguito ad alcune incomprensioni, legate ad un nostro errore di trascrizione,(???) ci teniamo a specificare quanto segue.

L’RKW in questione, ovviamente, non è lo studio di architettura e desing - che non si occupa di sondaggi né di politica e con cui si vuol far passare la notizia per una bufala – ma è il German Productivity and Innovation Centre (RKW), una organizzazione non profit che sviluppa scenari economici e politici per le imprese tedesche.

Con l’avvicinarsi delle elezioni in Germania, dove il Partito Pirata – una sorta di M5S in versione tedesca – sta sfondando nei sondaggi, RKW ha offerto un parallelo tra il PP e il M5S, mettendo in guardia l’establishment tedesco da uno scenario in cui il PP possa raggiungere l’attuale livello del M5S, che secondo loro si attesta oltre il 30%.

Per motivi a noi sconosciuti non è più possibile accedere al link che riportava le cifre del sondaggio. Si può solo ipotizzare che un sondaggio del genere possa essere di buon auspicio per il PP e, quindi, destabilizzante per l’attuale establishment tedesco.

 

BUFFONI !!!

 

 
 
 

GOLPE

Post n°6 pubblicato il 08 Maggio 2013 da grillofobia

 

I Grullini per avvalorare la loro tesi complotti sta, secondo cui sarebbe stato fatto un golpe perchè il Presidente della Repubblica non è rieleggibile, hanno fatto circolare uno stralcio degli atti del dibattito dell'assemblea costituente che ha scritto la Costituzione.

 

In perfetto stile complottando hanno rispolverato un testo autentico … ma purtroppo per loro, le conclusioni sono una bufala.

Se non fossero così ignoranti e in malafede e avessero letto tutto il dibattito, avrebbe capito che la parte che loro riportano e solo una piccolissima parte di un dibattito del 1946, all'inizio della stesura, quando venivano discusse varie ipotesi tra cui quella della ineleggibilità del Presidente.

La Costituzione subì migliaia di aggiunte e cancellazioni, discussioni e anche scontri tra i padri della Costituzione  in un anno di rielaborazioni la parte che riportano loro fu semplicemente cancellata.

 

La versione provvisoria dell'articolo 85 che i Grullini  sbandierano (vedi immagine) era:

“Il Presidente della Repubblica è eletto per sette anni e non è rieleggibile. Trenta giorni prima della scadenza del termine … “

 

Ma,  il 22 ottobre 1947, nella seduta pomeridiana, l'Assemblea Costituente rielabora l'articolo 85 che nel frattempo era diventato provvisoriamente l'articolo 81 e che a questo punto recita:

“Il Presidente della Repubblica è eletto per sette anni. Trenta giorni prima che scada il termine, il Presidente dell'Assemblea Nazionale convoca l'Assemblea per l'elezione del Presidente della Repubblica.”

 

POI, il 27 dicembre 1947 viene promulgata la Costituzione definitiva con l'articolo 85 nella sua forma definitiva:

“Il Presidente della Repubblica è eletto per sette anni.

Trenta giorni prima che scada il termine il Presidente della Camera dei deputati convoca in seduta comune il Parlamento e i delegati regionali, per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica.”

 

La tecnica è sempre la solita: prendono una bugia e la ritagliano finchè non la fanno sembrare la verità.

 

In sostanza, come sempre, i 5 Stelle si sono dati una bella mazzata sugli zibidei perchè è vero che all'inizio i padri costituenti pensarono alla non rieleggibilità del Presidente, tant'è che lo scrissero, ma poi ci ripensarono e cancellarono quella parte proprio per consentire la rieleggibilità.

Questa è la chiara prova che il Presidente è rieleggibile, avessero voluto vietare la rielezione avrebbero lasciato la prima stesura.

 

fonte: www.Vaffanculocinquestelle.it

 

 
 
 
Successivi »
 

 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

liberalmindkiwainientesonosteven330giuliocrugliano32Danielabboro_giallocosedidonneitelimp1951orestesavivogliaditenerezza21fabio.dona99bermac1968paolab_mailrquintieri
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom