Creato da giovane_holden74 il 15/11/2006

Gnu Romantic

Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare l'imbecille, mentre il contrario è del tutto impossibile

 

 

« MEMORIASE TU POTESSI... »

LUCE DEI MIEI OCCHI

Post n°61 pubblicato il 11 Settembre 2007 da giovane_holden74

Morgan conosceva quasi a memoria quella rotta, riconosceva la vegetazione e il suo colore rossastro; gli era sempre piaciuto quel colore, ma sempre più spesso gli appariva monòtono. Come poteva essere paragonato ai colori caldi della Terra? La Terra.. - “Sono contento di tornare presto sulla Terra” - pensò. Vide in lontanza un’astronave in procinto di decollare e
pensò alle mattinate di sole nel giardino di casa sua. Morgan era uno straniero in un paese che assomigliava a tanti altri.  Aveva già dimenticato il nome che aveva preso prima di Morgan. Morgan gli era piaciuto subito; ci si era affezionato.Gli sembrava che con quel nome gli altri fossero disposti a volergli più bene;ad essere meno diffidenti nei suoi confronti.
Guardò la pianura che si stendeva davanti ai suoi occhi; era tutta punteggiata di fuochi. Cercò d’immaginare l’abitudine degli abitanti di quel pianeta. In quel momento erano solo punti luminosi,lontani. Si chiese se quegli esseri arrivati dai luoghi più lontani della galassia avessero dei ricordi. Si chiese anche se i loro ricordi somigliassero ai suoi: un padre e una madre, il pranzo alla domenica, le partite di calcio, le feste di Natale. Tutti loro da qualsiasi pianeta provenissero,
tutti loro avevano uma direzione,tutti volevano arrivare da qualche parte. Lentamente andò alla deriva verso sud-est. Era senza una guida, senza un equipaggio, era solo. Quando gli avevano proposto di partire per quella missione non aveva esitato. Avrebbe potuto rifiutare, ma non l’aveva fatto. Adesso non era come le altre volte; aveva un motivo in più.E non era soltanto la salvezza del suo pianeta, si trattava della sua salvezza… qualcosa che riguardava solo lui e nessun altro. Una volta nel corso di una delle prime missioni, Morgan guardava le stelle come se fossere presenze a lui familiari; si sentiva a suo agio lassù, così lontano da casa. Adesso invece si sentiva un intruso. Fino a quel momento Morgan pensava di essere solo nell’universo; aveva l’impressione che nessuno fosse più solo di lui. Si sentiva come una specie di superstite; ma ora sicuro che quei piccoli segnali provenissero da un mondo conosciuto…Era una speranza..Era tutto quello che aveva..Non aveva avuto più notizie dalla Terra,non sapeva più niente..
Morgan camminava per le strade senza capire nulla, non sapeva cosa sarebbe accaduto.Ma soprattutto non sapeva cosa avrebbe detto o fatto.
Non appena aveva potuto si era tolto uno strato di pelle e l’aveva nascosto sotto il letto..Aveva cambiato nome ancora una volta.

Morgan e la missione senza fine - Collana Urania

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

SIGLA DEL BLOG

 

 

 

 

 

LA NOTTE

 

HO VISTO COSE CHE VOI UMANI

 

PERTURBAZIONE- AGOSTO

 

NON CRED

 

L'AMORE E' UNA SCUREGGIA NEL CUORE

 

QUELLI CHE BENPENSANO

 
 

NON FERMIAMOCI ALLE APPARENZE

 

SEI SEMPRE TU LA COSA CHE PER ME E' IMPORTANTE

 

MAGDA TU MI ADORI?

 

STRAMITICO

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giovane_holden74
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 120
Prov: BA
 

ULTIMI COMMENTI

passo sempre cn la speranza d trovarti.....ma credo ke...
Inviato da: wandyalena
il 21/12/2008 alle 23:23
 
dolcissima notte...ovunque tu sia....
Inviato da: wandyalena
il 26/08/2008 alle 23:25
 
:(((((((((((((((((((((((((((
Inviato da: wandyalena
il 20/08/2008 alle 12:48
 
ti va di conoscermi?????
Inviato da: moielenoire
il 13/07/2008 alle 14:51
 
non ti scordar mai di me..di ogni mia abitudine,infondo...
Inviato da: wandyalena
il 12/07/2008 alle 17:21
 
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

emusciefabioanarkitettoantonio.tanzellagiovane_holden74lisa.burellojadas80galli.roberto7White_dollMilenaValentiniMARIANGELA_GMharmony7778latersicciucciatetuttivalentinac2011
 

L'UOVO E LA GALLINA

 

LA BELLA VITA

 
 

RICETTA PER UNA CENA LEGGERA